.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


29 novembre 2010

SEGRETI INCOFFESSABILI E DEMOCRAZIA TRADITA

Riportiamo, tradotte in italiano (Google Traduttore), le parti finora pubblicate da WikiLeaks concernenti l'Italia. Senza alcun commento o responsabilità per quanto ivi espresso.


 
By: http://cablegate.wikileaks.org/index.html
 
 
SUBJECT: STAFFDEL KESSLER DISCUSSES IRAN WITH MFA, ENI, PD
 
Classified By: DCM Elizabeth Dibble for reasons 1.4 (b) and (d)
 
SUMMARY
-------
 
1. (C) Staff Director of the House Foreign Affairs
Committee (HCFA) Dr. Richard Kessler and HCFA staff members
probed senior MFA and energy and gas parastatal Eni officials
on Italy's intentions concerning Iran sanctions and prospects
for effective multilateral action to curb Iran's nuclear
program.  Opposition Democratic Party (PD) officials
discussed Iran, Italy's role in Afghanistan, the MEPP, Iraq,
and nonproliferation with the Staffdel.  End Summary.
 
IRAN DOMINATES MFA TALKS
------------------------
 
2. (C) A January 8 roundtable discussion with Dr. Kessler
and three HCFA staff members at the Ministry of Foreign
Affairs (MFA) included MFA Director General for Multilateral
Political Cooperation Stefano Ronca, Ronca's Deputy Filippo
Formica, and  Deputy DG for Economic Cooperation Claudio
Spinedi.  Office Directors Massimo Marotti
(Political-Military Security and NATO Affairs); Diego
Brasioli (G8 Issues and Global Challenges); and Giovanni
Pugliese (Arms Control and Nonproliferation) also
participated. After the roundtable the Staffdel had a meeting
with MFA Deputy SecGen and Political Director Sandro De
Bernardin.  Post was represented by the Charge, Pol-Mil
Counselor and Poloff (notetaker).
 
3. (C) Ronca believes the deteriorating situation in Iran
will soon come to a head and that the UNSC should convey to
Iran that delay tactics will not work and support this
position by readiness to adopt further pressure.  Ronca and
Spinedi told the Staffdel Italy is ready to explore, with its
EU colleagues, the possibility of further sanctions, which,
however, must conform to EU regulations, and not affect the
legal rights of European companies.  Ronca suggested that the
Iranian financial, oil and gas, and insurance sectors (but
not the Central Bank) could be targeted and that the list
sensitive products on the export ban list could be expanded.
 
4. (C)  Spinedi, who (with Formica) attended the October 7
Washington meeting of "Likeminded States on Iran," started by
briefly alluding to Italy's longstanding complaint of
exclusion from P5 1.  Spinedi pointed out we needed to
determine what kind of sanctions would be acceptable to China
and Russia, adding that even at the beginning of January,
China's UN ambassador said that China "needed more time,"
which, Spinedi noted, was not a total rejection of tougher
sanctions.  Spinedi advocated strengthening what already
exists and deciding where we are willing to exert additional
pressure (especially in the oil and gas sector).  It would be
important to determine which technologies others (e.g., China
and India) are willing to provide and embargo those which
they cannot.  Spinedi acknowledged that Italy had not yet
imposed legally binding sanctions, but that the GOI had
successfully used "moral suasion."
 
5. (C) Spinedi noted that sanctions proposed by the U.S. at
the October 7 Likeminded meeting included targeting the
Iranian Revolutionary Guard Command (IRGC), but did not
include an embargo of refined oil and gas products.  Spinedi
echoed Ronca in saying that in the coming months Italy will
need to see how the rest of the Europe will approach new
sanctions.
 
6. (C) MFA Deputy SecGen Sandro De Bernardin told the
Staffdel that Italy was well aware of the danger posed by
Iran and supported a "firm line."  De Bernardin noted Eni's
considerable investments in Iran and characterized Italy's
"moral suasion" efforts to wean Iran away from its nuclear
ambitions as a "significant success."  On sanctions, De
Bernardin stated that Italy was prepared to assume its "share
of responsibility," but that sanctions are a means of
pressure, not a goal; effective ones must be found. In De
Bernardin's view, U.S.domestic legislation should not
negatively affect other countries and the presidential waiver
has been useful in the past; he hoped it will still figure in
the future.
 
7. (C) Kessler encouraged Italy to continue and reinforce
 
ROME 00000087  002.2 OF 003
 
their past efforts.  De Bernardin agreed that if Iran gets
the bomb, then others will seek to acquire nuclear weapons
too and that the Iranian regime must realize there is a heavy
price to be paid for persisting in non-compliance. "  De
Bernardin reiterated Italy's support for openess to dialogue
in addition to pressure, or the dual-track approach, and that
"putting Iran in a corner" is not the same as "cutting it
off" and characterized Italy as a "crucial player," essential
to catalyzing consensus in Europe. He added that, given
Iran's critical domestic situation, the regime was not in a
position to decide anything.
 
KEY TO SUCCESS IN AFGHANISTAN
-----------------------------
 
8. (C) With regard to the critical situation in
Afghanistan, Ronca acknowledged that we must strengthen the
military aspect of the campaign, but that institution
building and engaging President Karzai on fighting corruption
must not be neglected. On the security side, Ronca said that
Italy will increase its force by 1000 men during the first
half of 2010 and that its Afghan National Police (ANP)
training program is a first priority.  As for civilian
engagement, Italy has committed 465 million euros in various
civilian sectors, including health, education, and justice.
Ronca and Marotti stressed the need for better coordination
of civilian and military activities as an issue that should
be on the agenda of the January 28 London NATO conference.
Ronca noted that reaching out to insurgents was a task that
should also be pursued. The Italians stressed the need for a
long-term development strategy based on Afghan priorities,
but which would also include private sector involvement and
the development of good governance.
 
CENTER LEFT PD AIRS FOREIGN POLICY POSITIONS
--------------------------------------------
 
9. (C) Head of the opposition Partito Democratico's (PD)
Foreign Policy Department Piero Fassino told the Staffdel the
PD supports President Obama's initiative  to dialogue and
build bridges with the Islamic world, but is very concerned
about the blocked MEPP and the "new wave of terror" in
Afghanistan.  As for Iran, the PD supports pursuing a
negotiated solution, but Fassino questioned whether the
current leadership is in a position to negotiate credibly.
He suggested it could be useful to change the order of
priorities in Iran; that is, be more flexible on the nuclear
issue, but harder on human rights.  According to Fassino, the
greatest risk with nuclear proliferation is that
irresponsible governments like the one in Iran could gain
access to nuclear arms, adding that the PD assessed that
there was little to fear with nations such as India, Britain,
and France having nuclear weapons.  He asked whether a
democratic government in Iran might not have a different
position on the nuclear program.
 
10. (C) Fassino said the PD supports the GOI's increased
(military) support for Afghanistan, but stressed that
strengthening civil and governmental institutions and
economic development are equally important.  On the MEPP,
Fassino characterized Netanyahu's proposed 10-month
settlement freeze "a little window of opportunity," but
questioned whether it was enough, given the Israelis' refusal
to discuss (the status of) Jerusalem.  As for Iraq, Fassino
said the stabilization process must be supported; there was
no alternative.
 
ENI JUSTIFIES IRAN ACTIVITIES
-----------------------------
 
11. ( C ) Energy and gas parastatal Eni (Ente Nazionale
Idrocarburi) officials told the Congressional delegation that
it is cooperating to address USG concerns over the company,s
Iran activities, but insisted that it will continue to
fulfill its contractual obligations there. The company
officials said that Eni has understood the USG message to
reduce its presence in Iran, and as a result it has already
decreased its Iran activities to a minimum level. The Eni
officials provided the Staffdel with a copy of the November
16, 2009 CEO Scaroni letter to Ambassador Thorne that states
the company,s position (A copy of Eni's letter was provided
to EEB in November). Referencing this letter, the officials
pointed out that Eni will not undertake new activities in
Iran, including no new activities by its subsidiaries, Saipem
 
ROME 00000087  003.2 OF 003
 
and Polimeri Europa. They added that following Scaroni,s
September 16 meetings in Washington the company also gave up
plans for an MOU with Iran for development of the phase III
of the Darquain oil field. The officials stated that while EU
law prevents the Eni from responding to official requests for
information on its Iran operations, it has been transparent
in informing the USG on a voluntary basis.
 
12. ( C ) The Eni officials stated, however, that Eni
intends to carry out exploration and development activities
in Iran that fall under its contractual obligations there.
The officials acknowledged that this is a &gray area8 due
to the differences of opinion between the company and the USG
over what is &new8 activity and what is &old.8 The
company officials said that they hope to clarify this issue
with Washington during separate meetings in January with
senior officials from the State Department and Department of
Treasury. Pressed for details over the company,s existing
obligations, the officials said that it is under contract to
meet certain targets of (oil) production in order to
guarantee defined levels of production within a given time
frame. They added that Eni must keep a certain threshold of
production in order to recover its investments in Iran. They
also explained that Eni receives periodic (possibly
scheduled) payments by Iran in oil equivalent amounts that
correspond to the attained target levels of production.
 
13. ( C ) The Eni officials admitted the frustrating
difficulties of operating in Iran, but stated that Eni's
priority is to recover its investments there while meeting EU
laws. The officials estimated Eni's total Iran investments at
around $3 billion dollars, of which they said Eni has already
recovered already about 60 percent (or about $1.7 billion
according to one Eni representative). The company officials
said Eni still needs to recover about $1.4 billion from its
Iran operations. They added that &if all goes as planned8
Eni will recover this remainder of its investments by the end
of 2013 or early in 2014. They further explained that Eni's
Iran contracts provide the possibility of extensions if the
company is not able to recover its investments within the
stipulated time frame. The Eni officials cautioned that the
company may face EU sanctions if it withdraws from Iran due
to pressure from USG unilateral sanctions.
 
14. (U) Staffdel Kessler has not cleared this cable.
THORNE
 
 
SUBJECT: SECDEF MEETING WITH ITALIAN FOREIGN MINISTER
FRANCO FRATTINI, FEBRUARY 8, 2010
 
Classified By: Ambassador Alexander Vershbow for Reasons 1.4 (B) and (D)
 
1. (S/NF) SUMMARY: Secretary of Defense Robert Gates (SecDef)
met with Italian Minister of Foreign Affairs Franco Frattini
during an official visit to Rome on February 8.  On
Afghanistan, Frattini was eager to move beyond the London
Conference and work to produce practical results for the
Afghan people.  He proposed better civil-military
coordination at senior levels in NATO, and raised the
prospect of coordination on local projects across the
Afghanistan-Iran border.  SecDef thanked Frattini for Italy's
pledge of more troops for operations in Afghanistan and
explained where gaps in civil-military cooperation existed.
Frattini believed the international community was lining up
against Iran, and encouraged better coordination with
countries outside the P5-plus-1.  SecDef warned that a
nuclear Iran would lead to greater proliferation in the
Middle East, war, or both.  SecDef agreed with Frattini that
a United Nations conference highlighting security challenges
in the Horn of Africa was a good idea.  END SUMMARY.
 
------------
Afghanistan
------------
 
2. (S/NF) Frattini opened by telling SecDef that the U.S. can
count on Italy's full support on Afghanistan, Iran and
fighting terror.  He had recently talked with General Jones
and Secretary Clinton and relayed the same message.  He
expressed a desire to focus on the comprehensive approach in
such a way to improve the daily lives of Afghans.  He
asserted a need to press President Karzai on delivering
improved governance or risk losing support for the mission in
coalition Parliaments.  Frattini wanted to get beyond "just
talking" -- referencing the London conference -- and noted
concrete Italian projects to convert poppy cultivation to
olive oil production and to create a national high school for
public administration.
 
3. (S/NF) SecDef commended Rome's efforts to increase Italian
contributions, asking whether even more Carabinieri might be
available for training the Afghan security forces.  He
observed that General McChrystal's emphasis on protecting
Afghan civilians has changed attitudes among Allied publics.
SecDef said he is pushing the comprehensive approach, noting
a need for all stakeholders in Afghanistan to share
information effectively.  He said he hoped that NATO's new
Senior Civilian Representative, Ambassador Mark Sedwill,
could facilitate this.  SecDef recommended a focus on better
governance below the level of the national government --
which would take decades to turn into a modern government )
taking advantage of traditional institutions and competent
governors at the regional and sub-regional levels and
leveraging them into local success stories.  At the national
level, however, our priority should be to develop those
ministries most critical to our success, such as Defense,
Interior, Finance, Agriculture, and Health.  Noting Gen.
McChrystal's recent statement that the situation in
Afghanistan is no longer deteriorating, SecDef said that much
of the challenge is psychological -- convincing Afghans that
we can win and that we will not abandon them.
 
