.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


30 gennaio 2011

Il Fascista Immaginario: la profezia


Le Tavole delle colpe di Madduwatta

Il Fascista Immaginario

Breve scritto teatrale sulla disgregazione del vecchio mondo umano al tempo del ministro della pubblica istruzione Letizia Moratti e dell’ennesimo governo Berlusconi; è l’estate del 2003.

-          Lazzaro: Astrologia,ufologia, mitologia…cose folli. La verità è che in tanti alzano gli occhi al cielo per non guardare la miseria del presente. In troppi non vedono il nepotismo che regna nell’università, nel lavoro presso i privati, nella gestione della cosa pubblica, nella distribuzione degli assessorati o degli impieghi di natura fiduciaria. Tutto il Belpaese è pervaso da un conflitto d’interessi che cala dall’alto del vertice della ricchezza e della politica di professione e scende fino in fondo, fino all’ultimo pezzente che chiede la carità sugli scalini della chiesa.  Sembra di essere precipitati in un periodo di morte morale, un seicento alla Manzoni con i vicerè stranieri e i vescovi, i marescialli imperiali che la facevano da padroni e commettevano ogni abuso e ogni arbitrio con assoluta impunità. Del resto quando i legami civili e morali di un popolo o di una comunità di popoli si dissolvono o si spengono in un consumismo straccione, arrogante e becero, quando l’unico valore civile e morale è l’ostentazione dei beni di consumo e della fama televisiva è evidente che non rimane che sperare nelle stelle e nelle date che stregoni e ufologi da strapazzo presentano per la fine del mondo. La quale a mio avviso per come stanno le cose è presente tutti i giorni, perché ogni giorno si presenta una qualche forma di degenerazione, di putrefazione, di morte civile e morale.

-          Sergio: Non buttarla giù così, la vita è difficile e talvolta occorre subire gli oltraggi di gente malvagia, bestiale e corrotta. Ma è la normale lotta per l’esistenza.  Ciò che chiami corruzione è acquisizione di ricchezze per diventare più forti e competitivi magari a danno della collettività, è un fatto malvagio ma in fondo coerente con un sistema che tu stesso chiami consumista e capitalista che ha fede solo nel singolo e nei beni e nei denari che possiede. Proprio questo modello aggressivo, crudele, distruttivo nei confronti del vecchio modo di vivere e di pensare ha dissolto antichi odi e razzismi. Non conta più la razza o la fede ma solo l’appartenenza economica. Guarda la mia persona. Quando divento il fascista immaginario ripercorro le antiche ragioni morte, di differenza e di odio. Ti assicuro che sono morte e sepolte, ma talvolta per odio, per sofferenza verso questa vita, per disprezzo verso il potere dei pochissimi che sono ricchi e felici vengono evocate. Ecco io sono l’evocatore delle cose morte, delle paure inconfessabili, di qualcosa di profondo e marcito che spacca la coscienza dei miei clienti. Questa Repubblica è in stato avanzato di decomposizione, ma non ci sono forze né interne né esterne disposte a distruggere il Palazzo decadente e pericolante per crearne uno nuovo e men che mai chi usa la politica e il mondo degli affari per i suoi fini di lucro vuol tirar giù questo ben di Dio che gli cade dalle mani. Così fra cattivi pensieri e incubi notturni un popolo intero corrotto, iniquo e  dissoluto va cieco e senza meta verso terre ignote. Io speculo su questa oscurità, su queste paure inconfessabili, su quella cosa che i filosofi chiamano volontà di potenza che oggi repressa e corrotta è diventata  malattia mentale. In realtà l’evocazione che faccio delle glorie e delle memorie del fascismo a casa di privati per un modico compenso non sarebbe possibile senza il tracollo della dignità e delle speranze  della gente di questa penisola. Un popolo forte.  Orgoglioso, con poteri autonomi e dotati di sovranità assoluta non hanno bisogno di coltivar incubi notturni, cattive memorie, distorsioni della realtà, di scappare in una cantina o in una stanza buia ad ascoltare vecchie canzoni o a sfogliare raccolte di  manifesti di Salò.

