.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


30 ottobre 2008

IL BERLUSCONI IV COME IL BADOGLIO I

Il nostro Paese è oramai alla frutta, anzi all’ammazza caffè. Un presidente del consiglio, Berlusconi, che sfugge ai legittimi processi (con ciò dando un preciso segnale di impunità a tutti i cittadini, rumeni, albanesi o autoctoni che siano), una ministra dell’Istruzione, Gelmini, incapace di superare persino l’esame di avvocato tanto da sostenerlo nel noto esamificio di Catanzaro, una ministra a non si sa bene che cosa, Carfagna, che si occupa di mercificazione del corpo con qualche cognizione di causa, Brunetta/Prunetta che dopo esser stato il portaborse di De Michelis, da costui sovente irriso e deriso pubblicamente, memore adesso del suo assenteismo parlamentare vuole fustigare chiunque gli capiti a tiro (sentendosi magari un... gigante), trascurando per carità di Patria i La Russa (nome nomen, nel senso che là si russa), i Calderoli, dentista prestato alla politica, la Prestigiacomo che sta all’ambiente come Dracula sta ai donatori di sangue, Sacconi, altro craxiano riesumato dalla naftalina, Rotondi e Pizza che ai tempi della Dc erano considerati dagli amici di partito, a torto o a ragione, dei “minus habens”, il fantasma Frattino che, mentre impazza la crisi internazionale fra Georgia e Russia, conscio del peso in sede diplomatica va a farsi le vacanze alle Maldive con la sua nuova ragazzotta, passando per Scajola giustamente premiato per l’impeccabile gestione del G8 di Genova. Potremmo seguitare ancora a lungo, ma mentre scriviamo siamo già sfiniti.

Personaggi ormai disconnessi dalla realtà, che schivano i programmi di vera inchiesta come Annozero, che laddove partecipano come ieri sera a La7 sulla scuola (il sottosegretario Mantovano) adottano la tecnica di non rispondere mai a tono, svicolando continuamente, come slalomisti emuli di Tomba.

Basta, basta. Levateceli di torno - anzi di tornello - prima che sia troppo tardi, prima che abbiano lasciato dietro di sé un cumulo di macerie paragonabile solo al 1945, come novelli e infausti Attila dei tempi moderni.

Se non lo faranno gli italiani, lo farà più dolorosamente la tremenda crisi finanziaria, produttiva ed economica che sta spazzando via, e ancor più lo farà nei prossimi tempi, le Borse del mondo globalizzato.

 

Amici di FUTURO IERI  ( http://digilander.libero.it/amici.futuroieri/appel.htm )




28 ottobre 2008

CONSOLARSI CON LA FILOSOFIA

 

COMUNE DI FIRENZE

Assessorato alla Cultura

Servizio Attività Culturali


gruppo Quinto Alto

laboratorio nuova buonarroti


gli spazi della parola

incontri di filosofia e letteratura

Programma Novembre 2008 - Maggio 2009


ingresso libero


LUNEDì 3 NOVEMBRE, ore 17, Sala Ferri, Gabinetto Vieusseux, Palazzo Strozzi

LE CONVERSAZIONI DI DELEUZE

due voci dall’ Abécédaire: Letteratura e Stile

intervengono Ubaldo FADINI, Katia ROSSI e Paolo VIGNOLA

LUNEDì 24 NOVEMBRE, ore 17, Sala Ferri, Gabinetto Vieusseux, Palazzo Strozzi

RILEGGERE “LA FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO” DI HEGEL

a partire dalla nuova traduzione di Gianluca GARELLI (Einaudi, 2008)

intervengono Gianluca GARELLI, Maria MONETI e Dimitri D’ANDREA

LUNEDÌ 1 DICEMBRE, ore 17, Sala Ferri, Gabinetto Vieusseux, Palazzo Strozzi

MOBY DICK: ZIG-ZAG INTORNO AL MONDO

a partire dalla nuova traduzione di Alessandro CENI (Feltrinelli, 2007)

intervengono Bruno ACCARINO, Alessandro CENI e Alex FALZON

Dal 15 DICEMBRE 2008 al 25 GENNAIO, Sala Ferri, Gabinetto Vieusseux, Palazzo Strozzi