4. (S/NF) Frattini agreed that civilian-military integration
is the weakest part of the Afghan strategy.  He expressed
frustration that NATO foreign ministers only discuss issues
like agriculture and education while defense ministers only
discuss security.  The problem, Frattini suggested, is that
they don't talk to each other.  He proposed a joint meeting
of foreign and defense ministers, beginning with talks at the
expert level.  SecDef responded that Gen. McChrystal and
Ambassador Eikenberry do civilian-military collaboration at
the national level on the basis of a Joint Campaign Plan, as
do local ground commanders with leaders of PRTs.  What is
missing is the level in between -- the regional commands --
and SecDef expressed a desire for Sedwill to appoint
subordinates to address this in each RC, building on the
 
ROME 00000173  002.2 OF 003
 
example of the civ-mil cell in RC-South.  The effect would be
cascading civil-military coordination at the national,
regional, and local levels.  SecDef noted that similar
efforts by UNSRSG Kai Eide had been hamstrung by resourcing
and the UN's aversion to working with the military.  As a
NATO representative, Sedwill should not have these problems.
 
5. (S/NF) Frattini also asked about practical cooperation
across the Afghan-Iranian border.  Local incentives for
cooperation might undermine weapons and drug trafficking and
help co-opt reconcilable Taliban.  SecDef noted that Iran is
playing both sides of the street -- trying to be friendly
with the Afghanistan government while trying to undermine
ISAF efforts.  He noted that intelligence indicated there was
little lethal material crossing the Afghanistan-Iran border.
SecDef suggested that trade route protection from Afghanistan
into Eastern Iran, which is important for local economies on
both sides of the border, might be a place to start.  SecDef
noted that any effort will need to be coordinated with Kabul.
 Frattini agreed this would be a good starting point.
 
----
Iran
----
 
6. (S/NF) Frattini supported recent public statements by
SecDef raising the pressure on Iran.  He declared that
Ahmadinejad cannot be trusted, especially after contradicting
recent constructive statements by his own government.
Frattini, citing a recent conversation with Russian Foreign
Minister Lavrov, said he believed Russia would support the
sanctions track.  The challenge was to bring China on board;
China and India, in Frattini's view, were critical to the
adoption of measures that would affect the government without
hurting Iranian civil society.  He also specifically proposed
including Saudi Arabia, Turkey, Brazil, Venezuela and Egypt
in the conversation.  He expressed particular frustration
with Ankara's "double game" of outreach to both Europe and
Iran.  Frattini proposed an informal meeting of Middle East
countries, who were keen to be consulted on Iran, and noted
that Secretary Clinton was in agreement.
 
7. (S/NF) SecDef emphasized that a UNSC resolution was
important because it would give the European Union and
nations a legal platform on which to impose even harsher
sanctions against Iran.  SecDef pointedly warned that urgent
action is required.  Without progress in the next few months,
we risk nuclear proliferation in the Middle East, war
prompted by an Israeli strike, or both.  SecDef predicted "a
different world" in 4-5 years if Iran developed nuclear
weapons.  SecDef stated that he recently delivered the same
warning to PM Erdogan, and he agreed with Frattini's
assessment on Saudi Arabia and China, noting that Saudi
Arabia is more important to both Beijing and Moscow than
Iran.
 
8.  (S/NF) SecDef urged Frattini to reconsider a planned
visit to Italy by a prominent Iranian Parliamentarian in the
wake of recent executions of students in opposition to the
government. At the same time, we needed to ensure we did not
discredit the opposition by creating the impression that they
are the tools of foreign partners.
 
--------------
Horn of Africa
--------------
 
9. (C) Frattini expressed concern about deteriorating
conditions in Somalia and Yemen.  He noted a recent
conversation with President Sharif of Somalia's Transitional
Federal Government (TFG), in which Sharif said that he would
be unable to pay his security forces by the end of February.
Frattini said that Italy was encouraging the EU Presidency to
focus on Somalia and Yemen, and had proposed a United Nations
conference addressing Horn of Africa security issues.  Italy
was providing funding to the TFG's national budget. SecDef
concurred that the region deserved more focus.

 

Traduzione: http://translate.google.it/

 

 

OGGETTO: KESSLER STAFFDEL DISCUTE DI IRAN CON MFA, ENI, PD
 
Classificato da: DCM Elizabeth Dibble, per motivi 1.4 (b) e (d)
 
SOMMARIO
-------
  
1. (C) Direttore del personale della Casa Affari Esteri
Committee (HCFA) Dr. Richard Kessler e membri dello staff HCFA
sondato AMF senior e dell'energia e del gas funzionari parastatali Eni
sulle intenzioni d'Italia in materia di sanzioni all'Iran e prospettive
per un'efficace azione multilaterale per frenare l'Iran nucleare
programma. L'opposizione del Partito Democratico (PD) i funzionari
discusso di Iran, il ruolo d'Italia in Afghanistan, il MEPP, Iraq,
e della non proliferazione con il Staffdel. Fine Riepilogo.
  
IRAN DOMINA I DIBATTITI DI MFA
------------------------
 
2. (C) A 8 gennaio tavola rotonda con il dottor Kessler
e tre membri dello staff HCFA presso il Ministero degli Esteri
Affari (MAE) ha incluso MAE Direttore Generale per la Cooperazione
Politiche di cooperazione Stefano Ronca, vice di Filippo Ronca's
Formica, e DG Vice Claudio cooperazione economica
Spinedi. Ufficio Amministrazione Massimo Marotti
(Affari sicurezza politico-militare e la NATO); Diego
Brasioli (G8 Problemi e sfide globali), e Giovanni
Pugliese (controllo degli armamenti e non proliferazione) anche
partecipato. Dopo la tavola rotonda il Staffdel avuto un incontro
con MFA Vice SecGen e direttore politico Sandro De
Bernardin. Post è stata rappresentata dalla carica, Pol-Mil
Counselor e Poloff (NoteTaker).
 
3. (C) Ronca ritiene che il deterioramento della situazione in Iran
arriverà presto ad una testa e che il Consiglio di sicurezza dell'ONU deve trasmettere ai
L'Iran che le tattiche di ritardo non funziona e sostenere questo
posizione di disponibilità ad adottare ulteriori pressioni. Ronca e
Spinedi ha detto il Staffdel Italia è pronta ad esplorare, con i suoi
colleghi della UE, la possibilità di ulteriori sanzioni, quali,
tuttavia, devono essere conformi alle normative UE, e non alterare il
diritti legittimi delle imprese europee. Ronca ha suggerito che il
settori finanziario iraniano, petrolio e gas, e assicurazione (ma
non la Banca Centrale) possono essere mirate e che l'elenco
prodotti sensibili sulla lista divieto di esportazione potrebbe essere ampliata.
 
4. (C) Spinedi, che (con Formica) hanno partecipato alla 7 ottobre
riunione di Washington: "Gli Stati pensano allo stesso modo in Iran", avviato da
brevemente alludendo alla denuncia di lunga data in Italia di
esclusione dal P5 1. Spinedi ha sottolineato che dovevamo
determinare che tipo di sanzioni sarebbero accettabili per la Cina
e la Russia, aggiungendo che anche all'inizio di gennaio,
ambasciatore delle Nazioni Unite della Cina ha detto che la Cina "ha avuto bisogno di più tempo"
che, Spinedi notato, non era un rifiuto totale delle più severe
sanzioni. Spinedi rafforzare quanto già sostenuto
esiste e decidere dove siamo disposti ad esercitare ulteriori
pressione (in particolare nel settore petrolifero e del gas). Sarebbe
importante determinare quali altre tecnologie (ad esempio, la Cina
e India) sono disposti a fornire e embargo quelle che
non possono. Spinedi ha riconosciuto che l'Italia non aveva ancora
imposto sanzioni giuridicamente vincolanti, ma che il governo indiano aveva
utilizzato con successo "moral suasion".
 
5. (C) Spinedi ha osservato che le sanzioni proposte dagli Stati Uniti a
del 7 ottobre incontro pensano allo stesso incluso il targeting
Comando della Guardia Rivoluzionaria iraniana (IRGC), ma non ha
includere un embargo di olio raffinato e di prodotti di gas. Spinedi
Ronca ha fatto eco affermando che nei prossimi mesi l'Italia
bisogno di vedere come il resto del Europa nuovo approccio
sanzioni.
 
6. (C) MAE Vice SecGen Sandro De Bernardin ha detto il
Staffdel che l'Italia era ben consapevole del pericolo rappresentato da
Iran e sostenuto una "linea dura". De Bernardin notato Eni
notevoli investimenti in Iran e caratterizzato in Italia
"Persuasione morale" gli sforzi per svezzare l'Iran di distanza dal suo nucleare
ambizioni come "un successo significativo." Sulle sanzioni, De
Bernardin ha dichiarato che l'Italia era disposta ad assumersi la propria "quota
di responsabilità ", ma che le sanzioni sono un mezzo di
pressione, non un obiettivo; quelli in vigore deve essere trovata. In De
Visualizza Bernardin, la legislazione non dovrebbe USdomestic
influire negativamente in altri paesi e la rinuncia alla presidenza
è stato utile in passato, sperava che ancora figura in
il futuro.
 
7. (C) Kessler incoraggiato l'Italia a proseguire e rafforzare
 
ROMA 00000087 002,2 di 003
 
i loro sforzi passati. De Bernardin ha convenuto che se l'Iran si
la bomba, poi gli altri cercheranno di acquisire armi nucleari
troppo e che il regime iraniano deve capire che c'è un pesante
prezzo da pagare per il persistere in non-conformità. "De
Bernardin ha ribadito il sostegno in Italia per apertura verso il dialogo
in aggiunta a pressione, o l'approccio a doppio binario, e che
"Mettere l'Iran in un angolo" non è lo stesso di "tagliarla
off "e caratterizzato l'Italia come" un giocatore fondamentale, "essenziale
di catalizzare il consenso in Europa. Egli ha aggiunto che, data
critica situazione interna dell'Iran, il regime non era in
grado di decidere nulla.
 
CHIAVE DEL SUCCESSO IN AFGHANISTAN
-----------------------------
 
8. (C) Per quanto riguarda la situazione critica in
Afghanistan, Ronca ha riconosciuto che dobbiamo rafforzare la
aspetto militare della campagna, ma tale istituzione
costruzione e coinvolgente il presidente Karzai sulla lotta alla corruzione
non deve essere trascurato. Sul versante sicurezza, Ronca ha detto che
L'Italia aumenta la sua forza di 1000 uomini nel corso dei primi
metà del 2010 e che la sua Afghan National Police (ANP)
programma di formazione è una priorità assoluta. Come per civili
impegno, l'Italia si è impegnata € 465.000.000 in vari
settori civile, compresa la salute, l'istruzione e la giustizia.
Ronca e Marotti ha sottolineato la necessità di un migliore coordinamento
delle attività civili e militari come una questione che dovrebbe
essere all'ordine del giorno del 28 gennaio conferenza di Londra NATO.
Ronca ha osservato che per raggiungere i ribelli era un compito che
dovrebbero essere perseguiti. Gli italiani hanno sottolineato la necessità di un
strategia di sviluppo a lungo termine basata su priorità afghano,
ma che prevedano anche la partecipazione del settore privato e
lo sviluppo del buon governo.
 
CENTRO SINISTRA PD AIRS posizioni di politica estera
--------------------------------------------
 
9. (C), capo della opposizione Partito Democratico (PD)
Dipartimento Politica Estera Piero Fassino ha detto al Staffdel il
PD sostiene l'iniziativa del presidente Obama al dialogo e alla
costruire ponti con il mondo islamico, ma è molto preoccupato
circa il MEPP bloccato e la "nuova ondata di terrorismo"
Afghanistan. Quanto all'Iran, il PD sostiene che persegue una
soluzione negoziata, ma Fassino ha messo in dubbio che il
attuale dirigenza è in grado di negoziare in modo credibile.
Egli ha suggerito che potrebbe essere utile modificare l'ordine delle
priorità in Iran, cioè, essere più flessibili sul nucleare
problema, ma più duro sui diritti umani. Secondo Fassino, il
maggior rischio di proliferazione nucleare è che
governi irresponsabili come quella in Iran, può ottenere
l'accesso alle armi nucleari, aggiungendo che il PD ha valutato che
c'era ben poco da temere con nazioni come l'India, Gran Bretagna,
e Francia che hanno armi nucleari. Ha chiesto se un
governo democratico in Iran non potrebbe avere un diverso
posizione sul programma nucleare.
 
