.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


31 maggio 2010

La grande fortuna di Pier Paolo Pasolini- pezzo ripubblicato

31 Mag, 2010

De Reditu Suo - 2° libro: La grande fortuna di Pier Paolo Pasolini

S




De Reditu Suo - Secondo Libro

La grande fortuna di Pier Paolo Pasolini
14/02/2010
Del Prof. I. Nappini
Il poeta e regista forse non se rendeva conto, o forse sì, ma la sua era una vera e propria fortuna: i suoi persecutori che lo trascinavano in tribunale erano veri e c’era davvero gente capace di provare odio e disgusto.
La sua lotta civile e culturale s’integrava nei termini di qualcosa che era ancora vivo anche se profondamente malato di corruzione, ignavia e cinismo.
Oggi tutto è merce, perfino la critica dura e impietosa si trasforma in prodotto, tutto è divorato dal sistema di produzione, spettacolo e consumo anche l’urlo del predicatore nel deserto e il monito dell’intellettuale impegnato assumono senso se entrano nelle logiche e nei percorsi dei sistemi di comunicazione di massa.
L’odio è un sentimento forte e oggi è ormai merce rara in una civiltà a metà strada fra il centro commerciale e la catastrofe ecologica planetaria.
Al disprezzo e al contrasto si preferisce il silenzio per malvagità, per incapacità di comprendere e per la folle e assoluta volontà di portare a buon fine interessi privati manipolando le leggi, gli appalti e i piani regolatori.
Non dico niente di nuovo su tutto questo, il lettore pensi a tangentopoli.
La cultura alta e profonda è estranea alle logiche del potere di oggi che è solo l’estensione della volontà di finanzieri, manager, banchieri, sceicchi, e trafficanti di ogni specie.
A queste caste al potere interessa solo un minimo di Stato che tuteli in qualche modo la proprietà privata e la libertà di commercio.
Non credo che esista un centro di potere malvagio, quel che è avvenuto è stato un percorso segnato dal collegarsi e svilupparsi di più volontà, di più progetti di dominio e controllo e dalla volontà di potenza di realtà imperiali globali.
Quindi più attori pubblici e privati di dimensioni imperiali con interessi assolutamente egoistici e cinici hanno condotto le vicende planetarie negli ultimi decenni e ormai tocca vedere una terza rivoluzione industriale che sta smentendo tutte le ragionevoli aspettative di progresso e benessere.
Alle rovine della vecchia Italia e dei suoi antichi poteri si sommano le rovine di tangentopoli e un giorno potrebbero sommarsi quelle del Berlusconismo.
Una massa informe di cose morte e miti perduti e svergognati non può creare odio, rabbia, lotta e martirio ma solo diserzione, fuga e furberie da strapazzo.
Forse l’Italia di Pasolini era quella della fine di modi di vivere e di essere di natura arcaica e a loro modo tradizionali, questa di oggi è l’Italia dove i nuovi miti e i nuovi spettacoli rivelano la loro natura assolutamente strumentale e volta a calmare un popolo di tapini, di impoveriti e di popolazioni piene di problemi non risolti.
Il mondo umano dell’Italia di oggi è qualcosa di talmente deforme e inesprimibile che anche l’odio di parte cessa di essere un fatto assoluto per diventare o un problema privato o una stramba continuazione dello spettacolo permanente nel quale è immersa la politica e il sedicente “mondo dell’informazione”.
Sui processi di P. Pasolini umilmente rimando al sito http://www.pasolini.net/processi_cronologia.htm
—-
Il professor Nappini cura il sito http://noglobalizzazione.ilcannocchiale.it




