.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


22 febbraio 2008

UNA EMAIL RICEVUTA, UN DIBATTITO DA FARE

L'amico Franco mi manda la presente mail ricordandomi il peso che ha in questo paese l'evasione fiscale.  Aggiungo inoltre che tutti gli introiti della criminalità piccola o organizzata che sia non sono tassati e forse neanche tassabili.  A questo punto oso chiedere al gentile lettore un suo commento su questa lettera in modo da poter avviare un confronto di opinioni e forse un dibattito su dove sta andando questo Belpaese.

EVASIONE FISCALE: ECCO I DATI DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE

Secondo i dati dell’Agenzia delle Entrate, ossia di Vincenzo Visco, essa è mediamente pari al 27% dell’imponibile dichiarato.

Ma ecco il rapporto tra base imponibile evasa e quella dichiarata per regione:

Lombardia 13,04 per cento.

Emilia Romagna, 22,26%.

Veneto, 26,05%.

Lazio 26,95%.

Friuli Venezia Giulia 28,22%.

Valle d’Aosta 28,29%.

Piemonte 30,53%.

Abruzzo 33,11%.

Toscana 33,67%.

Marche 33,95%.

Umbria 44,51%.

Basilicata 49,75%.

Liguria 50,29%.

Molise 54,61%.

Sardegna 54,71%.

Campania 60,55%.

Puglia 60,65%.

Sicilia 65,89%.

Calabria 93,89%.

Come si vede, ad evadere meno sono la Lombardia, l’Emilia Romagna e il Veneto, le aree dove secondo LA PROPAGANDA POLITICA si annidano i più ricchi evasori.

Lombardia ed Emilia sono addirittura più virtuose della media europea, che è attorno al 23 per cento (Belgio 23,2), dunque regioni di contribuenti modello, e in Italia si pagano tasse per mantenere raccomandati e sprechi. I paesi più virtuosi sono gli Usa e la Svizzera, con evasione valutata all’8% dei redditi dichiarati. Sono anche i paesi dove più forti sono le deduzioni e detrazioni consentite per la produzione del reddito.

Le regioni della grande evasione sono nel Meridione: Campania, Puglia, Sicilia sono oltre il 60% di evaso, con la punta incredibile della Calabria, dove l’imponibile evaso si valuta al 94 per cento del dichiarato. Non a caso, sono le regioni in mano alla malavita, camorra, n’drangheta, ’ndrine, sacre corone unite. Qui lo stato è assente ingiustificato.

L'assenza dello stato consente l’accumulo di capitali occultati e illeciti, e fa contrarre l’abitudine alla illegalità, al «nero», all’abusivismo, allo sfruttamento del lavoro. Una vera solidarietà politica decreterebbe agevolazioni ed esenzioni fiscali aperte e legali, anziché estendere a quel territorio leggi tributarie per poi non applicarle discrezionalmente. La politica degli occhi chiusi fa crescere le clientele malavitose e le servitù.

UNA CHIOSA FINALE

A cosa conduce tutto questo?

Non ci si può rassegnare alla discesa verso il terzo mondo, alle scarpe risuolate, agli abiti rivoltati, al mercatino dell’usato, all’ignoranza. Sia chiaro nei prossimi due mesi la situazione peggiorerà ancora, se oggi non si sa come fare nell'ultima settimana del mese, presto avremo problemi negli ultimi nove giorni. Per ora le autorità ignorano la miseria crescente che si diffonde da nord a sud, ma anche in tutto l'occidente!

IANA e AF per Fututoieri  http://digilander.libero.it/amici.futuroieri



sfoglia     gennaio        marzo
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email