Blog: http://noglobalizzazione.ilcannocchiale.it

Le Tavole delle colpe di Madduwatta - La Recita a Soggetto: grano e vita



Le Tavole delle colpe di Madduwatta

La recita a soggetto: grano e vita

Anno 2010 estate, nel villino di periferia di Vincenzo si presentano di notte lo zio Francesco e lo Zio Marco Pisani preoccupati da uno strano annuncio.  I due dopo anni si parlano di persona.

Marco: Questo è un mondo di cannibali. Banche, ufficio delle tasse, controlli di polizia, dell’ufficio sanitario tutto sembra fatto per trasformare il professionista e l’imprenditore in un nemico del sistema. Pensa alle donne il fratello! Vale la vecchia battuta da caserma qui in Italia: “alla tua bella non devi comprare fiori e cioccolatini con il salario di soldato, dagli solo il salario”. I soldi sono la vita e sono una maledizione, quest’euro poi ci ha mezzi rovinati. Tutto è rincarato e gli stipendi sono rimasti al palo e la gente si è impoverita, non la puoi neppure sfruttare. Come fai a far uno sfruttamento industriale in Euro? Userai la valuta di qualche paese disperato che vale solo la carta su cui è stampato, ne compri qualche chilo di quelle banconote e ci tiri su un sistema di fabbrica che produce merce da vendere in cambio di sterline, Euro o dollari. Perché stanno nascendo fabbriche in paesi asiatici e  africani? Perché paghi la forza lavoro con denari locali e lo Stato chiude gli occhi davanti ad eventuali abusi.  Poi chissà quanto potrà ancora andar avanti questa storia, arriverà prima o poi lo stop. Scusate ma mi verso un po’ di questa roba che è bella forte.

Ingegnere: Lo stop? Qui con me ho degli appunti, aspettate. Ecco! Ogni notte  nascono più o meno 219.000 esseri umani che hanno bisogno di medicine, combustibili, alimenti, servizi sociali, istruzione, servizi, vestiario, lavoro, ecc… Ogni anno la razza umana s’accresce di ben ottanta milioni d’esemplari. Il pianeta tale era all’età dei dinosauri e tale è rimasto, ha delle risorse grandissime ma limitate. Acqua, aria e terra sono risorse in parte inquinate, un terzo dei terreni agricoli sul pianeta è minacciato dalla desertificazione o da forme d’impoverimento dei suoli, contemporaneamente la produzione di etanolo a partire dalle granaglie per farne combustibile per auto è aumentato, e i cereali e i vegetali non mandano avanti soltanto i motori ma anche gli allevamenti intensivi di animali da macello. Di fatto motori e animali da hamburger sottraggono all’alimentazione umana una parte della produzione alimentare. Qui c’è un dato aspettate, ecco nel 2009 negli Stati Uniti sono stati prodotti  419 milioni di tonnellate di grano, di questi 119 sono stati trasformati in etanolo per motori. L'industria americana dell'etanolo, la più importante al mondo, nel 2009 ha consumato grano sufficiente a sfamare 330 milioni di persone. Questo è quanto ho ricavato consultando l’Earth Policy Institute. Me lo sono segnato. Per me è un dato centrale. La crescita della domanda mondiale di combustibili derivati dalle granaglie sta trasformando e le economie di intere regioni, ma ho capito che la terra non è come una miniera di carbone e o un pozzo di petrolio, se il terreno è mal sfruttato o se si fanno cose sbagliate e s’’impoverisce il suolo c’è il pericolo del disastro ecologico e comunque i prezzi dei cerali saliranno al punto da scatenare la rivolta di milioni di esseri umani nei paesi poveri che verranno ridotti in condizioni di povertà o alla fame. Ecco una possibile risposta ad una futura crisi petrolifera: affamare milioni d’esseri umani e garantire profitti fantastici alle tre o quattro multinazionali che controllano il mercato globale dei grani. Il bello è che non è alcune miscele per veicoli fatte con l’etanolo per far andare i motori devono esser miscelate con altri componenti derivati dal petrolio in quantità variabile a seconda del combustibile desiderato. Mi sono chiesto come può questo andar a buon fine quando il consumo mondiale di granaglie è passato dal 1990 al 2005 da 21 milioni di tonnellate l’anno a 41 milioni di tonnellate l’anno. La questione è questa aumento dei consumi, aumento della domanda, probabile diminuzione delle rese per ettaro a livello globale risultato prezzi alle stelle, super profitti e milioni d’affamati e forse due o tre nuove guerre a giro per l’Africa, crisi alimentari, tensioni sociali, aumento della delinquenza e del pauperismo nel mondo.

Francesco: Mi permetto di dire la mia: un italiano fra la macchina e un villaggio africano o di indigeni brasiliani cosa sceglie? Sceglie il pieno per andar a giro e far le sue cretinate di sempre credendosi un ganzo. Invece è un  povero coglione che mette in moto una macchina di sfruttamento e di morte, solo che non la vede, non la sente, e non puzza di scempio; questa è una forma di violenza che non esiste perché nessuno ne parla.  Quando c’erano i comunisti di Stalin o i nazisti di Hitler era facile distinguere la strage e lo sterminio dalle cose normali, oggi le cose normali in modo più o meno inconsapevole producono massacri sociali e fisici. Per me nessuno è innocente in questa vita e quindi tutti possono dirsi colpevoli e fregarsene alla grande.

Marco: Ecco lì il mio caro fratello e la sua morale: “ognuno per sé e Dio contro tutti”. In questo sistema di civiltà industriale dove non arriva la speculazione, la guerra civile, la sommossa, i signori della guerra arriva l’inquinamento e con esso la fuga di milioni di umani verso le nostre coste, le nostre città, i nostri quartieri. Siamo vittime, forse stupide ma vittime ed è nostro diritto difenderci per quanto e come  è possibile.

Ingegnere: In effetti quest’anno l’effetto combinato dell’ondata di caldo e l’avanzata del deserto in tante parti dell’Asia e dell’Africa ci porteranno altri episodi tragici d’immigrazione. Del resto questi anni stanno rivelando la parte nascosta del sistema della civiltà industriale, in troppi si erano illusi che fossero finiti gli orrori dei due secoli precedenti, invece  in nuova forma si mostrano di nuovo. Al discorso appena fatto sulla scelta produrre per i motori o produrre per l’alimentazione umana o animale devo aggiungere che la grande politica sostiene tutto questo, c’è bisogno di alternative al petrolio, la situazione in Medio-Oriente e Africa è instabile e forse qualche paese produttore è già vicino al picco del petrolio, oltre il quale non conviene più estrarre il poco petrolio rimasto in fondo al giacimento. Non so se sia un caso ma Stati Uniti e Brasile hanno portato avanti negli ultimi anni delle politiche volte ad aumentare in fretta la produzione di bio-carburanti nei prossimi due o tre anni; ma il mercato dei grani rivela una grande verità: tutto nel sistema è merce, tutto può essere venduto e comprato anche la vita dei popoli o l’esistenza di interi ecosistemi; con quale diritto questo è dato? Semplice: con il vecchio diritto che si chiama legge del più forte.

Pubblicato il 12/7/2011 alle 20.57 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web