.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


16 marzo 2010

La civiltà italiana come costruirla (VIII)




La civiltà italiana come ricostruirla (VIII)

 La possibile civiltà italiana civiltà del futuro che è ben oltre l’orizzonte ha bisogno fin da ora di quanti intendono resistere al disfacimento senza fine dei valori, dei miti e delle speranze delle diversissime genti d’Italia.  Chi non intende affidare qualcosa d’indefinito al capriccio dei tempi o peggio dei nuovi imperi in formazione deve cominciare a costituirsi in qualcosa che ad oggi non ha mai avuto peso, importanza o senso in Italia ossia una pubblica opinione. Per decenni i Partiti della Prima Repubblica e poi dei singoli leader nella Seconda hanno deciso che cosa era bene e male per i loro seguaci, mantenuti, satelliti, amici degli amici, ed elettori. Adesso è necessario che si formino delle forze che dal basso sono in grado di ragionare sul mondo reale, magari su un piccolo frammento del mondo umano, e offrire ai loro simili una visione delle cose e dei ragionamenti non inquinati da opportunismi, spirito di parte, e pessime intenzioni. In altre parole occorre che si formi quel minimo di opinione pubblica atta a mantener vivo uno spirito critico di natura collettiva  e diffuso sul territorio nazionale. L’aspetto decisivo della formazione di milioni di soggetti in grado di prendere le distanze almeno dalle forme più marcate di propaganda e dalla pubblicità televisiva è la possibilità di sostenere con finanziamento o con la partecipazione delle buone cause, quello che altrove è l’impegno civile o politico qui nel Belpaese è inquinato da decenni di cultura partitocratica e dalle strumentalizzazioni di parte per fini elettorali. Finora è mancata in Italia la possibilità di collegare le aspirazioni di milioni d’Italiani a forze culturali e sociali in grado di far sentire il loro peso sulla politica in modo non settario, non corporativo e non fazioso. Centinaia di esigenze e di necessità particolari espresse da categorie sociali o professionali organizzate e talvolta politicamente ben definite non formano una civiltà. La civiltà è un qualcosa dove istituti politici, orientamenti culturali, forze sociali, tradizioni e altro ancora trovano una loro armonia e riconoscono il loro esser parte di un tutto. In Italia la natura dei nostri schieramenti politici e dei gruppi sociali e professionali organizzati non trova mai una sintesi e non si riconosce in qualcosa di superiore, la civiltà italiana è un fatto retorico ed è spesso volutamente confusa con nebulosi riferimenti allo Stato o a sue particolari articolazioni istituzionali che non sono la stessa cosa di una civiltà. Nella Prima Repubblica i vecchi partiti di massa per alcuni decenni sia pur in modo maldestro, interessato e talvolta truffaldino hanno messo assieme i problemi e la cultura particolare di intere parti della popolazione con la vita politica o con le grandi scelte di una Nazione.   Oggi questo non è possibile e proprio nella Seconda Repubblica è necessario che i partiti, ormai altro da ciò che erano nel passato, siano forzati a confrontarsi con forze già organizzate sul territorio e già culturalmente strutturate che non hanno bisogno del protettore politico o di qualche altro soggetto mosso da interessi di pessima natura. Si deve formare una cittadinanza conforme ai tempi e  non una plebe. La civiltà per essere ha bisogno di chi si riconosce in essa e la sostiene e non di masse informi di gente diversa.

IANA per FuturoIeri







16 marzo 2010

La civiltà italiana come costruirla (VIII)




La civiltà italiana come ricostruirla (VIII)