-          Lazzaro: Scusa ma questo mi par un problema tuo…

-          Sergio: Non proprio, pensaci bene e vedi che non è così. Ci ho pensato molto, moltissimo. Chi cerca il cambiamento, la giustizia, la dignità spesso si avvicina a posizioni come le mie. Estreme, fanatiche, nostalgiche, risentite, arrabbiate, incazzate. Non può essere un caso. So che non lo è. O accetti questo modello di consumismo straccione fondato sulla televisione, sulla pubblicità commerciale, sullo spettacolo televisivo o sei fuori. Intendo fuori da tutto ciò che conta nella vita quotidiana e nelle speranze della stragrande maggioranza degli lettori, delle donne, della gente comune, perfino degli operai. Quindi se sei fuori sei uno come me, e so che cosa pensi. Magari sei quanto di meglio c’è in questa facoltà. Ma la realtà è diversa. La realtà vera, concreta, materiale, quotidiana mi parla del Dio-denaro e non della politica, mi parla di caste al potere dissolute e imbelli e non di santi o di guerrieri, mi racconta di un popolo disperso senza valori condivisi e non di popoli germanici antichi stretti attorno ai loro sacri re-guerrieri interpreti del destino della stirpe. Chi è fuori diventa estremista e chi è dentro prende le briciole che cascano dal tavolo dei ricchi e ringrazia i padroni del momento; se domani verremo conquistati da altri padroni con altre regole, altri favoriti, altri tiranni da imporci, altre caste da elevare alla dignità del potere politico, questa massa di popolo che tira a campare s’adeguerà. Del resto in un mondo umano dove il denaro è tutto chi perde le sue proprietà si condanna alla morte civile e politica. Perché non dovrebbero in fin dei conti amare il denaro che è vita della vita, perché il desiderio del potere che è potere non dovrebbe trasformarsi in una nevrosi, in una condizione da vecchia isterica.

-          Lazzaro: Siamo alla "tribalizzazione" d’Italia e purtroppo i partiti politici hanno dato un contributo immenso alla degenerazione del popolo, millenni di civilizzazione d’Italia sono stati spazzati via da questa Repubblica giunta al suo secondo tempo. E’ come se l’antichità Romana, come se il diritto che abbiamo ereditato dai Cesari nella notte dei tempi, come se la carità cristiana fortificata da un martirologio impressionante durato secolo fosse tutto dissolto. Tutto maciullato, spezzato, corrotto, degenerato fino a rasentare la follia. Ora è arrivata questa nuova guerra con la spada di Damocle di una partecipazione italiana che spazzerebbe via in un colpo solo la Costituzione visto che dal popolo iracheno non è mai arrivata alcun tipo di offesa e a quanto pare le armi proibite quello lì non le ha. Anzi se la vogliamo dir tutta quel Raìs prendeva Euro in cambio del petrolio, ci faceva perfino un favore. Lui dava energia fossile preziosa ed noi si stampava carta con la quale comprava materiali soggetti a embargo e controllo.  Il danno fato dai vecchi partiti era grave ma almeno in parte scusato dalla pesante eredità che raccoglievano, ma passato l’immediato dopoguerra il clientelismo sfacciato, il consociativismo, la ruberia legalizzata, i metodi opachi di gestione della spesa pubblica, l’intromissione dei servizi segreti e deviati nella politica del paese, le bombe ignote, hanno degenerato il nostro popolo trasformandolo in tanti pezzi scomposti, in una massa informe di cose diverse, ostili e litigiose; in qualcosa di peggio del popolo bambino del Duce.

-          Sergio: Così alla fine sei perfino più critico di me…

-          Lazzaro: Non sono pazzo, questi mali li vedo e non possono essere l’opera di un privato per quanto ricchissimo possa essere, il Belpaese è venuto meno a se stesso. La politica che doveva curare i mali e ammonire ha coltivato ogni strumento di divisione politica e sociale per creare clientele e gruppi sociali forzati a render conto al protettore politico,  e questo aldilà dello schieramento e del colore. Ma la cosa più grave, più dura da dire e da ammettere…

-          Sergio: La dico io, ti tolgo un peso… Alla maggioranza degli italiani faceva comodo così. Hanno goduto. Per star con un padrone e far il tifo non c’è bisogno di fedeltà, di vincoli di sangue, di fede religiosa di onestà. Basta obbedire dietro compenso. Siamo più che un popolo di corrotti: siamo un popolo di traditi e di venduti. Che hanno tradito e si sono venduti e per la legge del contrappasso di nuovo saranno traditi e venduti e ancora tradiranno e venderanno se stessi e gli altri. Secondo un ciclo infinito che solo una grande fede può spezzare. O forse dovrei semplicemente dire che accordiamo la coscienza e  la memoria personale e storica con ciò che a seconda dei casi ci porta un profitto immediato possibilmente  in denaro sonante. Ma per dire di no al Dio-denaro occorre avere dei valori, coltivarli, amarli, soffrire per essi.