Marino ROSSO

SGUARDI SU DANTE FILOSOFO

lunedì 15 dicembre, ore 17 Dov’ella è vera. La teoria dell’amore

lunedì 12 gennaio, ore 17 Amistanza a sapienza. La metafilosofia

lunedì19 gennaio, ore 17 Con ombra di oscuritade. L’ortodossia sofferta

lunedì 26 gennaio, ore 17 L’imago al cerchio. Il misticismo

Dal 6 FEBBRAIO al 27 MARZO 2008, Biblioteca delle Oblate, Via Dell’oriuolo 26

PERCHÉ POETI IN TEMPO DI POVERTÀ?

un percorso di avvicinamento alla poesia moderna e contemporanea

intervengono, tra gli altri, Vittorio BIAGINI, Tiziana FERRUA, Stefano GIOVANNUZZI, Michela LANDI, Cristina LANDINI,

Brenda PORSTER, Andrea SIROTTI, Eva Maria THÜNE e Caterina VERBARO

venerdì 6 febbraio, ore 16,30 Da Hölderlin a Zanzotto

venerdì 20 febbraio, ore 16,30 Da Wordsworth a Sereni

venerdì 13 marzo, ore 16,30 Da Rimbaud a Amelia Rosselli

venerdì 27 marzo, ore 16,30 Dopo gli anni ‘60

LUNEDÌ 2 marzo, ore 17, Sala Ferri, Gabinetto Vieusseux, Palazzo Strozzi

IL PIÙ ANTICO PROGRAMMA DI SISTEMA DELL'IDEALISMO TEDESCO” E IL PRIMATO DELLA RAGIONE ESTETICA

a partire dalla edizione del “Più antico sistema...” a cura di Leonardo AMOROSO (ETS, 2007)

intervengono Leonardo AMOROSO e Paolo GODANI

Dal 9 MARZO al 6 APRILE Sala Ferri, Gabinetto Vieusseux, Palazzo Strozzi

LA FILOSOFIA E L'ALTRO. 2a parte

lunedì 9 marzo, ore 17 FILOSOFIA E VITA

intervengono Eleonora AUGRUSO, Carmen CINI e Lucia LIGUORI

lunedì 16 marzo, ore 17 FILOSOFIA E PENSIERO CRITICO

intervengono Bruno ACCARINO, Stefano BERNI e Silvano CACCIARI

lunedì 23 marzo, ore 17 FILOSOFIA E ANTIPSICHIATRIA

intervengono, tra gli altri, Paolo TRANCHINA e Alberto ZINO

lunedì 30 marzo, ore 16 FILOSOFIA E DESIGN

intervengono Fulvio CARMAGNOLA, Patrizia MELLO e Marco ZITO

lunedì 6 aprile, ore 17 FILOSOFIA E NOIR

intervengono Francesco GALLUZZI, Mario PEZZELLA e Katia ROSSI

SABATO 18 APRILE, ore 16 e ore 21, Giardino dei Ciliegi, via dell’agnolo 5

IMMAGINAZIONE, INDIVIDUAZIONE, ISTITUZIONI

intervengono, tra gli altri, Silvano CACCIARI, Saverio CAPONI, Ubaldo FADINI, Giuseppe GULIZIA

Fausto MORIANI, Stefano RIGHETTI e Andrea SARTINI

LUNEDì 27 APRILE, ore 17, Sala Ferri, Gabinetto Vieusseux, Palazzo Strozzi

LE PAROLE DELLA DIFFERENZA

conversazione sulla filosofia francese contemporanea

Intervengono, tra gli altri, Giuseppe PANELLA e Giovanni SPENA

il programma potrà subire modifiche e integrazioni




28 ottobre 2008

SI FA PRESTO A DIRE POVERTA’