 La possibile civiltà italiana civiltà del futuro che è ben oltre l’orizzonte ha bisogno fin da ora di quanti intendono resistere al disfacimento senza fine dei valori, dei miti e delle speranze delle diversissime genti d’Italia.  Chi non intende affidare qualcosa d’indefinito al capriccio dei tempi o peggio dei nuovi imperi in formazione deve cominciare a costituirsi in qualcosa che ad oggi non ha mai avuto peso, importanza o senso in Italia ossia una pubblica opinione. Per decenni i Partiti della Prima Repubblica e poi dei singoli leader nella Seconda hanno deciso che cosa era bene e male per i loro seguaci, mantenuti, satelliti, amici degli amici, ed elettori. Adesso è necessario che si formino delle forze che dal basso sono in grado di ragionare sul mondo reale, magari su un piccolo frammento del mondo umano, e offrire ai loro simili una visione delle cose e dei ragionamenti non inquinati da opportunismi, spirito di parte, e pessime intenzioni. In altre parole occorre che si formi quel minimo di opinione pubblica atta a mantener vivo uno spirito critico di natura collettiva  e diffuso sul territorio nazionale. L’aspetto decisivo della formazione di milioni di soggetti in grado di prendere le distanze almeno dalle forme più marcate di propaganda e dalla pubblicità televisiva è la possibilità di sostenere con finanziamento o con la partecipazione delle buone cause, quello che altrove è l’impegno civile o politico qui nel Belpaese è inquinato da decenni di cultura partitocratica e dalle strumentalizzazioni di parte per fini elettorali. Finora è mancata in Italia la possibilità di collegare le aspirazioni di milioni d’Italiani a forze culturali e sociali in grado di far sentire il loro peso sulla politica in modo non settario, non corporativo e non fazioso. Centinaia di esigenze e di necessità particolari espresse da categorie sociali o professionali organizzate e talvolta politicamente ben definite non formano una civiltà. La civiltà è un qualcosa dove istituti politici, orientamenti culturali, forze sociali, tradizioni e altro ancora trovano una loro armonia e riconoscono il loro esser parte di un tutto. In Italia la natura dei nostri schieramenti politici e dei gruppi sociali e professionali organizzati non trova mai una sintesi e non si riconosce in qualcosa di superiore, la civiltà italiana è un fatto retorico ed è spesso volutamente confusa con nebulosi riferimenti allo Stato o a sue particolari articolazioni istituzionali che non sono la stessa cosa di una civiltà. Nella Prima Repubblica i vecchi partiti di massa per alcuni decenni sia pur in modo maldestro, interessato e talvolta truffaldino hanno messo assieme i problemi e la cultura particolare di intere parti della popolazione con la vita politica o con le grandi scelte di una Nazione.   Oggi questo non è possibile e proprio nella Seconda Repubblica è necessario che i partiti, ormai altro da ciò che erano nel passato, siano forzati a confrontarsi con forze già organizzate sul territorio e già culturalmente strutturate che non hanno bisogno del protettore politico o di qualche altro soggetto mosso da interessi di pessima natura. Si deve formare una cittadinanza conforme ai tempi e  non una plebe. La civiltà per essere ha bisogno di chi si riconosce in essa e la sostiene e non di masse informi di gente diversa.

IANA per FuturoIeri







13 novembre 2009

Il mondo umano muta ma il Belpaese dov'è?

De Reditu Suo

Il mondo umano muta ma il Belpaese dov’è?