22 gennaio 2011

Il Belpaese: Scala Sociale

Il 
geotermico: ottenere energia dalla Terra

Le Tavole delle colpe di Madduwatta: Secondo Libro

IL BELPAESE E LE SUE PAURE NASCOSTE: Scala sociale

Il Belpaese è nei fatti popolato da una maggioranza di umani che sono dipendenti per stipendi e salari dallo Stato o dai privati. Quindi la maggior parte degli italiani non sono imprenditori, manager, liberi professionisti.  Ora capita che su tutto il Belpaese cali una forma di persuasione pubblicitaria, televisiva, cinematografica che individua proprio nelle minoranze di ricchi che sono in alto nella scala sociale la miglior forma di vita sociale in virtù della loro capacità di accedere a beni di consumo superflui. Quindi tutti coloro che vivono al di fuori della ricchezza ostentata, della notorietà televisiva o politica e dei privilegi presi con l’astuzia o ereditati cadono nella condizione di esseri grigi, anonimi, ignoti ai più e in generale di stipendiati, di essere a modo loro lavoratori.   Si tratta delle forme visibili della scala sociale di oggi, in essa gerarchie antiche vengono dissolte e spariscono e nuove caste di ricchissimi e nuove categorie di potenti s’innalzano. Oggi nella scala sociale ai livelli più alti si presentano facce nuove  e nel loro essere novità spaventano e turbano i molti, il tutto nell’indifferenza arrogantissima e crudelissima di chi vive di politica e ormai da decenni è estraneo alla storia e alla vita delle diverse genti d’Italia. La nostra politica di professione è fatta da specialisti del consenso e della mediazione sociale e legale, esseri estranei alla sofferenza e alla quotidiana fatica di milioni d’italiani. Queste minoranze che fanno della rappresentanza politica una professione lucrosa si rivolgono all’elettorato per ragioni di consenso, di voti referendari, di conteggio fra di loro per dividersi posti elettivi e cariche di responsabilità.  Tuttavia alcuni fenomeni turbano la sicurezza relativa di chi vive di politica e dei ceti professionali o parassitari miracolati dall’iniqua redistribuzione della ricchezza e del carico fiscale creata ad arte dal sistema sociale e politico. Nella scala sociale nostrana da un paio di decenni fa capolino l’immigrato di colore o asiatico che è diventato piccolo imprenditore e talvolta assume perfino personale italiano o è in grado di fornire merci e servizi diventando così un soggetto importante dei fatti sociali ed economici di un territorio. Questo accade con regolarità in Veneto e in Toscana ma sono sicuro che altre regioni sono interessate da questo fenomeno, e così l’altro ascende nella scala sociale e sotto di lui milioni di umani originari da più generazioni del Belpaese che si trovano scavalcati e non sanno che cosa pensare o cosa raccontare a se stessi e agli altri. Per chi scrive il razzismo nostrano è principalmente, ma non solo perché è una massa informe di fenomeni diversi, il terrore di vedersi travolti dall’altro che ascende e lascia indietro chi da secoli è presente sul territorio con la sua famiglia e le sue storie. Una vertigine prende lentamente e inesorabilmente le genti del Belpaese che voltandosi indietro con la memoria osservano il passato dell’infanzia e della gioventù e non ne trovano più traccia in questo presente che ha forse l’unico merito di aver dissolto le troppe illusioni inquinanti del passato. Così persa la continuità con il passato anche in relazione alla scala sociale e la speranza in un Belpaese che assunto una forma inedita e non voluta resta solo la concretezza dei soldi, dei terreni, delle case, dei fabbricati e capannoni posseduti.  Alla fine il nostro popolo si conferma permeato da brama di cose materiali e di piaceri misurabili in termini di denaro contante. La sua natura collettiva sembra nel complesso estranea a qualsiasi astrazione spirituale o metafisica, a qualsiasi giustizia che non sia misurabile in denaro contante, a qualsiasi potere che non sia espressione di una forza fisica e coercitiva presente e forte. Ma quanti si sono abituati a vivere nelle certezze e nelle rendite di posizione del Novecento dovranno subito far i conti con questo pesantissimo nuovo millennio che si presenta dissolutore di tutte le antiche illusioni del passato e permeato di minacce e inquietudini apocalittiche. Quando la crisi comincerà a determinare il volto delle presenze sulla scala sociale del Belpaese quel che sarà dell’Italia sarà qualcosa di estraneo alle vicende dei padri e dei nonni, l’altro avrà modificato in profondità la natura stessa della composizione sociale e personalmente stimo anche delle ragioni intime dell’attribuire senso a questa vita. La scala sociale diversificata con l’apporto delle nuove comunità porterà anche nell’immaginario collettivo le ragioni intime e vitali degli altri e le genti difformi e disperse del Belpaese saranno forzate a determinare che cosa sono e cosa sono state e cosa vogliono essere in futuro. La scala sociale non è più un fatto dei soli italiani-italiani ma oggi appartiene anche all’Italiano-Marocchino, Italiano-Cinese, Italiano-Filippino, Italiano-Rumeno ecc…

