.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


10 ottobre 2008

LODO ALFANO: COMINCIA LA RACCOLTA FIRME PER IL REFERENDUM

LODO ALFANO: PARTE REFERENDUM

IdV e sinistra insieme ma l'11 ottobre manifestazioni separate

 

(ANSA) - ROMA, 7 OTT - L'11 ottobre comincera' ufficialmente la raccolta delle firme contro il Lodo Alfano. Ad annunciarlo e' il leader dell'Idv Antonio Di Pietro. Alla conferenza stampa a Montecitorio c'erano anche Arturo Parisi del Pd ('ma non sono qui a nome del mio partito'), il segretario del Prc Paolo Ferrero, Carlo Leoni della Sinistra Democratica e Manuela Palermi del Pdci. Ma l'11 ottobre, giorno del via, ci saranno manifestazioni separate. A quella della sinistra dovrebbero aderire anche i Verdi.

 

 

Il Lodo-Alfano è una legge fatta per delinquere in libertà da parte dell'attuale premier e per non farsi processare. La libertà i cittadini la perdono in questa maniera, poco alla volta, concessione dopo concessione. Il governo ve lo sta già dimostrando, dopo il Lodo per le 4 cariche dello Stato passato nell'indifferenza di molti ora si avanzano nuove pretese arroganti che calpestano i principi della costituzione, della democrazia e della tua libertà. Arrivano richieste per il Lodo-Consolo per i ministri, arriva l'estensione del Lodo per Mills, chissà che non arrivi il Lodo anche per qualche criminale. Non lasciarti sfuggire di mano la tua libertà. Firma in una delle piazze per il referendum contro il Lodo Alfano. Hai il dovere di fermare la dittatura Berlusconi IV.

 

 

LE GIORNATE DELLA LEGALITA':

 

Roma - Sabato 11 ottobre 2008

 

In Piazza Navona dalle ore 10:00 alle ore 20:00 saranno raccolte le prime firme per il Referendum.

Durante la giornata si alterneranno artisti di strada, cantanti, gruppi musicali e personalità del mondo sociale, politico e culturale.

A partire dalle ore 15:00 inizieranno gli interventi e gli spettacoli con le performance di Andrea Rivera, Enrico Capuano, Tammurriata Rock, Enzo Avitabile e Simone Cristicchi.

Antonio Di Pietro, Beppe Grillo, Marco Travaglio, Massimo Fini interverranno verso le ore 17:00.

Inoltre: sempre Sabato 11 ottobre tutti coloro che hanno a cuore le sorti della democrazia del nostro Paese manifestano a Roma, in Piazza della Repubblica dalle ore 14, uniti (si spera) contro le politiche di questo Governo e più specificatamente contro le scelte razziste, gli attacchi all'indipendenza della magistratura, al ruolo contrattuale del sindacato ed alle conquiste del mondo del lavoro, alla democrazia ed ai valori dell'antifascismo ed al ruolo istituzionale ed alla scuola pubblica ed alla sua funzione sociale.

 

Cagliari - 16/10/2008

Trento Bolzano - 18/10/2008

Napoli - 19/10/2008

Roma - Piazza San Giovanni 25/10/2008

Milano - 26/10/2008

LAquila - 1/11/2008

Genova - 7/11/2008

Torino - 8/11/2008

Potenza - 21/11/2008

Bari - 22/11/2008

Campobasso - 23/11/2008

Pescara - 28/11/2008

Ancona - 29/11/2008

Udine - 5/12/2008

Bologna - 6/12/2008

Venezia - 7/12/2008

Perugia - 12/12/2008

Firenze - 13/12/2008

Cosenza - 14/12/2008
 
Amici di FUTURO IERI  ( http://digilander.libero.it/amici.futuroieri )




8 agosto 2008

BERLUSCONI, NAPOLITANO E IL LODO

Note a margine del famigerato Lodo Schifani / Alfano sulla casta di potenti che vorrebbero farsi intoccabili. Oltre il fumo negli occhi - "ad arte" - della sicurezza, della monnezza e del ministro Prunetta. Per meglio capire.

AGI - Roma, 10 mag 06 - Il rapporto fra le famiglie Craxi e Napolitano e' di antica data. Il primo era il leader dei socialisti italiani, il secondo il leader dei miglioristi del Pci, l'ala del partito di Enrico Berlinguer piu' vicina al Psi. Bettino Craxi e Giorgio Napolitano si incontravano spesso, anche con le signore ed i figli. Non erano incontri felpati, con camerieri in livrea, argenteria, vescovi, grand commis e grandi firme, come quelli di Castelporziano nella tenuta del Presidente della Repubblica. Erano incontri politici fra due importanti leader politici italiani, con in testa l'idea di una sinistra piu' moderna (...). Anni ottanta, domenica, pranzo. Bettino Craxi, Giorgio Napolitano, le signore Anna e Clio, i figli Bobo e Stefania mangiano insieme alla 'Trattoria dei cacciatori' alla Longhignana, una frazione del Comune di Peschiera Borromeo nella campagna intorno a Milano. Sono gli anni di Craxi a Palazzo Chigi: scala mobile, euromissili, Achille Lauro e quant'altro. Clio ed Anna si intendono bene, la madre di Clio era socialista. Anche Bettino e Giorgio trovano punti d'intesa. Al termine del pranzo nel vecchio castello che fu dei Borromeo, Bettino Craxi e Giorgio Napolitano salgono le scale di legno che portano al 'Vecchio Granaio', un mercatino di cose antiche ed antiquariato. Craxi saluta i gestori e compra di getto per Napolitano un portagioielli di porcellana di Limoges, decorato in oro. Una decisione d'impeto, come era nel carattere di Craxi. Napolitano ringrazia con il suo tratto aristocratico (...). Da allora e' passato quasi un quarto di secolo. Il portagioielli e' ancora in casa Napolitano.  [Tratto da Venetosocialista]

_______________________________________________________________
P.S.  Dall’Agenzia Reuters: “Inflazione a luglio +4,1%, massimo da 12 anni”.

