.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


25 agosto 2016

Una ricetta precaria N.17

Ricetta precaria

Siamo a 17, numero primo

Il passato alle volte ritorna a tradimento, specie quando si sta in ozio, quando si hanno quei momenti della vita ove si scopre di aspettare qualcosa o di non aver nulla da fare o peggio di non voler far nulla. Così capita che con la calura estiva ritornino ricordi anche fastidiosi, ricordi lontani. Esperienze che mettono a nudo l'inesperienza di anni passati o peggio l'ingenuità. Curioso. Il proprio passato fa parte di noi stessi e è un fardello costitutivo della propria identità personale. Certo che il passato che ritorna è pieno di dettagli spiacevoli, di cose che danno fastidio a esser rammentate, di difficoltà improvvise, di disgrazie, di cose che era meglio se non capitavano. Mi ricordo di un periodo di disoccupazione subito dopo la laurea e la specializzazione. Si tratta di un ricordo di almeno dodici anni fa. Mi trovavo con poco denaro e sul momento non avevo la possibilità di trovare delle supplenze per via del punteggio basso in graduatoria. Avevo fatto una supplenza ma proprio sotto Natale era cessata e mi ritrovavo a spasso senza un lavoro. Erano le difficoltà normali nel Belpaese di chi non ha protettori o raccomandazioni serie e deve per così dire far fronte a questo genere di cose, mi trovavo in quel periodo davvero a contare i soldi. Inaspettatamente mi venne in soccorso un caro amico che doveva lasciare un lavoro presso un'associazione per entrare nel pubblico impiego. Si trattava di una cosa temporanea ma sarebbe servita per guadagnare qualche soldo sotto Natale e tirare avanti. Mi presentò al direttore del progetto e lavorai per un mese per loro. Si trattava di compilare delle schede per una celebrazione importante e di far un lavoro di segreteria. Mi ricordo che mi portavo il panino da casa. Si trattava di mettere assieme due o tre fette di pane da toast. Di solito lo farcivo con maionese, cetriolini e cipolline sottoaceto, insalata, pomodoro e anche una sottiletta di formaggio. Qualche volta aggiungevo un pizzico di sale o un wurstel tagliato a pezzi. Si trattava d una ricetta un po' d'emergenza, un tipico mettere di tutto. Eppure era una combinazione piuttosto riuscita perché mi faceva da pasto di mezzogiorno. Il panino incartato aveva quasi sempre la caratteristica di restare unto, era fatale e allora talvolta l'avvolgevo nella carta stagnola. Certo a ripensarci oggi era un segno di gioventù il trovare un lavoro di ripiego e l'arrangiarsi con un panino e una lattina. Un altro ricordo legato al tramezzino è quello di un bar dalle parti di Pietrasanta. Allora ero tutor e lavoravo per La scuola Edile Lucchese, fu il mio primo lavoro nel settore dell'insegnamento. Ero contento di aver trovato un lavoro nel settore dell'insegnamento, benchè non fosse quello il percorso verso il quale mi stavo specializzando. Mi ricordo di un tramezzino buonissimo preso in un Bar durante una pausa di quel lavoro. Mi ricordo che era bianco, talmente bianco che sembrava di mollica e basta. Con maionese, l'uovo sodo e l'insalata nella farcitura mi fece per un istante dimenticare le difficoltà di quel lavoro, gli allievi, la scuola, il direttore, gli studi e le mie inquietudini sul futuro. Fu circa quindici anni fa. Alle volte un sandwich o tramezzino può portare la testa indietro nel tempo, e allora basta un panino e ricordi cose che sembravano sparite. Ritornano volti, fatti, circostanze; il tempo si riavvolge come in un sogno e come il sogno appare confuso, fumoso, prossimo all'oblio.



sfoglia     luglio        settembre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email