.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


5 ottobre 2009

L'Ombra del Maestro

 

 

 

L’Ombra del maestro

Sono morto.

Ora sono l’ombra del maestro d’uomini e donne

che fui in vita.

Ho preso presso di me ragazze timide,

giovanotti goffi,

bambini con problemi.

Gli ho donato me stesso.

Gli ho insegnato a lottare.

Con le regole, nelle regole.

Ero maestro d’arti marziali, di Judo.

Con la mia disciplina e il mio sapere

Ne ho fatto dei combattenti puliti, ora sono uomini e donne.

Gli ho dato come esempio

la mia vita dove lavoro, onestà, sport erano una sola cosa.

Ero un maestro d’arti marziali, di Judo

La mia utopia mi è costata amarezze.

La mia coerenza mi ha messo contro i costumi dei tempi.

Sono stato più forte di ogni avversità, di ogni critica.

Ero un maestro d’arti marziali.

Maestro di Judo.

Ho speso bene la giornata della mia vita.

La mia opera è l’incontaminato possesso

di coloro che mi hanno amato

 in vita.

Ivo.

Circa nove mesi fa, dopo il funerale di Ivo, presi con me stesso l'impegno di onorare il suo insegnamento con una poesia. La fortuna mi ha voluto bene e vinsi il Premio Nazionale di Narrativa e Poesia Edita ed Inedita Racconta il tuo sport" indetto dall'ACSI. Oggi propongo ai miei venticinque lettori quanto ho scritto.




15 gennaio 2009

IN MEMORIA DI UN MAESTRO DI JUDO (9)

 

Elogio funebre del Maestro Ivo

Non ero preparato alla morte del maestro che è arrivata come un fulmine a ciel sereno.
Avendo seguito delle tracce e non un canovaccio riporto il discorso che ho pronunciato il giorno del funerale del maestro Ivo Fischi così come lo ricordo e come ho potuto ricostruirlo.

Nessuno di noi può arrivare preparato a questo momento, non è possibile, quindi sarò breve.

La situazione non consente del resto discorsi lunghi e non è né l’occasione, né il luogo per farli.

Ivo, a suo modo, resterà l’incontaminato possesso di coloro che l’hanno amato in vita. Ciò che ha generosamente donato a tutti noi: il suo tempo, le sue parole, il suo impegno, se stesso, nella vita, nel lavoro e nello sport gli viene oggi restituito. Il suo elogio funebre siamo noi. Coloro che sono qui oggi testimoniano ciò che è stato il maestro con la loro semplice presenza. Guardiamoci: l’essere presenti qui in così grande numero è l’omaggio liberamente donato alla sua persona e alla sua opera. Quel che ho capito in vent’anni di lui è stata la sua unità di vita, di lavoro e insegnamento. Il fatto che abbia voluto nella cassa il suo judogi e la sua cintura ne è la prova. Quest’unità è oggi utopia. Il suo metodo e il suo insegnamento era certo quello d’insegnare a lottare: ma con le regole e nelle regole, mai contro di esse. Da questi suoi principi derivava la sua amarezza nel contastare i costumi dei tempi. Il suo insegnamento,che sapeva essere giusto, è stato alle volte da lui difeso con durezza dalle critiche. Questo suo essere maestro gli ha imposto talvolta scelte difficili per sé e per gli altri. Le sue scelte e le sue decisioni le ha prese per onorare il suo ruolo, per difendere i principi, per dare l’esempio.

Un maestro per sempre

Il maestro Ivo




13 gennaio 2009

IN MEMORIA DI UN MAESTRO DI JUDO (8)

 Il maestro di Judo Ivo Fischi è morto il 2 gennaio 2009.
Presento in questo blog le parti del dialogo fra me e lui, fra maestro e allievo.

Sezione 8

D-. A questo punto del dialogo vorrei sapere se essere maestro è diverso quando si ha a che fare con i bambini. Immagino che allenare e aver a che fare con i bambini sia più difficile.

R-. Sì è difficile.

Ci vuole carisma. Il bambino deve vedere il forte, la forza a cui appoggiarsi. Alcuni genitori sbagliano. Il dialogo è una cosa, ma bisogna fargli capire che ha bisogno dell’adulto finchè non sarà grande. E gli va fatto capire, anche che sei il più forte. E’ la legge della vita.

Io alle volte parlo così ai ragazzini: Tu ce li hai i soldi, li guadagni? Fin quando non sarai in grado di far da solo hai bisogno degli altri, e dopo se gli altri ti sono ostili non vivi.

D-. Questo è un problema grosso.

R-. Però quando i ragazzi parlano, io so anche alzare la voce. Per questo mi hanno detto tutti: Ivo è un fenomeno; come si dice è carisma. Le cose le devi saper fare, le devi saper far bene, devono ammirarti.

D-. Questa è la parte più difficile dell’insegnamento perché viene in essere da una somma di circostanze e di abilità.

R-. Bravo!. Il carisma viene da una somma di circostanze e di abilità, e soprattutto fiducia in te stesso. Saper ascoltare, aspettare, far parlare gli altri e quando parli devi parlar chiaro. Non è facile far così alle volte.

D-. Certo il carisma è un fattore molto importante, che viene in essere aldilà dell’insegnamento.

R-. Il carisma è essenziale. Il judo va preso con i suoi pregi e i suoi limiti. Per prima cosa occorre considerare la formazione del fisico e a quella del carattere. Nella vita alle volte bisogna far paura ai prepotenti, quella gente che pensa di esser forte non pensa d’esser molto meno forte di quanto creda. Pensa quando dicevo queste cosa passavo da fascista e da violento. La potenza ha un limite mi credi? Pensa a Beppe Grillo, io sono un osservatore delle cose che fa, quando afferma che la gran parte della popolazione indignata dalle malefatte del sistema non deve temere coloro che sono usi a far prepotenze e scorrettezze d’ogni sorta dice il vero. Giustamente egli fa capire che questi che si comportano così sono molto meno forti di quanto credono o vogliono far credere. Di solito la fanno franca per la paura che incutono alla gran parte delle loro vittime, se vengono messi alla prova si scopre che sono vulnerabili e deboli. Torniamo però al concetto del judo: il forte subisce da quello preparato perché il debole si rivela forte come lui.

D-. Non capisco dove vuoi arrivare con questo discorso.

R-. Mi spiego meglio, se uno vuol farsi vedere con la Mercedes fuori dal bar per incutere soggezione e darsi delle arie e entra uno e gli dicono:”quello è un campione olimpionico di judo”, l’effetto mercedes sparisce, perché in quel momento conta più il campione della mercedes, e incute più rispetto. Mi è successo più volte qualcosa di simile. Un esempio: ero a Casale Monferrato quando facevo il militare, c’erano 7.500 soldati che facevano l’addestramento, imparavano a difendere. C’erano 1.500 fra ufficiali e sottoufficiali in tuta a far ginnastica, mi guardavano sapevano che ero uno che facevo judo, non erano più niente rispetto a me. Le stellette, l’accademia, non erano più niente; mi facevano “sei una cintura nera di judo”, allora poi erano in pochi a fare arti marziali. Quando c’era il controllo per la libera uscita mi facevano “vai, passa pure”, ed allora uscivi dalla caserma ed eri un civile. Mi è capitato pure alla palestra Libertas di dover mettere paura a un prepotente che aveva influenza e un certo potere, dopodiché si è dato una regolata e io son diventato qualcuno in quella palestra.