10. (C), Fassino ha detto che il PD sostiene il governo indiano è aumentato
(Militare) il sostegno per l'Afghanistan, ma ha sottolineato che
il rafforzamento delle istituzioni governative e civili e
sviluppo economico sono ugualmente importanti. Sul MEPP,
Fassino caratterizzato Netanyahu ha proposto di 10 mesi
insediamento congelare "una piccola finestra di opportunità", ma
chiesto se fosse stato sufficiente, dato che gli israeliani 'rifiuto
per discutere (lo stato di) Gerusalemme. Come per l'Iraq, Fassino
ha detto che il processo di stabilizzazione deve essere sostenuta, non c'era
non ha alternative.
 
ENI GIUSTIFICA attività iraniane
-----------------------------
 
11. (C) Energia e gas parastatali Eni (Ente Nazionale
Idrocarburi funzionari) ha dichiarato alla delegazione del Congresso che
si sta collaborando per affrontare le preoccupazioni USG sulla società, s
attività di Iran, ma ha insistito che continuerà a
adempiere ai propri obblighi contrattuali lì. La società
funzionari hanno detto che Eni ha capito il messaggio di USG
ridurre la sua presenza in Iran, e come risultato si è già
ridotto le sue attività l'Iran a un livello minimo. L'Eni
funzionari fornito alla Staffdel una copia del novembre
16, 2009 amministratore delegato Scaroni lettera all'ambasciatore Thorne che gli Stati
la società, la posizione s (una copia della lettera di Eni è stata fornita
a EEB in novembre). Riferimenti a questa lettera, i funzionari
ha sottolineato che Eni non intraprendere nuove attività in
Iran, tra cui nessuna nuova attività dalle sue controllate, Saipem
 
ROMA 00000087 003,2 di 003
 
e Polimeri Europa. Hanno aggiunto che in seguito Scaroni, s
16 settembre riunioni a Washington la società ha anche rinunciato
piani per un protocollo d'intesa con l'Iran per lo sviluppo della fase III
del giacimento Darquain. I funzionari dell'UE ha dichiarato che, mentre
legge impedisce l'Eni di rispondere alle richieste ufficiali di
informazioni sulle sue operazioni Iran, è stato trasparente
di informare il governo degli USA, su base volontaria.
 
12. (C) I funzionari Eni dichiarato, tuttavia, che l'Eni
intende svolgere attività di esplorazione e sviluppo
in Iran sotto la sua obblighi contrattuali lì.
I funzionari hanno riconosciuto che questo è un grigio e area8 dovuto
alle differenze di opinione tra l'azienda e il governo USA
su ciò che è e new8 attività e ciò che è e old.8 L'
funzionari della società ha detto che sperano di chiarire la questione
con Washington durante gli incontri separati a gennaio con
alti funzionari del Dipartimento di Stato e del Dipartimento della
Tesoro. Premuto per i dettagli sulla società, s esistenti
obblighi, i funzionari ha detto che è sotto contratto con la
raggiungere determinati obiettivi di (olio) della produzione, al fine di
garantire livelli di produzione definiti entro un determinato periodo
telaio. Hanno aggiunto che Eni deve tenere una certa soglia di
produzione al fine di recuperare i suoi investimenti in Iran. Esse
ha anche spiegato che Eni riceve periodica (possibilmente
voli di linea) i pagamenti da parte dell'Iran in quantità equivalenti di petrolio che
corrispondono ai livelli obiettivo raggiunto di produzione.
 
13. funzionari (C) L'Eni ha ammesso la frustrante
difficoltà di operare in Iran, ma ha dichiarato che Eni
prioritario è quello di recuperare i propri investimenti, mentre non vi riunione UE
le leggi. I funzionari di Eni stima totale degli investimenti in Iran
circa 3 miliardi di dollari, di cui Eni ha già detto
già recuperato circa il 60 per cento (pari a circa 1,7 miliardi dollari
secondo un rappresentante Eni). La società funzionari
Eni ha ancora bisogno di recuperare circa 1,4 miliardi dollari dal suo
Iran operazioni. Hanno aggiunto che e se tutto va come planned8
Eni recuperare questo resto dei suoi investimenti entro la fine
del 2013 o all'inizio del 2014. Essi hanno inoltre spiegato che Eni
Iran contratti prevedono la possibilità di proroghe se la
azienda non è in grado di recuperare i propri investimenti nel
stipulato lasso di tempo. I funzionari Eni ha ammonito che il
società può affrontare sanzioni UE se si ritira da Iran a causa
alla pressione delle sanzioni USG unilaterale.
 
14. (U) Staffdel Kessler non ha autorizzato questo cavo.
THORNE


OGGETTO: INCONTRO CON ITALIANI SECDEF MINISTRO DEGLI ESTERI
FRANCO FRATTINI, 8 feb 2010
 
Classificato da: Ambasciatore Alexander Vershbow per Ragioni 1.4 (B) e (D)
 
1. (S / NF) SOMMARIO: Segretario della Difesa Robert Gates (SecDef)
incontrato il ministro degli Esteri italiano Franco Frattini
durante una visita ufficiale a Roma l'8 febbraio. On
Afghanistan, Frattini era ansioso di andare al di là di Londra
Conferenza e lavoro per produrre risultati concreti per il
popolo afghano. Egli ha proposto una migliore civile-militare
il coordinamento a livelli alti nella NATO, e ha sollevato la
prospettiva di coordinamento su progetti locali di tutta la
Afghanistan-Iran confine. SecDef Frattini ha ringraziato per l'Italia di
pegno di ulteriori truppe per le operazioni in Afghanistan e
spiegato dove lacune nella cooperazione civile-militare esistito.
Frattini ritiene che la comunità internazionale è stata in fila
contro l'Iran, e ha incoraggiato un migliore coordinamento con
paesi al di fuori del P5-plus-1. SecDef avvertito che una
Iran nucleare potrebbe portare ad una maggiore proliferazione nel
Medio Oriente, la guerra, o entrambi. SecDef d'accordo con Frattini che
una conferenza delle Nazioni Unite per evidenziare le sfide alla sicurezza
nel Corno d'Africa è stata una buona idea. FINE RIASSUNTO.
 
------------
Afghanistan
------------
 
2. (S / NF) Frattini ha aperto dicendo SecDef che gli Stati Uniti possono
contare sul pieno sostegno in Italia in Afghanistan, Iran e
combattere il terrorismo. Aveva parlato con il generale Jones
e il Segretario Clinton e trasmesso lo stesso messaggio. Egli
espresso il desiderio di concentrarsi sulle approccio globale in
modo tale da migliorare la vita quotidiana degli afgani. Egli
affermato la necessità di premere il presidente Karzai in consegna
una migliore governance, o rischiare di perdere il sostegno per la missione in
parlamenti della coalizione. Frattini ha voluto andare oltre ", proprio
"Parlare - fa riferimento alla conferenza di Londra - e ha preso atto
progetti concreti di italiano per convertire la coltivazione del papavero da
produzione di olio d'oliva e di creare una scuola nazionale di alta
pubblica amministrazione.
 
3. (S / NF) SecDef di Roma ha elogiato gli sforzi per aumentare italiano
contributi, chiedendo se ancor più Carabinieri potrebbe essere
disponibili per la formazione delle forze di sicurezza afgane. Egli
osservato che l'enfasi generale McChrystal sulla protezione
civili afgani ha cambiato l'atteggiamento delle opinioni pubbliche alleate.
SecDef ha detto che sta spingendo l'approccio globale, notando
la necessità di tutte le parti interessate in Afghanistan per condividere
informazioni in modo efficace. Egli spera che la NATO c'è di nuovo
Senior rappresentante civile, Mark Sedwill ambasciatore,
potrebbe facilitare questo. SecDef raccomandato in particolare a migliorare
governance di sotto del livello del governo nazionale -
che vorrebbero decenni per trasformare in un governo moderno)
approfittando delle istituzioni tradizionali e competente
governatori a livello regionale e sub-regionali e
sfruttando in loro storie di successo locali. A livello nazionale
livello, comunque, la nostra priorità dovrebbe essere quella di sviluppare quelle
ministeri più critico per il nostro successo, come la difesa,
Interni, Finanze, Agricoltura, e della Salute. Notando Gen.
la recente dichiarazione di McChrystal che la situazione in
Afghanistan non è più deteriorando, SecDef ha detto che molto
della sfida è psicologica - afghani convincente che
siamo in grado di vincere e che non li abbandonerà.
 
4. (S / NF) Frattini ha convenuto che l'integrazione civile-militare
è la parte più debole della strategia afghana. Egli ha espresso
frustrazione che i ministri degli esteri della NATO solo discutere di questioni
come l'agricoltura e l'istruzione, mentre i ministri della difesa solo
discutere di sicurezza. Il problema, ha suggerito Frattini, è che
non parlano l'un l'altro. Egli ha proposto una riunione congiunta
dei ministri degli esteri e della difesa, a cominciare colloqui alla
esperti di alto livello. SecDef risposto che il generale McChrystal e
Ambasciatore Eikenberry do la collaborazione civile-militare
livello nazionale sulla base di una campagna congiunta Piano, come
fare comandanti terra locale con i leader del PRT. Che cosa è
manca è il livello in mezzo - i comandi regionali -
e SecDef espresso il desiderio di Sedwill di nominare
sottoposti ad affrontare la questione in ogni RC, sulla base dei
 
ROMA 00000173 002,2 di 003

esempio della cellula civile-militare ai RC-Sud. L'effetto sarebbe
cascata coordinamento civile-militare a livello nazionale,
livello regionale e locale. SecDef ha osservato che simili
sforzi da parte UNSRSG Kai Eide era stato ostacolato da resourcing
e l'avversione delle Nazioni Unite di lavorare con i militari. In qualità di
rappresentante della NATO, Sedwill non dovrebbe avere questi problemi.
 
5. (S / NF) Frattini ha anche chiesto una cooperazione pratica
attraverso il confine afgano-iraniano. incentivi locali per
collaborazione potrebbe minare le armi e traffico di droga e
contribuire a cooptare conciliabili talebani. SecDef ha osservato che l'Iran è
giocando entrambi i lati della strada - cercando di essere amichevole
con il governo in Afghanistan durante il tentativo di minare
ISAF sforzi. Egli ha osservato che l'intelligenza non vi era indicato
poco materiale letale che attraversano la frontiera tra Afghanistan e Iran.
SecDef suggerito che la protezione via commerciale Afghanistan
in Iran orientale, che è importante per le economie locali
entrambi i lati del confine, potrebbe essere un punto di partenza. SecDef
preso atto che ogni sforzo dovrà essere coordinata con Kabul.
 Frattini ha convenuto questo sarebbe un buon punto di partenza.
 
----
Iran
----
 
6. (S / NF), Frattini ha sostenuto recenti dichiarazioni pubbliche
SecDef aumentando la pressione sull'Iran. Egli ha dichiarato che
Ahmadinejad non si può fidare, soprattutto dopo contraddicendo
recenti dichiarazioni costruttive dal suo stesso governo.
Frattini, citando una recente conversazione con degli Esteri russo
Il Ministro Lavrov, ha detto che la Russia avrebbe sostenuto l'
sanzioni traccia. La sfida era quella di portare la Cina a bordo;
Cina e India, secondo Frattini, sono stati essenziali per il
adozione di misure che potrebbero influenzare il governo senza
danneggiando la società civile iraniana. Egli ha anche specificamente proposti
tra cui l'Arabia Saudita, Turchia, Brasile, Venezuela ed Egitto
nella conversazione. Egli ha espresso frustrazione particolare
con Ankara "doppio gioco" di outreach sia all'Europa che al
Iran. Frattini ha proposto una riunione informale del Medio Oriente
paesi, che erano desiderosi di essere consultato su Iran, e ha preso atto
che il Segretario Clinton era d'accordo.
 
7. (S / NF) SecDef sottolineato che una risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell'ONU è stata
importante perché darebbe l'Unione europea e
nazioni di una piattaforma giuridica per imporre ancora più crudele
le sanzioni contro l'Iran. SecDef acutamente avvertito che urgente
è necessario intervenire. Senza progressi nei prossimi mesi,
si corre il rischio di proliferazione nucleare in Medio Oriente, la guerra
richiesto da un attacco israeliano, o entrambi. SecDef predetto: "una
mondo diverso "in 4-5 anni se l'Iran ha sviluppato nucleare
armi. SecDef ha dichiarato recentemente rilasciato la stessa
avviso al PM Erdogan, ed era d'accordo con Frattini
valutazione su Arabia Saudita e Cina, osservando che l'Arabia
Saudita è il più importante, sia per Pechino e Mosca che
Iran.
 
8. (S / NF) SecDef Frattini ha esortato a riconsiderare un pianificato
visita in Italia da un prominente parlamentare iraniana nel
scia delle recenti esecuzioni di studenti in opposizione al
governo. Allo stesso tempo, avevamo bisogno di assicurare che non abbiamo
screditare l'opposizione, creando l'impressione che si
sono gli strumenti di partner stranieri.
 