La fortuna di nostri che vivono di politica è che la maggior parte delle genti del Belpaese che hanno l’abitudine di votare non ha ancora capito questa cosa e pensano di vivere nel 1986 o giù di lì, dentro l’Italia dei sogni impazziti. Una bella fortuna davvero per costoro.

IANA per FuturoIeri






20 gennaio 2011

Commento intorno alle lotte dei consumatori



Il 
geotermico: ottenere energia dalla Terra



Ho commentato uno scritto di Nader tradotto da Franco Allegri.
Questo era l'argomento:"Le lotte di Katsuko Nomura*
Era uno scritto del 27/08/2010 di Ralph Nader che trattava di Katsuko Nomura – una costruttrice di gruppi del consumatore, cooperative di lavoro e per i diritti delle donne per oltre 55 anni in Giappone. Questa attivista per i diritti del consumatore se ne è andata all’età di 99 anni.
Per Ralph Nader questa donna  fu una dei più importanti leader di lotte per i diritti del consumatore e per i diritti civili di tutto il mondo e secondo lui potrebbe essere considerata una cittadina del mondo per la vastità delle sue attività.

Questo pezzo fa pensare ad alcuni dati di fatto trascurati e ignorati in Italia. Ho deciso quindi di scrivere alcune impressioni intorno a questo pezzo che pone domande inquietanti sul nostro paese così meschino e arretrato sul piano dei diritti e della consapevolezza.

1. Si può far politica senza puntare a incarichi di partito, assessorati, carriere ma mobilitando l'opinione pubblica e fondando gruppi e associazioni attive sul territorio e o su un qualche problema di natura collettiva. E' politica anche questa nel senso che determina un rapporto fra il potere occulto ma concreto e dominante quello del denaro e gli oggetti che ne garantiscono la continuità ossia gli esseri umani.

2. Il denaro è centrale nei rapporti politici e sociali delle realtà che fanno parte del sistema capitalista. Lavorare sul rapporto stretto che corre fra vita e denaro posseduto è agire in senso politico

3. Il consumatore non è il cittadino. Il cittadino-soldato del Novecento era una cosa il consumatore è quasi il suo opposto. Il potere del consumatore è nel chiudere o aprire il portafoglio, la sua arma il boicottaggio di un prodotto o di una multinazionale.

4. La vita degli umani è coincidente con il denaro e con la capacità d'acquisto in un sistema capitalista felice d'esser tale.

5. In generale in Italia non c'è alcuna sensibilità per questo modo di far politica e di ragionare. Nel Belpaese non c'è una massa di esseri umani in grado di capire questo modello. Per le genti del Belpaese esiste solo il qui e ora e non sono in grado di vedere oltre il loro piccolo e privato interesse privatissimo o nel migliore dei casi di famiglia nel senso più stretto e limitato del termine.

6. Chi ha accolto fino in fondo il sistema industriale  e capitalista, intendo nel senso di popoli e di civiltà, ha costruito dei modelli di rappresentare il disagio e di portar avanti legittime esigenze. Nel Belpaese si è falsificata la realtà per poter assicurare alle minoranze al potere il controllo su una popolazione ora distratta ora rincretinita da finte e  assurde ideologie paritiche e da promesse elettorali tanto mendaci quanto disoneste.