30 maggio 2010

L’Italiano educato dagli stranieri invasori- terzo discorso






De Reditu Suo - Terzo Libro

L’Italiano educato dagli stranieri invasori- terzo discorso

A far due conti facili si vede subito il problema, un professore di storia e filosofia del Liceo è  sicuramente colui che alla vigilia della maturità impiegherà dalle quattro alle cinque ore per spiegare la Seconda Guerra Mondiale. Tolto l’appello, una o due interrogazioni, la lettura delle circolari avrà a disposizione più o meno il doppio del tempo di quello strano film di Tarantino su un gruppo di bizzarri killer di nazisti nella Francia Occupata. Considerando la quantità cospicua di videogiochi sulla Seconda Guerra Mondiale e considerando che per concludere uno di essi a un livello di difficoltà medio ci vuole circa quindici ore di sessione di gioco si può fare il facile conto che il videogioco ha una durata tripla o quadrupla rispetto alle ore di lezione del docente. Questo dato banale che credo sia opportuno considerare dimostra che il momento della lezione sulla Seconda Guerra Mondiale è per numero di ore inferiore rispetto alle migliaia di immagini di informazioni, perlopiù incontrollabili, che arrivano non da gruppi di nazisti o comunisti  fanatici ma dai videogiochi.  Lo stesso problema si ripete per Napoleone ora che è uscito videogames ben fatto sulle sue imprese. Quindi anche se la politica politicante è stimolata ad occuparsi della Seconda Guerra Mondiale il problema si spande su tutta la storia. Il lavoro del docente sposta la conoscenza su un piano diverso quello dei fatti storia e delle interpretazioni, tuttavia il suo lavoro si colloca dentro delle menti già suggestionate da centinaia quando non da migliaia di ore di fruizione di  prodotti d’intrattenimento di varia natura che hanno già orientato l’immagine di un certo periodo storico quasi sempre con un taglio spettacolare. Dove viene prodotto il grosso di questi videogiochi, di questi film, di questi documentari: fuori dal Belpaese! E’ evidente che alla politica interessa poco o nulla di come viene recepita dalle nuove generazioni la storia patria e il Novecento altrimenti si porrebbero il problema di non lasciare a privati stranieri il monopolio quasi totale delle immagini e delle suggestioni di carattere storico che penetrano nella testa dei bambini e degli adolescenti. La politica politicante s’accontenta di dar  ragione a seconda dei casi e delle occasioni a qualche minoranza che si rivolge culturalmente all’esperienza fascista o partigiana per motivi di consenso e per raschiare il fondo del barile quando ci son di mezzo le preferenze elettorali. Del resto mi è sembrato d’osservare che quando le nostrane elezioni si svolgono senza preferenze il peso dell’antifascismo o della cultura della destra-destra si sente meno, forse è cattiveria ma ritengo di veder giusto nel sospettare dei discorsi di chi si fa alfiere di cause ancestrali e poi ragiona di piani regolatori, collocazione di stadi di calcio, centri commerciali, lavori pubblici, destinazioni di fondi, e affini. La politica qui è di solito un mestiere.

 

IANA per FuturoIeri




30 maggio 2010

L’Italiano educato dagli stranieri invasori- secondo discorso




De Reditu Suo - Terzo Libro

L’Italiano educato dagli stranieri invasori- secondo discorso

Certo che le genti d’Italia sono straordinarie: la memoria della Seconda Guerra Mondiale passa per milioni di giovani attraverso videogiochi e film stranieri che parlano e descrivono, fra una finzione ludica e tanti  effetti speciali, la gloria dei loro eserciti e le imprese dei loro condottieri ed eroi, molti dei quali assolutamente di fantasia. La Seconda Repubblica ha ereditato dalla Prima una retorica roboante, finta, para-risorgimentale che fa della Seconda Guerra Mondiale il momento del riscatto e della ritrovata libertà. Il problema è che su questo concetto alto e nobile una parte d’Italia non la pensa così e non si tratta solo dei post-fascisti ma anche milioni di delusi da questa democrazia all’italiana che ama solo i ricchi, intanto una massa enorme di suggestioni, immagini, film, videogiochi risentono del loro essere stati creati in qualche altro paese. Altrove il giudizio su quel periodo di storia del Belpaese è impietoso e l’Italia o è collocata fra le forze dell’Asse o semplicemente è inesistente.  Invito quanti non ci credono a verificare confrontando qualche decina di videogiochi dedicati alla Seconda Guerra Mondiale fra i tanti prodotti.  Inoltre quando si tratta di Partigiani e Resistenza spesso si vedono film poco caritatevoli come “Miracolo a Sant’Anna”, un film che oltre a suscitare polemiche rivela come gli altri popoli non usino il nostro metro di giudizio e non siano usi a ipocrisie e letture ideologiche. Per  gli altri ci sono i vincitori e i vinti, gli amici e i nemici, i soldati e i mercenari, il combattente buono e bello perché amico e quello malvagio e brutto perché nemico. Poi gli sceneggiatori e gli sviluppatori  complicano la trama di film e videogiochi, fra gli eroi c’è il solitario, il vendicativo, il ladro, il generoso e fra i nemici l’idiota, il torturatore, il genio del male, il complice inconsapevole; la trama può esser complessa, i personaggi ben fatti ma tendenzialmente la divisione fra buoni e cattivi e fra eroi e delinquenti è netta. Forse solo alcune opere, e non sono la maggior parte, dell’animazione giapponese rompono questo schema manicheo che è al fondo della maggior parte delle produzioni. Devo però correggermi subito e ammettere che non sempre le opere di cui ho detto trattano dell’argomento in oggetto. Cosa resta quindi del ripensare la propria storia della Seconda Guerra Mondiale nel Belpaese? Credo essenzialmente un discorso politico marginale indirizzato a minoranze fortemente politicizzate perlopiù reso rozzo e fazioso dal fatto che l’esperienza di guerra e la Resistenza non è al centro del vero discorso politico che in Italia verte su: riforme, nomine, fondi, grandi progetti e grandi appalti, elezioni, sanità e aziende municipalizzate e presenza politica nei consigli d’amministrazione delle fondazioni bancarie. Gli stranieri fanno fatica a capirci e hanno ragione.