Ripensando umilmente a una qualsiasi sceneggiatura ben scritta si osserva che la realtà dove si muovono i protagonisti della vicenda muta, le azioni o le omissioni  dei personaggi creano l’aspetto comico o drammatico dello scritto. Si tratta di una banalità, di un fatto tratto dalla realtà: gli umani si muovono, fanno cose,parlano, scrivono,  hanno speranze e cambiano la loro vicenda umana e quella di coloro che gli stanno attorno; qualche volta con modi riprovevoli altre volte con modi leciti. Il mondo umano muta in continuazione anche sul piano reale, perfino nella banalità di tutti i giorni; eppure in Italia tutto sembra immobile, morto, noioso. Il canovaccio della politica e della società cerca di replicarsi, tutto cerca di replicarsi con le stesse logiche del secolo scorso, con una retorica pseudo-risorgimentale che sembra appena uscita dalla bocca di qualche prefetto Giolittiano che ha appena festeggiato il capodanno del 1911, con i figli dei professionisti che ereditano i mestieri dei padri, con la stessa doppia o tripla morale da anni cinquanta. Nella sostanza dei fatti il Belpaese sta cercando a viva forza di negare la realtà, di chiudersi in se stesso, di fuggire da ogni verità e realtà che non sia un rozzo illudersi di essere immutabile e al centro del mondo. Il mondo umano sta cambiando in fretta, emergono nuove potenze imperiali, le vecchie declinano.
L'Asia si sta trasformando in un continente industrializzato, la Cina è già una potenza globale e la Russia dismessi i panni logori e rozzi dell’impero Rosso è diventata una potenza imperiale sotto l’insegna dell’aquila bicipite dei Cesari d’Oriente e degli Zar. Le  nostre sedicenti classi dirigenti probabilmente stanno lavorando al solito gioco della doppia morale: da un lato sanno perfettamente che gli equilibri mondiali sono scossi ma devono far finta di nulla e cercano di far passare idee e opinioni fra la maggior parte della popolazione che evitano sul momento inquietudini e malessere. Come al solito giocano su due tavoli: quello della realtà e quello delle illusioni e delle menzogne. Le illusioni e le  menzogne sono per la “Gente” ossia per le masse indistinte di consumatori e di cittadini, mentre la realtà è privilegio dei pochi, di ha beni, rendite, potere, o svolge un lavoro economicamente o politicamente delicato. La realtà ci parla di una crisi tremenda che sta mettendo in discussione l’Impero Anglo-Americano che sta creando milioni di poveri che si sommano ai lavoratori precari in Europa e negli USA, ma le parole d’ordine sono ancora consumi e ottimismo; la “Gente” deve credere ciò che vogliono le minoranze al potere anche se tutto mostra l’opposto della grande mistificazione pensata e programmata per le masse anonime di consumatori. Or la politica del Belpaese sta perdendo un momento straordinario, potrebbero lorsignori cambiare la storia dello Stivale raccontando semplicemente alle genti  nostre quel che sanno davvero della crisi: quanti milioni di disoccupati in più, quali rapporti nuovi di forza tra potenze, quanto conteranno d’ora in poi per noi i rapporti diplomatici e commerciali con Cina e Russia quali colossali interessi si stanno muovendo nella Penisola. Ma tutto tace, le genti del Belpaese sono distratte e nel bisogno chiedono miracoli e indulgenze. La politica e le classi dirigenti si son di nuovo perse le genti loro. Non è una novità.

IANA per FuturoIeri




21 maggio 2009

Gente mia dove siete?

Il Belpaese: quarantanove passi nel delirio

Gente mia dove siete?

Mi ricordo di aver già scritto qualcosa con un titolo simile. E’ molto difficile al giorno d’oggi per individui come me con idee eccentriche o semplicemente romantiche guardarsi attorno e veder tutto il mondo umano di prima morto e sepolto sotto il peso del tempo e sotto la forza dell’idiozia e del cretinismo applicato ai sistemi di comunicazione di massa. Forse ho avuto la ventura di vivere a cavallo fra due mondi umani, di aver vissuto la mia infanzia fra un modello di vita civile in rapida estinzione e uno nuovo dominato dalla pubblicità e dai consumi inutili. Un modo di vivere dominato non tanto dal consumo in quanto tale ma dalla sua immagine, dal suo imporsi come unico metro del possibile e della vita. Il mondo di prima aveva qualcosa che veniva da altri tempi, da un passato remoto, dai silenzi di altre epoche; questo nuovo mondo umano incentrato sul dio-denaro e sui consumi come unico valore credibile è anche l’abiura perfetta del tempo che fu. La maggior parte degli italiani prima ancora che venissi al mondo aveva ben accolto questa dissoluzione dei valori precedenti. Essi erano nell’immaginazione dei molti confusi o mischiati con le memorie di guerre perdute, di sacrifici inutili, di crudeli miserie di massa, di simboli morti che afferravano i vivi come in un film dell’orrore. Quindi lo sviluppo economico e sociale ha portato alla lenta ma inesorabile disgregazione del mondo di prima. Poteva non essere così, potevano gli eventi prendere altre vie, ma così è stato.

Non so più quindi dove sia la gente mia, in vent’anni il Belpaese è diventato qualcosa di nuovo, un cantiere aperto, la grande fabbrica dove si sta creando l’opera nuova somma di antiche contraddizioni e di nuove cose che quasi ci precipitano addosso. Mi ritrovo con il mio personalissimo romanticismo ad essere compresso fra un qualcosa che non riesce a prendere forma e un tempo ormai passato, remoto, votato al rimpianto e alle onoranze funebri più o meno solenni.

