.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


13 dicembre 2009

La Sinistra Metfisica del Belpaese

De Reditu Suo

La sinistra Metafisica del Belpaese

Il concetto di “Sinistra” nel Belpaese a mio modesto avviso sconfina in qualcosa di mistico, per far prima e mettere in ordine le troppe idee e suggestioni che mi turbano passo a  considerarla trinitaria.  Il gentile lettore immagini tre linee parallele che scorrono su un piano bidimensionale sconfinato e nero, c’è la linea rossa che è apertamente la sinistra di chi ha una certa passione laica per i sofferenti e gli esseri umani infelici, anche perché talvolta ne è parte, una linea verde che è lo spirito dei tempi e la volontà di alcune minoranze di mutare qualcosa nell’ordine costituito e la linea bianca quella dei burocrati, dei passacarte, di chi fa mestiere e mercato della politica. La sinistra rossa, che talvolta è venata dal nero dell’anarchia, è tendenzialmente passionale e la maggior parte di coloro che ne fanno parte sono presi da una sorta di commozione e di sentimento altruistico alla vista dei mali del mondo, si tratta più che altro di una posizione morale, spesso di una questione privata che si fa politica e diventa posizione etica. Si tratta quindi di una posizione morale e personale che si traduce talvolta in atti concreti: attivismo politico, petizioni, marce per la pace, proteste, azioni di solidarietà talvolta in tempi lontani in lotta clandestina contro oppressori forestieri o domestici. Una sinistra questa condannata nel Belpaese ad essere derisa e tradita perché fatalmente espressione di minoranze di generosi o di sognatori, di “poeti con la pazzia della politica” come avrebbero detto i nostri bottegai strapaesani. Adesso i “bottegai” non possono dir più nulla o perché son morti o perché  nel frattempo i processi di globalizzazione li hanno spazzati via assieme alla loro boria da ignoranti e da cafoni rivestiti con panni nuovi. La sinistra verde non è verde perché ecologista ma perché intende esser quella parte che vede l’emergere del nuovo, la possibilità della mutazione e della presa del potere. Spesso è la sinistra dei professionisti, dei professori veri o presunti tali, talvolta perfino di chi è imprenditore o amministratore delegato e magari vota pure a destra.  Qualche volta la chiamo la sinistra inconsapevole. L’essere umano di questa sinistra crede di poter correttamente interpretare il corso storico o banalmente quello dei processi economici o delle sue vicende private e di  poter attuare strategie e tattiche politiche volte a ricostruire la realtà e a scavare dentro di essa la loro partecipazione alla Grande Storia o se va male a qualche fantozziana lottizzazione di poltrone e benefici.  Dopo le verdi speranze passiamo alla prosaica linea bianca. L’umano della sinistra bianca è solitamente un contaminato dal “centro”, ovviamente sto ragionando di un soggetto incline ai compromessi e a trovare il suo piccolo espediente attraverso la politica; solitamente è portato alla carriera di burocrate, di politico professionista o di raccomandato professionale. Questa natura può non coincidere con colui che vive di politica e attraverso la politica, si tratta di una sorta d’istinto che porta il nostro a farsi interprete e parte del politica politicante e a replicarne in piccolo i comportamenti farisaici, la misantropia e le fobie strane e pazze. Infine c’è la sinistra data da coloro che non hanno mai capito di essere degli autentici elettori di destra, ovvero di quelli che hanno proprio sbagliato collocazione politica e morale i quali è  bene che si trovino da soli la loro linea e il loro colore. Qui auspico che ritrovino al più presto la loro natura elettorale assieme alla loro strada politica al seguito del Cavaliere Nero e della sua destra, o male che vada al seguito di chi prenderà il suo posto. Altre cose ancora non le voglio scrivere, queste son già molte e io son disgustato dai tempi presenti e dagli  umani.  

IANA per FuturoIeri

 




27 settembre 2008

RECORD MIRACOLOSO

Non è neanche trascorsa per intero la settimana delle dimissioni dell'assessore alla cultura contestatore dello stadio nuovo dei Della Valle che un vertice metropolitano esprime l'OK .
Il solito quotidiano moderato Repubblica del 27 settembre 2008 nella cronaca di Firenze rende conto della decisione presa dagli amministratori e dai politici del fu centro-sinistra.
Il quotidiano moderato scrive fra l'altro su questa adunanza:"...questo l'esito del vertice metropolitano, il primo mai fatto in tanti anni, tenuto ieri a Palazzo Vecchio.". Questa Fiorentina ha il potere magico di scomodare la politica locale, addirittura di convocare vertici altrimenti rari o impensabili.
Non resta che auspicare altrettante simili riunioni per:" attuare severi controlli contro  coloro che affittano a nero gli appartamenti, per parlare dei problemi di anziani e giovani coppie alle prese con mutui  e affitti insostenibili, per la tutela dell'ordine pubblico, per un sano dibattito sull'acqua come bene pubblico, per ragionare di povertà, emigrazione, trasporti pubblici". Dimenticavo l'inquinamento e i lavori della tranvia!
Che sbadato!
Questo gioco del calcio si rivela fin troppo importante nel Belpaese, diventa subito un problema politico, anzi lo svago della politica che s'aggrappa alle emozioni della folla per strappare un facile consenso.  C'è qualcosa di funesto, di cupo presagio in una vita democratica che passa per gli stadi. Quel tipo di spettacolo, è bene non chiamarlo più sport,  è un affare enorme, produce di tutto: magliette, eventi, personaggi, marchi, pubblicità e anche stadi.  Con gli stadi arrivano i lavori pubblici, le strade, gli appalti, e magari nuove attività edilizie. Non è bene che la politica fiorentina, ma Firenze è in questo caso simile al resto della Nazione, si vincoli a una cosa del genere, perchè il calcio non unisce proprio nessuno. Anzi proprio perchè è diventato un grande affare sportivo che oscura tutti gli altri sport è oggetto di molti risentimenti e di diffidenza da parte di coloro che praticano gli sport minori, oltre alle pessime figure che ci regala puntualmente alle olimpiadi. Non sarebbe male per questa ex Atene d'Italia svincolarsi dalle tendenze nazionali e ripensare il rapporto con il gioco del pallone che è bello se rimane sport, ma quando si trasforma nella macchina del consenso e degli affari diventa una cosa molto diversa.