D-. In effetti alle volte i prepotenti e i prevaricatori non sono poi più di tanti preparati, spesso non s’aspettano una reazione.

R-. Fossi in te farei una riflessione su questo: quando si tratta di judo, perché io giro intorno al judo, si vuole troppo e sbagliato.

D-. In che senso parli di troppo in relazione al judo?

R-. Troppo perché prende delle persone che sono inabili quasi, le costruisce fisicamente, ne fa dei condottieri quasi, nel senso pulito del termine, non con la voglia del combattere.

D-. Questo concetto di pulito mi sembra importante.

R-. Non c’è il cercare la rissa però ti dà, ti dice questo sport ti dà la possibilità di reagire se un giorno ce ne fosse bisogno e ti dà la calma per questo. Certamente ti richiede un sacrificio, anche mentale dovuto alla preparazione. Questo però la gente comune non lo capisce, anzi c’è chi arriva in palestra e fa: “quanto ci vuole per andar fuori e difendersi?”. Quelli non hanno capito niente!

Si può benissimo imparare a difendersi col judo, ma ci vuole, un anno, cinque, dieci, tanta passione e impegno; saperlo fare.

D-. Quindi anche la volontà di difendersi.

R-. Soprattutto, la volontà di prepararsi e il concetto del judo l’insegna la palestra e gli amici. Una volta non ti senti niente poi ti accorgi che insieme agli amici sei bravo come gli altri, questo non ti dà forse forza.

D-. Si certo.

R-. Ecco di questo si tratta.




13 gennaio 2009

IN MEMORIA DI UN MAESTRO DI JUDO (7)

 Il maestro di Judo Ivo Fischi è morto il 2 gennaio 2009.
Presento in questo blog le parti del dialogo fra me e lui, fra maestro e allievo

Sezione 7

D-. Vorrei conoscere il tuo punto di vista sull’essere maestro.

R-. Insegni le cose, in quanto, maestro, che possono migliorare; ma devi fare anche la guerra al pregiudizio. C’è sempre chi ti ascolta e non ci crede.

D-. Una guerra psicologica

R-. Una guerra e non sai come combatterla, alle volte anche le dimostrazioni non convincono. Ti fo un esempio, l’altra volta ho parlato con i ragazzi qui in palestra sulla musica. Ho detto:” voi fate chitarra e nessuno di voi ha sentito un chitarrista decente, non avete interessi, lo fate per moda”.

D-. Alle volte uno vede un film, s’emoziona, e poi si dice che quella cosa, magari suonare la chitarra:”la voglio fare anch’io”

R-. Il fatto è questo, se io voglio imparare la chitarra ascolterò chi è stato grande, non per imitarlo, ma per darmi uno stimolo, e anche per imitarlo in certi momenti. L’essere maestro è questo: hai una storia con dei fatti compiuti, che non vanno ripetuti e la gente alle volte mi mette in condizione di ripeterli.

D-. E’ fastidioso

R-. Fastidioso!. E’ sconfortante perché alle volte ti mettono in condizione di pensare:”sai che, io penso a me stesso facciano come gli pare”. Ti faccio un esempio: tutti quelli che smettono a venti, trent’anni, sono ancora molto giovani ma non hanno più un diversivo che ti integra, ti fa ricordare anche essere bambino il mantenerti a lungo in certe amicizie, se smetti tronchi. Mi spiego ho avuto un’allieva fin da bambina, l’ho tenuta per vent’anni, poi ha dato un taglio e non è andata più a trovar nessuno. Guarda che dire addio nella vita alle persone è triste. Questo ragazzo che qui vedi fa judo fin da bambino è felice, io lo vedevo allora e lo vedo ora. Ci vivo bene, qui in palestra. Ma questo un maestro come fa a trasmetterlo a gente che pensa “ma io ho daffare, vai via”. Questa cosa qui non ha nemmeno logica delle cose, l’essenziale è: si vive, si ha a che fare con gente con la quale abbiamo vissuto bene, perché tagliare i rapporti senza motivo. Poi c’è dei tornaconti che sono stupidi. Te ne dico una: uno che veniva ha smesso, si è laureato, è ingrassato, la sua ragazza non lo voleva far spogliare al mare perchè era grasso, c’è già una certa distanza in questo atteggiamento, e da laureato è stato piantato. Lui dopo tanti anni grasso come è in palestra da chi va? Anche se era grasso qui aveva degli amici, che ha perso, che l’accettavano anche se era grasso. Ma la vita va presa anche così. Vedi da maestro si hanno dei problemi che gli altri non capiscono alle volte. Perché io ho passato delle cose ho fatto delle scelte sbagliate e non voglio che ci passino gli altri, sulle cose che ho avuto il pro avverto guardate che a far questo c’è il tornaconto. Il peggio è quando trovi della gente che ti dice “vai via, vai via”; allora non l’accetti, oppure li mandi a “fanculo” e diventi volgare e arrogante anche te.

D-. Si, poi è fastidioso, perché viene meno il ruolo del maestro.

R-. Se si deve fare una descrizione del rapporto fra insegnanti e allievi io devo dire questo: “qualsiasi sacrificio tu fai c’è il tornaconto”. Ti dico questo io son andato a Palazzo Vecchio, sede del Comune di Firenze, per una cerimonia, ho rivisto gente che mi era amica nel 1960, quarantotto anni fa, ho rivisto gente abbracciarmi e piangere, ma perché quarantotto anni distanti.

D-. Hai ragione

R-. Cercate di ragionare su questo

D-. Quarantotto anni son tanti, almeno due generazioni piene.

R-. Anche se fossero una o dodici non cambia il discorso, noi avevamo la possibilità di vivere insieme la sera. Quando io vedo voi qui a far palestra io son contento, integra bene la giornata. Se uno smette, ingrassa, si sposa, litiga con la moglie e poi si separa dopo in anno, ma che avrà mai ottenuto dalla vita.

D-. Uomini veri ce ne son pochi, ho conosciuto gente che per una donna ha mollato tutte le amicizie.

R-. Io li posso capire perché la donna “imbriaca”, ma poi c’è il momento della riflessione. Io la più grossa cotta che ho preso l’ho preso a vent’anni. Guardate ragazzi non mi vergogno a dirlo, stavo per sposarmi. Lei mi piantò perché andavano a prenderla gente con la macchina lunga. Adesso sto da 35 anni con una compagna che per me è la migliore del mondo. Quello che volevo dire è che quando si sbaglia ci si brucia. Queste cose vanno dette.

D-. Il maestro è un ufficio, per così dire, difficile, qualche volta con contrasti. Quando affronti dei problemi e dei momenti di difficoltà nei rapporti sociali che riguardano la palestra, la concretezza che emerge in quei casi è una dote naturale?

R-. Si, però è nata dalla povertà.

D-. Spiegati meglio. Mi sembra che si sia vicini a un punto importante.

