.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


13 luglio 2009

L'Italia che mette la testa sotto la sabbia quando si tratta di guerra

Il Belpaese: quarantanove passi nel delirio

L’Italia che mette la testa sotto la sabbia quando si tratta di guerra

L’esercito italiano è schierato in Afganistan, come devo chiamare la cosa: missione di pace, vacanza in colonia, passeggiata militare, soccorso ai bisognosi? Non è forse il caso di usare la parola giusta e dire chiaro e tondo che siamo in guerra contro forze ostili militarmente preparate alla guerriglia? Agli inizi di luglio il presidente statunitense Obama finalmente dismessi i panni del buon padre e del politico amico di tutti ha vestito quelli del comandante in capo e ha dato il via libera per un’offensiva dei marines. Come vogliamo chiamare quella cosa? Turismo eccentrico?

Alle genti del Belpaese piace troppo mettere la testa sotto la sabbia, fingere e far finta che la realtà del mondo sia come loro l’immaginano. Da tempo ai miei venticinque lettori avevo segnalato la rivista atlantista e bellicista Raids, pur non condividendo il tono entusiasta e propagandistico ho più volte fatto riferimento alle immagini e agli articoli colà contenuti. Quella è guerra e va chiamata col suo nome, fuggire dalla realtà non è una medicina ma un viatico per la follia e per attirare su di sé nuove disgrazie. Del resto da tempo il Belpaese si è addormentato, vive il suo incubo con l’incoscienza e l’inattività di un tale che è imbottito di sedativi e calmanti. Ormai tutti i problemi sono questioni private, o nella migliore delle ipotesi questioni amministrative di corretto uso della cassa pubblica; la politica è ormai il privilegio di chi vive di essa e la sedicente società civile è tagliata fuori, e forse nemmeno ci prova, dalla possibilità di comunicare e di cambiare  qualcosa nella presente situazione. Tutto quello che è spettacolo, divertimento, festa, idiozia, tifo calcistico occupa le menti dei molti; la politica non può essere scissa facilmente dalle forme nelle quali si confeziona per il vasto pubblico la notizia o lo spettacolo, o il facile scandalo da dar in pasto alla pubblica riprovazione. Non c’è una vera capacità di pensare o di assumersi delle responsabilità collettive, non c’è quasi una dimensione di comune identità se non in vuote parole, in esercizi di retorica, nei gesti quotidiani, nel ricordo di tempi lontani.  Le genti del Belpaese pensano a sé stesse e alle loro limitate risorse, ai problemi quotidiani, alla crisi e al proprio male di vivere, e ai loro piccoli piaceri quotidiani.  Cosa potrebbe aggiungere la parola guerra se venisse usata tutti i giorni: fastidio, serietà, comprensione, odio per il diverso? Non lo so, ma una cosa grossa come questa non può essere lasciata alla dimensione di quello spettacolo integrato che è il miscuglio di calcio, tifo, vicende giudiziarie, sentimentali ed erotiche di VIP veri o presunti tali, immagini dal mondo, balle in libertà ed esercizi di retorica. Prima o poi andrà a finire come nella serie classica di Capitan Harlock: l’umanità rincretinita, corrotta, dissoluta e mal governata si ritrova con un’invasione aliena vecchio stile, da cinema degli anni settanta. A quel punto entra in azione l’eroe con i suoi mezzi e il suo seguito…Ma il Belpaese non è un cartone animato.