Mi rendo conto che per uscire da questa condizione occorre qualcosa di più di uno sforzo di volontà, occorre fare il famoso salto oltre la propria ombra: immaginare un mondo umano nuovo dotato di senso e di valori. Occorre accettare una condizione di presa di distanza tanto dal presente quanto dal passato, trovare se stessi e le proprie ragioni. Quelle più profonde, intime, lontane dal caos di ogni giorno. Creare il futuro è oggi un momento di libertà, di ostentazione del proprio pensiero, di dichiarazione di esistenza di se stessi in faccia a tutto questo presente e al mondo. Oggi guardare se stessi nel proprio tempo con la propria sensibilità e razionalità è più di un semplice atto, è una visione alternativa; è la propria interpretazione della realtà in quanto atto personale. A modo mio so che ritroverò il mio Belpaese nel futuro, in un tempo diverso da questo, quando non lo so. Forse nei nuovi volti di allora troverò la mia vecchia gente che non vedo più.


IANA per FuturoIeri




11 dicembre 2008

LONTANI DAGLI DEI E DAGLI EROI 25

Voglio fare un piccolo ma interessante annuncio: siamo entrati nel nuovo secolo da almeno otto anni, e ci siamo entrati tutti noi umani che adottiamo il calendario che si rifà alla nascita di Cristo. Quindi siamo pure in un nuovo millennio.

Qualcun altro adotta altre forme di computo del tempo, tuttavia per la maggior parte degli umani siamo nel 2008 e questo anno terminerà il 31 dicembre.

Quindi sarebbe ora di far mente locale sul fatto che questo nuovo secolo è una novità assoluta. Il mondo del Novecento con i suoi totalitarismi, con i suoi deliri imperiali sovietici e statunitensi, e ancor prima fascisti, è finito, morto, sepolto. Anche la versione novecentesca dell’albero della cuccagna, o se si preferisce l’equivalente del paese del bengodi tante volte promesso dal consumismo amorale e sprecone è annientato dalla tremenda erosione del tempo. Morte le ideologie del Novecento che non trovano più in questo millennio qualcosa che possa sollevarle dalla tomba, dal loro essere forme spettrali di miti e memorie del tempo che fu. Questo nuovo secolo si presenta con imperi che vogliono ascendere al potere globale politico e militare, e queste realtà imperiali sono sorrette da una inedita forma di borghesia che non ha eguali nella storia per ricchezza, assenza di ogni dimensione umana e morale, volontà di morte. Il vecchio dominio statunitense vacilla, la crisi è devastante e le stesse democrazie sono a rischio come anche le basi della convivenza civile fra comunità diverse all’interno di uno stesso Stato. Non si è risvegliato lo spettro della coppia Hitler-Mussolini, mi spiace per coloro che si sforzano di credere di vivere nel 1945, ma non è così: siamo nel 2008. Semplicemente un modello economico che presupponeva la crescita infinita in presenza di risorse limitate ha trovato il limite del suo sviluppo, adesso deve rinnovarsi o accettare di collassare su se stesso. Del resto il pianeta azzurro è grande ma non infinito, e di risorse infinite ha proprio bisogno quel modello di crescita economica e industriale. Mentre la crisi rivela il finale di partita di un modello di sviluppo globale rovinoso e pericoloso il Belpaese è ammorbato di retorica, inquinato da cortine fumogene di falso patriottismo o da finte professioni di fede nelle grandi ideologie del Novecento o da adesioni a versioni caricaturali delle medesime. Tutto è buono pur di stordirsi e di negare la realtà. Tutto è lecito pur di non far i conti con questa crisi e provare con deliranti fiumi di parole a scaricare su questa giovane generazione i costi dello sfascio, e ritardare ancora per un giorno o due l’appuntamento con la nuda verità e con la concretezza. Non immaginavo di arrivare al momento in cui avrei visto così tanta viltà e idiozia nel Belpaese. Mai i diversi popoli che sono l’Italia sono stati così lontani da modelli di vita nobili, eroici o semplicemente degni. Mi rendo conto che si è per forza di cose lontani dai modelli degli Dei e degli Eroi dell’epica e della letteratura, e addirittura anche da quelli del cinema e dei cartoni animati; ma qui nel Belpaese siamo quasi alla fuoriuscita dalla razza umana per manifesta indegnità. E’ come se questa grande difficoltà del momento rivelasse al mondo chi siamo davvero, quale dimensione oscena e perversa nasconde la maggior parte degli italiani. Per salvare il proprio piccolo mondo occorre prima salvare se stessi dalla propria volontà auto-distruttiva, dalla propria inclinazione all’esser dissoluti e malvagi. Il coraggio è dopotutto la grande prova dell'intelligenza davanti al pericolo e ora c'è bisogno del coraggio, c'è bisogno di trovare le proprie risposte e non di stordirsi e far finta di nulla.