IANA per FuturoIeri




29 maggio 2010

Uno scritto molto difficile sul non detto finora

Uno scritto molto difficile sul non detto finora

Non vorrei esser frainteso, ma ho l’impressione che stia prendendo forma una sorta di nuovo millenarismo, di crisi di fiducia nel futuro e in questa realtà che si traduce in credenze di tipo magico, ufologico, New Age. Sento e percepisco una crisi di valori e di senso tanto profonda quanto reale che striscia fra le pieghe dei discorsi, che narra di inquietudini enormi che sono la manifestazione di paure inconfessabili o ancestrali. Percepisco una crisi del fatto religioso non come istituzione ma come senso profondo, come fede in quanto tale. Ho fatto una piccola ricerca privata anche su youtube e su certi autori, che mi ha disturbato molto, intorno a certi aspetti pseudo-religiosi dei diversi “esperti” di alieni come von Däniken, Zecharia Sitchin, Malanga. Ho letto le loro convinzioni come una ricerca di un qualcosa di divino e sacro non più rintracciabile nelle forme della società contemporanea. Questa ricerca del sacro che guarda a possibili presenze aliene nel remoto passato della terra è indice di una crisi radicale dei valori e delle credenze e anche se finora essa è stata limitata finora a gruppi di appassionati a temi legati all’occulto capisco che essa è il segnale di paure sedimentate nella società industriale. Il senso della vita è in crisi profonda nella presente civiltà perchè questo sistema di valori premia il possesso dei beni e milioni di esseri umani sono esclusi dalla grande festa dell’abbondanza finta o non ci credono più. Ecco che le paure profonde e le inquietudini inconfessabili si materializzano in una sorta di pesante attenzione misticheggiante alle teorie clipeologiche, ufologiche e della cospirazione. Questo accade quando la civiltà è scossa dalla crisi economica, la fede diventa un fatto politico o spettacolare, nuove potenze imperiali emergono e la grande potenza imperiale statunitense entra in crisi. C’è qualcosa di spaventoso nella piega che ha preso questa civiltà industriale giunta al suo terzo tempo. Sembra, ma in qualche caso è bene togliere il sembra, che ciò che prima era attribuito a Dio, agli angeli e ai demoni venga attribuito di peso a forze aliene; ad esempio il concetto di matrice creazionista, teso a mettere in discussione la teoria dell’evoluzione darwiniana,  di un atto soprannaturale che fonda la razza umana  è oggi mutato in una teoria che vuole l’umanità manipolata da alieni, o comunque l’elemento alieno avrebbe interagito con le prime forme di civiltà. Queste teorie non sono novità, le leggevo da pre-adolescente sui libri di Peter Kolosimo, autore fermo nelle sue convinzioni clipeologiche e ufologiche e nel concetto del condizionamento alieno all’inizio della civiltà umana. Le sue teorie il Kolosimo le aveva esposte e pubblicate fin dal 1969 anno del suo successo editoriale. Tutto questo bagaglio fra l’ufologia e la metafisica torna prepotentemente oggi grazie a internet e ai libri e al millenarismo legato al 2012. Questo però è possibile perché la crisi di senso che attraversa la civiltà industriale è profonda, così profonda che deve cercare teorie così lontane e improbabili per darsi un punto di riferimento, per trovare qualche risposta alla domanda: Chi siamo?
  In questi anni c'è la novità di questo ritorno del già noto perché la questione “aliena”, per così dire, adesso si lega a tendenze misticheggianti, magiche o a visioni delle origini dell’umanità di matrice creazionista. In realtà credo che dietro il mistero e il discorso su ciò che non è ancora spiegato ci sia una inconfessabile speranza di veder chiaro dentro il senso della vita umana e dentro il destino della propria civiltà, uno sforzo di comprensione che un tempo sarebbe stato proprio delle divinità e dei profeti. Quindi da un certo punto di vista l’altro deve esistere, non è solo una questione filosofico-bruniana del ritenere ragionevole e razionale l’ammettere la vita su altri pianeti ma piuttosto un delimitare un senso e un confine alla propria condizione umana proprio quando una serie di confini mentali e abitudini consolidate sembrano venir meno per via dell’immigrazione, dei cambiamenti climatici, delle nuove tecnologie che cambiano le relazioni fra gli esseri umani; ad esempio penso ai telefonini in grado di fare foto, film, e collegarsi in internet. Non mi ero mai reso conto di quanto profondissima e gravissima fosse questa crisi, anzi comincio a pensare che essa segni un momento di passaggio forse è in arrivo un terzo tempo della Terza Rivoluzione Industriale o perfino una Quarta Rivoluzione Industriale. Il presente adesso può diventare passato.