I fatti sono arcinoti al punto che i principali quotidiani nazionali hanno in data 22 ottobre grande risalto a questi dati: la forbice sociale fra ricchi e poveri è aumentata in Italia e per maggior scorno la mobilità sociale è una chimera. Di fatto in Italia si eredita il mestiere quando non il posto di lavoro del padre, la società italiana è fatta per congelare la mobilità sociale e riprodurre le stratificazioni sociali delle generazioni precedenti. Non c’è da meravigliarsi se in questi tempi di crisi gli amari risentimenti che marciscono nel Belpaese si rivelanno sempre più aspri e sempre più politicizzati. Non si può martellare per decenni il popolo italiano con il calcio e la pubblicità mostrando il paese del bengodi e delle meraviglie e poi auspicare che s’accontenti della fatica e dello squallore di tutti i giorni, di una società fatta a immagine e somiglianza dei mediocri e dei privilegiati, dei furbi da tre soldi e dei raccomandati di lusso. Come puo’ questo popolo chiedere di star alla pari con gli altri paesi che sono più grandi, più forti, o semplicemente privilegiano il talento e il valore rispetto alle raccomandazioni e alla delinquenza? Le ragioni del nostro essere un vaso di coccio fra vasi di ferro dipende dal fatto che l’Italia è lo strumento del privilegio dei pochi, in queste condizioni per i molti è difficile identificarsi con qualcosa di più grande e ampio, la conseguenza è quella di trovarsi con un Belpaese il cui popolo è ridotto alla consistenza di un turbine di polvere, o se si preferisce ad una manciata di sabbia. In tanta disgrazia questa crisi straordinaria e nuovissima sta creando le condizioni per creare un grande risentimento fra i ceti medi che già da diverso tempo in difficoltà e ora si ritrovano pure impoveriti. Ci sono tutte le condizioni perché quella parte della società che erano i ceti intermedi fra i ricchi e poveri sia forzata a sostenere scelte politiche radicali, a mettere in discussione i privilegi delle minoranze al potere. detto in una frase potrebbe dismettere quel ruolo che aveva avuto di guardia nei confronti dell’ordine costituito dalla società dei consumi e della sceneggiata parlamentar-democratica per andare a far ben altro. Per intendersi il rovesciamento dell’ordine e dei poteri potrebbe partire non tanto dai ceti poveri e tapini ma da quelli medi che subiranno il rovescio della fortuna come una sfida mortale portata contro di loro da non si sa bene quale nemico. Questo vale per l’Italia come per l’Europa.

Quale follia può aver spinto le sedicenti classi dirigenti del Vecchio Mondo a subire questo grande pericolo che minaccia di disgregare le basi del loro potere? Forse negli umani c’è una natura auto-distruttiva che colpisce i singoli come i grandi enti collettivi.

IANA per FuturoIeri

http://digilander.libero.it/amici.futuroieri




27 ottobre 2008

DATI CERCATI, DATI TROVATI

Ho letto la rivista INTERNAZIONALE, e precisamente il numero del 24/30 ottobre 2008, questa rivista pubblica articoli da tutto il mondo e li edita tradotti in Italiano. Si  trovano dei dati. Non so quanto siano centrati, però mi sono reso conto che la stampa e la televisione nel Belpaese tendono ad omettere una cosa che in questi casi sarebbe vitale esprimere: le cifre. Mi sono reso conto che nel Belpaese si ragiona della crisi come se fosse una maledizione, un terremoto, l'ira di Dio che si scatena. Tutto tranne che un fenomeno umano misurabile, circoscrivibile nello spazio e nel tempo con vittime e carnefici, con nomi, cognomi, cifre. Mi chiedo che cosa è mai questa economia se proprio le cifre e i conti sono avvolti dal mistero, e come può esserci corretto rapporto fra governati e governanti se non viene comunicato l'esatto importo del disastro. A che titolo si chiederanno nuove tasse e nuovi tagli! Solo mettendo nero su bianco le cifre e mostrando al pubblico i colpevoli duramente puniti, che sono tanti e ci sono, si potrà chiedere ai molti dei sacrifici economici. Comunque queste alcune cose interessanti che ho trovato nei diversi pezzi tratti dalla stampa internazionale.