     Amici dell’Associazione Futuro Ieri –
http://digilander.libero.it/amici.futuroieri/linche.htm




24 luglio 2008

IL PAESE VA A ROTOLI E LORSIGNORI PENSANO ALLA PROPRIA PELLE

Abbiamo osservato in questi ultimi anni, invero con una certa tristezza, il ceto politico italiano tramutarsi progressivamente in casta, con privilegi di ogni genere (dalla palestra gratis, alla pensione maturata in soli due anni e mezzo!), ma ci mancava il passaggio finale: la casta che si erge a intoccabile.

Mentre il Paese sta andando a rotoli, tanto che lo stesso ministro dell’economia, Tremonti, afferma che il peggio deve ancora arrivare e che si profila un nuovo crollo di Wall Street come nel 1929, ecco che tutte le energie e il tempo dei parlamentari è destinato a che cosa? Ma, ovviamente, a garantire la piena e totale impunità alle cosiddette “alte cariche”, ovvero Berlusconi, Napolitano, Schifani, Fini.
Il Ddl N° 903, anche detto Lodo Alfano, è uno scudo a 360 gradi che li renderebbe – condizionale fondato sulla molto probabile bocciatura da parte della Corte costituzionale –  immuni da qualsiasi imputazione, sia che essi corrompano (e questo, visti certi trascorsi, possiamo pure capirlo), ma anche se Lorsignori stuprano, sequestrano, uccidono, si macchiano di pedofilia, progettano attentati terroristici, attentano alla Costituzione facendo un golpe (anche questo per la verità potrebbe esser comprensibile...), etc etc.

Insomma, intoccabili sempre e comunque fintanto che ricoprono l’incarico di presidente del Consiglio, presidente della Repubblica, presidente del Senato e presidente della Camera.

Nel frattempo, giusto in questi giorni i giornali titolavano (piccola selezione):

- Mutui alle stelle, come nel 2002

- “No ai tagli” polizia e carabinieri in piazza

- Vola la spesa per le visite fiscali, più costi che vantaggi

- Il presidente della regione Abruzzo, Del Turco, “a capo di un’organizzazione a delinquere”

- Il condono sull’Iva bocciato dalla Unione Europea

- Servizi pubblici a rischio, sindacati in rivolta

- Polizia: il 61% dei dipendenti vive con meno di 1200 Euro al mese

- Mantenere l’auto costa il 4,4% in più

- Crollano le vendite anche nel periodo dei saldi.

Può bastare? Come dobbiamo fare per sturargli gli orecchi e far capire al Palazzo che essi sono semplicemente dei nostri dipendenti, loro davvero dei co.co.pro., e non dei monarchi camuffati? Vergogna.

 
P.S.  Periodico aggiornamento sull'inflazione:

Mag-2007 Mag-2008   3.6%   [131.8] [136.5]

Giu-2007 Giu-2008   3.8%   [132.1] [137.1]

 

Amici di Futuro Ieri  http://digilander.libero.it/amici.futuroieri/vaini.htm




4 luglio 2008

ROMA, 8 LUGLIO, MANIFESTAZIONE IN PIAZZA NAVONA. PASSAPAROLA!

Volentieri inoltramo il seguente appello.  http://digilander.libero.it/amici.futuroieri

 

Care concittadine e cari concittadini,
il governo Berlusconi sta facendo approvare una raffica di leggi-canaglia con cui distruggere il giornalismo, il diritto di cronaca e l’architrave della convivenza civile, la legge uguale per tutti.

Questo attacco senza precedenti ai principi della Costituzione impone a ogni democratico il dovere di scendere in piazza subito, prima che il vulnus alle istituzioni repubblicane diventi irreversibile.

Poiché il maggior partito di opposizione ancora non ha ottemperato al mandato degli elettori, tocca a noi cittadini auto-organizzarci. Contro le leggi-canaglia, in difesa del libero giornalismo e della legge eguale per tutti, ci diamo appuntamento a Roma l’8 luglio in piazza Navona alle 18, per testimoniare con la nostra opposizione – morale, prima ancora che politica – la nostra fedeltà alla Costituzione repubblicana nata dai valori della Resistenza antifascista.

Vi chiediamo l’impegno a “farvi leader”, a mobilitare fin da oggi, con mail, telefonate, blog, tutti i democratici. La televisione di regime, ormai unificata e asservita, opererà la censura del silenzio.

I mass-media di questa manifestazione siete solo voi.

 

(26 giugno 2008)

On Furio Colombo
Sen. Francesco Pardi
Paolo Flores D’Arcais

 

ADERISCI ALLA MANIFESTAZIONE: redazione@micromega.net



sfoglia     settembre        novembre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email