Blog: http://noglobalizzazione.ilcannocchiale.it

Sintesi: Il Maesto - secondo atto - Immagine pubblicitaria e civiltà industriale

Stefano Bocconi: Il falso è parte della pubblicità e delle pubbliche relazioni che devono venderti qualcosa, ma non è un falso in quanto falso. Non è un falso da risposta secca del tipo SI/NO. Si tratta di un falso che spesso è mischiato al vero, a immagini comuni, a speranze, a desideri, spesso desideri sessuali, talvolta a  frustrazioni. La pubblicità e i trendsetter reinventano il senso del prodotto, attribuiscono ad esso un valore, uno stile di vita, una logica dello stare al mondo che esso di per sé non ha.

Vincenzo Pisani: Già proprio così. Questa è la potenza dei trendsetter e di quelli che fanno pubbliche relazioni in modo professionale. Sono i creativi del valore aggiunto immateriale, i realizzatori  della molla psicologica che crea il profitto coloro che mandano avanti l’industria della pubblicità e delle pubbliche relazioni. Il consumatore è per prima cosa un essere umano. Quindi come tale ha frustrazioni, ha paure, ha desideri, ha istinti repressi, spesso ha una vita sessuale infelice, è un consumatore di sostanze insalubri come tabacco e superalcolici, talvolta è psicologicamente ferito per delusioni negli affetti, negli amori, nella vita professionale. In altre parole ogni umano ha dei punti di rottura, dei lati deboli; qualcosa su cui si può far leva  per spingerlo ad acquistare dei beni o servizi. Del resto a che servono donne bellissime nude o seminude nella pubblicità se non per attirare l’attenzione di maschi adulti, a cosa serve infilare dei bambini piccoli nella reclame di prodotti per la colazione o per la casa se non per andar a colpire la fantasia di chi ama la vita domestica e gli affetti familiari. La testa dell’essere umano è come se fosse di plastilina. Può esser manipolata e rifatta se l’artista della manipolazione ha gli strumenti giusti.

Franco: Sagge parole, ma nessuna di esse è tranquillizzante. Del resto devo riconoscere che è molto difficile cambiare questo stato di cose visto l’enorme potere di trasformazione delle credenze e dell’immagine del mondo che ha l’industria della pubblicità. Va da sé che essa non è un mostro irragionevole ma un prodotto di rapporti di produzione capitalistici entro i termini di una terza fase della civiltà industriale. Il computer, la televisione, la radio, internet,  la telefonia mobile  hanno trasformato i linguaggi parlati e l’immagine del mondo della quasi totalità degli abitanti del Belpaese. Quindi quale strumento più coerente per trasformare la mentalità e le abitudini della pubblicità commerciale che può penetrare in tutti questi canali di comunicazione. Questo però porta a un grave problema per i pochi che riflettono e ragionano sul futuro e sul destino collettivo, ovvero quali strumenti e quali attività possono esser attivate per evitare di esser vittime di questo modo di trasformare di continuo la nostra immagine del mondo. Il problema del porsi davanti al male di vivere in termini ragionevoli e attivi e deve tener conto della forza enorme di questa industria della pubblicità che è un vero e proprio esercito di avvocati, psicologi, antropologi, esperti di comunicazione, tecnici, registi, attori, burocrati…   Dirò di più a questo proposito. Essa è una delle manifestazioni più riuscite e complete del potere di oggi, perché oggi il potere è prima di tutto finanziario e ha bisogno di una efficace industria delle pubbliche relazioni e della pubblicità.

 Una voce dalla cucina: “Per i secondi passo fra poco. Intanto faccio fare  i primi”.

Vincenzo Pisani: Io non mi sono mai sentito un plagiatore. Comunque è vero quel che dici, ma c’è di più. Il conformismo lo hai messo fuori dal tuo discorso. Invece è stato tanto ai miei tempi e lo è ancora. Molti umani, anzi  moltissimi, non hanno una forte coscienza e identità e questo vale anche per le donne. Quindi imitano figure che gli sembrano carismatiche, o le mosse dei divi del cinema, o le frasi fatte dei divi dei telefilm, o le posizioni delle dive delle passerelle e delle presentatrici. I trendsetter insomma. Ma a coronamento di questo c’è l’abitudine, la ripetizione, la banalità dell’atto che trasforma qualcosa che di per sé è un gesto da palcoscenico in un qualcosa che va bene, che è accettato. Pensate per un momento a quelli che devono farsi vedere in piazza o in paese con abiti e scarpe firmati. Sono una maggioranza ma devono cercare di staccarsi dalla massa di cui fanno parte per qualcosa di individuale, per il possesso di un bene che dimostri che hanno una personalità, uno status sociale, un ruolo, un senso. Il singolo che è solo nella moltitudine di atomi umani che schizzano dovunque  vuole sentirsi protagonista proprio come i personaggi famosi e quindi li imita e imita anche i molti che imitano quei pochissimi. Di fatto quando una tendenza supera certi numeri diventa un  fatto ordinario, una moda, una questione di smercio di volumi di merce prodotta chissà dove  e fatta pagare cara per via del valore aggiunto che assume in quanto bene che si compone di una natura materiale e di una immaginaria. L’essere umano imita i pochi ricchi e famosi e imita subito dopo i molti spesso come lui, ossia né ricchi e nemmeno famosi. È come se avesse il bisogno sia di distinguersi e nello stesso tempo di esser accolto in una  sorta di collettività dedita alla produzione e al consumo. Devo dire che parlando con il professore, che sta laggiù a quel tavolo, più volte si è ragionato come i ceti gerarchicamente in basso nella scala sociale tendono a imitare alcuni comportamenti di coloro che stanno in alto. Pensate per esempio alle vacanze, prima della civiltà industriale erano una prerogativa dei nobili che andavano nei loro feudi e possedimenti anche per  controllare i sovraintendenti e i  lavori agricoli della servitù. Poi con la civiltà industriale è diventata la vacanza una vera e propria industria dello svago e del divertimento per le moltitudini. Ciò che era inferiore e in basso nella gerarchia sociale si è elevato e ha  costruito la sua versione e il suo concetto di vacanza e di viaggio d’istruzione.