IANA per Futuro Ieri




27 maggio 2010

Pasolini Pierpaolo e la guerra che le genti d’Italia non hanno combattuto




De Reditu Suo - Terzo Libro

 Pasolini Pierpaolo e la guerra che le genti d’Italia non hanno combattuto

Fra gli anni sessanta e settanta le genti d’Italia sono diventate parte di una civiltà industriale, si sono adeguati a un modello di produzione e sviluppo di natura consumista e culturalmente conformista. Come aveva osservato Pierpaolo Pasolini l’Italia delle antiche culture popolari, contadine, operaie si dissolveva nel giro di pochi anni, al posto di tanti modi di vivere e di essere uomini emergeva un modello di vita e comportamento fondato sul consumatore. I valori della civiltà industriale stavano annientando e sostituendo quelli della tradizione di carattere  religioso o popolare, e questo annientamento vede alcuni singoli protestare nell’indifferenza generale e nel fastidio di gran parte della popolazione; fra questi singoli c’era appunto il poeta scomodo. Le forze politiche e sociali  del periodo avrebbero dovuto almeno provare ad indirizzare questo sviluppo di potenza economica e industriale che trasformava le periferie e modificava in profondità abitudini e costumi. La politica si era ritirata da uno dei suoi ambiti quello di lavorare sul quotidiano e sulle abitudini fin dagli anni settanta primi anni ottanta. Al posto del’attività del potere  politico arrivò la pubblicità commerciale e le prime televisioni private che promuovevano modi di parlare e stili di vita legati al consumo di merci e servizi. Perché una realtà come quella Italiana non si è opposta alla disgregazione delle sue abitudini, delle culture originarie operaie, contadine popolari, alla mutazione delle speranze delle prospettive. Credo perché i modelli di vita precedenti erano modelli di vita che per le diverse genti d’Italia rappresentavano un mondo cittadino o contadino intriso di povertà di senso del sacrificio e del risparmio; per la prima volta si presentava alle difformi genti del Belpaese qualcosa che mostrava la possibilità di arrivare alla roba, quella roba che prima avevano gli appartenenti al ceto sociale gerarchicamente collocato sopra il proprio. Così l’ex contadino inurbato che trovava un lavoro da operaio e si comprava una macchina utilitaria pensava di esser arrivato al livello del dottore di paese o del capitano dei carabinieri, il ragioniere che riusciva a permettersi un mese di vacanze al  mare con la famiglia credeva di aver raggiunto il tenore di vita del pricipale e tutto questo avveniva  in tutti i ceti secondo proporzione, proprio le antiche miserie hanno favorito la disgregazione di quella che un tempo era “l’Italia bella e povera”. La battaglia per difendere qualcosa delle proprie remote origini non è stata mai combattuta perché in fin dei conti alla maggior parte delle genti del Belpaese interessa solo il qui e ora e quel che possono arraffare dalla vita con la mano sinistra mentre con la destra difendono la roba minacciando chiunque con bastone, pistola, coltello o qualche lettera di diffida del proprio avvocato.