7. La pubblicità commerciale è la forma prevalente di cultura e di ostentazione delle leggi non scritte della convivenza civile nel sistema capitalista orientato al consumismo. Occorre costruire degli anticorpi alle possibili infezioni; questo non può essere in Italia dove l'essere umano è assolutamente coincidente con i suoi beni, con i suoi privilegi, con  le sue reti clientelari, con le sue frequentazioni. La pubblicità commerciale determina di volta in volta il senso e la natura di essere uomini e donne nel Belpaese.

8. In Italia il divino è coincidente con il possesso, Dio è il denaro per la stragrande maggioranza delle donne e degli uomini nel Belpaese nel senso che esso è la nuova sacralità perchè conferisce alla vita degli esseri umani il suo senso e la ragione unica del vivere. Senza forme di contrololo del processo di coincidenza fra la vita e il possesso di denaro e di beni di consumo c'è solo una sottomissione acritica e  fideistica a questo nuovo Dio.

9. La politica nel Belpaese è venuta meno alle sue ragioni e non è più un sistema per tradurre esigenze e inquietudini della cittadinanza in forme della civile convivenza e leggi. La grande politica formale e  ufficiale è un lavoro particolarissimo che coinvolge  circa mezzo milione di Italiani fra addetti e indotto e serve alle forze sociali organizzate, a interessi economici particolari, a gruppi di potere, a singoli personaggi, a singole dinastie di plurimiliardari. La massa indistinta e inquieta della popolazione ne è esclusa perchè non ha modo di operare forme quotidiane efficaci di controllo sul mandato elettorale o di modicare sostanziialmente le agende e dei partiti politici e la volontà dei grandi interessi finanziari che determinano le grandi scelte dell'Europa e  del Belpaese.

10. La donna italiana nel complesso ama la proprietà, teme il cambiamento, svolge una funzione di conservazione e di fedeltà all'esistente sentito come garanzia dei suoi beni e della famiglia. Le Katsuko Nomura sono improbabili nel Belpaese e comunque sarebbero delle singole persone in lotta contro tutta la realtà esistente.

IANA




19 gennaio 2011

PUTTITALIA ALL'EPILOGO

Qualche anno fa abbiamo inventato PuttItalia, la cronaca di potenti che si abbrutiscono nei modi più squallidi.
Oggi PuttItalia è all’epilogo finale, un Paese a puttane moralmente, economicamente e soprattutto politicamente! Si salvi chi può.
 
P.S.  Solo una cortesia, non chiamatele "Escort", "Ragazze immagine", "Veline", ecc., chiamatele col loro nome: prostitute.
 
 
Associazione FUTURO IERI - http://digilander.libero.it/amici.futuroieri
 




14 gennaio 2011

Il Fascista Immaginario


Le Tavole delle colpe di Madduwatta. Libro Secondo

Libro secondo

Il Fascista Immaginario

Breve scritto teatrale sulla disgregazione del vecchio mondo umano al tempo del ministro della pubblica istruzione Letizia Moratti e dell’ennesimo governo Berlusconi; è l’ estate del 2003.

-          Lazzaro si prende una pausa, Sergio  osserva attento i suoi movimenti, le mani, il libro con il biglietto, il movimento degli occhi.