IANA per FuturoIeri




18 aprile 2008

QUALCOSA E' CAMBIATO

Nei prossimi giorni vedremo all’opera il nuovo governo per i consueti 100 giorni. Quale che sia questo governo per certo sarà sicuramente lontano dai sentimenti di chi scrive. Quel che mi fa pensare è il profondo cambiamento nella società italiana, alla fine la precarietà e la perdita di consistenza del potere politico, le difficoltà economiche di milioni d’italiani, il bisogno di atti concreti in materia di sicurezza, la mancanza di leader credibili e la centralità dal potere economico hanno giocato solo a favore di una certa destra. Perde l’idea politica di una ripresa  della moderazione da sinistra incarnata dai “vecchi” socialisti, escono distrutte dal voto le formazioni che si erano fatte forti della pace sia pure declamata nella forma depotenziata di un pacifismo generico, dell’idea di un altro mondo possibile, della difesa dello stato sociale (quel poco che c‘è), della visione di forze di sinistra dinamiche e legate all’ipotesi di un riscatto dei ceti medi e dei poveri. La scelta dei ceti meno abbienti, o caduti in ristrettezze economiche, è precipitata sui nemici storici di queste visioni del mondo e delle formazioni politiche che l’impugnavano (qualche volta con grande arroganza e imperizia): un mondo umano ha chiuso la sua parabola storica. Gli esperti sono concordi gli elettori della sinistra-sinistra hanno abbandonato in massa i loro vecchi riferimenti, e non si parli di voto utile, se votare per partiti di centro o di destra o la lega è voto utile allora questo è possibile perché quei votanti da tempo avevano nel loro cuore abiurato e rimosso le antiche fedi politiche. La sinistra-sinistra come è stata conosciuta finora non può più esistere nemmeno come movimento, è ovvio che occorre un cambiamento che parta dall’abiura di un certo modo di far politica nostalgico e parolaio, che guarda al passato e a valori che erano quelli dei nonni, forse.
Non si ripeta la storiella dell’importanza della storia e della tradizione, in politica i verdetti elettorali contano quando si collocano in un contesto democratico, e questo verdetto è inflessibile e netto: chi non è più credibile deve sparire dal contesto politico. Si ammetta che un mondo umano e di valori condivisi fra simili è terminato. Quel che resta può solo essere una sensibilità di natura intima, domestica, memorie di famiglia o lo studio dell’erudito che fa della storia passata una sua ragione di vita; queste condizioni non sono però strumenti e argomenti della politica intesa come governo del paese o come esercizio di un reale potere. 
Per ciò che riguarda quella categoria di perdenti che sono i Verdi, non  lo nego a me son tanto cari, il verdetto elettorale consegna un’Italia talmente impaurita dalla povertà e dalla concorrenza nel mondo del lavoro con il mondo dei migranti e dei paesi stranieri da esser disposta a sacrificare tutto il buonsenso delle loro proposte e delle loro posizioni. Gli italiani, con l’eccezione di alcune minoranze quasi nicciane, non sanno che farsene di aria sana, ambiente, territorio, eredità culturali, forma e stile di vita consono ai limiti naturali del pianeta Azzurro, vogliono solo arrivare alla mattina successiva senza dover affrontare la disgrazia della povertà o qualche malvagia violenza e prepotenza proveniente chissà da chi e perché. Anche in questo caso il verdetto elettorale è tanto impietoso quanto crudele. Mi chiedo cosa accadrà ora alle minoranze elettorali e dello spirito con questo nuovo che avanza. Forse non ci sarà bisogno di auto-esiliarsi perché l’Italia che verrà di qui a qualche mese avrà ben poco tempo e spazio mediatico da dedicare loro, quindi restare o fuggire darebbero gli stessi esiti nel contesto del Belpaese.  Un silenzio assordante li avvolgerà certamente.

Così vanno le cose nel Belpaese e per le sue genti che così bene han votato.   Ripetiamo loro l’auspicio di non pentirsi della loro scelta augurando di nuovo loro di tener fede a quanto hanno fatto. A tutti loro dedicai l’antico grido dei soldati di due secoli fa: Gloria o Morte!  Se lo meritano.  A coloro che dovranno affrontare il duro silenzio di esser minoranza incompresa non resta che auspicare loro di saper attingere a tutta la loro forza interiore.  Ne avranno bisogno.


 IANA per Futuroieri
http://digilander.libero.it/amici.futuroieri
 



sfoglia     novembre        gennaio
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email