                                                                     IANA per FuturoIeri




26 maggio 2010

Io ho avuto un maestro di arti marziali



De Reditu Suo - Terzo Libro

 Io ho avuto un maestro di arti marziali

Parlare dei propri maestri è difficile, sembra di compiere un furto e di rubare serietà, vita e saggezza a uomini morti da tempo che non possono  semplicemente smentire quel che affermi con una telefonata o una battuta. Voglio correre il rischio e scrivere sul mio maestro di un tempo recente ma già lontano. Il maestro è scomparso ai primi di gennaio del 2009 quello che mi ha mostrato in vita era una lezione di coerenza perché  l’uomo, l’artigiano e lo sportivo erano aspetti del vivere integrati nella sua persona. Ritorno con la memoria all’ultimo periodo del suo insegnamento; molto spesso le lezioni del maestro  avevano un inizio ma non una fine. Di solito le lezioni in un Dojo iniziano con un inchino formale e si concludono allo stesso modo. Per alcuni mesi di fila le nostre iniziavano con il saluto sul tappeto, poi non terminavano con il saluto di congedo.  Era un po’ come se la lezione di Ivo avesse sempre un inizio e mai una fine, come se il suo insegnamento, sempre interrotto dal fattore tempo, dovesse rincominciare di nuovo in una sorta di continuità, in una specie di unità ideale d’azione e di pensiero. Era qualcosa di singolare ma in qualche modo mostrava quell’assoluta unità di cui lui era interprete. Non c’era scissione fra Ivo artigiano, Ivo atleta, fra Ivo maestro e Ivo uomo di tutti i giorni. La sua lezione era precisa, il suo metodo chiaro, la sua azione coerente e generosa. Quest’unità è oggi utopia. Il suo insegnamento era certo quello d’insegnare a lottare: ma con le regole e nelle regole, mai contro di esse. Poi il momento del saluto conclusivo è arrivato davvero, al suo funerale con tutti gli amici e i tanti allievi giunti da ogni dove per onorarlo. La sua lezione era finita, l’esempio che ha dato, invece, è  destinato a durare presso coloro che vorranno far tesoro del suo insegnamento sportivo e formativo. Oggi scrivere di questi personaggi, delle persone singolari, per onestà, coerenza, impegno tradisce la nostalgia, l’illusione o peggio la volontà di fuggire nel trapassato remoto o semplicemente suscita il sospetto nello sconosciuto che ascolta che colui che parla eserciti una qualche ipocrisia farisaica. Il Belpaese è così lontano dagli Dei e dagli Eroi e dalle grandi e sovrane passioni che in molti non possono più  capire il senso intimo di una vita, di una causa, di una ragione profonda, di una questione di principio onesta e filantropica. Ho avuto un maestro e questo è un piccolo privilegio non quantificabile in cruda moneta.

   

                                                                     IANA per FuturoIeri




25 maggio 2010

Ancora Capitan Harlock




De Reditu Suo - Terzo Libro

Ancora Capitan Harlock

Da qualche anno i miei venticinque lettori vengono annoiati con le mie considerazioni sulla serie classica di Capitan Harlock. Devo chiedere scusa ma credo che l’argomento merita ancora qualche fastidiosa ripetizione. Questo personaggio  è di natura nicciano-wagneriana,  infatti la serie del 1999 dal titolo “Harlock e l’Anello dei Nibelunghi” rivela quanto sia forte il legame con il concetto di superuomo che passa però perlopiù attraverso Wagner e la letteratura popolare e i fumetti che non attraverso il filosofo armato di martello. Credo di poter dire che risulta essere un fatto che questo eroe è attualissimo, si scrive su di lui e recentemente in Italia perfino un saggio, vengono rieditati i DVD che raccontano le sue imprese, è parte di un progetto della TOEI di dimensioni notevoli previsto per il 2012. Quindi l’eroe parte di quella schiera di Dei ed Eroi dotati di una forza personale in grado di lottare e vincere contro il nemico interno umano e quello esterno alieno ancor oggi qui nel Belpaese come altrove piace, vende, è apprezzato.  In verità si tratta di una coppia di eroi perché le sue imprese sono svolte d’intesa con Tochiro l’inseparabile scienziato giapponese che fa da spalla tecnologica al capitano pirata di origini germaniche. Proprio l’amico giapponese si trasforma dopo la sua morte altruistica ed eroica nell’intelligenza artificiale del computer dell’Astronave da Guerra Arcadia. C’è a mio avviso l’evidenza di questa storia e di questo personaggio  un essere classico del mondo dell’animazione giapponese e mi spiego le pretese di una certa destra estrema nostrana di assorbire l’invincibile capitano con l’abilità che ha questa parte politica di capire al volo l’importanza di un mito di carattere commerciale che può essere strumentalizzato in chiave politica. La verità che nasconde questo Capitan Harlock è che degli Dei e degli Eroi rimane vera e viva solo l’ombra che gli uomini fabbricano per non sentirsi soli in questo mondo umano che tende alla degenerazione, all’iniquità e alla dissoluzione. L’ombra irreale e virtuale dell’Arcadia, del capitano con il Jolly Roger stampato sulla divisa, la colonna sonora che accompagna le sue imprese sono l’elemento che manca nel mondo reale: quella capacità di trovare il profeta o il condottiero che rovescia una situazione disperata, il messia di turno che redime l’umanità e fa miracoli. Una cosa relativamente piccola come questo personaggio e la sua  storia tutta fantascientifica e inventata rivela un globale bisogno di miracoli e forse l’esigenza di una spinta in avanti verso un futuro lontanissimo per abbandonare un presente meschino, inquinato, moralmente disgregato e senza eroi.

