Blog: http://noglobalizzazione.ilcannocchiale.it

Ricette precarie

Precariato e bassa cucina

 

Lez.00, ma anche 01 in fondo ma chi se ne frega…

Il tempo giusto

Terza settimana di ottobre, con umido e cielo coperto ma portatore di raffreddori e malanni misti

L’Occasione.

Gli allievi e le allieve  vi hanno lasciato come un cretino con il portatile acceso e  con la lavagna scritta piena di appunti su quell’evento di creazione dell’identità italiana che  fu la Grande guerra.

Perché.

Perché dovevano fare un’assemblea  NON AUTORIZZATA nei locali della scuola a sorpresa e voi siete stato sorpreso, siete rimasto in aula aspettando il rientro dalla campanella.

Da buon precario avete capito.

Capito di aver fatto la figura del pollo nel girarrosto dell’ambulante che esita il fragrante e  odoroso pennuto il giorno del mercato a Sesto. Fregato.

 

Ricetta precaria

Ci vorrebbe un rinforzino finale al pasto.

Un dolce tenero e un leggero alcolico raffinato per rilassarsi dopo il secondo.

Dal momento che è notoria la vostra incapacità di produrre cose degne di consenso nelle mense  questo è il consiglio.

Cercate fra le colline  e le montagne qualche casa del popolo sopravvissuta ai giorni dei governi Berlusconi, D’Alema e Prodi.

Trovato il sito arcaico e misterioso  comprate a prezzo d’usura una bottiglia di grappa da battaglia di quelle che s’offrono ai clienti dopo pasto in modo che possan esser braccati sulla via di casa dalla polizia stradale con fondato motivo.

Aggiungete un dolce a caso preso dal primo barre/pasticceria/rivendita di apericena e affini percolosi sotto casa.

Abbinate le due cose fingendo distacco da nobile prussiano della Grande Guerra.

Non ci crede nessuno ma fa parte del colore della cosa.

Strozzatevi con i due acquisti mangiando con ira il manufatto pregno di zuccheri e sostanze grasse e bevete con rabbia una tazza di sostanza liquida dall’incerta gradazione e dal sinistro odore;  sdraiatevi come un cetaceo spiaggiato sul divano o sul letto; se c'è la poltrona meglio.

Accendete il computer portatile e sintonizzatelo su  un documentario a caso su Youtube per conciliarvi il sonno tormentoso e iroso in un dormiveglia sfibrante e poco costruttivo.

Avrete così risolto.

Pubblicato il 19/10/2015 alle 13.11 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web