Un articolo di Loretta Napoleoni informa che la domanda di Euro in Europa è passata da 19 miliardi di contanti a 712 miliardi per effetto di questa crisi. (Un segnale inquietante non c'è che dire).

 Nel 2007 le famiglie statunitensi che hanno perso la casa a causa delle note vicende del crack finanziario sono state 750.000, nel 2008 dovrebbero essere 3.000.000 le famiglie sfrattate.

Ad oggi negli Stati uniti una famiglia su sei ha un debito superiore al valore della casa, questo fenomeno riguarda circa 12 milioni di famiglie.

La guerra Afgana costa agli statunitensi 100 milioni di dollari al giorno, in un anno sono circa 36 miliardi di dollari.

La grande società Freddie e Fannie ha mutui a rischio per 5.000 miliardi di dollari, il suo debito è di 1.600 miliardi.

La Gran Bretagna ha il 50% di tutti i debiti contratti con le carte di credito in Europa.

 I prezzi dell'acciaio nelle sue diverse qualità sono scesi, a seconda del tipo, dal 20% al 70% dall'inizio dell'estate.

Ai lettori le considerazioni del caso.

IANA per FuturoIeri
Sito http://digilander.libero.it/amici.futuroieri







26 ottobre 2008

LONTANI DAGLI DEI E DAGLI EROI 10

 

Vuole il caso che questa crisi dovrebbe imporre una certa dose di coraggio, di risposta dell’intelligenza davanti al grande pericolo, di esigenza di verità e onestà in una situazione difficile dove è importante far conto a quella specialissima solidarietà che viene in essere nei pericoli e nelle situazioni difficili. Eppure questa grande crisi finanziaria non sembra aver cambiato granchè. Le genti d’Italia eramo prima e ancor oggi sono risentite e divise all’interno, lo spirito di parte e le pulsioni egoistiche di interi settori della società non hanno trovato un limite né umano né etico, tutto è discutibile perché nulla è creduto. A questo punto mi sorge spontaneo un momento di dietrologia: credo che una parte della società italiana di fronte al certissimo fallimento perfetto e integrale di tutto ciò che aveva creduto prima sia giunta al punto di desiderare, consciamente o meno, la fine di queste istituzioni politiche e di questa democrazia fragile e per massima parte incompiuta. Con un certo stupore personale mi sono fermato a considerare il fatto che questo desiderio di morte potrebbe essere parte di una naturale pulsione autodistruttiva che nel nostro popolo prende la forma del cupio dissolvi. Non escludo che alcuni atti del governo che s’annunciano temerari in materia di spesa pubblica siano nella lunghezza d’onda di questo desiderare l’autodistruzione. Non credo che la maggioranza desideri la fine del Belpaese ma l’odio risentito degli italiani contro se stessi è tale che è possibile che molti provino una cupa gioia nel vedere andare a pezzi interi settori dello Stato e della pubblica istruzione, c’è un piacere sottile che prende molti nel constatare come i professori universitari siano in crisi e con le università occupate o nel vedere le difficoltà della pubblica istruzione alle prese con i tagli più che probabili nell’organico. Il potere nuovo è apolide e amorale e ha rotto tutti punti di contatto con l’umanità. Quindi ha bisogno di società frammentate, corrose dall’odio e dalla rabbia per sollevare minoranze di ricchissimi al potere supremo e di schiacciare verso il basso della scala sociale i molti che sono poveri o che stanno per diventarlo. Credono questi pochissimi di essere simili agli DEI e agli EROI, invece sono solo i batteri che curano la decomposizione e la dissoluzione delle dottrine economiche neo-liberali e delle democrazie indirette rette da regimi parlamentari al soldo dei più ricchi. Quello che cercheranno di costruire sarà un mondo violento e malvagio dove il loro potere, rafforzato dalla crisi e dalle speculazioni, sarà il dominatore della vita e della morte. Sono convinto che molti nel Belpaese sono così delusi dagli esiti della poca libertà che abbiamo avuto finora che già ora si domandano se non sia un bene lasciarli fare.

