.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


27 aprile 2009

Note libere sulla prima puntata della serie classica di Capitan Harlock

Il Belpaese: quarantanove passi nel delirio

Note libere sulla prima puntata della serie classica di Capitan Harlock

Alle volte il passato gioca brutti scherzi. Così mi capita di ripensare alla prima puntata di un vecchio cartone animato dell’infanzia. Mi riferisco alla prima puntata di Capitan Harlock , anno di produzione 1978, trasmesso in Italia nel 1979; se ricordo bene. Forse erano anni dove il vento dell’utopia e della liberta ancora si sentiva, o forse semplicemente certi stereotipi wagneriani e nicciani erano giunti fin nel lontano Giappone e là aveva trovato buone possibilità. Del resto nel 1999, dopo vent’anni, è stata prodotta la serie Harlock e l’anello dei Nibelunghi, libera trasposizione fantascientifica della trilogia Wagneriana con non poche licenze poetiche, per non dir di peggio. L’eroe  Harlock si muove dentro una situazione estrema deve proteggersi dai nemici esterni, le terribili aliene mazoniane, e da quelli per così dire interni ossia il governo terrestre. Governo rappresentato da una democrazia imbelle e dissoluta, autoritaria e nello stesso tempo corrotta e indolente che non trova di meglio che rincretinire i suoi cittadini con le trasmissioni televisive che trasmettono messaggi ipnotici e che per quieto vivere rifiuta perfino di prendere in considerazione l’invasione aliena imminente. Il fumetto e la serie televisiva da subito ci presentano l’eroe ribelle, piratesco, solo contro tutto e tutti con la sua “corrazzata spaziale” Arcadia e  armi potentissime e un coraggio che va oltre la temerarietà. Un eroe che lascia il suo messaggio alla fine di due lunghi e tormentati anni di guerra a un pugno di fedelissimi disposti dopo tante terribili prove a ricostruire l’umanità e a vivere in un pianeta devastato dai bombardamenti.  Davanti a lui l’umanità imbelle e dissoluta per la quale tuttavia, ha anche  una figlia adottiva e una storia personale legata al pianeta Azzurro, è deciso a battersi con il suo pugno di fedelissimi. Mi fermo su un punto di questa serie: il governo terrestre. E’ evidente, chi confronta la serie televisiva con il manga lo capisce subito, che l’autore ha pensato una figura eroica contrapposta a un potere politico imbelle e corrotto e, per contrasto, tutto il peggio dell’umanità va nel governo imbelle e dissoluto e tutto il meglio nell’eroe solitario. Prova ne sia che le grandi prove eroiche fatte dai personaggi minori avvengono solo se essi  in qualche modo s’avvicinano agli ideali o alla lotta del capitano. L’eroe quindi che sfida l’ignoto e la morte in combattimento e che cerca con la sua lotta di creare un futuro possibile; futuro stritolato da un lato da nemici esterni potentissimi e malvagi e dall’altro dalla decadenza dei poteri pubblici e politici, il contesto è di decadimento che coinvolge anche la natura, una corruzione che dal potere politico si spande fino alla natura e alla vita. Il mare morente della prima puntata, ma nel fumetto su questo aspetto si calca ancor di più la "china", è la rappresentazione palese di questo spandersi della decomposizione. Contro questo senso di morte della vita e della speranza ecco che arriva l’eroe solitario, il singolo, “l’oltreuomo” che può cambiare tutto perché egli stesso è latore dei suoi valori e della sua forza interiore ed esteriore.

Quale riflessione da fare a distanza di così tanti anni. L’dea di fondo che è dietro questa grande favola, che si presenta come tale del resto fin dalla prima puntata, presenta per la nostra cultura europea  una dimensione politica. Se nella finzione del manga o del cartone animato si critica il sistema di produzione e consumo trasposto fra mille anni, la vicenda si svolge nel 2077, allora si finisce con svolgere una critica a tutti i poteri e ai comportamenti dominanti. L’eroe non diventa tanto un sogno o una fantasia ma la rappresentazione di una possibilità dell’essere umano, di una condizione straordinaria. Un condizione che prefigura il superamento del presente per affermare un futuro diverso e possibile. Eppure la figura eroica in questo caso è un prodotto dell’industria dello spettacolo e dell’intrattenimento. Industria che, in questa fortunata serie, saltò oltre la propria ombra.