IANA per FuturoIeri
Sito http://digilander.libero.it/amici.futuroieri 




12 luglio 2008

GENTE MIA DOVE SIETE?

Mi capitò quando ero liceale di leggere un racconto nel quale Dio chiedeva a Caino conto dell’uccisione del fratello. Lo chiamava chiedendo dove fosse.

Il luogo ove era Caino non era solo fisico ma anche morale, era il nascondiglio del fratricida.

Io non so se davvero c’è un Caino ma mi sono convinto da tempo che non ritrovo più l’Italia della mia infanzia, l’Italia di trent’anni fa. Non so dove sia oggi ciò che pure ho visto, ho annusato, ho ascoltato. Quella di oggi è un qualcosa di strano, di deforme, che assomiglia solo per l’evidente sovrapposizione dei luoghi e del territorio a quel mondo umano e sociale che avevo conosciuto da bambino. L’Italia di oggi non riesco a capirla, non sembra neanche più un paese unitario ma un mettere una su l'altra  culture diverse, alcune di esse addirittura di recente immigrazione.

Non sono Dio ma mi verrebbe voglia di dire: Gente mia dove siete!

Forse sono solo ombre, parti della mia mente aggredita dalla nostalgia di un tempo lontano, o forse no. Davvero quel mondo umano si è perso, quella società si è trasformata al punto di diventare qualcosa di assolutamente irriconoscibile. Mi manca quell’essere noi stessi che coincideva con il sentirsi parte di una storia perlopiù maledetta ma comune, quel riferirsi in qualche modo a vicende se non condivise almeno comuni, che in qualche modo ti scusavano in un certo senso e giustificavano il tuo essere qui e ora in questo sciagurato mondo di viventi in conflitto. In particolare faccio riferimento a un certo qual senso comune che portava a pensare in termini di futuro, di mondo possibile, di una storia personale da costruire. Certo l’infanzia fa brutti scherzi specie nei ricordi, le cose cattive possono venir obliate, quelle buone ingigantite, ma pur considerando le molte cose che parlano a sfavore di quel tempo mi sento comunque libero di affermare che quel mondo umano aveva nel complesso una visione più rosea del futuro, questa mia affermazione non è una statistica è una mia percezione. Oggi non trovo più la mia gente. La cerco, ma intorno tutto è finito anche le tracce del passato sembrano dissolte, restano alcune cose tangibili che perdurano negli anni come la cattedrale, le piazze principali, i ponti, i parchi cittadini ma intorno è come se fossero passati non trenta ma cento e più anni, tanto è cambiata la società.

Ci sono giorni in cui mi sento in esilio, non è che non capisco questo mondo umano, è che non lo sento più come mio, come se nel corso della mia vita avessi già attraversato almeno due epoche diversissime e lontane.

Mi manca quel mondo trapassato perché oggi posso dire che, a ragione o a torto, esso era un pò anche mio.


IANA per Futuroieri  http://digilander.libero.it/amici.futuroieri/liber.htm




12 giugno 2008

DIRITTO ALLA PRIVACY O IMPUNITA’ LEGALIZZATA?

Quello che il Berluscoso, come lo definisce simpaticamente Bossi, ha architettato per frapporre ostacoli alla magistratura, in tema di intercettazioni finalizzate ad indagini, è stato definito Decreto Legge “solo per mero errore materiale”. Ora, non si capisce se noi abbiamo dei dirigenti ministeriali così incompetenti da confondere Decreto Legge (immediatamente vigente, salvo poi ratifica parlamentare) e Decreto Legislativo (deliberata delega dal Parlamento), tanto che il Ministro Prunetta avrebbe da divertirsi…, oppure qua ci stanno di nuovo pigliando in giro.

