.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


19 settembre 2016

Una ricetta precaria N.20



Ricetta precaria

20. Venti, venti volte bischeri

L'odore dell'estate. Quante volte torna il ricordo di vacanze felici. Magari perché per una cosa o l'altra non ci siete neppure andati e magari questo vi ha provocato qualche lieve disturbo epatico. Si sa che il buon fegato subisce alcolici e farmaci, ossia il combinato tipico di un umano in crisi o con qualche sofferenza. Magari per questioni di lavoro, soldi, crisi di nervi, abbandono della dolce metà e cose simili siete rimasti al caldo a dar capocciate al muro. Cosa comune a molti, del resto, di questi tempi di crisi di senso e di quattrini. In fondo il ritorno in vacanza è la ricerca di una pace e di una condizione di soddisfazione, la ricerca spesso di emozioni e luoghi già noti e frequentati. In questa penisola di solito il ritorno sullo stesso luogo di villeggiatura ha l'odore prepotente di un accrocco irragionevole di odori dolciastri e fruttati che cerca di sconfiggere il caratteristico odore del mare e della pineta. Mi riferisco alle varie miscele per abbronzature e protezione dalla radiazione solare. Ora per ritornare sui passi perduti nello spazio e nel tempo occorre mettere assieme odori e cibo.

Il tempo giusto per questa ricetta è quando l'estate è praticamente finita ma si trova ancora qualcosa in termini di frutta che la ricorda. Dunque c'è bisogno di pesche, uva, popone, una o due susine, noci e pinoli, se avete una mela buttate pure quella. Lo scopo è fare una macedonia con qualche pretesa, per riuscire bene lavate ovviamente la frutta e poi fatela a pezzetti non troppo grossi e buttate tutto in una ciotola. Su un piattino avrete messo una quantità non grande di pinoli e noci spezzate, rovesciate tutto quanto sopra la frutta. Per il tocco finale un po' di uva passa e se c'è un bicchiere di vino rosso per amalgamare, non affogate però la cosa nel vino sennò farete la figura degli etilisti a tavola. Il risultato sarà una roba strana che vi ricorderà l'uso della macedonia e della frutta in generale nei pic-nic dei mesi di luglio-agosto. Il vero colpo di genio per il nostalgico degli anni passati e di tempi migliori è di aggiungere una fragranza al cocco mischiata astutamente ad altri elementi dal forte odore che ricordi l'odore un po' insolente delle varie tipologie di olio solare e abbronzanti e affini che sono il dato olfattivo inconfondibile delle ferie di massa sulla spiaggia libera e popolare dove vi siete mischiati a quella parte della gente del Belpaese che difficilmente trova posto nell'area VIP. Se si possiede un bruciatore d'essenze si può arrivare allo scopo con una scelta appropriata, altrimenti il consiglio è spalmarsi qualcosa sulla faccia. Questo però potrebbe guastarvi le relazioni sociali se invitate della gente, quindi il consiglio è dotarsi di un bruciatore d'essenze. Il quale può avere il buon gioco di attutire con odori forti l'esito disastroso delle diverse imprese culinarie nelle quali vi cimenterete.

E anche stavolta avrete risolto




19 settembre 2016

Una ricetta precaria N.19

Ricetta precaria

19. Altro numero primo.

I fagioli che passione. Ho sempre dato per certo che il miglior accompagnamento di una padella di fagioli fosse la salsiccia. Questo mi ricorda una cosa della mia infanzia. Mi ricordo che ero molto piccolo e riconobbi l'odore di salsiccia e fagioli del pianterreno, e stavo al quarto piano. Così andai, da buon sfacciato, a disturbare l'inquilino del pianterreno. Il fatto che fosse mio nonno mi consentì di condividere la prelibatezza. Se devo indicare almeno un lato positivo della mia infanzia è stato la scoperta degli odori. Mi ricordo distintamente il profumo del rosmarino che mia nonna mi mandava a prendere in una specie d'orticello presso un giardinetto maltenuto. Il rosmarino era strategico per le operazioni culinarie con il pollo arrosto o per le patate al forno. Un odore di cucina che mi è gradito è quello del sugo per condire la pastasciutta, mi ricordo di aver imparato a riconoscere quell'odore caratteristico. Nel quartiere dove vivevo durante l'infanzia quest'odore si spargeva verso le 12, magari pochi minuti prima di dover rientrare. Mi ricordo di aver sentito anche il rumore delle stoviglie che usciva dalle finestre delle case. Credo che pochi odori comunichino un senso di vita domestica pari a quello del sugo al pomodoro per i comunissimi spaghetti. In certe giornate di primavera era davvero come il rintocco di una campana, segnava il tempo. Altro odore caratteristico era quello di fritto di patate o il comune odore di pollo arrosto, specie la domenica. L'odore del cibo non è mai una cosa neutrale, racconta molto dell'essere umano. Mi capita ancor oggi di sentire qualcuno di questi odori li associo spontaneamente alle abitudini della tipica famiglia italiana. L'umano non è solo ciò che mangia ma anche quel che annusa, di solito il ricordo degli odori che gli sono familiari è un tratto caratteristico della storia di una persona. Tornando ai fagioli mi ricordo che sono stati tante volte la sostanza di pasti fatti di corsa e in mezzo a tanti pensieri degli anni nei quali ero studente universitario, anni difficili. Per prima cosa fare una ricognizione e vedere cosa c'è. Se ci sono fagioli, sugo di pomodoro, sale, pepe e magari anche un cucchiaio d'olio e una salsiccia si può provare a far qualcosa. Prendete una padella tipica. Rovesciate nella padella sugo e olio, possibilmente d'oliva, un pizzico di sale e il pepe. Fuoco basso e aspettate che si manifesti il riscaldamento del composto a quel punto è il momento. La salsiccia apritela a metà o fate dei buchi in modo da far sciogliere un poco il grasso nel sugo e ovviamente mettetela nella padella dove il sugo è già bello caldo. Per chi piace ci sta bene anche un po' d'aglio o altro elemento che serve a dare un odore forte. Questo dipende dai gusti. Quando avrete impressione che la carne è cotta e gli odori si sono amalgamati rovesciate il tutto su piatto. Accompagnate il pasto con del pane o della schiacciata perché è nella natura della cosa, in fondo è un tegame che serve a riempire lo stonaco e a gratificare il naso. Se vi riesce pensate intensamente a un momento del vostro lontano passato o a qualcosa di familiare, con due bei bicchieri di rosso la cosa sarà più facile e avrete unito a un pasto casereccio ricordi lontani. E anche così avrete risolto.





sfoglia     agosto        ottobre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email