R-. Io subivo le umiliazioni da piccino, ero povero, era da poco finita la guerra, avevo le scarpe un po’ ricucite, e a causa delle scarpe così non potevo uscire con i più grandi. Una volta fui invitato a mangiare da uno. Divise un pollo fra tutti, rimase un pezzetto d’osso me lo mise sul piatto. Mi disse : “divertiti”. Io presi m’alzai e andai via, e pensa era due anni che non mangiavo il pollo. Pensa dopo nove anni a 16 anni trovai questo mio zio in un bar, voleva uscire dal locale. Lo fermai e gli dissi: “No, passo prima io perchè sono più giovane e perchè ho del veleno in corpo perché tu mi hai detto divertiti con quel pezzo d’osso. Ora ti rispondo che con l’osso non mi divertivi e non mi sono divertito, ma con te mi diverto ora”. Gli tirai una botta. Mi fece : “ma come fai a ricordartene”, - “me ne ricordo” gli risposi e gli tirai un secondo colpo. Un signore che era lì mi fece:” lascia perdere è malato”, - “A Sì, allora ti curo io” e “Bam” l’ho colpito ancora. Morì dopo un anno.

D-. Non per i tuoi colpi voglio sperare.

R-. No, era malato, andò via e io gli dissi: “adesso và a casa e pensa a tutto il male che hai fatto nella vita” Io ho una reazione dovuta a tutto quello che ho provato quando era molto povero. Tu non hai mai provato una cosa così. Pensa mia madre è stata per me anche un padre, una volta l’accompagnai nella borsa della spesa aveva gli stivali di mio padre che era morto in guerra. Mi disse: “Si va a cercare un rigattiere che li piglia così si fa la spesa”. Vedevo la mia mamma forte e io avevo il magone. Ecco perché quando lavoravo portavo lo stipendio a casa, e a lei brillavano gli occhi perché poteva comprare della roba. La reazione del reagire e del picchiare l’ho avuta da lì perché ho sempre detto:”questa me la pagherete!”.

D-. Quindi per te è stato più facile?

R-. Facile?

D-. Intendevo dire: con maggior disinvoltura.

R-. Perché io alle volte qui ho detto che la fame, il dolore, la povertà, alle volte fa bene, fa migliorare le persone

D-. Sottopone però a delle prove molto dure, alcuni le potrebbero trovare insopportabili.

R-. Intanto ti accorgi che la felicità sta nell’intervallo fra due dolori. La vita è dolori di continuo. Fra un dolore e l’altro ci sono attimi di felicità, di tranquillità. Impari ad avere la giusta misura nelle cose e a vedere se la gente è genuina o meno. La gente rovina tutto anche le cose normali e pacifiche.

Attenzione. Nella mia formazione c’è anche la Toscana. Il discorso che dicevo io è che sono un po’ alla Carducci, ossia riconosco i grandi difetti dei toscani, ma riconosco e difendo la mia origine a partire da questa terra perché mi ha fatto così e son contento. Sai che vuol dire che mi ha fatto così? Vuol dire vedere un muro, un cipresso vicino a una casa che non sui vede in un’altra regione, il parlare sguaiato o la battuta mi hanno formato, mi hanno portato ad essere grande, mi ha dato un concetto di parlare e capire, e devo dirgli grazie.

D-. E’ un’identità quella di cui parli.

R-. Sai qualcuno potrebbe preferire di vivere in Piemonte, affari suoi, ma non è la stesa cosa. Io preferisco la dignità del Toscano che quando uno sta per morire e gli chiedono:”come sta”, risponde:”sta poco bene”. Mentre in altre regioni è sempre una roba da piagnoni. Si è piagnoni perché non si ha orgoglio. Quando morì mia madre fra le mie braccia feci tutto io, andai all’OFISA, andai dal medico legale, in un’ora comprai la cassa, il posto al cimitero, non le avevo mai fatte queste cose. Dopodichè cercai di tener su la gente di casa. Verso le tre di notte mi alzai, mi chiusi in bagno e mi misi a piangere. Pareva piovesse, ne avevo bisogno, però l’ho fatto da me con me stesso. Questo perché non siam piagnoni ma orgogliosi.

D-. In questa regione d’Italia siam fatti così




10 gennaio 2009

IN MEMORIA DI UN MAESTRO DI JUDO (6)

Il maestro di Judo Ivo Fischi è morto il 2 gennaio 2009.
Presento in questo blog le parti del dialogo fra me e lui, fra maestro e allievo

Sezione 6

R-. Io ho l’abitudine di parlare come un treno, tutti quei punti interrogativi che giustamente trovi fai un appunto e ne parliamo insieme. Ora dobbiamo lasciare la segreteria.

D-. Rimarrebbero due o tre domande ad una sulla cultura sportiva hai già dato una risposta; un’altra riguarda un commento di Barioli dal suo recentissimo libro… (Il testo in questione è: Jigoro Kano, Fondamenti del Judo, Luni Editrice,2003, Milano. Il riferimento specifico è alla prefazione di Cesare Barioli e segnatamente alla pagina 9)

R-. Ho letto qualcosa, ma non lo conosco molo bene

D-. Nella prefazione, quando Barioli descrive il judo di Gigoro Kano, ne parla come di una “scomoda utopia”.

R-. Sì, ma certo. Perché Gigoro Kano aveva presentato un judo. Il judo Kodokan che poi è stato inflazionato da Budokai e da altri. Però la competizione e quel vincere lo ha rovinato. Barioli ha vinto delle gare, ma quando le ha vinte davvero bene, quando le ha perse ha fatto il saluto ed è andato via. Non l’ho mai visto tirare un calcio. Ecco il concetto perché lui ama e trova utopico Gigoro Kano. E’ così, perché il judo di Gigoro Kano è difficilissimo.

D-. E’ vero.

R-. E’ difficilissimo, io ho avuto un maestro Kirukawa, Koeke aveva vinto e guadagnava, lui era un accademico e mi diceva: non a terra è brutto. Cadere a terra per lui era brutto.

D-. Potresti chiarire questo concetto del maestro Koeke:”cadere a terra è brutto”

R-. Cadere a terra in quel caso è il senso di sopraffazione dell’altro. C’è un fatto, non si capisce di solito, Gigoro Kano questo lo diceva, cadere a terra e rialzarsi è la dimostrazione che non mi hai fatto niente. Se tu metti a terra uno che non ha fatto Judo quello si lamenta, tu invece ti alzi. Quello che non conosce il judo sicuramente si è fatto qualcosa. Attenzione considera che l’essenziale nel judo è che un corpo con la tecnica possa fare il triplo di quello che fa di solito. Che poi l’atleta vincesse o perdesse non aveva importanza, l’importante è che potesse fare il triplo, è questo l’essenziale. Si è visto dei ragazzotti vincere o alle volte perdere con avversari più esperti e forti. Perdevano perché non avevano innescato nel combattimento le loro capacità, la bravura tecnica necessaria. Questa capacità d’innescare la tecnica la si fa propria quando si diventa esperti nel judo. Questa è abilità, tecnica...è fantasia.




