.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


13 aprile 2009

A proposito del film Nazirock: qualcuno mi spieghi questo miracolo!

Il Belpaese: quarantanove passi nel delirio

A proposito del Film Nazirock: qualcuno mi spieghi questo miracolo

(Pericle espone i meriti e il valore della democrazia ateniese, il discorso dello statista ateniese ci è tramandato dallo storico Tucidide)

Abbiamo un sistema di governo che non emula le leggi dei vicini ; ma siamo noi stessi un modello piuttosto che imitatori degli altri. E quanto al nome per il fatto che non si amministra lo Stato nell’interesse dei pochi  ma di una maggioranza , si chiama democrazia…”

Alle volte mi capita di leggere notizie che mettono in crisi il mio buonsenso. Talvolta mi capita di riflettere su quanta pazzia si scatena dalle vicende umane. La politica è ormai qualcosa di estraneo alle grandi narrazioni ideologiche, ai miti che dovevano fondare un mondo umano del tutto nuovo, alle identità forti legate a un partito. Qui in Toscana c’era un tempo un forte partito comunista che era allo stesso tempo realtà  ideologica, identità collettiva, parte politica legittima e riconosciuta come tale anche dai suoi principali avversari. Questo mondo è finito e la politica, locale e nazionale che sia, nel Belpaese si concentra sulla difesa dell’esistente e su questioni che attengono all’amministrazione, talvolta con risultati grotteschi quando non oggetto dell’interesse della magistratura. Questa dimensione dell’appartenenza a dei valori e a qualche forma d’identità collettiva viene fatta propria da piccoli gruppi, spesso da piccoli partiti di estrema destra, mi chiedo a che punto è arrivata questa democrazia se una cosa del genere sembra depositarsi in realtà talvolta filo-fasciste o peggio para-naziste. Un documentario discutibile, edito da Feltrinelli in coppia con una raccolta di saggi sul tema niente male, per la sua impostazione dal titolo Nazirock mostra alcuni aspetti di queste identità politiche basate su fragili basi culturali e politiche ma su un forte senso d’appartenenza a un gruppo coeso. La mitologia fascistoide che incensa questi gruppi mi pare strettamente collegata al senso del gruppo, va da sé che il piano della storia è limitato al senso dell’essere eguali solo fra sè e alla sfida palese che portano alle democrazie e al buonsenso. Qualcuno deve però illustrarmi come si è potuto dare il miracolo odierno di una resurrezione sia pure in forme limitate e caricaturali di queste ideologie seppellite dallo sfacelo della Seconda Guerra Mondiale. L’evidenza mi porta a pensare che queste democrazie, perché il problema della minaccia comunista è cessato da due decenni e non può essere usato per giustificare quelle appartenenze, incentrate sul culto del Dio-denaro, sul darwinismo sociale, sulla prevalenza del ricco sul povero hanno lasciato sul terreno migliaia di infelici, di poveri, di gente che non è riuscita a strappare all’avidità del sistema sociale il suo piccolo “posto al sole”. Gli esclusi da questo finto benessere, da questo falso paese dell’abbondanza non aspettano che una bandiera sotto la quale sfogare il loro odio contro un modello economico che li penalizza e li opprime e li costringe alla marginalità economica, politica e sociale. Certamente le forme nuove di neo-fascismo hanno intercettato questo grande malessere e lo hanno fatto proprio e, per così dire, ci lavorano sopra per creare consenso trasformandolo in realtà politica.

La democrazia o è per tutti o è per nessuno, o è una cosa diversa dalla democrazia.

IANA per FuturoIeri




6 ottobre 2008

UN MIRACOLOSO CONCENTRATO DI PREGIUDIZI

Sono andato per curiosità a vedere quel film "Miracolo a Sant'Anna" di quel regista Afro-americano.
Ci sono andato con un amico che la pensava diversamente da me in politica e non solo, giusto per capire quanto fossero bilanciati i miei giudizi. Quel film è un concentrato di stereotipi di pessima lega sugli italiani, sembra di rivedere tutti in un botto i principali pregiudizi a sfondo razziale che hanno perseguitato gli italiani nella loro emigrazione nel Nord-America. Mi riferisco come fonte privilegiata di documentazione sul tema al bel libro di Gian Antonio Stella "L'ORDA" che raccoglie il peggio di quanto è stato detto sulle genti del Belpaese negli ultimi due secoli, come emigranti e non solo. Gli italiani del film sono poveri e superstiziosi, il patriarca della famiglia è pure fascista ed egoista, i partigiani sono accoltellatori, ladri, delinquenti, odiati dalla popolazione e c'è pure su quattro partigiani un giuda che vende la pelle degli amici come di centinaia di innocenti, l'unica chiesa del paese serve per un bizzarro festino dove la gente alla fame apparecchia pure un buffet, l'unica donna graziosa del paese la dà via per qualche sigaretta a un liberatore di colore e per gradire è sposata con uno che è disperso in Russia. Forse mi sfugge qualcosa ma così è già abbastanza. Strano esito per un film onirico e politico che vuol tirare la volata a Obama e parlare dell'orgoglio nero degli Afro-Americani e propina questo gran misto di stereotipi negativi sugli italiani. Il regista non si accorge nemmeno che dà ragione a quei manifesti della propaganda di guerra della Repubblica di Salò che il manipolo di soldati neri strappa con disgusto. Affermo questo perchè nel film è presente una scena di sesso fra una donna bianca e un liberatore dalla pelle scura e perchè uno dei protagonisti di colore si è preso come bottino di guerra un prezioso manufatto cinquecentesco. Quei manifesti erano di Boccasile, il noto disegnatore, e accusavano i soldati di colore di rapine ai danni del patrimonio artistico e mettevano in guardia la popolazione civile dai soldati di colore. Quel film denunzia la totale estraneità del regista verso la storia e la cultura dell'Italia, che è letta attraverso i più rozzi stereotipi statunitensi sugli eterni italiani pelle-oliva, e la spaventosa incapacità degli statunitensi di concepire che al mondo esistono altre culture e altre storie oltre la loro. Quello non è un film offensivo perchè mette in cattiva luce la resistenza, quel film è un miracoloso concentrato di pregiudizi contro il popolo italiano. Non va vietato o censurato, va semplicemente detto che esso è il frutto di un disprezzo per gli altri così forte da essere inconsapevole. L'ANPI ha sbagliato polemica.  Il film non è contro di loro ma è solo contro gli italiani in generale, prova ne sia che un paio di nazisti nel film fanno pure una bella figura. Il mio amico ha detto che mancava solo la pasta e il mandolino.
A me è bastato così.
A quelli che parlano di liberatori credo che consiglierò questo film, in molti cominceranno a star zitti, e sarebbe anche l'ora.

IANA per FuturoIeri



sfoglia     marzo        maggio
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email