.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


18 giugno 2012

Le Tavole delle colpe di Madduwatta Terzo Libro Appunti sparsi sulla punta della piramide sociale

http://www.empolitica.com/wp-content/dati/Tempesta-di-fuoco.jpg








Le Tavole delle colpe di Madduwatta

Terzo Libro

Appunti sparsi sulla punta della piramide sociale


Devo ammettere di aver solo immagini distorte e approssimative di coloro che esercitano il potere reale e concreto oggi in questo inizio di XXI secolo. I super miliardari, gli oligarchi, i superburocrati  che indirizzano la grande politica e le grandi speculazioni finanziarie e pianificano le nuove guerre. Non hanno un nome e un volto, posso solo far lo sforzo d’immaginare le facce, le sagome, i segni tipici della posizione sociale e della ricchezza di queste piccolissime minoranze al potere; vedo gli effetti di quel che fanno, gli esiti dei loro piani ma non riesco a mettere a fuoco una visione d’insieme, le loro forme, i loro volti. I livelli inferiori del loro potere sono visibilissimi e riconoscibili e mi riferisco ai livelli votati all’intrattenimento delle masse, allo spettacolo televisivo e politico, ai capi politici finanziati massicciamente da campagne di raccolta di fondi elettorali o da fondazioni o da miliardari, ai generali al comando di eserciti di coalizione e ai portavoce delle forze armate.  Ma chi tira le fila pare invisibile o almeno sfumato, quando qualcuno di questi potentissimi prende forma c’è sempre da sospettare che dietro vi sia un potere altro, un livello ulteriore, segreto. Questo sistema democratico alla maniera Anglo-Americana assomiglia a un a serie di scatole cinesi, di società che sono contenute da altre società, il sistema reale di potere nel sedicente “Occidente” rivela dei meccanismi misteriosi, oscuri dove si muovono improvvisamente campagne politiche, colossali speculazioni, guerre insidiose  e pericolose e l’opinione pubblica è forzata a credere questo o quello pressata dal martello di una informazione che è principalmente spettacolo e intrattenimento e dell’incudine del silenzio colpevole e interessato di chi potrebbe almeno spiegare qualcosa di questi processi ma si nasconde o si rinchiude in un cattivo silenzio. Così fatti terribili e funesti avvengono e a milioni di cittadini d’Europa vengono offerte solo fantasie, storie di comodo, inganni, narrazioni della propaganda di guerra, il grande potere che è dietro il potere si nasconde e nasconde le sue reali intenzioni. Quel potere nel potere è il livello ultimo e più alto della piramide sociale. I suoi effetti sono però reali, concreti, clamorosi e per alcuni popoli, travolti da guerre economiche o finanziarie o militari o terroristiche, terribili. Le vittime sanno bene quanto sia forte il potere distruttivo delle nuove oligarchie al potere. Ma quel che manca è i volti, i nomi, i luoghi reali di vita, le università e i centri di formazione, di vita quotidiana, di lavoro dove queste minoranze piccolissime al potere vivono,  acquisiscono sapere e competenze specifiche. Non è noto il loro quotidiano, o se è noto è noto solo a esperti e a singoli con competenze specifiche. Per i molti i VIP sono i calciatori di serie A, e le loro mogli o fidanzate, personaggi televisivi, presentatori e presentatrici, qualche onorevole, qualche attrice o cantante dalle forme graziose, qualche donna dell’alta società. Ma il resto? Dove sono i pianificatori delle grandi strategie bancarie globali? Dove sono gli strateghi a tavolino delle guerre? I capi dei servizi segreti? I boss del commercio internazionale di armi leggere? Dove sono i super-generali e i grandi ammiragli delle potenze imperiali globali? Non ci sono. Non ci sono articoli, cronache fotografiche, esclusive o speciali sulle riviste destinate alle masse popolari su coloro che sono davvero il grande potere nel mondo umano. Non ci sono speciali televisivi a meno che non si tratti di qualche testa coronata d'Europa e solo in occasione di celebrazioni, grandi feste, matrimoni. Ci sono i politici che arrivano a mettere la firma sulle grandi decisioni  dopo che la macchina del potere dietro il potere si è mossa e ha offerto loro delle possibili opzioni, delle vie d’uscita dai problemi, delle strategie economiche e militari. Al tempo dei Cesari era più facile farsi una vaga idea di chi fosse il potere, le statue del Cesare al potere in quel momento  arrivavano fino nelle provincie remote dell’Impero. Il Cesare era il vertice sia del potere politico sia di quello militare. Ma oggi manca il volto del potere, del vero potere. Così chi si oppone a questi poteri dietro il potere formale  finisce con l’indicare dei fantasmi, dei poteri invisibili, degli spettri; manca la capacità di dare al pubblico ordinario  il mostro di fine livello dei videogiochi. Ma ancor di più pare quasi impossibile fra capire il meccanismo di ragionamento con il quale si muove questo potere. Come si muove? Pare, e sottolineo pare, muoversi secondo uno spirito capitalista collegato a forme esasperate di darwinismo sociale, finanziario e militare. Ma ad oggi non saprei cogliere tutte le sue sfumature. Forse non ho neanche tutti gli strumenti culturali per capire i tanti colori e aspetti di questo potere oligarchico. Infatti quel che par di capire è che questi poteri si muovono secondo logiche di carattere tecnico ossia  secondo procedure bancarie, finanziarie, militari, spionistiche. E’ il regno di logiche precise ma lontane dalla vita quotidiana; ma i loro effetti possono devastare la vita di milioni di umani e dare la via  e il segno agli esecutivi e ai parlamenti dei principali paesi del mondo. La punta della piramide sociale è ignota, è come se una grande luce al vertice impedisse la visione, accecasse la vista e ciò che è visibile lo è per deduzione, per fantasia. Questo è un limite perché alle volte un volto, un luogo, un centro di formazione può dare il senso di queste minoranze al potere, ma se essi sono nascosti c’è un motivo: hanno interesse a restare dietro la facciata del potere con cui si relazionano e attraverso il quale operano. Questo è un grave problema, comprendere il proprio tempo diventa molto difficile, descriverlo qualcosa di complicato. Occorre intuire le proprie risposte per  scarsità di verità e di autentico sapere.



sfoglia     maggio        luglio
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email