 

IANA per FuturoIeri




23 ottobre 2008

ALLE TEMPIE DELLA FINANZA UN ALTRO REVOLV...ING, LE CARTE DI CREDITO

Le hanno inventate negli Stati Uniti e là hanno una diffusione persino superiore a quella che da noi hanno i telefonini cellulari. Stiamo parlando delle carte di credito. Drizzate le orecchie, perché quelle stiamo per raccontarvi è la previsione di un altro e più terrificate crollo finanziario che sta per arrivare.

In america ognuno, dal ragazzino al pensionato, possiede almeno una carta di credito, ma la maggior parte ne ha almeno due o tre, necessarie molto spesso per pagare la o le precedenti. La usano persino al bar o dal giornalaio. Un sistema impazzito come una maionese in mani maldestre, con banche e società specializzate che hanno dato questo strumento che fa perdere la cognizione del denaro speso a mezzo mondo globalizzato. L’85% di queste “credit card” sono “revolving”, ovvero non si paga a fine mese ma il meccanismo somiglia a quello dell’accensione di una vera e propria linea di credito presso la banca (di solito a tassi con percentuali a due cifre).

La scorsa settimana la JP Morgan – 20% del proprio business dalle revolving card – ha dovuto annunciare che le sue carte in default, ovvero con crediti tardanti, insolventi o persino inesigibili, sono cresciute del 45% in un solo trimestre. Contemporaneamente Bank of America e America Express rendevano noto di dover assumere misure estreme del tipo raddoppiare i fondi accantonati per garantire ancora copertura alle transazioni.

Come è noto al rischio degli istituti di credito o delle finanziarie emettitrici vi è quello dei clienti che non hanno nessuna assicurazione.

Anche questa volta, come per i sub-prime, l’allarme non scatta e quando scatterà sarà già tardi. Ma stavolta il crack si profila molto più grave e pesante di quelle delle scorse settimane.

Adesso che le card fanno la fine delle fontanelle che si prosciugano, i consumi si stanno praticamente – e, forse, finalmente – fermando. Il denaro di plastica è passato da poco più di dieci miliardi di dollari del 1994 a circa 63 miliardi di dollari lo scorso anno, segnando un tasso di risparmio abbondantemente negativo e portando i debiti dei privati a superare il 100% del Pil.

Oggi l’America ha un debito pubblico interno pari al 60% ed esterno pari al 120%, ma i dati ufficiali si sa sono sempre un po’ taroccati per difetto.

Per concludere qualche consiglio per portare a casa la pelle.

Punto 1) se proprio non potete tenere il denaro sotto il materasso per il rischio di furti, state ben attenti a non cadere dalla padella alla brace: tenente i soldi sul conto corrente, possibilmente di una piccola banca territoriale, meglio se un paio. Punto 2): Evitate o rientrate da investimenti che hanno nel paniere i seguenti titoli: JP Morgan, BankAmerica, Citigroup, Capital One, American Express, Discover, Visa, Diners, MasterCard, CartaSì. Punto 3) Non aderite ad alcun fondo pensione o altri fondi, soprattutto chiusi, del tipo hedge-found. Punto 4) Il più importante: ripensate la vostra vita e il vostro rapporto col denaro, che Lutero non a caso definiva "sterco del demonio"!

