.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


27 maggio 2011

SUVVIA, UN ULTIMO SFORZO PER DE MAGISTRIS E PISAPIA

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2011

 

2° turno di ballottaggio: in alcune Province e molti Comuni si vota Domenica 29 maggio dalle ore 8:00 alle ore 22:00 e Lunedì 30 maggio dalle ore 7:00 alle ore 15:00 (occorre portare con sé la tessera elettorale ed un documento di identità valido).

I nostri spassionati e ponderati consigli sono:

 

COMUNE DI NAPOLI

Candidato Sindaco:

Luigi de Magistris

(Italia dei Valori, Lista Civica e Fed. della Sinistra)

http://www.sindacopernapoli.it

 

“Tutti insieme per Napoli” è il concerto organizzato per Venerdì 27/5, a partire dalle 18.30, presso la Rotonda Diaz, in via Caracciolo. Le melodie dell'Orchestra Italiana di Renzo Arbore: Barbara Buonaiuto, Gianni Conte, Orchestra Napoliopera, il ritmo di Enzo Gragnaniello con i Sudexpress, di A67, dei 99 Posse e Teresa De Sio si uniranno alla comicità di Dario Vergassola e Simone Schettino. Parteciperanno anche Giacomo Rizzo, Lucio Caizzi, Michele Caputo, Francesco Paolantoni, Mario Porfito, Patrizio Rispo e Rosaria De Cicco.

 

 

COMUNE DI MILANO

Candidato Sindaco:

Giuliano Pisapia

(Coalizione di Centro-Sinistra)

http://www.pisapiaxmilano.com

 

“Èvento, il grande evento di Milano che si risveglia”, chiusura della campagna elettorale di Giuliano Pisapia. Venerdì 27/ 5 dalle ore 19,30 tutti in Piazza del Duomo! Gli artisti sono tanti... Ma noi saremo di più! Tutti voi che, come noi, avete un sogno, non potete mancare. Saranno con noi: Elio e le Storie Tese, Daniele Silvestri, Giuliano Palma & The Bluebeaters, Antonio Cornacchione, Lella Costa, Paolo Rossi, Gioele Dix, Deborah Villa, Arianna Scommegna. Presenta la serata Claudio Bisio.



[ da l' Ecogabbiano - http://alterverde.myblog.it ]




22 maggio 2008

MOSTRI QUOTIDIANI

Sono reduce dalla visione del film “Gomorra”, quel che ho visto mi ha mostrato l’evidenza che non c’è solo un problema criminale nel napoletano, c’è una vera e propria scissione dal corpo della Nazione.  L’uso di un dialetto incomprensibile ai più, l'indifferenza e la facilità con cui nel film si uccide o ci si organizza contro lo Stato, l’impunità scandalosa dei comportamenti e degli atti criminali, non sono solo finzioni ma rappresentazioni oneste, a quel che par di capire, di quella realtà.  Qui non è più il caso di parlare di una deriva o di una guerra fra bande criminali questa è autentica secessione armata, condotta con regole asimmetriche,terroristiche, da camorra appunto.  La criminalità è il potere ed è la legge, il modo di operare dei camorristi ricorda quello degli eversori politici o dei gruppi terroristi, se non sono già passati alle vie di fatto separando la nazione napoletana dal resto del Belpaese è solo perché hanno un loro tornaconto o perché non si sono resi conto fino in fondo del loro potere.

Una democrazia in crisi di legittimità e di credibilità come è la nostra ha motivo di temere da questo potere che si presenta come forte e vitale, animato da una capacità di resistere a colpi durissimi e di esercitare il diritto di vita e di morte su coloro che si trovano nel suo dominio. Proprio il fatto che lo scrittore del libro omonimo sia sotto scorta deve indurre a riflettere sul fatto che oggi sul territorio nazionale il diritto alla libertà di pensiero e di stampa è messo in seria discussione,  con la sua minaccia di morte per un libro scritto la Camorra aggredisce anche la Costituzione della Repubblica.  Fino a che punto uno Stato può reggersi se le basi della sua legittimazione ad esistere vengono derise e quindi disgregate e minate dai fenomeni di criminalità organizzata?

Un libro di due anni fa di Elio Veltri “Il topolino intrappolato” descriveva la commistione fra economia legale ed economia illegale in Italia, i dati pubblicati dall’ex senatore sono inquietanti.  Letti di nuovo oggi alla luce dell’emergenza criminalità e spazzatura mostrano come alla crisi radicale della credibilità delle istituzioni faccia seguito il crollo di qualsiasi forma di decenza e di moralità pubblica.

Questo modo di vivere, credere nel Dio-denaro, produrre e consumare ha prodotto la possibilità di forme devianti e criminogene di vita e di lavoro che si sono saldate all’economia legale; non basta più qualche gesto esemplare o qualche novello maxi-processo.  Qui va messo in discussione il modo di vivere quotidiano, i valori devianti ereditati da padri e nonni e antenati, perché l’indifferenza e l’ostilità contro le regole e le leggi viene da lontano, e va  messo in conto di dover di nuovo ricostruire questo Belpaese quanto questo vento di follia avrà finito di far i suoi danni.

 

IANA per Futuroieri



sfoglia     aprile        giugno
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email