7 gennaio 2009

IN MEMORIA DI UN MAESTRO DI JUDO (5)

Il maestro di Judo Ivo Fischi è morto il 2 gennaio 2009.
Presento in questo blog le parti del dialogo fra me e lui, fra maestro e allievo.

Sezione 5

D-. Vorrei avere la tua opinione su come viene percepito comunemente questo sport.

R-. Guarda, in Italia la gran parte della gente va dietro ai giocatori di calcio, specie quelli che fanno le presenze in televisione. Alcuni di loro non valgono un dito di una Morico o di un Maddaloni.

D-. Mi nomini Maddaloni una cintura nera di judo medaglia d’oro alle olimpiadi. Alludi a una differenza di trattamento.

R-. Non solo di trattamento c’è anche una differenza di considerazione. Presentano in televisione il calciatore perché ha giocato in una squadra e dato sette calci, e la sera è stato visto, o si è voluto far vedere, al pub o in qualche locale di moda con una ragazzetta, cose da cronaca rosa…

D-. Intendi riferirti a quelle attività di pubbliche relazioni che sono parte oggi dell’esser calciatore, almeno di quella caregoria.

R-. In una trasmissione televisiva ho visto Buger, è uno dei migliori d’Europa, è uno dei migliori quarto del mondo, perché fa la guardia carceraria non gli veniva data importanza. Eppure stava e sta facendo uno sport più difficile del calcio.

D-. Ed è un judoka

R-.Sì, ma fa parte della polizia penitenziaria. Come si può imparare a considerare il vero valore delle cose, he! Come si fa.

D-. Se lo strumento televisivo è dominante è chiaro che la comunicazione viene falsata.

R-. Se un giorno per una Rivoluzione Culturale il calciatore viene considerato calciatore e il chirurgo cardiovascolare inizia a volere per una visita l’ingaggio di un giocatore di calcio di una squadra importante, tu cosa gli racconti se ti chiede milioni.

D-. Ti metti a piangere perché così come sono le cose non ha tutti i torti.

R-. Qualcuno potrebbe dirgli ma il suo è un lavoro umanitario e di vocazione. Per vocazione si gioca anche al calcio e quanto all’umanitario lasciamo perdere. Uno potrebbe esser diventato un medico esperto perché riusciva bene nel mestiere e salvava la vita altrui. E’ umanitario anche giocare al calcio e far contenti i tifosi. Capito! Tutto è umanitario. Un calciatore potrebbe dire ho imparato a far divertire il mio pubblico, il mio è un mestiere umanitario. Che gli dici a quel punto?

D-. Nulla, perché ti ha bruciato le parole in gola.

R-. E anche qualcosa in più, è questo che bisogna far capire.

Questo mi fa pensare a quando anni fa dovevo andare con un professore a giro per tenere delle conferenze. Pensa la moglie non volle perchè era gelosa.

Ti rendi conto!

D-. Il tempo è fuggito, io avrei ancora da chiederti se c’è differenza fra allenare uomini o donne, ragazze e ragazzi.

R-. Sì, c’è differenza.

D-. Ho sentito dire molte cose diverse a questo proposito proprio in relazione a questo sport.

R-. La cosa fondamentale è questa, formalmente non lo ammette, ma la donna vede l’uomo superiore a lei.

D-. Ha!

R-. E’ così, lo vede. Non si rende conto la donna che lei ha una costanza e un’osservazione che è superiore all’uomo. E’ la normalità della strada, della vita che rende l’uomo aggressivo e forte. Cosa succede quando la donna trova uno sport che gli piace e un maestro, allora crede ciecamente nel maestro. Capito!

D-. E’ una reazione?

R-. E’ credere ciecamente in una cosa. Vuol dire anche adulare. Ti faccio un esempio Gershwin disse: col jazz che conosco io posso fare della musica sinfonica, e l’ha fatto. Bisogna credere nelle cose.

L’uomo è difficile che creda nell’altro uomo, perché ha sempre la presunzione di non stare un gradino sotto. La donna è abituata per costume a star un gradino sotto. Lo vedi anche negli esami di guida se ci sono venti uomini e venti donne la donna ha paura di guidare peggio, e magari guida meglio.

D-. Ma è soltanto in Italia?

R-. Questo è in Italia, in particolare

D-.E’ un problema nostro?

R-. E’ nostro, se vai nei paesi nordici è al rovescio. E’ l’effetto del maschilismo che qui le donne hanno subito da almeno duemila anni; è dagli anni cinquanta in poi che il maschilismo declina. Noi abbiamo avuto un maschilismo legato al patriarcato e alle famiglie. A differenza di certi settori dell’Islam dove la donna conta in casa, nel cattolicesimo e nel protestantesimo l’uomo è sempre stato patriarca. Pensa alla moglie di Curie, la chiamavano la Madame Curie, la prendevano in giro, eppure portò avanti gli studi sulle radiazioni del marito.




4 gennaio 2009

IN MEMORIA DI UN MAESTRO DI JUDO (4)

 Il maestro di Judo Ivo Fischi è morto il 2 gennaio 2009.
Presento in questo blog le parti del dialogo fra me e lui, fra maestro e allievo.

Sezione 4

D-. Cosa aggiunge o cosa ha aggiunto nel passato, secondo te, il Judo nella cultura sportiva degli italiani?

R-. La cultura?

D-. Sì, alla cultura sportiva

R-. Non c’è cultura sportiva, mi dispiace sono italiano, ma non c’è cultura sportiva.

D-. Neanche…

R-. Uno che ha avuto una cultura sportiva ha fatto successo con una canzone; Conte con Bartali: descriveva pari pari quello che era lo sport popolare. E’ piaciuta perfino ai francesi: ti rendi conto!

Da quanto era bella. Ma aveva una cultura. La cultura si nota dalle piccole cose. Pensa alla canzone “Genova per Noi”. La differenza fra Asti e un posto di mare provala! Te lo dice in faccia. Pensa adesso alla canzone “Azzurro” che è un ritorno della memoria alla solitudine e al ripensare all’oratorio. La cultura ci si fa con l’osservare le cose e ripensarle. Nello sport è uguale. Io la cultura me la faccio fra voi. Fra me e te c’è un ottimo rapporto. Guarda Ho avuto il caso di un mio studente di arti marziali. Pensa vent’anni con me, fin da bambino, non lo volevano neanche in casa. Perché un giorno gli ho detto:”no, la ginnastica non la devi fare così, la devono fare tutti”. E’ andato via. Ha rotto un’amicizia che durava vent’anni. La chiami cultura quella. Non ha sensibilità. Se io dovessi rompere un’amicizia con te prima chiederei spiegazioni.

D-. Vorrei conoscere qualcosa di più sul tuo rapporto con la musica, dal momento che sembra avere un ruolo tutto suo nel tuo essere maestro di arti marziali.

R-. La musica alle volte supera e implica le parole. A volte tu puoi descrivere una situazione con la musica. La musica è l’arte del suono, e i suoni danno alle volte la sensazione di una tragedia o di un fatto felice, che le parole non raggiungono nella sua complessità.

D-. La musica per te si proietta oltre il linguaggio.