 

FUTURO IERI - http://digilander.libero.it/amici.futuroieri/vaini.htm




22 ottobre 2008

IL MOSTRO E’MORTO 2

La globalizzazione ha trovato alla fine una vecchia ricetta adattata alla sue circostanze: Stati di dimensione imperiale che sostengono in alleanza con altri, o da soli, la loro economia entrando nella stanza dei bottoni delle banche e dei grandi istituti finanziari. Non è un ritorno al passato: stavolta la sottile linea grigia che divideva lo Stato dagli interessi privati è stata annullata. Lo Stato Ottocentesco è morto al suo posto arriva un mostro che è l’incrocio dei poteri forti che per essere tali escludono i poteri deboli espressione del disagio dei ceti meno abbienti. Se nell’Ottocento i ceti poveri contadini e operai erano i più spremuti e vessati dal capitalismo trionfante ecco che in questo inizio di nuovo millennio sono i ceti medi il vitello grasso da sacrificare al Dio-denaro e le sue carni sono il piatto forte del banchetto dei suoi sacerdoti. Tuttavia quel mostro che era la globalizzazione è morto. La globalizzazione, operazione ideologica che copriva i grandi interessi di alcune caste di miliardari al potere, deve dismettere il suo essere e diventare una feroce idra che ha tante teste quanti sono i potentati che uniti al potere politico danno l’assalto alle ricchezze del pianeta. Non più una globalizzazione ma tante globalizzazioni quanti sono i nuovi poteri che sui stanno definendo e che sono già ora all’azione. Il gigante americano che aveva troneggiato dal lontano 1991 questo processo di globalizzazione è caduto sotto il peso titanico dei suoi debiti e delle malversazioni dei suoi politici e dei suoi miliardari e finanzieri. Per ora non può rialzarsi, è arrivato il momento che da quasi vent’anni i suoi nemici aspettavano per costoro è l’occasione di strappare al gigante caduto il meglio dei suoi tesori e della sua influenza globale. Quel che ne uscirà sarà un mondo più brutale e violento, dove milioni di disgraziati subiranno questa resa dei conti fra grandi potenze,, dove nuove caste di miliardari e politici al soldo cercheranno di strappare potere e dominio alle vecchie caste cadute in disgrazia. Ma il mostro è morto. Anzi è morto ed è già risorto sotto forma di un caos gonfio, d’odio e di volontà di potenza che non potrà che far danni. Il ceto medio universale argine contro gli squilibri e gli eccessi all’interno della società umana sarà la vittima designata del male che si sta formando. Eppure c’è un’ipotesi che le batte tutte per pericolosità:“il ceto medio avvilito e iniquamente punito potrebbe decidere di vendicarsi e di far pagare ai suoi nemici la sua caduta innescando chissà quali reazioni nella società”.

Il Belpaese, solito vaso di coccio fra i vasi di ferro, dovrà trovare una via per evitare di pagare anche per conto di altri il prezzo della caduta dei nostri passati padroni, adesso che il mostro è morto le differenti genti della penisola dovranno far conto di tutto il loro coraggio e di tutta la loro intelligenza.  E' in gioco qualcosa di più grande dei capitali andati in malora.

IANA per FuturoIeri

http://digilander.libero.it/amici.futuroieri/




21 ottobre 2008

LONTANI DAGLI DEI DAGLI EROI 9

Le grandi utopie provenienti dai remoti anni settanta che auspicavano un mondo umano più libero, creativo e giusto si sono disfatte, sono state travolte dalla loro calata nel mondo reale e concreto.