-          Lazzaro: Forza. Parli di forza. Ma quale? Guarda questo Belpaese per ciò che è davvero. Una pletora di anziani terrorizzati dall’idea di perdere la pensione, di finti docenti, di falsi profeti della politica, di apprendisti stregoni che vivono di pubbliche relazioni e di politica professionale. Tutti quanti campano al di sopra della realtà e dei propri mezzi grazie alle loro frodi, ai loro inganni, alle loro mistificazioni. No il potere è nelle mani della grande finanza, delle pochissime famiglie di miliardari in euro, dei generali stranieri che sono in relazione con i complessi militar-industriali dei loro imperi di riferimento, dei grandi burocrati, dei livelli alti della politica e della diplomazia. Questi sono i forti. Ceti sociali o se si vuole caste formate da minoranze piccolissime che sono al potere o ne controllano delle frazioni. Un messia politico che trascina il popolo dalla sua o è espressione di questi poteri oppure è morto o carcerato prima ancora d’iniziare. No non c’è nessun Messia o Redentore sul piano politico ed economico. C’è solo lo squallore di un mondo senescente pieno di paure e terrorizzato dall’idea di perdere quel poco che ha strappato con la frode, il lavoro, la disonestà alla malvagità del mondo e all’iniquo sistema sociale della Repubblica. La forza dell’Italia. Ma quale? Quella dei migranti poveri che lavorano per pochi euro l’ora, dei nuovi poveri, di quelli che s’arrangiano, delle famiglie con madre e padre con lavori saltuari e precari e le famiglie d’origine dissolte. Ma di che si parla? Oggi un turbine di anziani terrorizzati brama solo ed esclusivamente di divorare le residuali risorse pensionistiche e sociali con ingordigia ed egoismo ignoti a tutta la storia precedente di queste nostre sfortunate genti d’Italia. Mai è capitato che l’egoismo sociale degli anziani si sviluppasse al punto di determinare politiche così miopi, distruttive, disgregatrici della solidarietà fra generazioni. E’ evidente anche a un cretino che se intere generazioni svolgono lavori malpagati e saltuari non potranno dare i contributi pensionistici ad una massa di anziani bisognosi di cure sanitarie costose, di supporto sociale, di sussidi e ovviamente di pensioni. Quanto può dare un precario della Scuola, un assunto dal Comune per tre mesi, un  migrante che lavora in nero e senza permesso di soggiorno, un disoccupato  o uno sbandato.  Il disinteresse per noi, per coloro che vogliono insegnare, educare, costruire un Belpaese meno osceno, irreligioso, empio corrotto, degenerato ha una dimensione suicida. Forse c’è una pulsione di morte in Italia, una spinta interna che sta puntando alla dissoluzione dello Stato e alla rovina estrema del nostro popolo.

-          Sergio: Credi nelle stelle? Non è una presa in giro… Vedi io credo che sia vero che questo è un tempo di passaggio fra ere, fra modi d’essere umani qui nel pianeta azzurro.

-          Lazzaro: Cosa cerchi di dire? Sei uno di quelli che va dietro  la New Age e la teoria che stiamo entrando nell’Età dell’Acquario. Sei fuori di testa fino a questo punto?

-          Sergio: No. Credo in ciò che è reale e il reale muta, degenera, rinasce, si scompone  e ricompone per azione dell’uomo e della natura. Se sia una nuova Era che apre le porte a una nuova forma d’esistere della razza umana non lo so, e non lo posso sapere. Ma è evidente che i forti possono sopravvivere al male e  non c’è solo la forza del soldato o del poliziotto che si basa sulle armi. C’è l’intelligenza di chi conosce i fatti e sa cosa sia reale e cosa sia illusione, c’è la forza di chi ha fede e prega, la forza di chi vuol costruire e non distruggere. Forse alcuni nemici sono comuni. Ma tu dai un forte valore sociale e di ceto a quel che è una natura morale e antropologica. Ci sono umani che sono malvagi e nascono malvagi e vanno in alcuni momenti del corso storico messi in condizione di non nuocere con tutti i mezzi. Ordinariamente la loro funzione è di distruggere i deboli annientando e razziando le risorse economiche e disgregando la solidarietà fra simili per aumentare il caos, la paura, il disordine, la follia. Quando la misura è colma arriva poi la purificazione necessaria, legittima, santa. Quel che rimane una volta purificato è più forte, più saldo, più elevato. Il salto spirituale e antropologico di chi studia magia e astronomia è una realtà naturale, un fatto quotidiano, privato che ha una sua dimensione collettiva e perfino ecologica. Cambia la natura distruggendo le mutazioni naturali o indotte incapaci di relazionarsi al meccanismo complesso della vita sul pianeta azzurro; così è per gli esseri umani. Il meccanismo sociale e civile del capitalismo di questo terzo millennio è fatto per stroncare ogni forma di vita singola o associata che si riveli incapace di relazionarsi ad esso. E’ una macchina artificiale  che completa e rafforza il meccanismo di selezione naturale. Forse è più della natura è un nuovo Dio creato però dagli esseri umani per gli esseri umani. Per me è il segno che è possibile mutare con la forza la natura dell’umanità e dare ad essa una forma, un segno, una vita ordinata secondo una volontà dominate impersonale in grado di muovere forze collettive.

-          Lazzaro: Incredibile! Astrologia, New Age e Darwinismo sociale tutto mischiato assieme. Forse abbiamo dei nemici comuni, ma la confusione è tanta in questa stanza. Di tutti i fascisti che ho ascoltato finora tu sei il più strano, il più originale.



sfoglia     dicembre        febbraio
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email