                                                                     IANA per FuturoIeri




24 maggio 2010

Vecchie e nuove tenebre ripubblicato

De Reditu Suo - 2° libro: Vecchie e nuove tenebre

Giordano bruno

De Reditu Suo - Secondo Libro
Vecchie e nuove tenebre

08/02/2010
Del Prof. I. Nappini
A parte qualche ateo, qualche anticlericale e qualche filosofo per professione o presunto tale chi ricorda più Giordano Bruno e la sua testimonianza della libertà di pensiero portata avanti anche difronte a sette anni di carcere, alla tortura e al rogo voluto dalla Santa Inquisizione Romana?
PERFINO CHI MUORE PER PRINCIPI COME IL LIBERO ESAME O LA LIBERTÀ DI RICERCA E DI PENSIERO DEVE SUBIRE LA VIOLENZA DI ESSER OGGETTO DEL DISCORSO DI PARTE IN ITALIA.

Comunque per i pochi miei lettori che non conoscono la vicenda mi limiterò a dire che il filosofo, scienziato, erudito ed ex frate Giordano Bruno fu incarcerato, interrogato, processato, torturato dalla Santa Inquisizione per le sue affermazioni e i suoi scritti e infine venne bruciato vivo a Roma in Piazza Campo dei Fiori nel 1600.
Almeno il vecchio potere inquisitorio aveva il coraggio di entrare nel merito degli argomenti, di verificare e forse perfino di capire le questioni portate dai nemici della fede e dei re per Diritto Divino.
OGGI I NUOVI POTERI SONO INQUINATI DA UN POTERE CHE È PER SUA NATURA ILLEGITTIMO QUANDO HA A CHE FARE CON LA POLITICA ED È IL POTERE DELLA FINANZA.

Questo nuovo potere non può entrare nel merito e deve difendersi con il silenzio, con la frode e con la calunnia.
Nessun regime politico, con la sola eccezione di qualche signore della guerra o di qualche bandito un po’ meglio organizzato rispetto ad altri può pretendere di governare in nome della finanza, ci vuole una foglia di fico sui genitali del potere. Occorre qualche scusa religiosa o patriottica.
IL POTERE CHE CEDE ALLA LOGICA DI SERVIRE LE PICCOLISSIME MINORANZE DI RICCHI SI CANDIDA A NON ESSERE UBBIDITO NEL MOMENTO DEL BISOGNO O DELLA DISGRAZIA, È QUINDI UN POTERE DEBOLE CHE SPESSO TROVA PESSIMI CAMPIONI E PESSIMI CAPI E NESSUNA AUTENTICA FEDELTÀ.

La fede in qualcosa è a pensarci bene il primo degli ingredienti per creare la civiltà e per dare senso ad una realtà collettiva di natura politica.
LE NUOVE TENEBRE SONO PEGGIORI DI QUELLE PASSATE PERCHÉ IGNORANO I LORO LIMITI E LA LORO NATURA, L’IGNORANZA CHE VIENE DAL SERVIRE IN POLITICA L’EGOISMO DEI POCHISSIMI È ANCOR PIÙ VILE E DISTRUTTIVA DEL DOGMA E DEI VALORI ARISTOCRATICI.

