Blog: http://noglobalizzazione.ilcannocchiale.it

Il Fascista Immaginario: la profezia


Le Tavole delle colpe di Madduwatta

Il Fascista Immaginario

Breve scritto teatrale sulla disgregazione del vecchio mondo umano al tempo del ministro della pubblica istruzione Letizia Moratti e dell’ennesimo governo Berlusconi; è l’estate del 2003.

-          Lazzaro: Astrologia,ufologia, mitologia…cose folli. La verità è che in tanti alzano gli occhi al cielo per non guardare la miseria del presente. In troppi non vedono il nepotismo che regna nell’università, nel lavoro presso i privati, nella gestione della cosa pubblica, nella distribuzione degli assessorati o degli impieghi di natura fiduciaria. Tutto il Belpaese è pervaso da un conflitto d’interessi che cala dall’alto del vertice della ricchezza e della politica di professione e scende fino in fondo, fino all’ultimo pezzente che chiede la carità sugli scalini della chiesa.  Sembra di essere precipitati in un periodo di morte morale, un seicento alla Manzoni con i vicerè stranieri e i vescovi, i marescialli imperiali che la facevano da padroni e commettevano ogni abuso e ogni arbitrio con assoluta impunità. Del resto quando i legami civili e morali di un popolo o di una comunità di popoli si dissolvono o si spengono in un consumismo straccione, arrogante e becero, quando l’unico valore civile e morale è l’ostentazione dei beni di consumo e della fama televisiva è evidente che non rimane che sperare nelle stelle e nelle date che stregoni e ufologi da strapazzo presentano per la fine del mondo. La quale a mio avviso per come stanno le cose è presente tutti i giorni, perché ogni giorno si presenta una qualche forma di degenerazione, di putrefazione, di morte civile e morale.

-          Sergio: Non buttarla giù così, la vita è difficile e talvolta occorre subire gli oltraggi di gente malvagia, bestiale e corrotta. Ma è la normale lotta per l’esistenza.  Ciò che chiami corruzione è acquisizione di ricchezze per diventare più forti e competitivi magari a danno della collettività, è un fatto malvagio ma in fondo coerente con un sistema che tu stesso chiami consumista e capitalista che ha fede solo nel singolo e nei beni e nei denari che possiede. Proprio questo modello aggressivo, crudele, distruttivo nei confronti del vecchio modo di vivere e di pensare ha dissolto antichi odi e razzismi. Non conta più la razza o la fede ma solo l’appartenenza economica. Guarda la mia persona. Quando divento il fascista immaginario ripercorro le antiche ragioni morte, di differenza e di odio. Ti assicuro che sono morte e sepolte, ma talvolta per odio, per sofferenza verso questa vita, per disprezzo verso il potere dei pochissimi che sono ricchi e felici vengono evocate. Ecco io sono l’evocatore delle cose morte, delle paure inconfessabili, di qualcosa di profondo e marcito che spacca la coscienza dei miei clienti. Questa Repubblica è in stato avanzato di decomposizione, ma non ci sono forze né interne né esterne disposte a distruggere il Palazzo decadente e pericolante per crearne uno nuovo e men che mai chi usa la politica e il mondo degli affari per i suoi fini di lucro vuol tirar giù questo ben di Dio che gli cade dalle mani. Così fra cattivi pensieri e incubi notturni un popolo intero corrotto, iniquo e  dissoluto va cieco e senza meta verso terre ignote. Io speculo su questa oscurità, su queste paure inconfessabili, su quella cosa che i filosofi chiamano volontà di potenza che oggi repressa e corrotta è diventata  malattia mentale. In realtà l’evocazione che faccio delle glorie e delle memorie del fascismo a casa di privati per un modico compenso non sarebbe possibile senza il tracollo della dignità e delle speranze  della gente di questa penisola. Un popolo forte.  Orgoglioso, con poteri autonomi e dotati di sovranità assoluta non hanno bisogno di coltivar incubi notturni, cattive memorie, distorsioni della realtà, di scappare in una cantina o in una stanza buia ad ascoltare vecchie canzoni o a sfogliare raccolte di  manifesti di Salò.