--------------
Corno d'Africa
--------------
 
9. (C), Frattini ha espresso preoccupazione per il deterioramento
condizioni in Somalia e Yemen. Ha notato un recente
conversazione con il Presidente Sharif di transizione della Somalia
Federal Government (TFG), nella quale Sharif ha detto che avrebbe
essere in grado di pagare le sue forze di sicurezza entro la fine di febbraio.
Frattini ha detto che l'Italia è stata incoraggiante la Presidenza dell'UE a
concentrarsi sulla Somalia e lo Yemen, e aveva proposto una Nazioni Unite
conferenza di affrontare questioni di sicurezza Corno d'Africa. Italia
forniva finanziamenti a bilancio nazionale del GFT. SecDef
d'accordo che la regione meritato maggiore attenzione.

 

 Approfondimenti sul portale di FUTURO IERI : http://digilander.libero.it/amici.futuroieri




27 novembre 2010

Le Tavole delle colpe di Madduwatta - La Recita a Soggetto. Il conto

http://www.empolitica.com/wp-content/dati/crisi-2008.jpg

Le Tavole delle colpe di Madduwatta

La recita a soggetto

Anno 2010 estate, nel villino di periferia di Vincenzo Pisani si presentano di notte lo zio Francesco e lo Zio Marco preoccupati da uno strano annuncio.  I due dopo anni si parlano di persona.

Francesco:  Mentre ero qui ho curiosato nel quaderno delle prenotazioni del nostro nipotino. Aspetta ora ti faccio vedere.

Francesco si sposta e si dirige verso un bancone, prende un quaderno verde, lo sfoglia e poi torna dal fratello presentando una pagina.

Marco: Cosa fai? T’impicci degli affari altrui, che cosa vuoi suscitarmi. Compassione, pietà  rimorso?

Francesco: No!  Leggo e ti mostro ciò che è qui.” 29 luglio 2010, fatto sconto alla famiglia inglese si son portati perfino i panini da casa. Quattro letti di cui uno a Castello per tre notti a quaranta euro, fatto 90 , 7 ragazze spagnole capacità di spesa 20 euro a testa per due giorni, 5 euro per la tenda, 15 seconda notte per lo stanzone-camerata, totale 140 neuro, scontato a 110, 30 luglio 2010 stavo per chiamare la polizia, l’operaio che mi ha occupatola stanza piccola  a prezzo scontato la camera per due settimane non aveva i soldi, maledetto. Il padrone del cantiere non ha liquidato i suoi arretrati. Stabilito prezzo di favore 280 euro. 30 luglio 2010 una telefonata dall’agenzia statunitense delle prenotazioni  questo mese non pagano, è da tre mesi che aspetto il saldo ma a loro che frega delle tasse e del mutuo. Canaglie! Arrivata famiglia brasiliana, un cinese di Singapore, due russi. Hanno pagato in anticipo e senza storie. 300 Euro fatti bene. Da sei mesi non arrivano più statunitensi. Meglio così, è da sei mesi che l’agenzia Americana non paga gli arretrati. 31 luglio, niente. Controllare rate mutuo,  le bollette e le tasse comunali prima del 7 agosto”. Questo è il nostro nipotino. Tasse pesanti, Stati Uniti in crisi nera, mutuo oneroso, clienti impoveriti e nuovi ricchi che vengono dai paesi emergenti, e qui nel Belpaese una politica morta che finge di essere viva, un’economia allo sfascio e poteri imperiali con le pezze al culo che ci porteranno giù fino in fondo al pozzo. Questa follia che ha messo in piedi è lo specchio deformante di un sistema impazzito e decomposto che aspetta di trovare la sua fine. Forse sarà una liberazione quando su tutto questo qualche forza esterna metterà sopra  la parola ” Fine”.

Marco: Il mondo è malato e i ricchi e  potenti di ieri sono alla corda pressati da nuovi poteri insidiosi. Malato è il sistema economico, forse il nostro Paolo è stato una vittima e suo figlio Vincenzo anche. Del resto ti ricordi le sue traversie e questioni l’avevamo ribattezzato fra noi Paolo di Tarso l’apostolo che non aveva conosciuto personalmente Gesù. Anche lui non aveva conosciuto il Signore celeste  che aveva inseguito, pregato e lodato ma come tanti che non erano riusciti ad afferrare il successo e la grande ricchezza si era dovuto accontentare della conversione e dei disagi del corpo, della passione sacra e del martirio prossimo venturo.  Del resto il fariseo Paolo o Saul di Tarso è stato perseguitato, raggiunto dalla rivelazione divina, cacciato da Efeso per aver istigato a bruciare i libri di magia nera e aver distolto i pagani dalla venerazione per Artemide di Efeso da cui tutta la città cavava lucro, cacciato dalle sinagoghe, processato per sedizione, condannato, costretto  alla fuga nascosto in una cesta, frustato tre volte e tutte le volte trentanove colpi e battuto con le verghe, punito e infine lapidato e lasciato come morto, incarcerato e poi forse decapitato. Ecco ogni imprenditore italiano oggi è una sorta di Saul di Tarso che insegue il Signore Celeste e predica la sua buona Novella fra nemici, pagani e genti nomadi che vivono nel deserto del cinismo, della sfiducia, della miseria. La nostra da anni non è più economia, o volontà, o fiducia nel futuro. Si tratta di cieca fede in qualcosa che non è né qui e né ora   e, forse, se continua così non sarà mai. C’è follia e c’è potenza nel cercare la ricchezza e nel provare a produrla, noi siamo forti perché mistici, perché crediamo. Altrimenti siamo condannati a trasformarci in visionari, in cialtroni, in venditori di fumo; per questo dobbiamo predicare la nostra fede nel sistema dei consumi, del denaro, del potere e dell’egoismo sociale ai pagani, ai miscredenti, ai demagoghi rossi che devono aprire gli occhi. Chi può vedere il progresso se non noi? Chi ci può credere fino in fondo?  Chi può andare fino alla fine del tunnel per vedere le sorti magnifiche e progressive?  Solo noi, siamo un nuovo apostolato laico e serviamo una potenza ormai oltreumana. Questa è la forza del capitalismo e del denaro, la fede dell’essere umano nelle sue opere e nella sue forze animate da un puro egoismo.

Francesco: Ateo, pagano, demagogo, blasfemo! Ecco cosa sei. Comunque è vero siamo credenti e siamo apostoli. Ma più che far bruciare i libri dei sortilegi da cinquantamila pezzi d’argento ai pagani di Efeso in tanti nella nostra categoria  truccano i bilanci e mandano in fumo i denari investiti da soci e piccoli azionisti, e non scacciamo i demoni ma al contrario ne portiamo dei nuovi sotto forma delle illusioni della pubblicità, dell’egoismo sociale e dell’irresponsabilità creata ad arte per vendere carte di credito e prodotti finanziari per il credito al consumo. Questa povertà che sta disgregando il nostro mondo è il frutto dell’egoismo e dello spirito di rapina, la crisi nasce nelle teste dei pochi che sono ricchissimi e si sparge su tutto il resto dell’umanità. E poi che ne sappiamo noi, cosa possiamo capire del nostro nipote visto che è anni che non lo vediamo di persona.

Marco: Giusto. L’ultima volta è stato in quel ristorante di quel tale Angelo dalle parti di Vernio. Bella cosa tortelli di patate,ragù di  cinghiale, bistecca, tiramisù, vino, dolce, caffè e amaro. Si spese poco e si mangiò bene.

Francesco: Già Vernio, avrei da dire qualcosa. Ti ricordi quell’assaggio che ci fu portato all’inizio del pasto.

Marco: Una cosa tipica, mi pare. Polenta di castagne dalle parti di Vernio e poi quel pesce.

Francesco: Ti ricordi bene era polenta dolce e quel pesce buono ma puzzolente era aringa. E’ una cosa che si ripete da secoli è un piatto di tradizione di Vernio Comune disperso sulla dorsale dell’Appennino Tosco-Emiliano. Capitò questo:” era il 1512 e la Repubblica di Firenze affida al Machiavelli la difesa dello Stato Fiorentino , il quale disgraziato lui cerca di creare arruolando dei contadini e dei montanari delle milizie di Stato per sostituire i mercenari infidi e traditori. Questa gente di Vernio montanari e pastori si trovava fra Prato, che era controllata da Firenze, e gli eserciti papalini e imperiali scesi dal nord per restaurare i Medici e spazzar via la Repubblica. Così questo popolo delle montagne pratesi che non sapeva nulla del re Francesco I, dell’Imperatore Carlo V, del Papa, del Machiavelli, del Piero Soderini, delle trame dei Medici si trovò travolto da uno degli eserciti più potenti del mondo, quello spagnolo-imperiale, che doveva disperdere le milizie del segretario fiorentino e saccheggiare e devastare Prato per indurre gli oligarchi fiorentini alla resa. La gente di Vernio ridotta alla fame e devastata da questi spagnoli, tedeschi, italiani che militavano negli eserciti mercenari di allora fu salvata da dei nobili locali che distribuirono polenta di castagne e aringhe.  Da allora è una tradizione ricordare quei fatti con una festa e con il piatto di polenta dolce e  aringhe.”

Marco: Che vuoi dire con questa storia?

Francesco: Ci sono guerre che fanno i grandi e i grandissimi padroni del mondo umano e pagano gli altri che non c’entrano assolutamente nulla. Anzi i poveri e i poverissimi soffrono per tutti.  Figuriamoci, per quel che riguarda il caso storico in questione,  se gente terrorizzata da una gelata che gli bruciava l’orto o da un lupo che gli scannava una pecora poteva pensare d’essere sulla strada di uno degli eserciti più potenti del mondo di allora, mostri umani che non solo misero a ferro e fuoco l’Europa e l’Africa e perfino l’America.

Marco: Dove vuoi arrivare, cerca di esser chiaro!

Francesco: Oggi ci sono solo vittime, vittime  e ancora vittime di un sistema di creazione di valuta, produzione e consumo e inquinamento fuori controllo. Come in guerra i pochi vincono e i molti soffrono e devono sperare nella pietà o nell’interesse altrui per sopravvivere. Non c’è colpa, non c’è responsabilità nei molti ma solo nei pochi e nei pochissimi che sono ricchi. Perché cercare in noi difetti, è ingiusto! Male  è attribuirsi una colpa e una pena iniqua dove c’è semmai bisogno di comprensivo e onestà intellettuale.

Marco: Siamo alle solite, cerchi di scaricare le responsabilità, sei come le aziende che fingi di criticare: profitti privati per uno, perdite ai soci, inquinamento alla collettività e falso in bilancio per il fisco. No! Se siamo dentro questo sistema non siamo vittime ma complici a livelli diversi del male che esso produce.




25 novembre 2010

Il Belpaese e la scuola: spiegare la guerra di ieri, oggi, domani

 

Le Tavole delle colpe di Madduwatta

IL BELPAESE E LA  SCUOLA: spiegare la guerra di ieri, oggi, domani

I miei venticinque lettori da tempo conoscono  i miei crucci sulla scuola che oggi in tempo di tagli alla spesa sociale e di riarmo forzato e di creazione di nuovi arsenali distruttivi assume per me il valore di uno specchio sul quale compaiono deformi i segni di questo inquieto presente.