Il suo non conoscere limiti rende illimitata la sua portata distruttiva, la sua capacità di demolire ciò che era prima certo e di creare al suo posto cose fragili e incerte disgrega ogni valore morale o di convivenza civile che non sia una trovata pubblicitaria o l’esaltazione di sentimenti egoistici e auto-distruttivi.
La censura avviene semplicemente oscurando i microfoni e le telecamere e pagando esperti di comunicazione e della politica perché rovinino la reputazione e l’opera dell’eretico di turno sia esso un contestatore professionale come Beppe Grillo o il leader di qualche associazione di  consumatori truffati.
Talvolta dove non può arrivare l’arbitrio del silenzio arriva lo studio legale con  le querele e le diffide non appena si presenta il minimo appiglio legale o anche meno.
Il nuovo potere non ha un livello morale perché è per sua natura estraneo alla morale, esso è l’estensione brutale del potere meccanico del Dio-denaro e delle potenze scatenate dalla terza rivoluzione industriale.
Si tratta di una macchina titanica senza guida e senza meta
; chi pensa dominarla è ancor più pazzo di chi finge d’ignorarla, come la morte alla fine travolgerà tutti siano essi re o mendicanti.

Il professor Nappini cura il sito http://noglobalizzazione.ilcannocchiale.it




22 maggio 2010

Una ripubblicazione empolese sul futuro manifestato

22 Mag, 2010

De Reditu Suo - 2° libro: La manifestazione del futuro

 


De Reditu Suo - Secondo Libro
La manifestazione del futuro

06/02/2010
Del Prof. I. Nappini

Se guardo indietro negli anni, alla distanza di due o tre decenni con particolare riferimento a ciò che era opinione comune osservo che non si sono verificate né le profezie catastrofiche di terze o quarte guerre mondiali e neanche si è realizzato il migliore dei mondi possibili, e neanche un compromesso fra queste posizioni.
IL CATASTROFISMO DA DISTRUZIONE TOTALE IN UNA GUERRA NUCLEARE A LASCIATO SPAZIO A GUERRE A BASSA INTENSITÀ E A CONFLITTI ARMATI CHE NASCONDONO EVIDENTEMENTE DIETRO DI ESSI LA MANO DI FINANZIATORI OCCULTI E MERCANTI DI ARMI.

Le speranze di natura positivistica che vedevano nel futuro una dose abbondante di progresso e benessere per tutti si sono arenate davanti alla crisi e all’arricchimento senza precedenti di alcune minoranze di ricchissimi che hanno manipolato l’informazione e la grande politica per trarre enormi vantaggi sociali ed economici.
Il futuro quando si è manifestato come presente ha spiazzato un po’ tutti, anche le meraviglie del computer hanno preso una forma inimmaginabile con Internet e con l’I-Pod e presto con l’I-Pad.
LA MACCHINA CON IL SUO SAPERE UNIVERSALE
pare disponibile e non remota o magica e soprattutto vicina attraverso una strumentazione semplice che rende disponibile il sapere, scritti, immagini e suoni.
Del resto per quanto amaro possa essere devo ammettere con me stesso che la vita di Steve Jobs il genio di Silicon Valley e il fondatore della Apple ha mutato più cose nel mondo umano di sessant’anni di politica internazionale della Repubblica Italiana.
Oggi come oggi 150 anni d’Italia unita non valgono il peso specifico di trent’anni del solo Stato della California.
La creazione di un modello nuovo di mettere in relazione gli esseri umani con l’intelligenza artificiale ha visto proprio alcuni singoli personaggi geniali e lo Stato della California come protagonisti di una rivoluzione tecnologica che è una linea di divisione fra la storia e la cultura la civiltà umana di prima e quella che sarà.
L’ITALIA MENTRE SI CREAVA IL MONDO UMANO NUOVO SI CONSOLAVA CON QUALCHE VECCHIO CIALTRONE CHE DECLAMAVA ROZZAMENTE IL FASCINO DI SECOLI PERDUTI E DI ANTICHE OCCASIONI MANCATE PER CAMBIAR QUALCOSA MENTRE INTERI SETTORI STRATEGICI, RAPPRESENTATI ANCHE DALL’OLIVETTI, VENIVANO SMANTELLATI E TANTE ATTIVITÀ INDUSTRIALI, COMMERCIALI E DI RICERCA CHIUDEVANO O SI TRASFERIVANO ALL’ESTERO.