R-. Sì! Ti faccio un esempio perché si può parlare di queste cose per esempi: Beethoven è stato l’autore dell’”Eroica” e della “Pastorale”, però la “Pastorale” ha in sé quello che sentiva lui, c’era il carattere della persona.

D-. Che può essere descritto con la musica adatta

R-. Se tu senti Sibelius, e la parola ti dice che era un compositore del Nord-Europa. La mattina lui alle cinque, all’alba, andava su una roccia, si sedeva con la pelliccia e poi scriveva. Lui ha scritto un’opera molto bella un Valzer triste dove la morte entra e fa una danza macabra attorno a un morente. La descrizione triste di quest’opera non è stata trovata perché era nel carattere del compositore. Se tu senti Mozart, senti il genio viziato. A sedici anni aveva la moglie e lo sfruttavano. Il patimento e la sofferenza nella sua musica si trovano solo alla fine della sua vita nel famoso requiem, quello reso famoso dal film. Lui poi era un massone.

D-. Molti erano tali nel Settecento, era anche un modo per respingere le rigidità di una società strutturata per ordini sociali.

R-. Ti faccio un altro esempio per farti capire cosa voglio dire. Io mi ricordo quando Dubcek fu lasciato libero dopo i fatti di Praga, era vecchio e l’avevano rovinato, era morente. Pensa quando si affaccia alla finestra si sente la musica di Smetana, la famosa Moldava, il brano “La mia Patria”. Quando si affacciò alla finestra si vide nel volto il dispiacere del passato per quello che aveva provato e l’orgoglio rappresentato da questa musica. Ecco perché ho detto che la musica supera le parole e anche l’orgoglio stesso.

D-. Questo rapporto con la musica può essere utile per elevare il carattere delle persone.

R-. Certo.

D-. Allora si ritorna la discorso iniziale di una cattiva cultura che c’è in Italia nello Sport che porta avanti interessi materiali.

R-. Esatto, è uguale

D-. Mentre al contrario c’è nello sport un problema di formazione complessiva dell’essere umano.

R-. Quando tu senti la musica americana, il Reggae-time è nato nell’Ottocento quando i musicisti negri facevano il piano-bar e non avevano una melodia sofisticata, ma un suono cadenzato, bellissimo, che esprimeva la loro vita; era la loro vita nei campi di cotone. Quando suonavano al piano-bar davano vita a quegli americani che erano appiattiti.

D-. Capisco.

R-. C’è una storia dietro tutto questo. La musica andrebbe insegnata nelle scuole non solo facendola solfeggiare ma facendola ascoltare e apprezzare, anche usando le opere di Walt Disney. Pensa a “Fantasia” quando viene rappresentata la toccata e fuga di Bach in re minore. Dal momento che quello studio musicale non voleva rappresentare niente ma il cambiare il ritmo per fare la melodia. Allora il cartoon fa vedere le note che saltano sugli spartiti. Non è necessario altro. Una notte su Montecalvo, sappiamo tutti di cosa parlo…

D-. Certo, è il monte legato alla leggenda del sabba delle streghe. Leggenda che è stata trasportata in musica da un famoso musicista russo e sullo schermo da Walt Disney.

R-. A un certo momento si vede i cadaveri che passano chi da un cappio, chi dalla ghigliottina, chi dalla mannaia, tutti condannati a morte che ritornano tutti quanti a ballare sulle mani di una montagna bellissima che si apre. E’ Lucifero. Quando c’è il sacro e il profano ecco in scena il contrasto col profano con un suono di campana. Lucifero guarda arrabbiato, richiama e richiude dentro il suo corpo le anime dei dannati e lontano si sente la gente povera e ignorante che canta l’Ave Maria di Schubert. Questo quando tu lo spieghi ai ragazzi, quando lo si fa scrivere in Italiano, li migliori, sono migliori; hanno la possibilità di aprirsi.

D-. Parli di questo come di un’elevazione culturale attraverso la musica.

R-. Mia madre diceva: la musica va ascoltata per capire chi la scrive. Per esempio Gerschwin io a 14-15 anni lo ascoltavo molto spesso ilo “concerto in fa” è bellissimo come “Un’Americano a Parigi”. Io ho capito dopo perchè il maestro italiano Toscanini l’ha diretto. Perché ha delle composizioni e delle strutture per le quali è classico.

D-. Quindi un linguaggio che sa attraversare lo spazio e il tempo.

R-. Se a un ragazzo fai sentire la “Saga della Primavera” di Stravinsky e poi gli dici che nasce il mondo così e parte dal dinosauro fino ad oggi. E’ un’esplosione di un cosmo che nasce fino ai fiori, l’amore, la gente, la civiltà e poi un’altra esplosione l’annienta. Ma con la musica lo senti. La musica è l’arte del suono, ma è anche l’arte di vivere. Quando tu parli di una persona gradita è musica, quando tu parli d’amore con una ragazza o con gli amici d’amicizia è musica. Se tu non senti questa musica sei insensibile. Questo lo diceva anche la Fallaci. La Fallaci mi diceva: guarda Ivo io dormivo nelle trincee i Viet-nam e gli americani con la chitarra alle volte suonavano brani country che derivavano dalla sinfonia “Il nuovo Mondo” di…

D-. Dvorack

R-. Si lui, la suonavano perché era bella ed esprimeva il loro animo. Faccio un salto logico: è così anche per i cori di montagna, dove senti la gente che canta col cuore. Del resto si può fare un capolavoro anche con una tarantella come ha fatto Rossini, pensa usando la mandola uno strumento medioevale, antichissimo. La musica è l’arte di vivere, come la poesia; il saper dire il saper parlare.

D-. Saper vivere in che senso?

R-. Di poter gustare.

D-. Si, cosa?

R-. L’ambiente e la situazione

D-. Affinamento quindi…

R-. Pensa all’Aida a come vengono rappresentate le situazioni, nel trionfo c’è prima c’è una musica e poi una diversa solenne.

D-. Quella del trionfo, del principe che torna.

R-. E’ il trionfo. C’è anche la parte nostalgica col padre di Aida con “rivedrai le foreste imbalsamate”.

D-. Quella è la parte che mi piace di meno mi chiedo cosa sia passato nella testa del librettista al soldo di Verdi.

R-. Di questo dovremo riparlare un giorno

D-. Forse occorre ritrovare la propria cultura se si è persa

R-. Bisogna cambiarci se no non viviamo, se noi non ci facciamo una cultura, vincerà il più forte. Vincerà l’N’drangheta, la camorra, il capo-settore in una contrada, quello più forte dentro il bar, hai capito. Io ero a fare una coda per una raccomandata. Arriva uno dal fondo e dice: me la fai per favore ho furia. C’erano venuti pensionati a prendere la pensione e io: Guardi quel biglietto lo mette da parte e lo fa quando siamo arrivati tutti in fondo.

Quello:”Come sarebbe a dire?”

Lo presi per il collo e lo buttai fuori.

Dissi: “questi sistemi neanche col tuo babbo devi farli. Perché son convinto che al tuo babbo tu gli devi rispetto. Non lo fare più sai, sennò t’ammazzo di botte”.

Fece una faccia.

Bisognava arrivare a questo.

Ma che sei propenso a fare questo per tutta la vita?

No.

