.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


4 gennaio 2010

Il falso nel ridicolo:ideologie in Italia

De Reditu Suo

Il falso nel ridicolo: ideologie in Italia

Mi tocca sospendere una cosa che mi stava a cuore intorno al concetto di donna come soggetto vittima delle novità della terza rivoluzione industriale per fare un ragionamento urgente sui deliri finti che cercano di devastare l’animo di tanti che nel Belpaese hanno crucci ben più gravi.

La follia ideologica che ogni tanto prende l’Italia, di cui quella dei queste feste di fine 2009 oltre ad essere l’ennesima stanca, sporca e triste replica  di cose già viste e udite a mio avviso è qualcosa di orrendamente concreto: il merito nel Belpaese conta poco e quindi la politica diventa un potente ascensore sociale. Fare tifo politico o far parte di un gruppo organizzato è una difesa dei propri interessi o un mezzo per potenziare i propri personali strumenti per strappare alla malvagità del mondo umano qualche favore o qualche posizione di prestigio. Questa discrezionalità potrebbe innescare oltre alla divisioni e agli odi che già impestano l’Italia anche l’astio di quelle comunità di nuova immigrazione che hanno difficoltà a integrarsi le quali a breve per compensare, per così dire, la malasorte non esiteranno a chiedere il diritto di voto. Il criterio politico è una variante delle opzioni per le strategie economiche e sociali, ovviamente la cosa non avviene in modo lineare, sarebbe una cosa troppo ragionevole per le genti del Belpaese, ma in modo contorto, perverso, strano come se un pazzo avesse messo mano al pennello e avesse corrotto ciò che era dritto colorando sopra di esso ogni sorta di segno e di simbolo frutto della propria fantasia malata.  Il piano delle illusioni, quello della volontà di potenza e il rozzo cinismo di sedicenti classi dirigenti e il quotidiano dei diversi popoli d’Italia che si arrangiano alla meglio si confondono, s’incrociano e talvolta si sovrappongono. Le ideologie, l’appartenenza politica si distinguo in due fasce in modo piuttosto netto: i poveri e gli idioti che ci credono e i furbastri da tre lire e i cinici che ci lucrano sopra manipolando la gente. Un po’ come nel gioco del calcio quando i giocatori in campo se ne fregano della squadra del cuore, per loro conta il contratto e i bonus, mentre i tifosi al contrario sarebbero disposti a far a botte, o peggio, per dei colori e dei simboli che appartengono non a loro ma al proprietario della squadra di calcio che spesso è una società quotata in borsa. Centinaia di migliaia di tifosi si eccitano e straparlano di qualcosa  che è una proprietà di uno o più miliardari che vivono in un mondo estraneo e alieno rispetto al vissuto di tanti disgraziati che sfogano i loro dispiaceri la domenica quando si sintonizzano sulla partita. Forse la partita di calcio della squadra  del cuore spiega in parte il meccanismo idiota dell’ideologia in tempi in cui le ideologie non esistono più ma regnano incontrastati solo gli interessi delle piccole e grandi oligarchie e le logiche di potere. Tuttavia nel credere a ideologie morte o alle loro pietose caricature è prevalente un senso di cosa ridicola che suona falsa, solo la capacità degli umani di negare la realtà giustifica questa dimensione di follia. L’illusione di essere parte di qualcosa di grande e forte prevale sul senso d’appartenenza a questa realtà, l’ideologia morta che agita le sue ombre è l’altro aspetto di una civiltà di consumatori e di credenti nella pubblicità.

 IANA per FuturoIeri



sfoglia     dicembre        febbraio
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email