Come docente che insegna storia e precisamente storia contemporanea ed Educazione Civica ho trovato un ragionevole compromesso con la realtà di oggi nella quale, scanso equivoci e dubbi, il Belpaese è in guerra con le sue forze armate in Afganistan e combatte contro forze ostili. Cerco di spiegare la guerra e il fatto militare in modo analitico, argomentando e considerando i fatti e non cadendo nella retorica compassionevole o peggio moralistica, non so se ci riesco ma è quello che mi sento in dovere di fare. Il moralismo straccione e cialtronesco ha suscitato in Italia le peggiori giustificazioni politiche e ogni sorta d’ipocrisia e d’inciviltà nella vita sociale, in fondo lo temo perché la tentazione di farsi assorbire da esso è fortissima in coloro che son parte delle disperse genti del Belpaese, talvolta esso è una strategia di  sopravvivenza. Quindi per evitare la tentazione maligna mi sforzo di spiegare la guerra di ieri, oggi domani come fatto tipico e caratteristico della civiltà umana: la tecnologia che crea, le ricadute scientifiche e culturali che determina, la legittimazione dei poteri politici e religiosi che forma  e plasma cerco di leggerli alla luce delle forme con cui si manifestano la civiltà umane su questo pianeta azzurro nello spazio e nel tempo. Oggi sono però davanti a un motivo imbarazzo che riguarda la prima parte della Costituzione Italiana, e segnatamente uno degli articoli che determinano i principi di fondo di questa presente Repubblica. Si tratta dell’art. 11 “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente in condizioni di parità con altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo”.  L’articolo fu scritto in un tempo nel quale per le minoranze che vivevano di politica nel Belpaese le guerre presenti che vengono combattute oggi non erano concepibili. Queste guerre hanno almeno tre caratteristiche peculiari: 1) eserciti professionali e mercenari combattono forze irregolari, terroristi, miliziani con una grande sproporzione di potenza e addestramento fra le due parti in lotta, 2) Le vittime di queste guerre sono perlopiù civili e fra essi donne e bambini perché il controllo della popolazione civile è uno scopo strategico delle parti in lotta 3) Sono guerre costose che coinvolgono interessi finanziari e industriali e criminali, criminali nel senso che questi conflitti sono strettamente collegati alla produzione, distribuzione e consumo di stupefacenti, alla vendita illegale di armi, al riciclaggio di denari di provenienza illecita o mafiosa, al finanziamento del conflitto e ai favolosi profitti bancari che comportano i debiti contratti per far la guerra. Lo scenario della guerra oggi è quanto di più lontano possa esistere, scontata ovviamente la presenza occasionale di eventuali figure eroiche e straordinarie che possono presentarsi in una situazione bellica, dal mondo degli ideali, della verità, della libertà, degli Dei e degli Eroi.  Oggi mi trovo a dover far i conti con un editoriale della rivista RAIDS, rivista di cui non approvo la linea ideologica “ultratlantista” ma alla quale riconosco di aver dato conto di notizie e immagini  passate sotto silenzio nel Belpaese,  e precisamente l’articolo del numero di ottobre 2010 dal titolo” Cosa accade realmente in Afganistan”. Afferma questo che pare essere un editoriale:”Prendiamo la notizia del ferimento di tre elementi della mitica (in tutti i sensi) Task Force 45, giunto alcuni mesi or sono. Proviamo a ricostruire la vicenda per sommi capi, in quanto quelli delle forze speciali sono muti anche “sotto tortura”. Una sessantina di loro, si dirigono sempre nell’area sud-orientale del nostro schieramento. Gli UAV hanno segnalato qualcosa di sospetto e bisogna investigare da vicino. La segnalazione è esatta ma, vuoi perché dall’alto è sempre difficile identificare i miliziani dai civili, vuoi perché giungono altri elementi, i nostri giunti con gli elicotteri, si trovano di fronte   la bellezza di 400-500 miliziani, con mortai, mitragliatrici da 12,7 mm e via proseguendo. Nei film i protagonisti in 5-6 minuti sistemano tutto ma nella realtà la situazione è decisamente difficile. I nostri non si perdono d’animo, chiamano l’appoggio di elicotteri MANGUSTA e velivoli da combattimento e iniziano a darci sotto sfruttando la precisione del loro fuoco, attenti a economizzare i colpi ( memori dei 10 francesi uccisi due anni or sono vicino Kabul anche perché rimasti senza colpi). Grazie anche all’appoggio dei MANGUSTA, mettono in fuga i miliziani che lasciano sul campo 60 caduti, 12 prigionieri e una trentina di feriti ( a giudicare dalle tracce di sangue e dalle parti ritrovate sul terreno alcuni gravi), oltre a un cospicuo bottino di armi e munizioni…” L’articolo prosegue con una precisa analisi delle armi e della tipologia di armamenti in dotazione e di quel che sarebbe bello far arrivare ai soldati impegnati in Afganistan. Che l’articolo non sia invenzione lo dimostra il fatto che anche il Sole 24 ore si è occupato di questa unità incaricata di effettuare  missioni di guerra e formata da soldati scelti provenienti dalle forze speciali. Quindi la guerra per quanto limitata per numero di forze combattenti e mezzi è un fatto quotidiano in questa Seconda Repubblica e quando si pensa al Belpaese questo fatto non dovrebbe, come spessissimo avviene, presso i mezzi informazione  e nel dibattito politico  oscurato senza spiegazione apparente.  Tre motivi fondamentali mi spingono ad affermare questo: 1) in guerra si uccide e  si viene uccisi, oltre alle distruzioni materiali, quindi come evidenzia l’articolo di RAIDS chi opera sotto le insegne del Belpaese rischia forte e lascia dei morti sul terreno e questo va giustificato politicamente e in via di principio. 2) la guerra costa e se si spende per uccidere o per non essere uccisi non si può indirizzare quei milioni di euro nelle spese sociali o per la scuola 3) la guerra anche in forma sottile e occulta muta il fatto politico, sociale e talvolta determina ricadute tecnologiche dalla produzione e ricerca militare alla vita civile. E’ straordinario come i nostri retori,i politici di professione,  i nostrani mezzibusti televisivi, gli editorialisti illustri e ben informati non collegano il fatto politico e sociale con il fatto militare.  Alle volte quando faccio lezione e metto assieme la società feudale del medioevo con le crociate cercando di far capire il legame fra fatto militare, cultura politica e religiosa, interessi territoriali ed economici osservo che mentre per il passato remotissimo pare semplice arrivare a saldare i vari aspetti del fatto bellico al contrario qui in questo presente l’evento militare pare un fulmine che turba e cielo, rompe l’armonia della pioggia che cade e colpisce alla cieca. In questo fatto banalissimo e assolutamente evidente leggo la solita evidenza del fatto che la maggior parte delle genti del Belpaese ha deciso di sfuggire totalmente o in parte alla presente realtà creando  una finzione parziale o assoluta che copre il reale che è reale e offre un comodo autoinganno. Quindi la rimozione del fatto militare favorita dai mezzi di comunicazione di massa, e  gradita al presente  sistema di produzione e consumo che ha bisogno di consumatori ignari e quieti e non allarmati o disturbati, va avanti comodamente provocando in me quel senso di persistente fastidio che colpisce la mia attività professionale e la mia vita quotidiana perché percepisco le notizie e leggo il presente in modo spesso radicalmente diverso dal senso comune. Chiudo questa riflessione osservando una didascalia della rivista RAIDS la quale a proposito dei nostrani elicotteri da guerra AW-129 Mangusta  afferma che son stati ribattezzati dai miliziani talebani “La morte nera”.

IANA per FuturoIeri






22 novembre 2010

Il Belpaese e le sue paure: La sconfitta altrui

periferia malvagia

Le Tavole delle colpe di Madduwatta

IL BELPAESE E LE SUE PAURE NASCOSTE: La sconfitta altrui

Le paure del Belpaese sono troppe, le nostre genti difformi cercano di nascondere quelle più imbarazzanti. Per esser chiaro voglio trattare qui di un fatto che è omesso dal pubblico dibattito e dal discorso politico nel Belpaese ma che esiste e resiste in taluni soggetti politici marginali. Si tratta delle oltre 100 basi NATO nel Belpaese ovvero per non essere ipocrita scrivo che si tratta  delle basi a Stelle e Strisce del grande impero Statunitense. Il grande impero che ha spazzato via a suon di bombe e carri armati l’Italia Imperiale fascista e monarchica e  contribuito decisamente alla creazione della Prima Repubblica è  oggi in crisi economica, finanziaria, strutturale e militare. Una parte delle produzioni che le multinazionali statunitensi avevano negli USA è da tempo stata trasferita in Cina e in altri paesi asiatici, che subiscono l'influenza indiana e cinese, per questioni di vantaggi legati al basso costo della forza-lavoro e favorevoli condizioni fiscali, la grande finanza americana ha prodotto una crisi paragonabile, ma forse perfino peggiore, di quella del 1929  i fatti sono sotto gli occhi di tutti, le ragioni profonde del sistema americano e le leggende dell’uomo statunitense e  della sua conquista della frontiera e della sua venuta nella terra delle opportunità hanno perso credibilità, il fatto militare, che è sempre e comunque fondamentale, riposa sull’evidenza che l’esercito USA non ha vinto i suoi nemici e anzi si profila nella migliore delle ipotesi una pace di compromesso in Afganistan e Iraq che comunque segnerà una perdita di credibilità agli occhi di nemici, rivali e alleati. Mi pare difficile che il gigante riesca a farcela stavolta, comunque sia è certissimo che questo Belpaese diviso, fazioso, in fuga dalla realtà, in preda a un caos morale e sociale inaudito seguirà questo impero made in USA nella sua discesa verso la disfatta; ci sono troppe basi e forti sono i loro interessi.  Pare  evidente che non riusciremo a sganciarci nonostante alcuni segnali contraddittori come l’amicizia nuovissima con la Cina e quella di vecchia data con la Russia Putiniana. Potenze globali rivali e talvolta ostili al dominio e controllo planetario anglo-americano. Ora c’è da chiedersi se una possibile estensione del conflitto presente al Pakistan o all’Iran possa rovesciare con qualche clamorosa vittoria questa decadenza USA, chi scrive ne dubita. Nel caso di estensione del conflitto c’è ragionevolmente da aspettarsi il peggio per la gente del Belpaese e per il resto del mondo umano; quando le guerre vanno fuori controllo non solo è arduo individuare l’esito ma spesso la conclusione è diversa da quella pensata all’inizio e talvolta del tutto inaspettata. Dato il livello evidente di prostrazione e di crollo della fiducia in se stessi le genti del Belpaese possono ora come ora pregare e chiudersi a discutere con la giusta filosofia e competenza tecnica e  politica dei fatti. Per noi tanto hanno già deciso altri.

Iana





19 novembre 2010

Il Fascista Immaginario: la notte

periferia malvagia

Le Tavole delle colpe di Madduwatta

    * Breve scritto teatrale sulla disgregazione del vecchio mondo umano al tempo del ministro della pubblica istruzione Letizia Moratti e dell’ennesimo governo Berlusconi; è l’ estate del 2003.

 Sergio: Ho una strana impressione: quel libro sul lavoro ti piace fin troppo. Dimmi cosa c’è di così importante.

    * -          Lazzaro: la descrizione di questo processo di globalizzazione, espansione del modello di produzione e consumo statunitense ad altre realtà del mondo umano e a mio avviso la disgregazione del modello stesso che potrebbe collassare sotto il suo stesso peso e sotto le sue contraddizioni e le sue iniquità. In questo sistema il lavoro diventa una merce e la dignità umana una variabile del mercato; nulla si salva dal sistema di produzione e consumo che deve ogni volta distruggere le ragioni e i modi d’esistere ed di essere uomini che vivono fra gli uomini per creare un mondo nuovo altrettanto fragile e provvisorio. Questo mondo di vita, di classi sociali, di rapporti umani, di  ragioni del vivere quotidiano è a sua volta destinato ad essere distrutto per far spazio a nuovi modelli di vita e consumo. Questo avviene non per necessità come nell’Antichità o nel Medioevo ma per ragioni di potenza fra coloro che hanno i capitali da investire e che devono di volta in volta con una mano creare e con l’altra distruggere. Non è la Patria, i destini imperiali, l’onore delle nazioni, la ragion di Stato a muovere la trasformazione del mondo umano e la degradazione della natura a strumento e risorsa ma l’interesse delle multinazionali e dei grandi potentati finanziari. L’essere umano è una variabile di un calcolo economico deciso altrove, per ragioni in parte segrete, sulla base di agende riservate, secondo la necessità e la volontà di una minoranza di ricchissimi, tecnocrati, supermanager.

    * -          Sergio: Parli come uno di quelli che ragiona sulla teoria del complotto, uno di quelli che  temono cabale e massonerie deviate. Comunque è vero i poteri finanziari stanno stritolando i poteri politici qui come altrove; anzi essi stessi sono la politica e la volontà degli esecutivi. Io vedo gli effetti nella vita quotidiana, nella pubblicità, nei discorsi della gente. Non basta essere giusti, morali, avere fede; questo male grandissimo che viene dall’avidità dei pochi, degli stranieri, degli apolidi colpisce e corrompe anche la persona perbene, anche il galantuomo e perfino la donna onesta. Il denaro droga la vita degli umani, il suo bisogno cresce, diventa ossessione, ragione di vita, un Dio. Vedo l’avidità nella mente di coloro con i quali lavoro, il risentimento dipinto nelle espressioni e nelle parole dei molti che non sono ricchi e felici, e ovviamente famosi o per esser brevi VIP.

    * -          Lazzaro: Il sistema del capitalismo che è il fondamento della Rivoluzione Industriale e della civiltà industriale esige dosi massicce di egoismo, di distruzione creativa, di corruzione, di mancanza di scrupoli e in una certa misura tollera anche le truffe e la criminalità. Si tratta di una forma inedita di creare potenza perché essa non si rivolge al passato e alla tradizione ma i suoi scopi sono sempre volti al futuro, l’innovazione scientifica e tecnologica è una questione strategica, il cambiamento anche violento e abietto è necessario.  Il denaro che gira per il mondo umano è come una creatura viva, come un fuoco che per esistere deve consumare in continuazione altrimenti si spegne.