Bisogna mettercelo in testa Iacopo.

D-. Alle volte è difficile essere coerenti con se stessi

R-. Ma tu sei costretto. I napoletani dicono: Storto a Valle, Dritto a bene. Capisci si sta al caso, poi col caso si fanno delle cose che vengono fasulle. He! Io ti volevo far un suggerimento. Vorrei un altro dialogo fra me e te. Tu ascolti e scrivi degli appunti e poi si rifanno.

D-. Si, D’accordo




4 gennaio 2009

IN MEMORIA DI UN MAESTRO DI JUDO (3)

 Il maestro di Judo Ivo Fischi è morto il 2 gennaio 2009.
Presento in questo blog le parti del dialogo fra me e lui, fra maestro e allievo.

Sezione 3

D-. Si è vero, adesso vorrei passare ad un altro argomento.

Qualche anno fa in occasione del passaggio del tedoforo con la fiamma olimpica a Firenze Il Maggio Fiorentino Formazione ha festeggiato l’evento con un concerto dal titolo “Canti di Olimpia note e versi”. In quella occasione il regista della serata Gabriele Duma ha riportato in scena gli Epinici, ossia quei componimenti poetici che nell’Antica Grecia celebravano l’atleta e in un certo senso consacravano la sua vittoria e la tramandavano ai posteri e alla storia.

Vorrei conoscere la tua opinione sul contemporaneo rapporto fra sport e arte e di conseguenza fra sport e storia: se esso a tuo avvio è un residuato del passato e può presentarsi solo citandolo o mistificandolo o se è al contrario un rapporto ben vivo, o se ancora nel passato vi sono stati momenti di congiunzione fra sport e arte che hai avuto occasione di constatare.

R.-Il teatro greco aveva una recitazione di sfondo che aveva una sacralità

D-. Sì, alla luce proprio di questo passato nobile vorrei chiederti sul rapporto fra sport e arte e fra sport e storia.

R-. Ci deve essere. Questo tu l’innesti se la gente ha una cultura. Per esempio, un maratoneta a Londra ebbe una coppa dalla Regina, negli ultimi tre metri era stato squalificato. Era italiano. Pensa a un doppio senso, per la regola ha perso la medaglia, però la regina gliela dette extra. Fu nel primo novecento. Queste cose noi non abbiamo l’abitudine d’abbinarle alla dolcezza del ricordo. Io ti racconto una cosa che dovrebbe essere tutto. Comprai una macchina scassata. Ero a Livorno, al mare. Ero solo. Non sapevo dove andare. A Livorno. Da Bolgheri vado verso San Guido. Io stavo passando fra questi cipressi, soffermai quasi, io sentivo qualche dicitore, qualcosa d’immaginario che mi diceva: I cipressi che a Bolgheri che mi ripetevano:”Ben lo sappiamo che anche un pover uomo tu sé/ Ben lo sappiamo il vento ce lo disse/ che rapisce degli uomini i sospir”. Queste sfumature, mi capisci devono far parte dell’uomo, se tu passi di lì e non hai conosciuto Carducci che era un Nobel, che lo si voglia o meno è un Nobel, e descriveva così bene una zona così bella come la maremma; bene se a uno non gli fa proprio niente e guarda “L’isola dei Famosi” c’è il baratro. Non gli puoi parlare così. “L’isola dei Famosi” intrattiene per tre ore gente: dove uno dice io mi son leticato con quello, io mi son leticato con l’altro.

Tutte stupide banalità. Vorrei vedere loro quindici o venti giorni su un’isola senza mangiare e bere. He!, He!.

Ti rendi conto Iacopo, ma ci hai mai pensato? Si scade nella banalità. Noi bisognerebbe essere un pochino più profondi capisci e invece non lo siamo.

Noi quando si premia questo sport; ora qualcuno, te in particolare, Campostrini, e Leandro cominciano a capire la bellezza del fare tappeto, l’indifferenza nel momento del fare agonismo; ci deve essere un’indifferenza. Capisci. Se io vinco una gara perché in quel momento ho trovato uno che era inferiore, ma nello sport siam tutti uguali un giorno va quello un giorno quell’altro. I grandi campioni di automobilismo vincono diversi mondiali perché hanno il privilegio di avere la macchina diversa da quelle dei loro compagni, quando hanno avuto la macchina uguale a quella dei compagni di scuderia non c’è stato niente da fare perdevano. A certi livelli nello sport c’è la facilitazione. Guarda gli scandali delle partite. Anche nel judo si possono verificare simili incidenti. Il concetto della competizione non deve essere fra me e te sul tappeto, ma fra noi due e lo sport. Riusciranno a fare questo con facilità, a renderlo bello, a renderlo affascinante? Si! Ecco la competizione! Io la vedo così! Certamente se un campione è più bravo di un altro gli dò la pacca:”sei bravo”. Se tu a scuola fai un componimento e uno mi fa una cosa scialba, dico è una competizione. Tu sei stato affascinante rispetto a lui, questo va riconosciuto nello sport. Ma già il pensiero che quello si stringe le meningi per dire quel poco che sa va preso in considerazione un giorno può scrivere delle cose belle. Così come nello sport, si può fare cose belle. Lo sport fra l’altro è una cosa che tiene l’amicizia: il rapporto fra noi. Sennò siamo tutti soli. Io vedo gente che non ho più visto, sono soli; è una solitudine che diventa deprimente.

D-. Non pensi che questo sia connaturato a questo particolare tipo di società?

R-. Si ma c’è un fatto. Ritorno sui genitori.

Una donna di cui non farò il nome per motivi di discrezione ha portato in palestra un bambino di origine nord-africana. Qui è andato bene e in quell’anno tutti gli hanno fatto un encomio in palestra. Torna a casa e i suoi amici volevano andare a fare nuoto. la madre a quel punto mi dice:”non lo riscrivo”. Io gli rispondo:”Guardi, che qui andava bene a scuola”. Sai era un ragazzo preso in giro qui amato. Questo è l’aiuto che serve. Se ti avessero messo al bando, qui in palestra te, o qualcun altro, e ti avessero lasciato solo, in che stato saresti?

D-. Sarebbe stato un problema in più.

R-. Ma forse quello determinante. Perché c’è della gente che quando è depressa è isolata va al suicidio.

D-. Questo è vero

R-. E’ il vivere insieme. Chi ha fatto il servizio militare sa che tutti volevano congedarsi. Una volta congedati ogni tanto si hanno dei rimpianti.

D-. Forse perché è un periodo della vita

R-. No, perché ti fai tanti di quegli amici che se sono antipatici, li puoi scansare perché ne hai altrettanti simpatici. Ma vivi in una comunità. Vai a letto la sera, e su in venticinque persone e al buio la sera si parla di quello e di quell’altro. E’ tutta una vita di massa, l’essere umano è come il branco. Prova a prendere un cane randagio o un lupo e a levarlo dal branco.

Spariscono.

Il leone se vive fuori dal branco resiste un mese, un mese e mezzo poi muore.

D-. Probabilmente perché è il tipo di animale che è connaturato a quel tipo di vita sociale.

