.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


2 dicembre 2008

IVA AL 20% SULLE PAY-TV, FINALMENTE UNA GIUSTA

Come chi ci legge con frequenza (sono molti e li ringraziamo) sa, noi non amiamo per nulla il Cavaliere, alias Al Tappone o Testa d'asfalto. Riteniamo anzi che prima se va, lui e la sua accolita di paggetti, e meglio è per il Paese che sta vivendo una crisi economica strutturale mai vista.

Tuttavia, per una volta, laicamente, dobbiamo esser d'accordo con un suo provvedimento. Ci riferiamo all'innalzamento dell'Imposta sul Valore Aggiunto, più nota come Iva, per la tv a pagamento portandola dal 10% - dei beni considerati di prima necessità - ad un più consono 20%, aliquota generale.

Ineccepibile. La Pay Tv, che sia satellitare (Sky) o digitale terrestre (Mediaset Premium e La7 Cartapiù) è un bene superfluo per definizione, diremmo che lo è per eccellenza.

Chi è in condizioni economiche disagiate non fa certo l'abbonamento per vedersi le partite del Sabato, quelle della Domenica, quelle di coppa del Martedì, etc etc.

Neppure si può dire che Sky, Mediaset o La7 abbiano a pagamento canali di approfondimento o di inchiesta giornalistica che possano mai giustificarne un ruolo informativo o educativo.

Infine, a quelli del centro-sinistra, sempre pronti a cavalcare cause di nessun rilievo, ci permettiamo di chiedere: ma se quell'aliquota il Berlusca l'avesse abbassata invece di alzarla, non avrebbero gridato - stavolta giustamente - allo scandalo per una decisione che lo avrebbe visto avvantaggiato come proprietario di una Pay Tv?

 

Amici dell’Associazione FUTURO IERI

http://digilander.libero.it/amici.futuroieri/vaini.htm




15 ottobre 2008

PER CAPIRE MEGLIO L'AMERICA E LA SUA PROFONDA CRISI

Troviamo che quello sotto riportato sia un interessante appuntamento per capire meglio l’America di oggi, la sua crisi profondissima e, perché no, anche il loro sistema politico/mediatico costituito da due partiti che, nel concreto, si assomigliano così tanto da confondersi molto spesso. Infatti da questi confronti è sempre stato escluso il terzo pericoloso incomodo: Ralph Nader, acerrimo avversario delle potenti multinazionali Usa.

L’orario - dato il fuso orario - è improponibile, ma se uno può registrarselo crediamo sia molto meglio di una lezione di Scienza della politica o di un editoriale barboso e insulso dei vari Panebianco.

 

Oggi ultimo duello Obama-McCain

WASHINGTON (Mercoledì 15/10/08)- Obama-McCain, atto terzo: i due candidati alla Casa Bianca oggi "scenderanno in campo" per il loro terzo e ultimo duello tv che si svolgerà a Hempstead, dove saranno seduti a un tavolo e liberi di farsi domande e interagire. Un nuovo formato che offre maggior spazio a imprevisti e gaffes, rispetto agli altri confronti contraddistinti da regole rigide.
Il dibattito sarà ospitato nel campus della Hofstra University a Hempstead appunto, vicino New York, con inizio alle 21 ora americana (le 3 di Giovedì in Italia, dove sarà trasmesso in diretta e in chiaro da RaiNews 24, sul satellite, sul digitale terrestre e sulle frequenze analogiche di Rai 3).

 

Per maggiori informazioni sugli Stati Uniti e sulle presidenziali del 4 dicembre: http://digilander.libero.it/amici.futuroieri/nader.htm



sfoglia     novembre        gennaio
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email