.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


3 luglio 2010

Un palco per il cavaliere solitario e per il vecchio maestro

De Reditu Suo - Terzo Libro

Un palco per il cavaliere solitario e per il vecchio maestro

Fra le cose del mio personale e recente passato c’è stato il palco della Villa San Lorenzo a Sesto Fiorentino, un palco molto semplice, essenziale e spartano. Quel palco di tanti anni fa mi ricorda una delle esibizioni di Ivan Della Mea in occasione della festa del 1° Maggio. Mi ricorda anche l’esibizione del Judo club del compianto Maestro Ivo, quella nel quale per una volta eravamo sul palco e non all’aperto. Fu una cosa diversa dalle re perché  c’era poco pubblico e quel poco era venuto per noi d allora Ivo presentò semplicemente quel che veniva fatto ordinariamente in palestra, il quotidiano delle sue lezioni, la banalità del riscaldamento, del provare le tecniche, delle cadute era l’oggetto dell’esibizione. Perché si svolgeva su un palco dedicato alle manifestazioni pubbliche e quindi era una vera e propria esibizione. Io ero uno di quelli che con gli altri allievi  mostrava il banale di una lezione di Judo spiegata a parenti, amici, e qual che curioso di passaggio. L’idea di presentare il banale, frutto un po’ del caso e del fatto che i presenti perlopiù ci conoscevano, mi pare ancor oggi a distanza di tanto tempo davvero ben fatta: è relativamente facile stupire e intrattenere il pubblico con lo straordinario, non tutti riescono a farlo con l’ordinario. L’ordinario era in questo caso l’insegnamento del maestro che aveva un concetto alto del suo Judo e pensava questa disciplina allo stesso tempo sportiva e marziale come un fatto integrale di educazione e formazione della personalità. Su quello stesso palco cantò anche Ivan e da buon cavaliere solitario che con la sua chitarra e  la sua voce cantava le lotte e le speranze dei lavoratori e degli sfruttati dal sistema con i suoi accordi e la sua voce faceva la sua lotta. Un essere umano davvero poco comune Ivan che usava il suo talento canoro e i suoi mezzi artistici per rappresentare la protesta e le speranze degli sfruttati, degli umili, degli emarginati e cantava tutto questo a modo suo da comunista anomalo venato di spirito libertario. Sia il maestro che il cavaliere con la chitarra hanno svolto parte della loro attività a Sesto Fiorentino e entrambi sono morti nel 2009, la vicenda terrena dei due si è almeno in un caso  per un brevissimo tempo svolta nello stesso luogo.  Un palco solo quindi per il cavaliere solitario armato di voce e chitarra e per il maestro di arti marziali e la sua scuola, un oggetto unico che associa nella mia mente il ricordo di due uomini così lontani e diversi che son vissuti nello stesso tempo.   

IANA per FuturoIeri




23 luglio 2009

Tutto è spettacolo e tutto è politica

La valigia dei sogni e delle illusioni

Tutto è spettacolo e tutto è politica

La politica tende ad uniformarsi e ad integrarsi con la dimensione dello spettacolo e più in generale dello spettacolare, in Italia come altrove. In questi giorni per me angoscianti di noia e di disgusto  ne ho avuto una  prova a proposito della cerimonia d’apertura dei mondiali di nuoto: una scenografia imponente, a tratti magica, messa al servizio delle diverse autorità presenti. Fa il paio con questa constatazione il fatto che la moglie del presidente francese Carla Bruni si sia messa a suonare e cantare in onore del compleanno, il 91°, del leader africano Nelson Mandela, rompendo così un prolungato periodo d’astensione dai palchi. Lo stesso leader statunitense Obama ha voluto sottolineare la dimensione straordinaria e quindi spettacolare dell’evento con un videomessaggio. Traggo questa notizia da Leggo del 20 luglio 2009, e il quotidiano gratuito precisa che la il concerto si è tenuto a New York con una sfilata di celebrità fra cui Zucchero. Il tutto era anche a favore della lotta contro l’AIDS. Altra piccola curiosità il leader africano ha festeggiato nella sua casa a Johannesburg.

Ora è evidente che questa che può essere una nota di colore in realtà rappresenta un processo presente che è una interazione continua e ossessiva fra le logiche dello spettacolo e della promozione pubblicitaria di grandi eventi e la dimensione della politica. Non è un fenomeno di costume ma una concretissima dimensione del reale che qui e ora è così strettamente legato al virtuale, alla finzione, a ciò che si vede e sente da essere oggetto di pubblicità, forma delle vanità umane delle caste al potere, espressione di un nuovo modello politico e sociale che si sta formando. Le minoranze che vivono di politica nel Belpaese son respinte e attratte nello stesso tempo  da questa dimensione dello spettacolare che ingoia tutta la politica: per un verso non possono rinunziare a queste forme con cui si ostenta il potere e dall’altro lo sentono come una massa di cose strane, remote, incontrollabili. Si passa quindi da forme di rappresentazione del potere politico nel quale si concede tutto alla dimensione dello spettacolare a forme nelle quali si cerca di fingere una dignità istituzionale e un senso delle distinzioni per dividere il potere politico, o quel che ne resta, dalle altre espressioni della vita al tempo della civiltà delle immagini. E’ evidente che il potere politico si sta trasformando in due direzioni parallele: una è la dimensione dello spettacolare, l’altra quella della specializzazione di carattere amministrativo o elettorale. Potenzialmente queste due vie sono destinate ad allontanarsi dalla virtuosa strada del rapporto fra eletti ed elettori, in un caso per la distanza che c’è fra il VIP della politica o il personaggio illustre del mondo dello spettacolo e la maggior parte dei suoi uditori o spettatori, dall’altro perché la specializzazione impone l’uso di linguaggi tecnici o di conoscenze specifiche che stanno dietro alle decisioni, condizioni che separano il semplice elettore dal suo amministratore d’alto livello e rappresentante politico. Il potere si allontana dalla vita democratica per queste due vie e forse non è casuale le tensione che c’è in questi giorni in Francia che si sta configurando come una riedizione del conflitto sociale e una nuova forma di lotta di classe. Le notizie che iniziano a filtrare in Italia parlano di lotte operaie che sembravano dimenticate, di proteste con tanto d’irruzione delle maestranze negli uffici dei dirigenti, in generale di un clima di forte tensione che annuncia un difficile autunno. Sarebbe una felice cosa se lo spettacolare e il tecnicismo della politica politicante fosse accantonato a favore di una lucida e comprensibile interpretazione e rappresentazione della concretissima realtà materiale di questa finta Europa di finti ricchi, ma forse è una vana speranza.

Intanto Carla Bruni ha cantato a New York.

IANA per FuturoIeri



sfoglia     giugno        agosto
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email