Blog: http://noglobalizzazione.ilcannocchiale.it

Ricette precarie n.2

Precariato e bassa cucina

 

Lez.01, ma anche 01,02, 4  in fondo ma chi se ne frega…fate voi

Il tempo giusto

Seconda settimana di ottobre, con umido e cielo coperto ma portatore di bruciori di stomaco a causa della lettura della cronaca sui quotidiani.

L’Occasione.

Gli anni passati vi offendono, il ricordo delle cose fatte in gioventù vi risulta amaro; vi ricordate anche del vostro primo incarico da precario.

Sembra passato un decennio ma son di più. Son almeno dodici anni e tale siete oggi come eravate ieri.

Solo più, infelice, solo e risentito con questo pezzo di mondo che vi odia e che odiate

Una ricetta quindi per giorni normali e semplici

 

Ricetta precaria

Ci vorrebbe un minestrone di croste di formaggio e verdure per star meglio con lo stomaco

Prendete un minestrone lasciato per pietà da vostra madre, o chi per lei, nel frigo  o in alternativa qualcosa di congelato e dozzinale preso alla COOP sotto casa.

Frugate nel frigo e cavate dai suoi meandri tre o quattro croste di parmigiano dall’apparenza immangiabile.

Unite le croste fredde e sinistre alla roba detta altrimenti minestrone di verdure.

Buttate tutto in una pentola, lasciate bollire mentre leggete la cronaca degli ultimi scandali sul Fatto Quotidiano.

Nel mentre pensate a tutta la putrefazione morale e civile del Belpaese date due o tre buone rimestate alla vostra sbobba.

Terminata la lettura con rabbia e stizza versate tutto in un piatto da zuppa.

Abbondate col vino se c’è così sentirete meno il sapore; se non basta qualche cucchiaio di salsa di soia a caso per ammazzare tutti  i sapori

Avrete così risolto.

Pubblicato il 19/10/2015 alle 13.38 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web