Con una simile disfatta alle spalle è chiaro che le speranze dei molti si sono per i trent’anni successivi schiacciate sul qui e ora, sui beni materiali, sul denaro, sui piccoli affari da condurre nel quotidiano e sempre più spesso sul cercare qualche raccomandazione o qualche sistemazione molto prosaica. La mancanza di utopie, di grandi ideali ha portato una carenza di progetti e mancanza di possibilità di pensare il futuro, di agire nel qui e ora del presente per trasformare la realtà attraverso una progettualità di ampio respiro. Alle vecchie utopie che camminavano sulle gambe di padri oggi invecchiati non se ne sono sostituite di più credibili, di più forti, di più elavate. Spesso, nel Belpaese ma non solo, nei momenti in cui scoppia la contestazione del sistema e dell’ordine costituito si sente l’eco flebile della sconfitta dei padri e per gli ultimi contestatori da poco sulla scena politica addirittura quella dei padri ormai nonni. Sembra una maledizione questa specie di legge del padre: “Tu ritornerai sui miei errori e sui miei fallimenti, perché anche questa è la mia eredità”. In mezzo a tanta disgrazia le nostre italiche e sedicenti classi dirigenti si sono rivelate per quel che eranno davvero: una stramba accozzaglia d’improvvisati tribuni della plebe, di delinquenti di bassa lega e di avventurieri senza Dio, senza famiglia e senza Patria. C’è bisogno di grandi utopie, perché il quotidiano è troppo squallido, troppo deforme, troppo dissoluto e irresponsabile. Le crisi economiche, ambientali, di civiltà che stanno arrivando minacciano troppo da vicino l’Europa e le sue genti. La fuga nel passato e nei ricordi può uccidere ogni speranza, chi non vuole subire la grande violenza che s’annuncia con questa teribile crisi deve trovare le sue ragioni e la sua piccola grande speranza d’utopia. So che può apparire stupido quel che scrivo ma ora deve venir fuori quel coraggio che è a risposta dell’intelligenza davanti al pericolo.  Occorre aiutarsi da soli per aiutare gli altri, occorre trovare dentro di sé la volontà di reagire e non la disperazione che viene in essere quando una grande disgrazia sembra far crollare tutte le speranze e tutti i progetti.

IANA per FuturoIeri
Sito http://digilander.libero.it/amici.futuroieri 




20 ottobre 2008

QUANDO LA FUGA CON LA CASSA SI CHIAMA OTTIMISMO

Stavolta non c’è modo di uscirne bene, questa paurosa crisi finanziaria ed economica statunitense apre un problema di civiltà: il sistema liberal-democratico uscirà devastato nella credibilità. Potrebbe crollare anche come ideologia come capitò al comunismo. Che fare a quel punto di tutte le belle parole spese per giustificare gli interventi militari in Afganistan, Iraq, Kossovo e altrove. Le ragioni accettabili e pulite per che stavano dietro a quelle imprese militari verranno meno, la forza di persuasione dovrà fondarsi solo sulla forza bruta delle armi. Se va giù il sistema statunitense andrà a pezzi anche la dimensione liberale che sta dietro di esso. Incluso il concetto filosofico che riguarda quei diritti naturali che sono la ragione del darsi di modelli di stato repubblicano o costituzionale rispettosi delle libertà fondamentali. Tutti i nemici dei sistemi democratici trarranno forza e nuovi argomenti da questa condizione e il fatto che non pochi regimi autoritari siano in grado di rispondere alla crisi in atto con la censura e la violenza poliziesca potrebbe scatenare le simpatie di molti miliardari e dei loro giornalisti ed esperti al soldo verso per le soluzioni autoritarie. L’ottimismo adesso è cosa buona solo per quelli che volevano scrollarsi di dosso il peso di democrazie tapine e per coloro che intendono reggere ancora un po’ prima di darsi alla fuga con la cassa. Non si può credere alla fiducia, semmai occorre far appello al coraggio che viene in essere davanti al grande pericolo e alla forza delle proprie ragioni che non cede davanti a un tremendo rovescio di fortuna. Personalmente non credo che in natura siano presenti dei diritti naturali. L’essere umano proietta su un concetto astratto di natura i suoi problemi esistenziali e politici. Questa proiezione diventò durante l’Età moderna la giustificazione di un certo tipo di civiltà e di ordinamento politico. Casualmente questo è il modello delle minoranze al potere nella civiltà anglo-americana, e incidentalmente proprio quel modello di sedicente civiltà superiore sta andando in crisi. Quindi la crisi economica trascinerà un bel pezzo di credibilità delle istituzioni democratiche nel fango.

