Blog: http://noglobalizzazione.ilcannocchiale.it

PER IL RISCATTO DELL’AFRICA CI VORREBBE UN CHE GUEVARA NERO

Se fino a ieri eravamo inconsapevoli, da oggi siamo tutti un po’ mascalzoni. Iersera la trasmissione Report, in onda ogni Domenica alle 21,30 su Rai Tre (la miglior trasmissione giornalistica assieme ad Annozero), ha proposto un’inchiesta sul coltan. Qualcuno dirà: e cos’è? Il coltan è un minerale estratto in Congo, nel cuore dell’Africa. Ripeterà: embè? Dal coltan viene ricavato un materiale speciale che è impiegato dalle industrie occidentali e asiatiche come componente essenziale di telefonini e computer. Esattamente come quelli nuovi, appena cambiati, che stiamo usando adesso o che abbiamo, ultimo modello, in tasca. Immaginate che adesso il vostro schermo iniziasse a lacrimare, o il vostro cellulare invece della nuova suoneria che avete impostato iniziasse a gemere.

Potrebbero farlo, se avete visto la puntata di Report. Infatti per estrarre questo coltan, sono impiegati giovanissimi congolesi che rischiano ogni giorno la vita – sì, proprio mentre noi sediamo beati sulle nostre sedie regolabili –, non solo in anguste profondità della roccia ma anche per fare 80 chilometri in due giorni con sacchi da 50 chili sulla testa o sulle spalle, per 25 Dollari!

Quanta vita potranno avere facendo quella vita da schiavi moderni, quanto conosceranno mai di ciò che faticosamente stanno trasportando. Sopra di loro, oltre al peso immane, ci sono trafficanti criminali, governanti corrotti e multinazionali spregiudicate.

Ma noi non lo sappiamo. E, forse, da stamani, faremo pure finta di non saperlo. Un po’ infami pure noi.

Stiamo rubando l’anima ad un continente stupendo come l’africa. Pacifico fintanto che non l’abbiamo traviato col denaro/demonio. In sintonia con la natura, con la terra e con tutte le forme viventi finché non abbiamo iniziato a colonizzarlo, a destrutturarlo, prima per rubargli le migliori braccia, adesso per rubargli anche le migliori risorse. Lasciandogli qualche vergognosa briciola e soprattutto seminando la pianta malefica del dissidio e della discordia. Per cui oggi, da essere il luogo storicamente più tranquillo della terra è diventato un continente polveriera, con infiniti conflitti, tribali, etnici, religiosi e politici. Ruanda docet.

L’Onu sta a guardare, magari oliato a dovere, i Paesi europei, americani e asiatici, sedi delle multinazionali che quotidianamente depredano l’Africa, tacciono, le industrie lucrano ribassando i costi e non interrogandosi su cosa c’è dietro quei ribassi, noi cerchiamo negli ipermercati le offerte stracciate. E così in Africa si invecchia a vent’anni e, se va bene, si muore a trenta...

Basta. Basta. Quando la smetteremo di fare i colonialisti? Quando la smetteremo di fare gli avidi ma ipocriti predoni in casa altrui, salvo poi metterci a posto la coscienza con un po’ di pelosa carità?

In attesa che nasca e si affermi, speriamo il prima possibile, un Che Guevara africano, iniziamo noi a chiedere scusa e ritirare tutte le attività straniere dall’Africa, facendo loro filare la propria storia. Augurandogli che possa tornare ad essere una storia di pace, solidarietà, fratellanza e naturale ricchezza. Com’era prima, appunto, che gli rubassimo l’anima.

 

http://www.thepetitionsite.com/1/petizione-sulluranio-impoverito-la-paura-e-i-pericoli 

Pubblicato il 26/5/2008 alle 8.51 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web