Paolo Fantuzzi: Uno come me che ha scorrazzato fino a ieri con il camper non poteva intuire di aver ereditato una tradizione con un passato così illustre. Comunque esiste o non esiste nel tuo discorso quella cosa che si chiama libero arbitrio? In fondo si è padroni della vita propria, si dovrebbe poter accettare o rifiutare quel che passa dalla televisione, da internet o chissà da dove.

Vincenzo Pisani: In gioventù la pensavo proprio come te. Poi ho avuto dei ripensamenti. Mi sono accorto di quanto per vanità, ignoranza, superficialità l’essere umano sia vulnerabile alla lusinga, alla tentazione, al conformismo, alla soddisfazione dei suoi desideri e perfino delle sue passioni.

Clara Agazzi: Questo parlare vede solo il lato negativo, in fondo ci deve pur esser una dimensione positiva e sana. Pensate per un momento a chi fa volontariato, a chi lavora per il prossimo, a chi fa atti di carità. Io credo che esita l’emulazione anche in positivo e non solo per la soddisfazione di un capriccio, di un desiderio sessuale represso che deve trovare una sublimazione in altre forme, per trovare una scala psicologica e salire sopra i suoi limiti e le sue paure. Mi risulta che milioni di umani abitanti nella penisola si danno da fare in molti modi, dagli orfani a coloro che si occupano di cani e gatti abbandonati. C’è chi occupa perfino di rapaci e volatili in generale. Forse è la logica con cui vengono usati gli strumenti di persuasione che è perversa perché eccita quello che nell’essere umano crea contrasto, egoismo, desiderio di rivalsa, fuga dalla realtà,  volontà di potenza. Se la logica è l’esaltazione, in diverse forme e  figure, dell’esercizio arbitrario e  personale del potere su uomini e cose o della capacità di piegare alla propria volontà la natura mi pare ovvio che si pervenga a una vasta umanità di umani soli, infelici, aggressivi e frustrati. Come è arcinoto lo scarto fra i desideri, di per sé infiniti, e la realizzazione degli stessi è un qualcosa che richiama distanze infinite e tempi di realizzazione ignoti . Se si mostra che tutto è possibile e si spingono milioni e milioni di umani a credere questo è ovvio che il risultato sarà una grande allucinazione collettiva che non può che costruire una civiltà fatta di gente frustrata, infelice, alienata, desiderosa di sempre nuovi piaceri e nuove acquisizioni per placare le sue paure e il proprio disagio interiore. Ma chi ha detto che può finire così. Gli stessi mezzi possono esser usati per rendere consapevoli gli esseri umani, per migliorarli, per purificarli dalle loro stesse paure, dai loro limiti.

Franco: Potrei dire che è giusto quanto affermi. Ma non lo farò. Occorre riconoscere quello che è il principio di realtà che urla in faccia a tutti noi qui seduti, e non solo, il fatto banalissimo che quest’industria ha come suo fine il creare profitti. Punto e basta. L’industria dello spettacolo e della pubblicità sono in stretta unione ed entrambe devono creare è profitti per azionisti, produttori e finanziatori. Altrimenti non è industria è volontariato culturale. Qualcosa di diverso, di altro. Noi per esempio con questo discorso stiamo attuando una microscopica forma di volontariato culturale. Stiamo allargando la nostra visione della realtà per mezzo di un libero scambio di punti di vista.  Ma prova a pensare una vicenda si una dimensione produttiva dell’industria “culturale” di oggi, nella quale sono stati  investiti milioni di euro o di dollari. Chi finanzia vorrà almeno far pari con quanto speso. Quindi i buoni propositi si fermano davanti al profitto che è il motore finanziario del modo di produzione capitalistico. Allora il problema è come si concilia il presente modello di produzione e consumi con le istanze che porti. Una risposta possibile è che non è conciliabile, una seconda risposta possibile è che occorre costruire un potere che bilanci lo strapotere del dio-quattrino, una terza è che occorra aspettare che crolli tutto il sistema per ricostruire dalle macerie un nuovo ordine.

Paolo Fantuzzi: Ma tu che cosa ne pensi? Perché hai una risposta ne sono sicuro!

Franco: Devono cambiare interiormente gli esseri umani. Occorre un processo di liberazione dalle paure e un processo di potenziamento della mente e della consapevolezza di se stessi. Non confondetemi con un ciarlatano che predica di stregoneria e di pozioni. Sto parlando di crescita interiore e d’elevazione fisica e psichica. Occorre guarire se stessi dal proprio intimo male di vivere per superare questo presente.

Pubblicato il 4/8/2014 alle 11.22 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web