    * -          Sergio: Hai ragione c’è qualcosa di diabolico nella civiltà industriale, ma devi anche ammettere che i sedicenti regimi comunisti o di socialismo reale che di si voglia altro non sono e non sono stati altro che un capitalismo di Stato. Al posto dell’egoismo di alcune minoranze di ricchissimi si è manifestata nei regimi comunisti e similari la volontà di potenza dello Stato e del partito unico al potere che è diventato l’economia e la potenza sfruttatrice della manodopera, esso è stato non meno crudele e aggressivo, sterminatore e persecutore dei capitalisti che erano dietro la costruzione della grande ferrovia negli Stati Uniti e la distruzione delle nazioni indiane. Le forze di sinistra non criticano lo sfruttamento comunista, la distruzione di beni e risorse da parte di poteri imperiali e ideologici, lo sfruttamento di milioni di disgraziati nei paradisi delle Repubbliche Popolari presenti, passate e future. Non basta dimenticare e mascherarsi quando tanta parte dell’umanità è retta da un regime monopartitico che persegue un capitalismo di Stato e una volontà di dominio in alleanza con talune forze anti-occidentali che abusano del capitalismo e della tolleranza che  viene accordata a certi suoi elementi devianti. Stavolta però non è come prima, i confini fra rosso, blu  e nero si confondono, il comunista giallo fa il capitalista blu, l’operaio rosso politicamente si macchia di nero e l’intellettuale che lavora per i colossi industriali del capitalismo si colora con quel che trova e gira sul momento.

    * -          Lazzaro: Il sistema del capitalismo è entrato nella sua terza fase. Ti leggerò l’introduzione del libro che ho in mano:”L’era dell’informazione è iniziata. Negli anni che ci attendono, tecnologie software sempre più sofisticate porteranno la nostra civiltà sempre più vicina al mito di un mondo senza lavoratori. Nei comparti agricolo, manifatturiero e dei servizi, le macchine si sostituiscono al lavoro umano e rendono prevedibile l’avvento di un’economia di produzione quasi completamente automatizzata entro la metà del XXI secolo. La massiccia sostituzione degli uomini con le macchine costringerà ogni nazione a ripensare il ruolo della persona nel processo sociale. La  ridefinizione delle opportunità e delle responsabilità di milioni di persone in una società nella quale non esiste l’occupazione formale di massa sarà, molto probabilmente, la questione sociale più pesante nel secolo a venire Mentre la gente continua a sentir parlare della prosperità economica prossima ventura, i lavoratori in tutto il mondo osservano con perplessità quella che pare essere una ripresa che non crea occupazione. Non passa giorno senza che una multinazionale dichiari al pubblico di essere diventata più competitiva  a livello globale e che i suoi profitti sono in aumento costante annunciando, allo stesso tempo, licenziamenti in massa.” La stesura di questo testo è del 1995 e questa è una ristampa italiana del 2001. Fai i conti 2003 meno 1995 fa otto anni. È da tempo che i meccanismi sono noti. La povertà e la disoccupazione non sono elementi estranei al sistema ma parte di esso e così è anche per l’immigrazione. Tutto si tiene.  Più immigrazione, più distruzione creativa della realtà sociale esistente, più discredito che cade sul sistema politico e maggiori sono le possibilità di creare il nuovo e di costruire fonti di rendita e di profitto dalla distruzione. Pensa solo per un attimo al potere enorme che assumerebbero banche e finanza nella realtà sociale del Belpaese se il sistema universitario fosse quasi integralmente privatizzato. La selezione delle classi dirigenti e degli appartenenti ai ceti professionali o più o meno intellettuali potrebbe essere programmata aldilà dei desideri politici e sociali della maggioranza della popolazione. Pensa a una cosa oggi improponibile: un bel summit fra fondazioni bancarie, dirigenti, esperti del settore, qualche rettore di facoltà e qualche ministro per far da tappezzeria e il gioco è fatto. Riscritte per decenni le regole della selezione, della ricerca e dello studio universitario aldilà della Costituzione, dei diritti dell’uomo, delle libertà di pensiero, d’opinione e di parola. ”

    * -          Sergio: Hai ragione ma c’è un grosso buco in quel che affermi. Questi baroni universitari rossi, neri, blu, gialli, verdi sono meglio del privato? Io credo di no! La banca è quel che è, ossia il male. Ma la gestione a vantaggio di protetti, amici degli amici, amanti, nipoti, figli, mogli che portano avanti da decenni è meglio? A un criterio legato all’egoismo e al male che nasce dal privato e dalla sua cerchia di privilegiati si sostituisce un male certo più grande ma proprio per questo razionale, scientifico, potente e non meschino, lurido, inferiore, deforme, infelice, e spesso osceno. Se devo scegliere fra un male inferiore di tanti piccoli delinquenti pericolosi e meschini e un potere malvagio ma unico e forte sceglierò sempre il potere unico. Il re cattivo ma  legittimo è sempre superiore ai feudatari meschini, vili, apostati e felloni. Guarda cristianamente questa trave e queste pagliuzze. Comprenderai che in te c’è il solito pregiudizio di pensare il privato come male e come  bene  il  pubblico, magari gestito dai partiti amici. Il pubblico deve esser liberato dalla feccia e il privato obbedire alle leggi, giuste in quanto leggi, e non travisarle, inquinarle, corromperle, distruggerle per suoi fini egoistici.

   La notte sta calando dal cortile, anch’esso occupato, si leva un canto.


    * -          Lazzaro: Silenzio, è rimasto qualcuno in cortile sento un canto, qualcuno suona una chitarra. Accidenti non dovrebbero esser qui. Ah! Quel tale, poca cosa è  con tre o quattro immigrati e si è sistemato in un angolo. Tra poco andranno via, questa è l’ultima notte. Ma che cosa è quest’aria? Sembra una canzone molto vecchia, non la conosco.




19 novembre 2010

Le Tavole delle colpe di Madduwatta - La Recita a Soggetto

periferia malvagia

Le Tavole delle colpe di Madduwatta

Il Fascista Immaginario

  • Breve scritto teatrale sulla disgregazione del vecchio mondo umano al tempo del ministro della pubblica istruzione Letizia Moratti e dell’ennesimo governo Berlusconi; è l’ estate del 2003.
  • -          Sergio: Ho una strana impressione: quel libro sul lavoro ti piace fin troppo. Dimmi cosa c’è di così importante.
  • -          Lazzaro: la descrizione di questo processo di globalizzazione, espansione del modello di produzione e consumo statunitense ad altre realtà del mondo umano e a mio avviso la disgregazione del modello stesso che potrebbe collassare sotto il suo stesso peso e sotto le sue contraddizioni e le sue iniquità. In questo sistema il lavoro diventa una merce e la dignità umana una variabile del mercato; nulla si salva dal sistema di produzione e consumo che deve ogni volta distruggere le ragioni e i modi d’esistere ed di essere uomini che vivono fra gli uomini per creare un mondo nuovo altrettanto fragile e provvisorio. Questo mondo di vita, di classi sociali, di rapporti umani, di  ragioni del vivere quotidiano è a sua volta destinato ad essere distrutto per far spazio a nuovi modelli di vita e consumo. Questo avviene non per necessità come nell’Antichità o nel Medioevo ma per ragioni di potenza fra coloro che hanno i capitali da investire e che devono di volta in volta con una mano creare e con l’altra distruggere. Non è la Patria, i destini imperiali, l’onore delle nazioni, la ragion di Stato a muovere la trasformazione del mondo umano e la degradazione della natura a strumento e risorsa ma l’interesse delle multinazionali e dei grandi potentati finanziari. L’essere umano è una variabile di un calcolo economico deciso altrove, per ragioni in parte segrete, sulla base di agende riservate, secondo la necessità e la volontà di una minoranza di ricchissimi, tecnocrati, supermanager.
  • -          Sergio: Parli come uno di quelli che ragiona sulla teoria del complotto, uno di quelli che  temono cabale e massonerie deviate. Comunque è vero i poteri finanziari stanno stritolando i poteri politici qui come altrove; anzi essi stessi sono la politica e la volontà degli esecutivi. Io vedo gli effetti nella vita quotidiana, nella pubblicità, nei discorsi della gente. Non basta essere giusti, morali, avere fede; questo male grandissimo che viene dall’avidità dei pochi, degli stranieri, degli apolidi colpisce e corrompe anche la persona perbene, anche il galantuomo e perfino la donna onesta. Il denaro droga la vita degli umani, il suo bisogno cresce, diventa ossessione, ragione di vita, un Dio. Vedo l’avidità nella mente di coloro con i quali lavoro, il risentimento dipinto nelle espressioni e nelle parole dei molti che non sono ricchi e felici, e ovviamente famosi o per esser brevi VIP.
  • -          Lazzaro: Il sistema del capitalismo che è il fondamento della Rivoluzione Industriale e della civiltà industriale esige dosi massicce di egoismo, di distruzione creativa, di corruzione, di mancanza di scrupoli e in una certa misura tollera anche le truffe e la criminalità. Si tratta di una forma inedita di creare potenza perché essa non si rivolge al passato e alla tradizione ma i suoi scopi sono sempre volti al futuro, l’innovazione scientifica e tecnologica è una questione strategica, il cambiamento anche violento e abietto è necessario.  Il denaro che gira per il mondo umano è come una creatura viva, come un fuoco che per esistere deve consumare in continuazione altrimenti si spegne.
  • -          Sergio: Hai ragione c’è qualcosa di diabolico nella civiltà industriale, ma devi anche ammettere che i sedicenti regimi comunisti o di socialismo reale che di si voglia altro non sono e non sono stati altro che un capitalismo di Stato. Al posto dell’egoismo di alcune minoranze di ricchissimi si è manifestata nei regimi comunisti e similari la volontà di potenza dello Stato e del partito unico al potere che è diventato l’economia e la potenza sfruttatrice della manodopera, esso è stato non meno crudele e aggressivo, sterminatore e persecutore dei capitalisti che erano dietro la costruzione della grande ferrovia negli Stati Uniti e la distruzione delle nazioni indiane. Le forze di sinistra non criticano lo sfruttamento comunista, la distruzione di beni e risorse da parte di poteri imperiali e ideologici, lo sfruttamento di milioni di disgraziati nei paradisi delle Repubbliche Popolari presenti, passate e future. Non basta dimenticare e mascherarsi quando tanta parte dell’umanità è retta da un regime monopartitico che persegue un capitalismo di Stato e una volontà di dominio in alleanza con talune forze anti-occidentali che abusano del capitalismo e della tolleranza che  viene accordata a certi suoi elementi devianti. Stavolta però non è come prima, i confini fra rosso, blu  e nero si confondono, il comunista giallo fa il capitalista blu, l’operaio rosso politicamente si macchia di nero e l’intellettuale che lavora per i colossi industriali del capitalismo si colora con quel che trova e gira sul momento.
  • -          Lazzaro: Il sistema del capitalismo è entrato nella sua terza fase. Ti leggerò l’introduzione del libro che ho in mano:”L’era dell’informazione è iniziata. Negli anni che ci attendono, tecnologie software sempre più sofisticate porteranno la nostra civiltà sempre più vicina al mito di un mondo senza lavoratori. Nei comparti agricolo, manifatturiero e dei servizi, le macchine si sostituiscono al lavoro umano e rendono prevedibile l’avvento di un’economia di produzione quasi completamente automatizzata entro la metà del XXI secolo. La massiccia sostituzione degli uomini con le macchine costringerà ogni nazione a ripensare il ruolo della persona nel processo sociale. La  ridefinizione delle opportunità e delle responsabilità di milioni di persone in una società nella quale non esiste l’occupazione formale di massa sarà, molto probabilmente, la questione sociale più pesante nel secolo a venire Mentre la gente continua a sentir parlare della prosperità economica prossima ventura, i lavoratori in tutto il mondo osservano con perplessità quella che pare essere una ripresa che non crea occupazione. Non passa giorno senza che una multinazionale dichiari al pubblico di essere diventata più competitiva  a livello globale e che i suoi profitti sono in aumento costante annunciando, allo stesso tempo, licenziamenti in massa.” La stesura di questo testo è del 1995 e questa è una ristampa italiana del 2001. Fai i conti 2003 meno 1995 fa otto anni. È da tempo che i meccanismi sono noti. La povertà e la disoccupazione non sono elementi estranei al sistema ma parte di esso e così è anche per l’immigrazione. Tutto si tiene.  Più immigrazione, più distruzione creativa della realtà sociale esistente, più discredito che cade sul sistema politico e maggiori sono le possibilità di creare il nuovo e di costruire fonti di rendita e di profitto dalla distruzione. Pensa solo per un attimo al potere enorme che assumerebbero banche e finanza nella realtà sociale del Belpaese se il sistema universitario fosse quasi integralmente privatizzato. La selezione delle classi dirigenti e degli appartenenti ai ceti professionali o più o meno intellettuali potrebbe essere programmata aldilà dei desideri politici e sociali della maggioranza della popolazione. Pensa a una cosa oggi improponibile: un bel summit fra fondazioni bancarie, dirigenti, esperti del settore, qualche rettore di facoltà e qualche ministro per far da tappezzeria e il gioco è fatto. Riscritte per decenni le regole della selezione, della ricerca e dello studio universitario aldilà della Costituzione, dei diritti dell’uomo, delle libertà di pensiero, d’opinione e di parola. ”
  • -          Sergio: Hai ragione ma c’è un grosso buco in quel che affermi. Questi baroni universitari rossi, neri, blu, gialli, verdi sono meglio del privato? Io credo di no! La banca è quel che è, ossia il male. Ma la gestione a vantaggio di protetti, amici degli amici, amanti, nipoti, figli, mogli che portano avanti da decenni è meglio? A un criterio legato all’egoismo e al male che nasce dal privato e dalla sua cerchia di privilegiati si sostituisce un male certo più grande ma proprio per questo razionale, scientifico, potente e non meschino, lurido, inferiore, deforme, infelice, e spesso osceno. Se devo scegliere fra un male inferiore di tanti piccoli delinquenti pericolosi e meschini e un potere malvagio ma unico e forte sceglierò sempre il potere unico. Il re cattivo ma  legittimo è sempre superiore ai feudatari meschini, vili, apostati e felloni. Guarda cristianamente questa trave e queste pagliuzze. Comprenderai che in te c’è il solito pregiudizio di pensare il privato come male e come  bene  il  pubblico, magari gestito dai partiti amici. Il pubblico deve esser liberato dalla feccia e il privato obbedire alle leggi, giuste in quanto leggi, e non travisarle, inquinarle, corromperle, distruggerle per suoi fini egoistici.
  • -          La notte sta calando dal cortile, anch’esso occupato, si leva un canto.
  • -          Lazzaro: Silenzio, è rimasto qualcuno in cortile sento un canto, qualcuno suona una chitarra. Accidenti non dovrebbero esser qui. Ah! Quel tale, poca cosa è  con tre o quattro immigrati e si è sistemato in un angolo. Tra poco andranno via, questa è l’ultima notte. Ma che cosa è quest’aria? Sembra una canzone molto vecchia, non la conosco.




