Blog: http://noglobalizzazione.ilcannocchiale.it

Il Fascista Immaginario

 

Il Fascista Immaginario

-          Breve scritto teatrale sulla disgregazione del vecchio mondo umano al tempo del ministro della pubblica istruzione Letizia Moratti e dell’ennesimo governo Berlusconi; è l’ estate del 2003. Due esseri umani molto diversi fra loro s’incontrano nella facoltà occupata di Scienze della Formazione (ex magistero); uno ha la soluzione del problema dell’altro, ma…

-          Scena: Una stanza ad uso ufficio con cinque sedie, dei cartoni, una cattedra, un tavolino con sopra delle bottiglie d’acqua e mezza bottiglia di vino e dei bicchieri di plastica. Da una finestra si sentono dei rumori e si vede uno scorcio di città. E’ notte.

-          Lazzaro entra prende da una scatola dei giornali, li posa sulla cattedra e si siede a lato usando una sedia. E fra sé parla a bassa voce

-          Lazzaro: Ma come si permettono di criticare, è indegno. Quattro anni di lavoro con occupazione del rettorato e della facoltà al tempo  della guerra del 1999, quella del loro centro-sinistra. Poi Genova nel 2001 con i nostri picchiati e ripassati con il gas. Inclusi  i minorenni! Poi il social Forum di Firenze con il successo mediatico, e infine contro questa nuova guerra all’Iraq e le manifestazioni planetarie del 15 e del 16 febbraio 2003. Ecco i numeri sono qui sui giornali.

-          Lazzaro sfoglia i giornali e poi legge ad alta voce.

-          Manifestanti Antartide 50, Los Angeles 50.000, San Francisco 100.000, Berlino 500.000, Madrid 1.000.000, Roma 3.000.000. Tre milioni, ma neanche Togliatti, ma neanche Berlinguer hanno mai portato 3.000.000 di persone tutte in una volta[1]. Per la prima volta tutto il mondo è sceso in piazza a protestare e con cifre impressionanti; non sono neanche riusciti ad oscurare la cosa in Italia; non si vedeva nulla del genere dal 1919 quando c’era Lenin in Russia. Ora che la guerra è arrivata e in tanti annusano le lucrose commesse militari e si sentono le sirene per una partecipazione italiana piovono le critiche da tutte le parti. Qui a sinistra ci sono berlusconiani più berlusconiani di Berlusconi stesso. Ma cosa devono fare studenti, precari, gente che lavora part-time per farsi sentire davvero da queste minoranze di finanzieri e di appaltatori internazionali che sull’affare del petrolio hanno messo in piedi un nuovo massacro? Forse è stato un grave errore politico cercar di fermar la macchina della guerra con gli scioperi e le manifestazioni, adesso il rischio è di trovarsi isolati e di farsi cinque anni di governo di destra neo-liberale in Italia senza una vera opposizione di base ormai frantumata da questo insuccesso.

Basta devo pensare adesso alla cosa più importante, sarà qui quel tipo a momenti. L’avessi mai fatto. Che gli dico? Scusi ma per una questione mia devo conoscere il nome di uno dei suoi clienti, sa di quelli che si servono di lei per quel servizio particolare…

Ma che gli dico… e poi verrà?

-          Un suono, dei passi

-          Sergio: Sto cercando…

-          Lazzaro: Me, stai cercando me. Accomodati su una sedia.

-          Sergio: Certo che non mi aspettavo una cosa così, sbaraccate domani con questa cosa dell’occupazione?

-          Lazzaro: Già, abbiamo solo stanotte per parlare e uscire da quella porta con una reciproca soddisfazione. Sempre che sia possibile.

-          Sergio si accomoda, con calma e studia l’ambiente e la persona che gli sta davanti.

Sergio: Arriviamo al dunque io ho bisogno di un nome  e un cognome e forse di un numero di telefono, a te basta un nome, ma quel nome per me è un problema grosso si tratta di un cliente, quindi devo sapere perché è così importante.

Lazzaro: Politica universitaria. Presto ci sarà un voto molto importante che deciderà il futuro del preside della facoltà di Scienze della Formazione o ex Magistero. Un preside di centro-destra che deve restare proprio dove è con i nostri voti. A tutti i costi.

           Sergio: Ma…tu sei uno dei capi del Collettivo, che cosa significa…



[1] Cifre tratte da Joel Andreas, Addicted to war: Why the U.S. can’t kick militarism. Ed.It Guerradipendenti, Nuovi mondi Media, 2005, Bologna.


Pubblicato il 20/9/2010 alle 13.19 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web