A noi preme comunque mettere in allerta la gente su un punto. Le intercettazioni che fino ad oggi possono essere autorizzate da una Procura, secondo criteri e parametri molto rigorosi, sono state fondamentali per scoprire non solo clamorosi fatti di criminalità organizzata (Riina, Provenzano, etc) ma anche enormi sistemi di corruzione politico-amministrativa (uno per tutti tangentopoli), politico-economica (Fazio e i furbetti del quartierino), politico-televisiva (caso Saccà), persino sportiva (calciopoli di Moggi, Giraudo etc).

Per arrivare alle notizie odierne della clinica privata Santa Rita di Milano, dove, se le Forze dell’Ordine non potevano supportare le loro indagini con intercettazioni telefoniche ed ambientali, oggi si continuava a macellare esseri umani per gonfiare i rimborsi regionali.

Noi cittadini vogliamo vivere nella stupida ignoranza o vogliamo sapere? Sapere che cosa fa chi ci governa, cosa fa chi gestisce finanziariamente i nostri soldi, chi lavora nella tv pagata col canone, come si comporta chi si occupa dello sport che dovrebbe farci appassionare, e soprattutto chi cura e opera i nostri cari. Oppure non ce ne frega niente? E la cosiddetta privacy deve essere solo quella di Lorsignori, mentre a noi comuni mortali ogni giorno chiama - senza autorizzazione alcuna - Sky, oppure Tele 2 per appiopparci abbonamenti, piuttosto che chi ci comunica vincite o ci rifila bottiglie di qualcosa!

Se non ce ne importa niente, ben venga il Decreto di Berluscoso e Dell’Utri che impedisce di fatto le intercettazioni e rende impossibile sorvegliare episodi di illegalità della Casta, altrimenti ribelliamoci e inondiamo di lettere il Ministero della Giustizia a questo indirizzo: callcenter@giustizia.it o alfano_a@camera.it .

 

Amici di Futuro Ieri http://digilander.libero.it/amici.futuroieri




14 novembre 2007

IL GIOCO PIÙ... FINTO DEL MONDO

Dobbiamo aver perso qualche puntata della telenovela Italia. Fino all’altro ieri ci era stato fatto notare che il calcio era il gioco più bello del mondo e veniva coccolato ed esaltato dai politici nostrani. I quali sono sempre più uomini d’immagine e di spettacolo e sempre meno leader ed esempi per la popolazione e, ovviamente, uomini politici.

Anche i giornali gratuiti in virtù dei fatti di Roma associano tifoseria e terrorismo. “Metro” del 13/11 titola ULTRA’ COME TERRORISTI STOP ALLA B E ALLA C. “Leggo”: TIFOSI? NO TERRORISTI. Non c’è che dire un brusco cambiamento, considerando poi che fino all’altro ieri l’ordine pubblico era minacciato dagli immigrati e la settimana prima da Bin Laden con tutti i suoi, e due settimane fa dai golpisti birmani c’è da chiedersi cosa direbbe un marziano in vacanza su questa parte del pianeta azzurro.

Forse che la popolazione è talmente invecchiata e spaventata da non saper più distinguere la realtà  dalla televisione, o che queste genti sfortunate del Belpaese vivono in una realtà virtuale che esalta i loro peggiori istinti e le loro miserabili paure. Assumendo una simile spiegazione dei fatti nostrani non è poi singolare che si chieda il pugno di ferro da parte delle forze dell’ordine e che al primo “incidente grave” finiscano assaltate anche le caserme dei carabinieri, un corpo militare peraltro.

C’è da chiedersi perché si sia usato, a tempo debito, il pugno duro dei tutori dell’ordine contro No-Global, contestatori e immigrati e al contrario si sia arrivati a questo punto in materia di tifoserie violente. Forse perché il calcio giostrando miliardi e consenso politico gode di specialissimi privilegi?

L’unica azione sovversiva nella Penisola, attualmente possibile, sarebbe la rigorosa applicazione del principio: “La legge è uguale per tutti”.

 

AMICI DI FUTURO IERI ( http://digilander.libero.it/amici.futuroieri )



sfoglia     febbraio        aprile
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email