12 novembre 2010

Il Novecento è finito



Le Tavole delle colpe di Madduwatta

IL BELPAESE E LA  SCUOLA: Qui il Novecento è finito

Al quinto anno di Liceo si studia la storia del Novecento, è un dato banale e un fatto. Con questo dato di fatto, per via del mio lavoro, mi confronto tutti gli anni o quasi. Nei momenti liberi che ho osservo che il Novecento oggi, anno 2010, è morto. Sono morti i suoi deliri ideologici sostituiti da agende segrete delle multinazionali e dei potentati finanziari del mondo, si è sostituito il disordine politico e criminale creando una società globale impostata sulla legge del più ricco che ha bisogno di disordine per poter scomporre di volta in volta la realtà e ricostruirla per ragioni di potere e di profitto di pochissimi, le concezioni morali delle classi sociali antagoniste sono state mutate nel caos indistinto della brama illimitata di beni, piaceri  e ricchezze per tutti  contro tutti e contro tutto, la credenza nel progresso è stata sostituita da un nuovo millenarismo spesso terrorizzante, le guerre totali sono state sostituite da guerre a bassa intensità che iniziano ma sembrano non finire mai, le guerre fra eserciti sostituite da guerre di eserciti contro le popolazioni civili o contro milizie e partigiani quando non addirittura bande armate, perfino gli imperi sono cambiati essi non offrono più protezione ai paesi vassalli o ai propri sudditi ma si limitano a sfruttarli e a manipolarli come se fossero orde di selvaggi da usare per qualche oscuro progetto coloniale. Cosa è arrivato di buono e giusto? La tecnologia e la scienza grazie alle ricadute della ricerca militare sul civile ha generato alla fine del Novecento la Terza Rivoluzione industriale. Questa nuova rivoluzione è qualcosa di grande perché non cambia soltanto i mezzi e le modalità del produrre e del consumare ma determina le credenze e le forme del conoscere il reale attraverso la pubblicità televisiva e via rete, i social network, l’uso del computer nella vita quotidiana, la connessione fra le grandi economie imperiali; inoltre ha causato uno spostamento di popolazioni in quanto milioni di esseri umani dall’Asia e dall’Africa sono arrivati in Europa e una parte di loro resterà in loco e non ritornerà nella terra d’origine. Ora capita proprio nel Belpaese che per colpa di ceti sociali che vivono di politica e solo di quella e di una popolazione anziana che vive nel terrore del cambiamento e della sostituzione anagrafica per raggiunti, e sorpassati, limiti di età tanta parte d’Italia sfugga alla realtà e vaneggi di resurrezioni fasciste, comuniste, anarchistiche novecentesche. Questo è un mondo nuovo non meno feroce, iniquo, blasfemo e spietato del precedente. Fingere di vivere altrove sarà per le disperse genti del Belpaese una cura da ciarlatani che può far danni terribili e far  vedere ai terrorizzati dal nuovo resurrezioni politiche là dove c’è solo il fumo dell’imbonitore che vive di politica e vuol cavare dei soldi dalle paure dei molti.

IANA per FuturoIeri





11 novembre 2010

Una nuova traduzione di Allegri sulla crisi statunitense

7/11/2010

Di F. Allegri

Dennis è stato rieletto per l'ottava volta e questa è una sorpresa! Tale sentimento si accentua leggendo i temi iniziali della sua lotta politica.

Li trovate qui sotto.

 

Dennis Kucinich: Afganistan, L’Ambiente e il Controllo Societario del Processo Politico

30/06/2010

Di Dennis Kucinich

Caro sostenitore:

D. Kucinich manda un messaggio basilare sull’Afganistan, la perdita di petrolio nel Golfo del Mexico e l’influenza del denaro societario sulle elezioni federali.

---------------

Ciao, da Dennis.

Come sai, conduco lo sforzo di cercare di fermare la nostra nazione dal continuare il suo tragico errore in Afganistan.

Raduniamoci, America, per dire che è ora di finire la guerra una volta per tutte: proporre una data e sostenere la fine della guerra nel 2011, 2012.

Possiamo andare lentamente verso la fine di questa guerra per un altro decennio. Questo non è accettabile.

Non è accettabile a causa della perdita delle vite delle nostre truppe, della perdita delle vite di civili innocenti, del governo corrotto dell’Afganistan, perché non c’è modo di vincere e di stabilire una democrazia laggiù, perché non possiamo sostenere la guerra, perché abbiamo a casa delle cose che vanno curate: creare lavoro, salvare le case, aiutare a ricostruire le nostre città.

Non possiamo più permetterci questa guerra in nessun modo, aspetto o forma.

Perciò continuerò i miei sforzi non solo per creare un dibattito, ma anche per costruire i voti per far si che quando il finanziamento della guerra sarà ridiscusso, noi raccoglieremo un voto anche più forte per uscire dall’Afganistan.

Chiedo il vostro supporto continuato a questo sforzo, non solo il vostro sostegno finanziario – ma il vostro sostegno morale.

Ti chiedo di parlare ai tuoi amici e vicini, di diffondere la parola che ci serve il venir via dall’Afganistan.

Noi dobbiamo portare una nuova direzione nella nostra posizione internazionale.

Noi dobbiamo finire la Guerra in Iraq.

Sappiamo che la guerra era basata sulle bugie.

Ora gli americani devono continuare a concentrarsi su cosa accade in Afganistan – il livello di corruzione che cresce è dannoso non solo per la credibilità della nostra nazione, ma danneggia pure ogni speranza che potremmo avere di raggiungere la pace nel mondo.

Chiaramente un nuovo approccio è necessario.

Mentre il petrolio esce ancora dal fondale del Golfo del Messico, io ho portato nel dibattito alla House un emendamento che limiterebbe la capacità delle imprese petrolifere, che trivellano nella piattaforma continentale esterna, di essere capaci influenzare le elezioni federali.

Siamo consapevoli che il caso alla U.S. Supreme Court (Citizens United) è stato devastante per la nostra capacità di avere un controllo reale sul nostro processo politico. Sappiamo che il caso Buckley v. Valeo – da la parola a quelli che hanno denaro, ma se voi non avete denaro non avete libertà di parola – avrà un impatto severo sul processo elettorale.

Ora questo significa, più che mai, che la vostra partecipazione al processo politico, senza avvilirsi, deve essere sentita.

Le voci di milioni di individui Americani, agendo sull’affare del loro governo, possono aver più peso della tremenda influenza delle società attraverso una voce collettiva.

Dobbiamo introdurre una nuova direzione nei finanziamenti elettorali.

Infine, va trasformata la catastrofe del Golfo del Messico in un’opportunità per creare una nuova direzione nelle nostre politiche energetiche.

Un’opportunità di unire l’America in una grande causa per ordinare, non solo il Golfo, ma anche la nostra nazione.

Non solo ordinare le sue politiche ma anche l’ambiente dell’America.

Molto presto tu ascolterai di più da me su questo sforzo. Ma per ora, voglio dire grazie a te per il tuo aiuto.

Per favore contribuisci generosamente mentre lottiamo per continuare a servire la gente degli Stati Uniti d’America e il 10° Distretto Congressuale dell’Ohio al Congresso USA.

Grazie molte.

--------------------------

Tradotto da F. Allegri il 7/11/2010




9 novembre 2010

La Crisi imperiale secondo Franco Allegri


L'amico Franco Allegri ha commentato e pubblicato un mio scritto sulla crisi dei costumi, dei valori e delle sorti magnifiche e progressive della globalizzazione made in USA. Lo presento ai miei pochi lettori quale commento qualificato.

Scritto da: F. Allegri 

 


La crisi di un modello economico e di un impero!