R-. Ma noi tutti siamo connaturati alla vita sociale. C’è l’eremita e l’asceta che fanno eccezione. Ma tutti. Io penso tanto, ma quando voglio uscire e vedere gente è per riabilitarmi un po’. Iacopo.

D-. Certo, l’ascesi…L’eremita, se ci si pensa bene, è una figura che di per sé cerca di entrare in comunione con Dio, non si può dire che è solo.

R-. Fa una scelta. Attenzione! Ricordati una cosa, l’eremita si può anche appartare dalle persone perché ha scelto una vita diversa. Basta leggere Siddartha di Hermann Hesse. Ma non è solo Siddartha. Attenzione! Nel male oscuro di Giuseppe Berto il finale è una meditazione, ma però è stanco del vivere insieme con i grandi problemi, esce Siddartha in questo fiume di meditazione e diventa la pace in se stessa. Ma hai detto bene te, perché già crede fermamente in qualcosa d’altro. E uno non crede.

D-. Per uno che non crede in niente c’è la caduta nel nichilismo.

R-. L’ammazzarsi!

Vedi Pratolini diceva nella vita difficile a un fratello che stava morendo:”tu credi in Dio- vedi io non ti so rispondere se un giorno starò morendo e l’uomo non potrà fare più niente e chiederò aiuto in Dio, vuol dire ci credo”. Bisogna vedere cosa succede quando si arriva a questo punto.




3 gennaio 2009

IN MEMORIA DI UN MAESTRO DI JUDO (2)

 Il maestro di Judo Ivo Fischi è morto il 2 gennaio 2009.
Presento in questo blog le parti del dialogo fra me e lui, fra maestro e allievo.

Dialogo con un maestro di judo

Sezione 2

-D-. Certo, è vero.

R.- Questo, Iacopo vuol dire che la mente umana, il cervello, è in grado di fare queste cose; alcuni lo coltivano, alcuni se ne fregano. Noi in Italia abbiamo il vizio di fare grandi conferenze. Lo sai perché? Perché dopo le conferenze ci sono le grandi cene o le grandi mangiate. Io ho fatto due conferenze sportive qui al polo di Sesto Fiorentino. La cosa più bella, quando vedevi tutti era quando c’era il buffet. Tutti lì con queste tartine, anche personaggi importanti. Quando parlano di sport, ad esempio potrebbero pensare di agevolare le palestre dove lo pratichi invece di tassarle. Questa ragazza, di cui ti ho detto prima, che fa ginnastica che ha portato tre medaglie ai mondiali deve andare a Trieste, ha cambiato città per continuare ad allenarsi. Purtroppo i politici locali e nazionali non hanno sensibilità nei confronti dell’attività sportiva e delle difficoltà che incontrano gli sport minori e le palestre. Prestano troppa attenzione a quelle attività sportive di massa che coinvolgono centinaia di migliaia di persone e generano grandi flussi di quattrini in entrata e in uscita. In breve sono sensibili al potere del denaro e alle possibili ricadute elettorali delle loro scelte politiche. Gli sport minori anche quando riportano dei successi olimpici o internazionali vengono trascurati, questo è anche il caso del judo.

D-. Certo,Quel successo italiano.

R.- Quei signori che lavoravano al CONI prendono lauti stipendi potrebbero fare un bilancio un po’ diverso, e quando un ragazzo, o una ragazza, prende le medaglie olimpiche dargli la possibilità di fare sport. Noi questo non lo facciamo.

Allora cosa succede?

Succede che facciamo queste conferenze, alla fine risulta che è venuto bene tutto. E’ stata fatta anche una conferenza sull’antidoping, a noi ci hanno chiesto l’antidoping e l’abbiamo fatto e poi non si è visto più nessuno. Tu capisci! Il signor De Magistris, che ha dieci o quindici anni di nazionale, ed è stato per dieci anni il miglior pallanuotista del mondo, se dico del mondo è così perché ce l’invidiavano tutti, s’incavolò quando montò in cattedra. Disse quello in modo più brutto, quello che dico io:”Voi parlate di sport, solo quando c’è da mangiare e da far delle chiacchere. Ma voi avete parenti, cugini, figli, mogli, parenti e nessuno di questi fa sport, ma come mai?”.

E’ questo il problema che bisognerebbe cambiare completamente, è una cultura diversa. Guarda! La cultura non la fai solo a scuola. Per esempio un americano che ha fatto judo con me si chiamava Piccinelli -dimmi che americano era- era del Texas di San Antonio e mi diceva: in America si comincia in età giovane e se uno non ha voglia di fare sport viene incluso come materia affiliata, se non fa niente bisogna che sia ottimo nelle altre materie se no non chiudono neanche un occhio.

Allora vanno nei college, vanno nelle palestre e nelle piscine e fanno lo sport che gli piace. Quelle due ore di movimento le fanno, perché se io ho sette in matematica ma non faccio niente, niente di sport, quando si arriva a fare una valutazione, si dice questo in matematica va bene ma come uomo che cosa è? Non sale le scale. E’ questa la filosofia, non posso dire neanche se sia giusto o sbagliato; però è diritto e obbligo di genitore e di giovane di prepararsi a un domani.

E’ vero o non è vero.

-D-. Perché qui siamo così carenti?

R.- Perché siamo ignoranti, non abbiamo il pallino di esser curiosi, di imparare…

D-. E’ una questione di umiltà

R.- No, è una questione d’ignoranza. Nel senso buono.

D-. Ivo volevi aggiungere altro a questo pensiero.

R.- Sì, volevo dire, quando si giudica questo sport, quando lo si osserva o lo si alimenta assieme è uno sport che trascina dietro una matassa, nel senso buono del termine, una matassa di tratti culturali che noi non conosciamo.

D-. Forse non conosciamo fino in fondo.

R.- Il giapponese che dipinge, non ha lo stile del francese, del fiammingo, dell’italiano, dello spagnolo; esprime un’arte tutta sua. Anche nella sua musica è così diverso da noi quando deve esprimere dei sentimenti.

D-. Quando non fa riferimento agli strumenti o alla tradizione “occidentale”.

R.- Loro esprimono il loro d’animo, la musica dovrebbe essere universale per tutti.

D-. Esprimono il loro stato d’animo in maniera diversa, è qusto quello che vuoi dire?

R.- Quando si pratica uno sport, bisogna insegnare e far capire anche questa questione della cultura

D-. Questo ci rimanda al problema dell’essere maestro in questo sport, che è centrale nei nostri discorsi.

R.- Una cosa collaterale al judo sta entrando nel rugby, non in Europa dove c’è già, ma in Italia. Il rugby è nato per una dimostrazione di cavalleria e gentilezza proprio per la virilità che ha; però c’è il rispetto delle regole.

D-. Certo, anch’io l’ho fatto, è così

R.- Tu sai cosa voglio dire

D-. Nel rugby, sì

R.- Però ci sono delle persone che fanno a cazzotti, si picchiano, fanno a botte, perché non entrano nello spirito del rugby. I neozelandesi è difficile che facciano a botte, più facile lo facciano i francesi. Perché è nato lì, nel mondo anglosassone. In questo sport qui il judo, devono imparare la storia, la cultura.