IANA per FuturoIeri




15 luglio 2008

LA GRANDE ILLUSIONE

Non passa giorno in questo ultimo mese di luglio del 2008 che un nuovo tassello si va ad aggiungersi ai molti che rappresentano questa crisi economica e di risorse enegetiche che s’annuncia grave e duratura. Non è una facile profezia la mia ma l’evidenza di un fatto.

Il pianeta azzurro nel quale è collocata questa umanità dissoluta e violenta ha grandi risorse ma esse sono limitate. Il modello economico che ci è stato contrabbandato per vero esige crescite illimitate. Il consumismo nella sua versione capitalista prevede crescite e consumi illimitati su un pianeta che ha disponibilità grandi ma limitate. Quindi arriva il momento in cui o giungono mirabolanti scoperte che permettono l’accesso a nuove fonti energetiche e nuove risorse, oppure il sistema si ferma, si stronca, collssa, muore. Molti anche nel Belpaese si sono illusi, hanno avuto vera fede nel conto corrente e nei miracoli che venivano promessi dalla televisione e dalla pubblicità. Molti hanno creduto anche al miracolo totale di una crescita infinita in presenza di risorse limitate, e ad una pax Anglo-Americana che si presentava come potentissima invece essa, come tutti i domini imperiali, era il solito castello di sabbia tenuto assieme dal valore degli eserciti e dalla fortuna in guerra.

Oggi che da sette anni continua la guerra afgana  e da cinque va avanti la tragica avventura irachena, c’è da chiedersi cosa sono le capacità imperiali del mondo Anglo-Americano, e chi sono poi i loro nemici. Ci dicono che sono terrroristi e mercenari pagati un tanto a strage ma come possono dei delinquenti resistere per anni a una simile potenza se non avessero dietro una popolazione compiacente e finanziatori occulti. Contro chi il sedicente occidente, sa portando avanti questa lotta? Chi sta davvero portando avanti questa guerra contro l’enorme potenza Anglo-Americana?

Una cosa è certa le certezze dei nostri senescenti e abbienti benpensanti stanno franando come i castelli di sabbia, il piccolo mondo antico “italianoide” tutelato rozzamente dal gigante americano, ammesso che abbia mai avuto questa intenzione, è un cadavere putrefatto che emana il suo fetore. Con la crisi economica anche la promessa del grande paese della cuccagna liberal-capitalista dove si beve, si mangia si fa all’amore e non si lavora sta venendo meno e montano tentazioni autoritarie nel gestire la cosa pubblica. Per ora i nostri rappresentanti del popolo se la prendono con minoraze etniche che hanno pochissimi amici e ai più risultano impresentabili, basterà questo assieme a qualche mancia e a qualche carta di povertà a contenere la crisi? Non credo.

Occorre costruire una vera Comunità Europea sul continente senza l’elemento estraneo della civiltà anglofona, alla quale del resto basta l’estensione degli oceani per sentirsi a casa e di questo piccolo continente non sa che farsene.

Sa solo usarlo come mercato e il Belpaese nello specifico come portaerei per le sue guerre contro i popoli dell’est e del Medio-Oriente. Del resto gli inglesi pur essendo nella Comunità Europea rifiutano l’Euro, molti sudditi di su maestà vorrebbero uscire dalla Comunità. Gli irlandesi interrogati come popolo hanno chiaramente e radicalmente espresso la loro ferma volontà di rimanere estranei e separati dal Vecchio Mondo. Basta menzogne si guardi la realtà per quello che è l’Occidente non esiste, l’Europa invece può essere.

Forse diventeremo lo stesso poveri. In quel caso sfortunato con una Comunità degna di questo nome, e non con la presente grottesca sua caricatura, saremo almeno noi stessi. Non è poco

IANA per Futuroieri



sfoglia     marzo        maggio
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email