25/10/2010
Di F. Allegri


Oggi mi sono riletto l’articolo del Terzo libro del De Reditu Suo titolato “Note sulla morte del vecchio mondo umano e sul nuovo” che su Empolitica pubblicherò prima di questo e che trovate nell’apposita rubrica dedicata al De Reditu in questo sito.
In quello scritto, il professor Nappini constata la morte del vecchio modo di vivere nel Belpaese e la crisi stessa del consumismo che era stato il primo distruttore di tante tradizioni secolari, ma nello scritto approfondisce la questione a livello politico.
Anche il consumismo muta in finzione e illusione, si aggrappa al digitale terrestre, ai sussidi statali, ai quiz e alle grandi lotterie dove spesso vince solo il banco.
Per il professore, il vecchio mondo aveva un passato comune, una sua storia. Oggi viviamo in un modello di società che è quello dei grandi imperi decadenti e di quelli piccoli emergenti.
Fin qui io concordo, poi (come ho anticipato sopra) il professore si concentra sui PARTITI POLITICI DELLA PRIMA REPUBBLICA visti come un agente di dissoluzione del sistema sociale italiano.
Qui sono tornato indietro nel tempo, ai tempi dell’università quando per preparare la tesi studiai la società italiana degli anni precedenti all’anno santo, il 1948 e il 1949.
Fu uno studio seminariale e collettivo; a noi studenti interessava il fenomeno religioso, ma guardammo anche la società e la politica. Era il 1997 e con il professor Margiotta Broglio guardammo vari comizi, del PCI della DC e del PSI. Mi ricordo che i livelli di partecipazione mi impressionarono e che feci dei confronti con quella contemporaneità fatta di crisi dei partiti e del Berlusconismo nascente.
Oggi, rileggendo l’articolo 49 della costituzione, mi sono chiesto: “Ma i partiti del 1949 associavano liberamente i cittadini per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale?”.
Certamente in quegli anni la politica era organizzata, ma quanta libertà c’era? Quale cultura politica avevamo?Eravamo un regime democratico? La libertà era poca, non avevamo culture realmente democratiche e il regime si basava già su un mercanteggiare quotidiano detto “Consociativismo”. Gli unici tentativi di riforma furono detti di centro sinistra poi tutto naufragò nel triennio della “Solidarietà nazionale”. Scusate la sintesi, ma io faccio attualità politica, a modo mio!
Qui prendo le distanze da quanto emerge dallo scritto del professore: PER ME NON ABBIAMO MAI AVUTO UN’EPOCA D’ORO DELLA POLITICA IN ITALIA. Non c’è da rimpiangere qualche governo buono, magari guidato da santi che si contrapponevano a dei geni! Tangentopoli non fu un regno estemporaneo e breve, era l’Italia rinata nel 1946 e concordo con la descrizione dell’Italia fatta dal professore solo dandole un’ampiezza storica maggiore.
Credo anche che i partiti politici siano sempre stati corrotti, finanziati in modo subdolo e/o illegale. Sono convinto anche che essi siano da sempre degli ascensori sociali, soprattutto nel sud del paese!
Partendo da questa mia convinzione provo a spiegare meglio la crisi che viviamo e perché il nostro paese è coinvolto e lo sarà ancora di più in futuro.
Noi viviamo la crisi economica e politica del grande impero che vinse la seconda guerra mondiale e poi amministrò il mondo con un consorzio di forze statali locali e secondarie fingendo di contrastare seriamente una dittatura euro asiatica, l’URSS. L’URSS fu l’avversario di comodo e bastò veramente poco per batterlo, oggi si può cominciare a dirlo senza l’ambizione di fare storia contemporanea.
Tutto comincia dal constatare che gli USA, dopo aver battuto l’URSS, non hanno trovato una loro missione e si sono sottomessi ai potentati economici e ad ideologie più vecchie e sballate del comunismo. Tutto è degenerato con la presidenza di Clinton e di Bush figlio! Sono almeno 12 anni disastrosi e snaturati, ma a livello filosofico il problema nacque nel secondo dopoguerra, proprio negli anni cinquanta.
Oggi resterò agli USA contemporanei: confusi e aggressivi in politica estera, disarticolati a livello economico nazionale.
A questo punto dobbiamo chiederci: “Chi siamo noi?” Certamente alla fine degli anni quaranta eravamo una creatura adottata ed educata al modello USA, ma anche un discolo che spesso non faceva quanto veniva ordinato o chiesto.
Il grande immorale (l’oligarchia capitalista) ha ideato una nuova degenerazione: brucia se stesso e come la fenice spera di rigenerarsi (producendo a costo zero e annullando la partecipazione politica) e rinnovarsi (in piccoli stati e società ancora più anonime, diverse e smarrite).
Qui concordo con il professore quando dice che “MILIONI D’ITALIANI SI SONO AUTO-ESCLUSI DALLA VITA POLITICA, QUESTO AIUTA LA DECOMPOSIZIONE”.
Eccoci al problema del miliardario apolide che un tempo era anche italiano. Il problema ha natura politica, ma a livello economico l’apolide suddetto brama la globalizzazione produttiva e la libera circolazione dei suoi prodotti realizzati in qualche inferno asiatico.
Questo avviene mentre l’Americanismo crolla a livello produttivo, finanziario e forse anche a livello militare. Sta fallendo una gestione della cosa pubblica di tipo aziendale e succube del privato e del mercato non regolato o meglio asservito ad un’entità aliena detta SPA.
Si dovrebbe sperare nella scelta delle gestioni rigorose? Anche dopo i salvataggi miliardari! Io resto convinto che ci vorrebbe un’economia dei dazi!
Si spera di vincere la missione di pace, ma in USA si parla di exit strategy dalla GUERRA Afgana. Gli altri stati sanno di essere in guerra e di combattere su più fronti!
Per la crisi italiana vale in parte quanto ha sostenuto in estate Naomi Klein: “Nessun mezzo e nessuna montagna di denaro può sostituire una cultura che ha perso le proprie radici”.
In realtà, noi non le abbiamo mai trovate e le cerchiamo da oltre un secolo, oggi dovremmo chiedere pace e dazi, ma soprattutto dobbiamo chiederci: “chi salverà noi e gli USA?”.




9 novembre 2010

La recita a soggetto-Amor di Patria

Monachella su spine e ramo



Le Tavole delle colpe di Madduwatta
La recita a soggetto


Anno 2010 estate, nel villino di periferia di Vincenzo Pisani si presentano di notte lo zio Francesco e lo Zio Marco preoccupati da uno strano annuncio.  I due dopo anni si parlano di persona.

Marco: Parliamo di affari, sul serio. Nello specifico i tuoi. Perché sei andato su e giù tra i Balcani e l’Ucraina a mendicare un posto di direttore o di controllore della qualità da certi gentiluomini? Il fatto di essere il fratello maggiore non conta, il denaro vale e vale tanto. Qualifica la persona, la rende degna agli occhi degli esseri umani e delle donne.
Francesco si allontana, apre la porta di una camera vuota e indica la finestra che dà sul giardino

Francesco:  Parli di denaro che qualifica per umiliarmi. Ipocrita! Osserva che cosa fa questo desiderio smodato, quanto ridicolo produce. Guarda il giardino!
Marco: Cosa ci fanno due tende nel giardino tra il pino e il fico? Che pazzia è questa? Vincenzo ha forse perso il lume della ragione? Si prepara alla terza guerra mondiale?

Francesco: No!  Per guadagnare qualche euro in più ha piazzato delle tende che vende a turisti squattrinati i quali non avendo da pagare l’ostello o giù di lì  e s’arrangiano;  il nostro nipotino li alloggia per pochi euro al giorno.

Marco: Il giardino di famiglia trasformato in un accampamento, robe che non vedi neanche in Ucraina! Il tutto per pochi euro, il vicinato ci avrà preso per disgraziati! 

Francesco: Questo è il prezzo dei tempi, tutto viene bruciato dall’avidità, la guerra e il conflitto di tutti contro tutti producono la distruzione di ciò che ci è caro e di ciò che è bello. Cosa ha mai fatto di diverso il nostro da noi due che ci siamo disinteressati di questa casa e abbiamo consigliato il nipotino di svendere la roba vecchia di cantina al mercatino dell’usato e del riciclo? In fin dei conti gli è stato detto la casa è tua e devi arrangiarti con l’ipoteca.
Marco: Che mondo cane! Certo che questa crisi ha spezzato le gambe a tanta gente chi prima andava in albergo ora s’accontenta di una camera pulciosa o delle tende. Questa economia di mercato  è la prosecuzione della guerra con altri mezzi, altro che storie. A proposito di guerra sei ancora convinto di essere una vittima della NATO. O hai smesso finalmente con quella storia?

Francesco: Storia! Voglio dirti qualcosa di guerre, mercato e del maledetto 1999 quando ho perso la mia fabbrica in Serbia. Persa nei bombardamenti della NATO e della nostra lodevole e meravigliosa aviazione della Repubblica Italiana. La nostra amata democrazia mi ha ben servito e per gradire  nell’occasione ha messo la mordacchia ai nostri giornalisti perché non stava bene dire che le bombe che venivano giù dal cielo erano le nostre.  
Marco: Ancora con questa storia della fabbrica italiana di qualità spianata dalla NATO, ma quando la smetterai!  Non sei il solo che ci ha rimesso, e gli altri sono ancora in piedi. Piuttosto ammetti con te stesso di essere stato il solito cialtrone, l’impareggiabile venditore di fumo, un triste millantatore.

Francesco: Mi sarei inventato io i ponti di Belgrado spianati, le fabbriche dove lavorava la gente bruciate dai proiettili, la gente ammazzata, scuole, case, magazzini tirati giù con bombe da trecento chili. No caro il mio fratellone!  Io c’ero e ti giuro sul mio onore che tutto ciò che puoi aver visto in televisione sono idiozie o nella migliore delle ipotesi veline degli uffici di propaganda e d’informazione dei nostri alleati, o forse dovrei dire padroni dal momento che quella guerra è avvenuta contro la nostra  pubblica opinione e mesi di martellamento propagandistico anti-serbo e anti-slavo non hanno smosso la diffidenza e il sospetto. In questo l’Italia è migliore delle altre genti dell’Europa del nord. Uomini e donne dei popoli del nord amano la guerra, i massacri ,sono masse di sanguinari disinformati pronte ad eccitarsi davanti mezzibusti televisivi che li spingono a lodare bombardamenti e massacri in nome dei diritti umani e altre scemenze simili. Mostri! Come può un bombardamento all’uranio impoverito o con bombe di precisione creare i diritti umani? Non conoscono nulla dell’umanità e pretendono d’insegnarla  a noi che siamo i creatori del diritto e abbiamo portato il cristianesimo e la parola di Dio nelle loro fredde terre dove i loro infelici e barbari antenati sacrificavano agli Deì oscuri. Chi sono questi stranieri ricchi e bianchi che parlano dialetti germanici se non i discendenti dei goti, degli angli, dei sassoni, e degli ostrogoti. I  loro demagoghi oggi siedono sulle cattedre di Gesù, di Cesare, di Cicerone, di Seneca e pretendono d’insegnare non solo a noi ma al mondo intero. E chi non ci sta, chi non accetta il diritto , il commercio, la morale dei civilissimi  signori della guerra in giacca e cravatta di seta allora su di lui cadono le  bombe come se fosse pioggia. Questi uomini del nord conoscono una e una sola legge: la legge del pugno. Il forte vince e domina e impone agli altri che sono deboli la sua giustizia e la sua verità. Non sono cambiati di una virgola dai  tempi di Attila e di Alarico.

Marco: Ancora storie. Sono i padroni, certo! Negare sarebbe follia. Ma dimmi da dove viene questa tua rabbia, questo tuo risentimento, questa farneticazione. Adesso te lo rivelo. Sei ancora comunista. Sissignore, sei un muso rosso. Sei infelice perché hai misurato chi sono i tuoi amici e compagni d’avventura, gli ex di sinistra subito passati dalle manifestazioni fumose e deliranti contro la CIA e la NATO alla sistematica obbedienza alla legge del pugno. Io ho frequentato altra gente, gente patriottica, gente  rispettabile. Mi hanno insegnato l’amore per la patria e, cosa buona e giusta, il rispetto per il più forte. I vincitori della Seconda Guerra Mondiale sono i forti ed è giusto che qui siano collocate più di cento basi NATO e Statunitensi, è giusto che la lira sia sparita per far spazio a una valuta Europea che è regolata da una banca centrale che a sede in Kaiserstrasse a Francoforte, è giusto che i militari dei dominanti siano processati da loro tribunali e assolti qui come in Iraq. È giusto e buono perché noi gente dispersa e difforme del Belpaese al loro posto faremo questo e molto peggio di questo. Con buona pace di Cesare, Virgilio, Cicerone e compagnia cantando e favoleggiando tutto questo è cosa buona e giusta. Dimmi ora. Non sei forse stato un padrone, non hai forse avuto proprietà, non era per te giusto che ci fosse un padrone e dei salariati. Evidentemente sì. Allora come si può negare a costoro di far proprio il diritto, di trasformare le leggi presunte universali nella manifestazione della loro volontà particolare, l’unico metro della legge nazionale  e del diritto internazionale è la volontà del più forte. Oggi la forza sono le bombe, le armi di distruzione di massa, la guerra economica usata e programmata,  il commercio, le svalutazioni delle monete, l’uso politico dei fondi sovrani, la creazione di forze terroristiche, separatiste, rivoluzionarie, la distrazione, la  propaganda e la disinformazione di massa.

Francesco: Io sarò anche un comunista pazzo ma tu sei un visionario che crede ai complotti e ai marziani. Parli come un predicatore di sciagure. La legge del pugno poi… ma chi credi di convincere? Io ho letto dei libri, perfino uno di un generale: un certo Mini. Non cambio idea a prescindere dal fatto che ci fosse o meno un governo di centro-sinistra e che fosse la prima volta di un premier ex-comunista italiano. Quella guerra era sbagliata e iniqua di per sé e perché mi ha rovinato. Uno dei migliori calzaturifici dell’est, una maestranza femminile e maschile bellissima, ottima merce e la tomaia poi… roba fina e a basso prezzo. Potevo perfino far concorrenza ai cinesi. Tutto spianato a suon di bombe, ma che credevano di trovare quei minorati mentali: il gran diavolo o perché no il generale Mladic!

Marco: Ancora con questa storia della fabbrica bombardata, no caro! Tu sei la tua rovina e le tue idee sbagliate.
Accetta la verità e la realtà. Il mondo è dei forti e a loro e  soltanto a loro spetta decidere cosa è giusto e cosa è sbagliato, così come quando siamo padroni in fabbrica o nel  negozio o in magazzino stabiliamo ruoli e gerarchie così i forti devono dominare i popoli deboli e coloro che fra i deboli sono forti devono porsi alla testa di coloro che devono servire. Così è giusto che sia. Io in Ucraina sono uno che comanda sopra cinquanta maestranze per conto di soci che hanno messo i capitali e neanche sanno cosa sia una fabbrica. I forti dominano i deboli nel  mondo degli affari, in guerra, in pace, in natura e soprattutto in amore perché è sempre vera e giusta quella sentenza  che afferma che  le donne amano i ricchi e gli altri  amanti  sono i ripieghi: ovvero quelli che vengono dopo i forti che esercitano il potere e il dominio. Le donne capiscono ciò che è bene ed è giusto nella vita umana e  per questo amano gli euro e i dollari e ciò che con essi si compra. Il denaro che gira e che corre santifica ogni giorno il sistema e le sue guerre. A me va bene così.



sfoglia     ottobre   <<  1 | 2  >>   dicembre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email