.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


31 luglio 2018

Ricetta precaria n. 42. La coppa dei rimpianti e dei cattivi pensieri

Ricetta precaria

42  La disfatta di El Alamein, quando il Regno D’Italia straperse la Seconda Guerra Mondiale

Coppa dei rimpianti e dei cattivi pensieri

Il rimorso per non esser capace di contenere golosità e colesterolo può venir superato nell’animo solo da ricordi fastidiosi. Così capita quando a una coppa alle fragole e panna con un velo di cacao amaro, rigorosamente al bar della scuola, avete arbitrariamente aggiunto del popone freddo tagliato a quadretti per dare un senso di fresco al tutto. Questa concessione al piacere ha qualcosa di simbolico: il rosso della fragola e l’arancio del popone rimandano al fuoco, il bianco al fumo e la spruzzata nerastra di cacao alla cenere. Ossia l’immagine tipicamente giovanile del rogo delle lettere per l’amore non corrisposto. Tanto quelle scritte quanto quelle mai scritte e lasciate imperfette sulla carta. Mi ricorda quest’associazione d’idee e di colori  i miei anni da liceale, l’ultimo in particolare. I miei rapporti con i miei compagni di classe erano così cattivi  e i miei sentimenti così guasti che mi chiesi quell’estate, al ritorno da un viaggio di cultura in Sicilia, se non era meglio iscriversi per la maturità altrove. Oggi che son passati venticinque anni posso parlarne con una certa libertà, essendo molto rancore depositato e i sentimenti feriti sanati dall’oblio del tempo che tutto fa svaporare.  In me prese il concetto che così l’avrei data vinta a tutte quelle persone che mi guardavano storto o con aperto disprezzo, avrei fatto un torto ai docenti che in fondo apprezzavo e infine mi sarei sottratto a una prova importante della mia vita mostrando viltà. Queste tre considerazioni mi spinsero a restare al mio posto. In me il forte rancore, l’aspra amarezza e il dispiacere si trasformarono in determinazione e disciplina nello studio e questo rigore lo portai negli anni successivi nel Dojo del maestro Ivo e negli studi universitari, e poi sul posto di lavoro. Arrivai, allora l’esame era diverso da quello d’oggi,  al punto di portare una materia in più ossia storia dell’arte. Strana faccenda questa qui, ma spiegabile sul piano psicologico. Si era manifestata in me una voglia di riscatto, il concetto di andare dritto senza guardare a destra o a sinistra, e di dare il massimo; se doveva esserci qualcosa in comune fra me e la classe bene che fossero i programmi e l’ammissione all’esame e la commissione di esterni meno uno. Il famoso membro interno d’altri tempi, l’unica garanzia per gli studenti esaminandi. Le prove andarono bene meno quella d’indirizzo, che fu disastrosa per una serie di motivi che taccio. Mi riscattai con un orale d’altri tempi e poiché la prima materia era storia mi chiesero della “disoccupazione nella storia” – giuro, andò così- chiesi di poter parlare in relazione al mondo antico e al concetto di panem et circenses per arrivare all’attualità. Nessuno s’aspettava una cosa del genere ma mi consentirono d’iniziare con il mondo antico. Superata la difficoltà iniziale l’orale andò benissimo e riscattò l’infelice prova scritta.  Devo esser onesto e ammettere che il superamento dell’esame e l’agognata maturità mi regalò molti rimpianti e non mi portò piacere se non la soddisfazione di aver dato il massimo; buon inizio comunque di un percorso di studi e di vita dove avrei dovuto sempre mostrare a livelli più alti anche quelle capacità mostrate allora. Per questo la coppa in questione la chiamo coppa dei rimpianti e dei cattivi pensieri.




30 settembre 2012

Diario Precario 27/09








Precario

Data. 27/09/2012

 

Note.

Sono al punto. Nuovo incarico, stessa scuola. Per fortuna ho ritrovato la stessa segreteria, i colleghi e la vicepreside dell’anno prima. Almeno posso già orientarmi.  Mi preoccupa la maturità di quest’anno, sarò molto probabilmente membro interno.

Comunque per ora inizio morbido: una supplenza, una lezione. Eppure la sensazione è che mi aspetta un periodo di lavoro difficile.

 

Considerazioni.

