Blog: http://noglobalizzazione.ilcannocchiale.it

Le mie mattinate rovinate dalla pubblicità commerciale

De Reditu Suo - Secondo Libro

 Le mie mattinate rovinate dalla pubblicità commerciale

Un fatto banale è  entrato nella mia vita, stupido come molte cose che sembrano infime: la pubblicità fa vedere la vita lavorativa della gente di successo e le loro mattine sono troppo diverse dalle mie, quindi qualcosa non funziona nella mia vita. Lo so che un pensiero del genere è una strepitosa cretinata eppure per mille vie entra nella mia esistenza. Nei fatti ho cercato di circoscrivere l’influenza negativa della pubblicità ad esempio guardando il meno possibile la televisione ma non c’è niente da fare il mostro del dubbio intorno alla mia esistenza è lì sempre in agguato. Eppure la cosa ha un senso perché il fine della pubblicità commerciale è di solito rendere indispensabile il possesso di beni perlopiù specifici o superflui, il martellamento continuo a cui l’essere umano è sottoposto fa vacillare la mente più solida e critica verso il sistema. Quindi dal momento che la pubblicità  nelle sue diverse forme mi presenta gente sveglia e ben vestita circonda dall’ammirazione familiare e dei colleghi di lavoro, in termini tali da ricordare certi deliri propagandistici Stalinisti e Maoisti, mi chiedo che cosa sia mai la mia vita così lontana dai modelli ideali che entrano a viva forza nella mia testa. Di solito riesco a dare delle risposte coerenti e ragionevoli ma delle volte confesso che crollo sull’evidenza della distanza fra me e quelle cose che si agitano nel piccolo schermo o che mi son mostrate come santini sulle riviste e sulle pubblicazioni periodiche. Qualcuna delle mie mattinate fresche e talvolta un po’ buie vien così turbata da questa indecente invasione di campo, il mio intimo viene scosso e i dubbi aumentano. Di per sé rimettersi in discussione è una necessità vitale, chi non cambia può finire con il subire integralmente il mondo umano che cambia e muta incessantemente, trovarsi per così dire messo in discussione, emarginato o più semplicemente scoprire che ciò di cui era certo e che osservava ogni giorno è sparito. Solo che la tempesta del dubbio scatenata dai prodotti dei maestri della comunicazione  e della pubblicità più o meno palese è finalizzata a portarmi dove vogliono loro e non dove decido di andare alla luce del ragionamento o della mia personale sensibilità. Non è di per sé una novità, le società umane che si sono date nella storia finora nota hanno avuto delle forme  di condizionamento del comportamento e di persuasione; solo che in questo caso l’atto del ridefinire l’immagine di sé e del mondo umano non è dichiarata apertamente ma attuata di fatto. In questo passar subito ai fatti, questo descrivere con fede assoluta la propria visione della realtà umana e fisica del mondo, questo esaltare il prodotto o il servizio o talvolta il consumatore fa della persuasione pubblicitaria una potenza e una fonte di conoscenza sia pure fallace e parziale. Questa conoscenza parziale, e in parte menzognera, per mille vie penetra nella vita di coloro che vivono qui e ora, di conseguenza anche nella mia. Il problema di questa situazione è dato dal fatto che i valori dominanti sono proprio quelli della pubblicità commerciale, tutto ciò che è politicamente corretto e di buon senso è in massima parte riconducibile alle esigenze del sistema di produzione di beni, creazione di lucro, consumo da parte di masse di esseri umani  e di conseguenza i valori dominanti sono riconducibili alla pubblicità commerciale. Così fra un dubbio e un sospetto mi ritrovo ai limiti dell’ortodossia sociale dei miei tempi.

IANA per Futuroieri

Pubblicato il 30/1/2010 alle 18.36 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web