Inoltre con la rovina del modello economico statunitense tutta la falsa e roboante retorica sui diritti e sulla società multiculturale andrà a farsi benedire come si dice nel linguaggio corrente. Sarà divertente qui nel Belpaese osservare finalmente, ora che i vecchi padroni sono in disgrazia, cosa davvero la gente pensa degli anglo-americani, della liberazione al tempo della seconda guerra mondiale, della società meticcia che si va costruendo con la presenza di comunità straniere di recente immigrazione. Questo è a suo modo un momento della verità, ed essa è scomoda e sovversiva, per questo dietro ogni ottimista intelligente si può nascondere uno che vuol fuggire con la cassa.

IANA per FuturoIeri




20 ottobre 2008

ICH HATT’EINEN KAMERADEN

Il gentile lettore forse non gradirà l’accostamento del titolo di un lamento funebre delle forze armate germaniche con quel che ho da scrivere. Mi spiace è necessario. Anzi mi scuso se spesso non ho dato nei miei scritti la dovuta attenzione alla cosa. Queste maledette nuove guerre sono quasi sparite nella testa dei molti, anche quelle dove si combatte e muore ogni giorno come in Afganistan e in Iraq. Ci sono stati dei periodi dove per mesi si è discusso sui palinsesti televisivi di tutto e di più, meno del fatto che da anni ormai l’Italia è al fronte in Afganistan, con le sue forze armate e con i suoi soldi. La cosa va chiamata col suo nome, e sarebbe ora: Guerra. Adesso che il nemico talebano, come chiamarlo del resto se non così, è al contrattacco negli alti ranghi della politica si discute sulle nomine, si ragiona col bilancino intorno ai ben remunerati posti da spartire fra opposizione e maggioranza, si fa colore straparlando delle questioni scolastiche e della crisi finanziaria, si ragiona di aria fritta, si disfano alleanze e si pensa alle prossime elezioni. Mi chiedo: ma per quale paese sono morti quei soldati italiani che sono stati mandati in queste nuove avventure a portare non si bene quale forma di civilizzazione? Questo Belpaese non riesce ad essere serio e sobrio neanche davanti alla propria guerra e alla morte dei suoi soldati. Tutti i giorni i telegiornali di carattere nazionale, se l’informazione fosse una cosa seria, dovrebbero aprirsi con la lettura di un breve bollettino sulle operazioni militari in corso. Non aiuterà chi è sul posto ma almeno potrebbe sollevare dal torpore idiota tanta parte delle genti d’Italia. Le diverse popolazioni d’Italia, in stato di sonnambulismo e di caos mentale, camminano verso un periodo che sarà difficilissimo segnato dalla crisi economica e finanziaria, dalla perdita di potenza degli Stati Uniti, da cresecenti difficoltà militari e dal pericolo di nuove guerre. Il rapporto con la morte in guerra è esemplare del modo inconsapevole e pericoloso con cui ormai da anni si conducono i pubblici affari. Si passa dalla retorica e dal rito celebrativo perarrivare rapidamente al silenzio mediatico e politico quando non serve più ricordare la spiacevole condizione di trovarsi con le proprie truppe al fronte. Inoltre far ragionare i molti sul fatto che è in corso una guerra disturba gli affari, potrebbe far calare i consumi, meglio far passare sotto silenzio il lato scomodo del nostro essere alleati degli Statunitensi e parte della NATO. Credo che si ripeterà la sceneggiata della crisi finanziaria, quando un crack spaventoso, in parte pronosticato da un pezzo, si è materializzato e molti si sono trovati travolti. Un giorno nel Belpaese i molti si alzeranno dal letto e realizzeranno per la prima volta che questa guerra è una cosa seria, per qualcuno sarà troppo tardi, sarà accompagnato nell’ultimo viaggio da qualche marcia funebre. Come:

ICH HATT’EINEN KAMERADEN

IANA

Per FuturoIeri



sfoglia     settembre   <<  1 | 2 | 3  >>   novembre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email