C’è la cattiva abitudine in Italia di sostituire troppo spesso il mondo reale e concreto con un mondo di fantasia, finto, sfacciatamente falso o ideologico. La condizione reale delle scuole superiori non coincide con la fantasia delle cose che devono essere in un certo modo, magari per finta o magari per forza. Così è per molte manifestazioni della vita in Italia. La fantasia e l’immaginazione tendono a sostituire le realtà scomode. Penso ad alcuni esempi:” La squadra del cuore perde di brutto allora l’arbitro è corrotto o l’allenatore un cretino. La realtà politica è spiacevole ecco che arrivano opposizioni politiche pronte a regalare alle plebi elettorali il sogno della rivolta, dell’insurrezione o dell’albero della cuccagna per tutti e senza fatica.  I figli sono vagabondi e arroganti e ignoranti, la colpa è dei docenti che non li valorizzano e delle cattive compagnie. La sfortuna colpisce la famiglia allora c’è il malocchio, qualche invidioso ha fatto fare la fattura malvagia al mago o a una qualche stregona di provincia”. Manca l’assunzione delle proprie responsabilità, del resto quasi impossibile in un sistema sociale e morale dove “ognuno è per se stesso, tutti sono contro Dio e Dio è contro tutti”. Solo un santo, un profeta, un visionario o chi ne possiede la potenza creativa e la chiaroveggenza può trovare le colpe proprie e altrui e non negarle nella finzione comune e nell’autoinganno. Poi si apre l’abisso del che cosa fare. Sembra di rivedere il mito della caverna di Platone con il filosofo illuminato che deve ritornare nelle tenebre cavernose per aiutare umani schiacciati da false verità e da visioni distorte e fallaci. L’opposizione a un sistema di cose sentito come malvagio e ingiusto credo sia simile a un sentimento di quelli forti, a suo modo è un fatto oggettivo, concreto, reale; talvolta perfino più del denaro o del conto in banca. Quanti sono disposti a cedere fino in fondo ai loro sentimenti, a farne una malattia, una mania, una persecuzione di se stessi operata con le proprie mani?

 

Ricordare.

Si vive una volta sola.

 Forse!

Questo è il limite d’importanza della propria esistenza e proprio questa dimensione oggettiva impone all’esistere qui e ora di trovare il senso del proprio stare al mondo. C’è qualcosa che è proprio del singolo nel decidere sul senso della propria vita e in modo ordinario, banale e stupido.  Cosa è per te la tua vita? Questa è la  domanda da farsi davanti alle difficoltà e al male di vivere. Poi arrivano le risposte. Magari sgradevoli, ma arrivano da sé anche se non volute o richieste.




30 maggio 2010

L’Italiano educato dagli stranieri invasori- terzo discorso






De Reditu Suo - Terzo Libro

L’Italiano educato dagli stranieri invasori- terzo discorso

A far due conti facili si vede subito il problema, un professore di storia e filosofia del Liceo è  sicuramente colui che alla vigilia della maturità impiegherà dalle quattro alle cinque ore per spiegare la Seconda Guerra Mondiale. Tolto l’appello, una o due interrogazioni, la lettura delle circolari avrà a disposizione più o meno il doppio del tempo di quello strano film di Tarantino su un gruppo di bizzarri killer di nazisti nella Francia Occupata. Considerando la quantità cospicua di videogiochi sulla Seconda Guerra Mondiale e considerando che per concludere uno di essi a un livello di difficoltà medio ci vuole circa quindici ore di sessione di gioco si può fare il facile conto che il videogioco ha una durata tripla o quadrupla rispetto alle ore di lezione del docente. Questo dato banale che credo sia opportuno considerare dimostra che il momento della lezione sulla Seconda Guerra Mondiale è per numero di ore inferiore rispetto alle migliaia di immagini di informazioni, perlopiù incontrollabili, che arrivano non da gruppi di nazisti o comunisti  fanatici ma dai videogiochi.  Lo stesso problema si ripete per Napoleone ora che è uscito videogames ben fatto sulle sue imprese. Quindi anche se la politica politicante è stimolata ad occuparsi della Seconda Guerra Mondiale il problema si spande su tutta la storia. Il lavoro del docente sposta la conoscenza su un piano diverso quello dei fatti storia e delle interpretazioni, tuttavia il suo lavoro si colloca dentro delle menti già suggestionate da centinaia quando non da migliaia di ore di fruizione di  prodotti d’intrattenimento di varia natura che hanno già orientato l’immagine di un certo periodo storico quasi sempre con un taglio spettacolare. Dove viene prodotto il grosso di questi videogiochi, di questi film, di questi documentari: fuori dal Belpaese! E’ evidente che alla politica interessa poco o nulla di come viene recepita dalle nuove generazioni la storia patria e il Novecento altrimenti si porrebbero il problema di non lasciare a privati stranieri il monopolio quasi totale delle immagini e delle suggestioni di carattere storico che penetrano nella testa dei bambini e degli adolescenti. La politica politicante s’accontenta di dar  ragione a seconda dei casi e delle occasioni a qualche minoranza che si rivolge culturalmente all’esperienza fascista o partigiana per motivi di consenso e per raschiare il fondo del barile quando ci son di mezzo le preferenze elettorali. Del resto mi è sembrato d’osservare che quando le nostrane elezioni si svolgono senza preferenze il peso dell’antifascismo o della cultura della destra-destra si sente meno, forse è cattiveria ma ritengo di veder giusto nel sospettare dei discorsi di chi si fa alfiere di cause ancestrali e poi ragiona di piani regolatori, collocazione di stadi di calcio, centri commerciali, lavori pubblici, destinazioni di fondi, e affini. La politica qui è di solito un mestiere.