IANA per Futuro Ieri




15 settembre 2008

UNA LEZIONE DA CAPITAN HARLOCK

Quando ero alle elementari venne trasmessa da Raidue la serie televisiva di Capitan Harlock, quella classica contro le Mazoniane e Raflesia, per capirsi. Era l'anno 1978, o così mi pare. Il capitano se la doveva vedere con l'invasione aliena dall'esterno e con l'imbecillità tutta interna di una razza umana e di un governo terrestre imbelle e dissoluto. Il genere umano nella finta leggenda eroica è descritto rincretinito fino all'inverosimile da programmi televisivi programmati per stordire la gente e tenerla quieta ed è tenuto in uno stato d'ignavia da una politica tutta fatta d'immagine e divertimenti. Erano gli anni settanta e la critica a certe degenerazioni potevano venir espresse in questo modo caricaturale e semplicistico ma non privo d'efficacia. Come curioso del genere mi sono sempre chiesto se il creatore di Harlock il famoso maestro del fumetto giapponese Leiji Matsumoto non si sia ritrovato tra le mani un personaggio così enorme da essere quasi ingestibile, specie in questi ultimi anni in cui quel tipo di personaggio reccentemente riproposto ha sprigionato l'entusiasmo di molti. Mi dimentico sempre che si dovrebbe usare il plurale perchè in realtà gli eroi sono sempre tre in queste storie: il capitano, il suo amico che ha costruito l'Arcadia, e la nave del capitano, giocati in modi, forme e tempi diversi. Comunque dai remotissimi anni settanta, che avevano ben più solide utopie viene, in una forma strana ma non ingenua, questo monito volto a diffidare di una corruzione generalizzata del costume pubblico per via televisiva, perchè il pericolo è di non saper più distinguere nulla e nello stordimento di ritrovarsi come collettività incapaci di difendersi dai nemici esterni come da quelli interni. Così è qui in Italia dove il nostro paese, solito vaso di coccio fra vasi di ferro, vive una finta spensieratezza proprio mentre emergono nel Mediterraneo e sul Pianeta Azzurro scenari economici e geopolitici da spavento. Ma la nostra televisione rassicura e ostenta: veline, belle donne, il calcio a dosi da pregiudicare il cuore e la salute mentale dei tifosi, giochi televisi con premi, chiacchere a tutte le ore e ogni tanto qualche persona pazzoide sbattuta agli onori della cronaca per una strage o per qualche infanticidio. Eccola lì la lezioncina del capitano, l'eroe della mia lontana infanzia: diffidare dei poteri che campano sull'imbecillità dei molti, sulla viltà, sul facile divertimento. L'essere cretini non salva se stessi come non salva gli altri quando qualche grave sciagura cade, il caso in questione era proprio quello, sul pianeta azzurro. Il capitano sfregiato e guercio aveva dalla sua l'equivalente fantascientifico di Excalibur la spada dei re (mi riferisco a Computer&astronave da guerra) e una compagnia di seguaci e fedelissimi da far invidia alla Compagnia dell'Anello del "Signore degli Anelli". Il che non è male per chi deve affrontare innumerevoli nemici e pericoli, il maggiore dei quali è l'idiozia dei propri simili. Qui effettivamente c'è poco da dire o da fare: l'impresa eroica è per coloro che sono prossimi o simili agli Dei come nel mondo degli antichi. Tuttavia fuori dal facile gioco delle comparazioni c'è qualcosa che può far pensare e andare oltre la finzione della serie animata. A quanto pare l'eroe, e questo tipo di eroe in particolare, che si pone ai margini della società per salvare il salvabile ai molti ancora piace, si riconosce ad esso un valore, si riguarda con piacere le sue vecchie avventure. Nonostante gli anni settanta siano finiti da tre decenni o quasi questo romanticismo eroico, e a tratti spudoratamente nicciano, prende, suscita emozioni, a suo modo convince. C'è fame di eroi finti, virtuali o di celluloide perchè quelli veri sono invisibili, inesistenti o trovate pubblicitarie. Il mondo delle meschinità televisive non riesce a cogliere tutto il mistero dell'essere umano e le sue pericolose profondità psichiche, ciò che non appartiene a questo mondo di nani, veline e ballerini alla fine ci salverà.  Forse è questa la lezione di Harlock. O forse no. Comunque sia questo credo di aver trovato ripensando alla cosa a distanza di trent'anni.
Per avere l'invincibile capitano pare si debba aspettare il 30° secolo.
Chi vive qui e ora dovrà far a meno di lui. Dovrà far da sè, meglio se non da solo.

