.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


26 novembre 2007

A PROPOSITO DI CIVILTA'

“Il Sole 24 ore” di sabato 24 novembre riporta tradotta una dichiarazione di Nicolas Sarkozy il presidente della Repubblica Francese il quale avrebbe affermato che è ora di “Civilizzare Internet”, ovviamente i cattivi di turno non sono vietnamiti comunisti o algerini ribelli ma coloro che scaricano abusivamente dal WEB e meritano la repressione della Repubblica. Curioso ero convinto che le truffe informatiche e i furti d’identità fossero ben più gravi dei cosidetti pirati dallo scaricamento facile di film, telefilm e musiche e della tutela dei discutibilissimi diritti di copyright recentemente messi in discussione anche negli Stati Uniti da uno sciopero degli sceneggiatori e autori che spesso di questi diritti vedono solo una minima parte. Evidentemente il leader francese sa più cose di un comune mortale, quello che scrive qui tuttavia non può sottrarsi a qualche incuriosita riflessione.  Il giornale italiano ipotizza che il presidente troverà con questa sua attenzione verso gli interessi major il loro appoggio, ovviamente il fatto che i cittadini francesi dovranno subire qualcosa che è praticamente l’intercettazione di quel che fanno col computer sembra non essere importante. Una battaglia di civiltà sarebbe di abolire il Copyright su alcune cose come i medicinali che servono alla popolazione in modo che anche i paesi più poveri possano produrli senza aspettare i tempi biblici dello scadimento dei diritti. Non sarebbe male neanche pensare e proporre di ridurre legalmente e drasticamente il numero degli anni di durata dei diritti in relazione alle cosidette opere d’ingegno o artistiche, anche questo è misura della civiltà, di una civiltà che appena rifatti i soldi propone a tutto il mondo umano il meglio di quello che ha fatto senza lucrarci fino a devastare il progresso e la cultura stessa. Sempre a proposito del termine “civilizzare” c’è da chiedersi se in Francia qualcuno di questi uomini nuovi si ricorda del film “La battaglia di Algeri” di Gillo Pontecorvo dove con gli audaci sistemi da civilizzatore francese il colonnello Mathieu vinse la battaglia di Algeri e la Francia perse tutta l’Algeria.

Da IANA per Associazione FuturoIeri



sfoglia     ottobre        dicembre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email