Poi c’è una cosa, non bisogna mai pensare che questa competizione, anche se è uno sport olimpionico e vi sia uno scontro da cui esce un vincitore e un vinto. E’ una cultura del proprio corpo e della propria mente. Quando uno fa due ore di tappeto con una o più persone mette alla prova il proprio corpo, la propria mente e … come si dice?

D-. Indole?

R.- No; le proprie reazioni, la velocità delle reazioni, la fantasia, il buonsenso. Per tirare, per imbastire un colpo, per battere l’avversario ci vuole creatività che nasce in pochi secondi. Ecco la bellezza di questo sport, in più nel fare questo non si può usare solo un arto, una mano, un piede come fa il pugilato o il calcio, qui va usato tutto il corpo. Se non funziona tutto il corpo non c’è tecnica, non si proietta, non c’è atterramento. Tu su questo devi far una riflessione. Io in palestra oggi ho rammentato, l’hai visto, il muoversi come fanno certi balletti russi o il teatro NO giapponese. L’ha fatto “Dio Bono” Luca Ronconi con” l‘Orlando Furioso” del 1968.

D-. Il movimento elegante, è questo che vuoi dire?

R.- Questa cosa me l’ha detta un direttore del Comunale, il sistema del teatro NO, e quello di certi balletti russi dove le immagini degli attori passano senza vedere le articolazioni delle gambe, sono le forme dei pensieri che uno immagina nel dormiveglia. Lì vedi il volto che recita.

Non si vede tutta l’azione, è questo il concetto.




3 gennaio 2009

IN MEMORIA DI UN MAESTRO DI JUDO (1)

Il maestro di Judo Ivo Fischi è morto il 2 gennaio 2009.
Presento in questo blog le parti del dialogo fra me e lui, fra maestro e allievo.

Dialogo con un maestro di judo

Sezione 1

D.-Credo sia opportuno per iniziare questa conversazione a partire da una citazione che potrebbe essere l’occasione per ascoltare la tua opinione intorno al rapporto fra sport e italiani così come lo hai potuto osservare nel corso degli anni.

Inizierei con una citazione dal famoso testo “Lettera ad una professoressa”:”Agli esami di ginnastica il professore ci buttò un pallone e ci disse:”giocate a pallacanestro”. Noi non si sapeva. Il professore ci guardò con disprezzo:”Ragazzi infelici”. Anche lui come voi. L’abilità in un rito convenzionale gli pareva importante. Disse al preside che non avevamo “educazione fisica” e voleva rimandarci a settembre. Ognuno di noi era capace di arrampicarsi su una quercia. Lassù lasciare andare le mani e a colpi d’accetta buttar giù il ramo di un quintale. Poi trascinarlo sulla neve fin sulla soglia di casa ai piedi della mamma.

M’hanno raccontato d’un signore a Firenze che sale in casa sua con l’ascensore. Poi s’è comprato un altro aggeggio costoso e fa finta di remare. Voi in educazione fisica gli dareste dieci.”

R.-Ecco vedi su questo, occorre star attenti. Quando si fa una disciplina sportiva la passione deve esserci se no non la si fa perché la passione ti dà incitamento, voglia di migliorare, di riflesso ti fa migliorare il fisico, la mente e tutto. Se non c’è la passione, se tu vai in palestra e la passione la devi fare solo perché l’ha detto uno fuori che devi fare sport dopo venti giorni smetti. Io ho fatto judo perché l’ho amato e lo amo tutt’ora. Uno che fa il lancio del martello, o il lancio del peso, sembra più banale di un altro sport più complicato ma nelle sue piccolezze, nella perfezione è passione. Questo professore probabilmente è uno di quelli che crede che lo sport sia quella dicitura dei genitori e dei familiari di quando uno arriva ad una certa età e butta la pancetta. Ecco lo sbaglio. Lo sport bisogna farlo perché la vita oggi non ti mette in condizioni di avere il fisico ben preparato per camminare e muoversi. Oggi ci sono tante facilitazioni, capisci?

D.-Mi permetto di aggiungere che si punta anche a un modello di vita essenzialmente basato sul piacere e sul rilassamento.

R.-Certo, ma tu guarda: gente in motorino, gente in moto, in macchina. La bicicletta la prendono perché è un vezzo. Vanno in Mountain Bike, perché son quelli che hanno già passato l’età delle palestre, una disciplina non possono impararla allora vanno in Mountain Bike, hai capito, e dicono: io faccio sport. Lo fanno già fuori tempo e non hanno un metabolismo e un fisico preparato, e corrono dei rischi, come quelli che vanno a correre, è lo stesso tipo di problema. Il concetto dello sport dovrebbe essere recepito nella testa dei genitori. Come dire: come io mando a scuola il figlio e voglio che ha vent’anni conosca questo e quest’altro e sappia fare i calcoli e come si fanno. Così deve anche dire: voglio che salga bene le scale, se cammini, che sia in grado di fare ottanta chilometri a piedi, se casca in mare da una barca deve avere già il fisico preparato per il nuoto e per affrontare il pericolo.

Questo non c’è.

Noi si manda i bambini in piscina. Lo sai perché? Perchè i bambini ci vanno volentieri. E lo sai perché?

Perché la piscina a livello bambini è l’unico Sport a livello bambini dove non c’è una disciplina. Fanno confusione, urlano tutti, giocano, si tirano l’acqua. Se tu li metti in una palestra a fare ginnastica come quella ragazza che ha preso in silenzio, preparazione e meditazione tre medaglie; ma chi lo fa. Non lo fa più nessuno Iacopo! Noi abbiamo un concetto sbagliato.

Scendo, faccio un salto concettuale.

Cesare Barioli non sbaglia quando parla del concetto di Judo di Gigoro Kano. Perché Gigoro Kano vedeva il judo come la perfezione di se stesso. Montare su un tatami e migliorare se stessi, anche se non tira uno ma tira l’altro ma fai una proiezione è una vittoria verso te stesso. Non a caso Gigoro Kano disse che s’era fatto male, la competizione rovina il judo, perché esce dai parametri della tecnica, vai d’impulso, vai di spinta. Penso a un pilota che va a 400 KM/H se non avesse la tecnica dei cambi e delle correzioni, e andasse d’impulso e di spinta, sarebbe sempre fuoristrada. Alcuni corridori che correvano così sono morti giovani, perché gli mancava quel che mancava ad altri. Sono sempre dell’opinione che lo Sport dovrebbe essere una cultura per vivere.

Mi spiego meglio.

Tu la mattina ti alzi. Ti lavi perché lo sporco è una cosa sgradevole verso te stesso e verso l’altro, ti pulisci, per ti senti meglio. Se tu fai dei movimenti in palestra e vai a giocare a carte sarebbe meglio dovresti fare altrettanto, solo che lo sport è una fatica immensa rispetto a farsi la barba. Il fatto di dire: il ragazzo non può perché ha da studiare è una scusa. Prima di tutto perché quelli che hanno da studiare son tutti fuori e la sera li vedi. Io ho visto ragazzi qui in palestra, e tu sei un esempio, dedicarsi completamente a questo sport così difficile e passare bene gli esami, laurearsi. E’ vero o non è vero.


 



sfoglia     settembre        novembre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email