 

IANA per FuturoIeri




8 maggio 2009

Civiltà italiana: una, nessuna,centomila

Il Belpaese: quarantanove passi nel delirio

Civiltà italiana: una, nessuna e centomila

Per una persona normale, incensurata, che non è scesa a particolari compromessi è difficile far una ragionamento lineare e ragionevole sulla comune identità italiana. Questo perché una civiltà italiana, chiara, distinta, con valori certi come tale non esiste. Si può fare l’arbitrio d’indicare la lingua comune come fondamento della comune identità ma essa non è quella parlata ogni giorno, la lingua comune di cui si parla è quella dei manuali scolastici, delle antologie, dei testi ufficiali, non certo quella ordinaria e banale della comunicazione di tutti i giorni. In verità tanta parte del linguaggio comune deriva dal freddo impasto fra modi di dire mutuati dalle lingue straniere e dalla pubblicità commerciale e la banalissima vita quotidiana nella quale si risparmia ogni fatica del linguaggio per arrivare ad argomentazioni efficaci e rapide. Il problema del Belpaese è che la civiltà che lo anima è, per così dire, invisibile. Si fa presto a suonare l’inno (ma nessuno si ricorda più che in tempi non sospetti ebbe luogo un dibattito politico  sull’opportunità di cambiarlo) ma una civiltà non è solo questo ma l’insieme di ragioni che spingono esseri umani molti diversi fra loro a fare gruppo, a star assieme, a riconoscersi in valori e in simboli, a darsi regole, riti, vita politica. Ebbene neanche il mito garibaldino sembra in grado di mettere assieme gli italiani, figurarsi gli altri. Il Belpaese ha avuto una storia recente dove il passato monarchico e fascista è strato abiurato e rinnegato per cause di forza maggiore e la Repubblica è stata storia di partiti e gruppi diversi ed eterogenei, divisi su tutto ciò che era comune identità e valori a cui guardare per pensare lo sviluppo dello “stivale”. L’unico ente che si occupa -quasi per caso- di ragionare in termini di "identità e nazione", al quale si guarda con fastidio da parte delle “classi dirigenti” perché concepita come costo e come problema perché limita affari lucrosi nel settore,  è la scuola italiana dalla materna al liceo. Oltre la scuola e ciò che essa riesce a legare c’è una cultura commerciale da grande magazzino, da rivista patinata di moda, da volantino del discount, da televendita che guarda con fastidio alla dimensione nazionale, alla storia e alla vita. Quindi non gli spettri di comunismi e fascismi morti, stramorti e sepolti ma il tritatutto della società dei consumi, aggravata qui nel Belpaese dalla difficoltà dei ceti sociali che vivono di politica di concepire l’esistenza di un “problema italiano”, di una comune identità che si proietti oltre il qui e ora degli slogan della politica e della banale e ordinaria cialtroneria culturale delle campagne elettorali. In quali simboli dovrebbero riconoscersi tutti gli appartenenti al Belpaese, in quelli più o meno politici magari legati al remoto passato?, in quelli banalmente commerciali come se il Belpaese fosse una somma di loghi per vendere merce magari soltanto assemblata e confezionata in Italia? In quelli religiosi  e cattolici con buona pace delle masse d’immigrati e di connazionali che cristiani non sono? In quelli logorati da decenni di vuota e roboante retorica patriottarda. Inoltre chi scrive non ha fiducia nella dimensione unificante della nazionale di calcio perché nei campionati e nelle sfide sportive fra nazioni non sempre si vince e un simbolo unitario non può essere una variabile calcistica, inoltre milioni d’italiani praticano o sono amatori degli sport minori e la centralità del calcio sembra fatta più per divedere gli italiani che non per unirli. Una dimensione di civiltà del Belpaese forse dovrà far a meno di fattori unificanti, probabilmente si dovrà sfidare la logica comune e il buonsenso e concepire per gli anni a venire una civiltà senza un suo centro, senza quei due o tre elementi unificanti forti che di solito aggregano le popolazioni delle altre nazioni. L’Italia che sarà può essere costruita solo proiettandola nel futuro e con la rinunzia preventiva a fare di domestiche glorie e remote reliquie di miti perduti le  basi di una civiltà che oggi non è. Sarà solo ciò che potrà essere se verrà costruita pezzo per pezzo.

IANA per FuturoIeri



sfoglia     giugno       
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email