Blog: http://noglobalizzazione.ilcannocchiale.it

TRAGICA MASCHERATA

 

I neoliberali, i duri e puri cultisti del Dio-mercato ora esigono che il vituperato intervento statale salvi banche e finanziarie. Siamo al paradosso che coloro che hanno per due decenni calunniato lo stato sociale oggi lo pretendono per se soli nella veste di salvifica coperta  che li protegge dalle follie e dalle criminali speculazioni finanziarie di una minoranza di ricchissimi. Quel socialismo tanto odiato quando è applicato ai ceti poveri è invece esteso per privilegio ai fallimenti finanziari di lorsignori. La fiscalità pubblica diventa la cassa che alcuni miliardari con agganci in politica usano per sanare le loro magagne, e questo sta capitando nel Nuovo Mondo come nella Vecchia Europa. Questa gentilezza non viene usata di solito per gli operai dei cantieri di Danzica che rischiano la disoccupazione in decine di migliaia e nemmeno è costume essere così garantisti verso le molte decine di fabbriche e imprese in crisi e le centinaia di famiglie che in tutta Europa vedono il padre o la madre licenziati. La democrazia con questi sistemi  da delinquenti si riduce a una tragica mascherata, ad una farsa grottesca nella quale ogni tanto si vota. Un sistema politico composto di regole democratiche ma inapplicate, di controlli fallaci o inesistenti e di privilegi oligarchici mitigati dalle consultazioni popolari produce solo mostruosità. Se deve essere questo il momento di dar vita a un qualche socialismo che sia per tutti coloro che sono colpiti dalla disgrazia presente in modo che non cada sui fragili ordinamenti democratici il sospetto che essi promulgano e attuano leggi uguali per tutti  con l'eccezione dei miliardari che davanti a questo diritto sono molto più uguali degli altri umani.

 

IANA perFuturoIeri

Pubblicato il 10/10/2008 alle 22.42 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web