Blog: http://noglobalizzazione.ilcannocchiale.it

Ricetta precaria n. 41

Ricetta precaria

41  Il sette dicembre, quando i giapponesi fecero Guerra agli USA per conquistare Asia e Oceania

Insalata alla cialtrona e di risulta

In un negozio di compravendita dell’usato aveco comprato una raccolta di scritti di PPP della Garzanti. Certo che il poeta di Carsara aveva doti di profezie. Mi cadde l’attenzione su  La poesia della tradizione scritta a proposito della generazione degli anni 70  che poi sarà la casta di dirigenti per conto terzi fino a pochi anni fa: (…) e hai passato i giorni della gioventù/ parlando il linguaggio della democrazia burocratica/non uscendo mai dalla ripetizione di formule,/ chè organizzar significar per verba non si poria/ ma per formule si,/ti troverai a usare l’autorità paterna in balia del potere/ imparlabile che ti ha voluta contro il potere/ generazione sfortunata! / Io invecchiando vidi le vostre teste piene di dolore/dove vorticava un’idea confusa, un’assoluta certezza,/ una presunzione di eroi destinati a non morire-/ oh ragazzi sfortunati, che avete visto a portata di mano / una meravigliosa vittoria che non esisteva!

Per certo Pasolini stava ragionando dell’impreparazione integrale dei sedicenti rivoluzionari di casta alto-borghese che si proponevano come avanguardie di non si sa bene quali istanze rivoluzionarie. Molti di questi poi, e lo si è toccato con mano, hanno sposato fino in fondo le ragioni del consumismo e del liberismo e del turbocapitalismo più sfrenato tanto in economia quanto nei costumi sociali. Numerosi sono i rivoluzionari per moda giovanile passati a comodi impieghi borghesi, dirigenziali. Sono davvero pochi i figli di papà di allora che son stati coerenti e si son sacrificati per gli ultimi. Ma qualcuno c’è stato. Molte sono state le letture di questa metamorfosi, eppure credo si trascuri un fatto: l’immaginario collettivo. Quella gente, e fra essi anche i sedicenti di sinistra, è stata plasmata nell’inconscio e nei desideri  dai miti del divismo e dalla pubblicità commerciale su riviste, radio e televisione e va da sé dallo stile di vita made in USA dei ricchissimi raccontato dalle riviste tarate sui VIP. Non poteva nel profondo andare oltre la società dei consumi e il modello capitalista. Per pensare un diverso sistema sociale e politico occorre avere nel profondo dell’inconscio e fra le aspettative di vita un altro mondo umano e religioso. Questo ad oggi non c’è. Questa meditazione mi ha rubato tutto il tempo e quindi passo a una ricetta facile di risulta.

Ecco gli ingredienti per una insalata di risulta.

Un quarto di cavolfiore già bollito  e qualche foglia d’insalata a gusto vostro o quel che avete.

1 pomodoro, cipolla tagliata fine un quarto, 2 cetrioli sottoaceto, sale, olio, aceto a scelta.

Fate a pezzi il cavolo e aggiungete i cetrolini tagliati a rondelle. Mettete nel piatto il pomodoro tagliato e l’insalata in modo artistico. Poi condite tutto con olio, aceto e sale  e mischiate ogni cosa in modo inverecondo e buon appetito.

Pubblicato il 10/7/2018 alle 21.45 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web