Forse è per non essere travolti da questo fallimento assoluto e collettivo che ogni anno decine di migliaia di cittadini del Belpaese cercano di trovar lavoro specializzato e ben remunerato altrove in Stati civili dove il merito e il valore e la professionalità conta qualcosa e dove il valore del singolo non è rimesso al capriccio di alcuni potenti o peggio degli interessi dei loro familiari o protetti.
PERCHÉ UN UMANO DOVREBBE LEGARE LA SUA VITA E LA SUA FEDELTÀ A UN BELPAESE CHE NON È E NON PUÒ MANTENERE VINCOLI DI NATURA CIVILE, SOCIALE O DI SANGUE.

Non è possibile che da una parte ci siano solo doveri del cittadino e dell’italiano e dall’altra solo i privilegi dei privati che usano la politica per diventar ricchi e difendere i loro beni strappati alla malvagità del mondo.
Fuggire è l’ultimo dei trentasei piani quando il male si fa marea e il nemico copre la terra con i suoi armati e i suoi servi, allora il guerriero deve salvar se stesso per poter un giorno di nuovo tornar a combattere.
TALVOLTA MORIRE È INUTILE ALMENO QUANTO VIVERE.

—-
Il professor Nappini cura il sito http://noglobalizzazione.ilcannocchiale.it




20 maggio 2010

L'italiano educato dagli stranieri invasori





De Reditu Suo - Terzo Libro

L’Italiano educato dagli stranieri invasori

Certo che di stranieri che son arrivati dalle alpi e dal mare con qualche invasione armata a mondare le genti della Penisola dai loro errori morali, religiosi e politici ne abbiamo avuti tanti. Gli ultimi in ordine di tempo son stati quelli che hanno liquidato i deliri imperiali della monarchia e del fascismo, erano soldati provenienti da tante nazioni straniere e  non si vedeva nella Penisola una tal messe di  popoli in armi contro di noi dai tempi del Rinascimento quando le calate degli eserciti mercenari dei re d’Europa trasformarono le nostre terre e città in campi di battaglia. Gli stranieri invasori hanno sempre cercato di liberarci dal peso dei nostri torti e dei nostri errori. I barbari Goti, Unni  e Vandali al tempo del crollo dell’Impero Romano d’Occidente ci liberarono dai nostri cesari e dalla nostra antica civiltà con le stragi e i saccheggi. Effettivamente anche Alarico Re dei Goti aveva ottime ragioni per conquistare e saccheggiare Roma. I Longobardi che tagliavano le teste ai vinti e le attaccavano ai pali per decorare le loro capanne furono estremamente indignati nel vedere i Bizantini che governavano così male l’Italia, e pregavano pure peggio, e quindi il gran Re Alboino prese la generosa decisione di far vivere le sue genti nella nostra penisola liquidando fisicamente ogni opposizione. Anche in questo caso l’intento filantropico era evidentissimo. Dopo i Longobardi fu la volta dei Franchi di Carlo Magno che ci curarono dalle nostre malsane passioni con una degnissima occupazione tanto ben descritta dal Manzoni.  Dopo di loro nel corso del millennio successivo arrivarono sempre con intenti curativi i germani con i loro imperatori, i saraceni, i francesi, gli spagnoli, gli austriaci, le armate di Napoleone, quelle austriache e infine i Piemontesi e finito il regno dei Savoia e il fascismo arrivò l’Impero Anglo-Americano dopo la Seconda Guerra Mondiale. Il problema che mi diverte e impegna la mia fantasia e le mie scarsissime capacità di vedere il futuro è cercar di capire quali saranno i prossimi filantropi che occuperanno la Penisola con intenti politicamente caritatevoli e curativi. L’ultima volta che è accaduto la cura democratica che abbiamo ricevuto  ci è costata le colonie, i confini orientali e una forte indennità di guerra e i soliti prezzi politici che pagano i vinti ai vincitori, oggi  è stato tutto pagato fino all'ultimo cent. I bombardamenti sulle città d’arte come Milano e Firenze e la distruzione di Montecassino, l’evidente superiorità delle armi altrui, la palese ricchezza degli invasori, la potenza della loro civiltà e della loro cultura  industriale votata al guadagno e al potere hanno svolto una nobile operazione di verità: un popolo di genti diverse abituate a coltivare ogni scelleratezza e ogni egoismo davanti alla morte di massa e alla perdita di senso di tre millenni di cultura e storia patria ha capito la sua inferiorità davanti alla potenza dei  vincitori, e oggi su questo sa e tace.

                                                                     IANA per FuturoIeri



sfoglia     aprile   <<  1 | 2  >>   giugno
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email