-          Lazzaro: Scusa ma questo mi par un problema tuo…

-          Sergio: Non proprio, pensaci bene e vedi che non è così. Ci ho pensato molto, moltissimo. Chi cerca il cambiamento, la giustizia, la dignità spesso si avvicina a posizioni come le mie. Estreme, fanatiche, nostalgiche, risentite, arrabbiate, incazzate. Non può essere un caso. So che non lo è. O accetti questo modello di consumismo straccione fondato sulla televisione, sulla pubblicità commerciale, sullo spettacolo televisivo o sei fuori. Intendo fuori da tutto ciò che conta nella vita quotidiana e nelle speranze della stragrande maggioranza degli lettori, delle donne, della gente comune, perfino degli operai. Quindi se sei fuori sei uno come me, e so che cosa pensi. Magari sei quanto di meglio c’è in questa facoltà. Ma la realtà è diversa. La realtà vera, concreta, materiale, quotidiana mi parla del Dio-denaro e non della politica, mi parla di caste al potere dissolute e imbelli e non di santi o di guerrieri, mi racconta di un popolo disperso senza valori condivisi e non di popoli germanici antichi stretti attorno ai loro sacri re-guerrieri interpreti del destino della stirpe. Chi è fuori diventa estremista e chi è dentro prende le briciole che cascano dal tavolo dei ricchi e ringrazia i padroni del momento; se domani verremo conquistati da altri padroni con altre regole, altri favoriti, altri tiranni da imporci, altre caste da elevare alla dignità del potere politico, questa massa di popolo che tira a campare s’adeguerà. Del resto in un mondo umano dove il denaro è tutto chi perde le sue proprietà si condanna alla morte civile e politica. Perché non dovrebbero in fin dei conti amare il denaro che è vita della vita, perché il desiderio del potere che è potere non dovrebbe trasformarsi in una nevrosi, in una condizione da vecchia isterica.

-          Lazzaro: Siamo alla "tribalizzazione" d’Italia e purtroppo i partiti politici hanno dato un contributo immenso alla degenerazione del popolo, millenni di civilizzazione d’Italia sono stati spazzati via da questa Repubblica giunta al suo secondo tempo. E’ come se l’antichità Romana, come se il diritto che abbiamo ereditato dai Cesari nella notte dei tempi, come se la carità cristiana fortificata da un martirologio impressionante durato secolo fosse tutto dissolto. Tutto maciullato, spezzato, corrotto, degenerato fino a rasentare la follia. Ora è arrivata questa nuova guerra con la spada di Damocle di una partecipazione italiana che spazzerebbe via in un colpo solo la Costituzione visto che dal popolo iracheno non è mai arrivata alcun tipo di offesa e a quanto pare le armi proibite quello lì non le ha. Anzi se la vogliamo dir tutta quel Raìs prendeva Euro in cambio del petrolio, ci faceva perfino un favore. Lui dava energia fossile preziosa ed noi si stampava carta con la quale comprava materiali soggetti a embargo e controllo.  Il danno fato dai vecchi partiti era grave ma almeno in parte scusato dalla pesante eredità che raccoglievano, ma passato l’immediato dopoguerra il clientelismo sfacciato, il consociativismo, la ruberia legalizzata, i metodi opachi di gestione della spesa pubblica, l’intromissione dei servizi segreti e deviati nella politica del paese, le bombe ignote, hanno degenerato il nostro popolo trasformandolo in tanti pezzi scomposti, in una massa informe di cose diverse, ostili e litigiose; in qualcosa di peggio del popolo bambino del Duce.

-          Sergio: Così alla fine sei perfino più critico di me…

-          Lazzaro: Non sono pazzo, questi mali li vedo e non possono essere l’opera di un privato per quanto ricchissimo possa essere, il Belpaese è venuto meno a se stesso. La politica che doveva curare i mali e ammonire ha coltivato ogni strumento di divisione politica e sociale per creare clientele e gruppi sociali forzati a render conto al protettore politico,  e questo aldilà dello schieramento e del colore. Ma la cosa più grave, più dura da dire e da ammettere…

-          Sergio: La dico io, ti tolgo un peso… Alla maggioranza degli italiani faceva comodo così. Hanno goduto. Per star con un padrone e far il tifo non c’è bisogno di fedeltà, di vincoli di sangue, di fede religiosa di onestà. Basta obbedire dietro compenso. Siamo più che un popolo di corrotti: siamo un popolo di traditi e di venduti. Che hanno tradito e si sono venduti e per la legge del contrappasso di nuovo saranno traditi e venduti e ancora tradiranno e venderanno se stessi e gli altri. Secondo un ciclo infinito che solo una grande fede può spezzare. O forse dovrei semplicemente dire che accordiamo la coscienza e  la memoria personale e storica con ciò che a seconda dei casi ci porta un profitto immediato possibilmente  in denaro sonante. Ma per dire di no al Dio-denaro occorre avere dei valori, coltivarli, amarli, soffrire per essi.

Pubblicato il 30/1/2011 alle 16.3 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web