IANA per FuturoIeri

Post Scriptum
La versione che andò in onda un trentennio fa a detta degli esperti del settore ebbe dei tagli, la cosa è nota. Di questo mi pare  si trovi traccia anche su Wikipedia, comunque ho comprato a suo tempo la versione integrale e mi sono rifatto una mia idea da lì.




15 luglio 2008

LA GRANDE ILLUSIONE

Non passa giorno in questo ultimo mese di luglio del 2008 che un nuovo tassello si va ad aggiungersi ai molti che rappresentano questa crisi economica e di risorse enegetiche che s’annuncia grave e duratura. Non è una facile profezia la mia ma l’evidenza di un fatto.

Il pianeta azzurro nel quale è collocata questa umanità dissoluta e violenta ha grandi risorse ma esse sono limitate. Il modello economico che ci è stato contrabbandato per vero esige crescite illimitate. Il consumismo nella sua versione capitalista prevede crescite e consumi illimitati su un pianeta che ha disponibilità grandi ma limitate. Quindi arriva il momento in cui o giungono mirabolanti scoperte che permettono l’accesso a nuove fonti energetiche e nuove risorse, oppure il sistema si ferma, si stronca, collssa, muore. Molti anche nel Belpaese si sono illusi, hanno avuto vera fede nel conto corrente e nei miracoli che venivano promessi dalla televisione e dalla pubblicità. Molti hanno creduto anche al miracolo totale di una crescita infinita in presenza di risorse limitate, e ad una pax Anglo-Americana che si presentava come potentissima invece essa, come tutti i domini imperiali, era il solito castello di sabbia tenuto assieme dal valore degli eserciti e dalla fortuna in guerra.

Oggi che da sette anni continua la guerra afgana  e da cinque va avanti la tragica avventura irachena, c’è da chiedersi cosa sono le capacità imperiali del mondo Anglo-Americano, e chi sono poi i loro nemici. Ci dicono che sono terrroristi e mercenari pagati un tanto a strage ma come possono dei delinquenti resistere per anni a una simile potenza se non avessero dietro una popolazione compiacente e finanziatori occulti. Contro chi il sedicente occidente, sa portando avanti questa lotta? Chi sta davvero portando avanti questa guerra contro l’enorme potenza Anglo-Americana?

Una cosa è certa le certezze dei nostri senescenti e abbienti benpensanti stanno franando come i castelli di sabbia, il piccolo mondo antico “italianoide” tutelato rozzamente dal gigante americano, ammesso che abbia mai avuto questa intenzione, è un cadavere putrefatto che emana il suo fetore. Con la crisi economica anche la promessa del grande paese della cuccagna liberal-capitalista dove si beve, si mangia si fa all’amore e non si lavora sta venendo meno e montano tentazioni autoritarie nel gestire la cosa pubblica. Per ora i nostri rappresentanti del popolo se la prendono con minoraze etniche che hanno pochissimi amici e ai più risultano impresentabili, basterà questo assieme a qualche mancia e a qualche carta di povertà a contenere la crisi? Non credo.

Occorre costruire una vera Comunità Europea sul continente senza l’elemento estraneo della civiltà anglofona, alla quale del resto basta l’estensione degli oceani per sentirsi a casa e di questo piccolo continente non sa che farsene.

Sa solo usarlo come mercato e il Belpaese nello specifico come portaerei per le sue guerre contro i popoli dell’est e del Medio-Oriente. Del resto gli inglesi pur essendo nella Comunità Europea rifiutano l’Euro, molti sudditi di su maestà vorrebbero uscire dalla Comunità. Gli irlandesi interrogati come popolo hanno chiaramente e radicalmente espresso la loro ferma volontà di rimanere estranei e separati dal Vecchio Mondo. Basta menzogne si guardi la realtà per quello che è l’Occidente non esiste, l’Europa invece può essere.

Forse diventeremo lo stesso poveri. In quel caso sfortunato con una Comunità degna di questo nome, e non con la presente grottesca sua caricatura, saremo almeno noi stessi. Non è poco

IANA per Futuroieri



sfoglia     giugno        agosto
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email