.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


4 dicembre 2009

TUTTI AL NO-B-DAY

“No Berlusconi Day”

 

Sabato 5 dicembre 2009, Roma

Piazza della Repubblica - ore 14,00
 

Una Manifestazione Nazionale

per chiedere le dimissioni di

Silvio Berlusconi

 

Una mobilitazione pacifica e autonoma dai partiti,

il primo passo verso una classe dirigente più dignitosa.

I cittadini, al di là della appartenenze politiche,

al di fuori dei partiti, scendono in piazza e chiedono

le dimissioni di Silvio Berlusconi

 

PERCHE’ CHI:

 

NEGA l’uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge

OLTRAGGIA l’etica pubblica e la dignità dell’Italia

ANTEPONE i propri interessi al bene comune

CALPESTA la libertà di informazione

ATTACCA la Costituzione

 

NON PUO’ ESSERE

PRESIDENTE

DEL CONSIGLIO

 

Diretta su Rai News 24 (digitale terrestre e satellite)

 

Il nostro sito: www.noberlusconiday.org

La nostra mail: noberlusconiday@hotmail.it

Su Facebook: www.facebook.com/no.berlusconi.day

 

 

il Gruppo Promotore N.B.D.




30 gennaio 2009

ECCO COSA DICEVANO BERLUSCONI, OCCHETTO & CO. DEI CAPI DI STATO

Visto che tanto – ingiustificato – scandalo hanno suscitato le parole pronunciate l'altro giorno da Antonio Di Pietro in Piazza Farnese (ricolma di gente), criticando il silenzio del Presidente della Repubblica dinanzi all’assalto che viene reiteratamente mosso alla legalità costituzionale, ecco un piccolissimo campionario di cosa si è detto negli ultimi anni dei vari Capi di Stato...

 

Silvio Berlusconi va all' attacco di Scalfaro. Il Cavaliere accusa il presidente della Repubblica per i giudizi espressi sulle prospettive politiche dell' Italia e lo invita ad astenersi da giudizi politici. Dice: "Fino al momento in cui non decideranno di darsi una Repubblica presidenziale e un presidente eletto dal popolo, gli italiani hanno diritto di chiedere al capo dello Stato di rinunciare a giudizi che sono, o possono sembrare, smaccatamente di parte. Con le sue parole agevola la sinistra". [Corriere della Sera 23/12/1993]

Tatarella (Ministro del Governo Berlusconi n.d.r.) mercoledi' aveva distribuito ai giornali la seguente manganellata: "Nella maggioranza c' e' chi non accetta la diarchia con il capo dello Stato e vuole invece andare all' attacco... Va a finire che troveremo scritto sui muri non piu' "W Borrelli" ma "Salabe' "... Si sta tentando un' operazione antidemocratica... Si vuol fare il ribaltone contro le indicazioni del voto popolare". Insomma, una chiara intimidazione sul fronte dell' affaire Sisde, condita da accuse di golpismo bianco che riecheggiano le parole usate dal forzitalista Fabrizio Del Noce. [Corriere della Sera 25/11/1994]

Basta attacchi a Scalfaro. E' un coro all'indomani delle violente polemiche innestate dal Polo. Anche se Berlusconi non intende fare marcia indietro dopo la gaffe di Cossutta che ha riferito - e poi smentito - di un presidente della Repubblica che mette in guardia il leader dei Comunisti italiani dal pericolo dell'avanzata delle destre... Il leader del Polo tuttavia insiste. E annuncia che una "commissione di saggi" deciderà le eventuali iniziative del Polo nei confronti del presidente della Repubblica. [la Repubblica 19/10/1998]

All' improvviso si materializza l' ombra del "golpe". Achille Occhetto a Firenze attacca Cossiga: "Quel che dice l' ex presidente, che di carabinieri se ne intende, e' inquietante. In mancanza di una volonta' politica continuano a esistere poteri forti, come i carabinieri, che sono persone perbene ma che potrebbero aver voglia di fare qualcosa". [Corriere della Sera 23/03/1993]

Ma la prima contestazione di massa a un capo dello Stato e' molto piu' recente: risale a cinque anni fa e ha per protagonista il Pci. Il 17 novembre del 1990, ancora un sabato, anche se l' assedio alla "citta' dei misteri", organizzato da Achille Occhetto nel tentativo di piegare le resistenze di quel "pazzo" di Cossiga, si fermo' a un' altra storica porta di Roma: quella di piazza del Popolo. Erano i giorni tormentati di Gladio. E contro il presidente della Repubblica "picconatore", picchiavano davvero duro i comunisti non ancora del tutto pidiessini. E non soltanto loro. "E la prima manifestazione del Partito democratico della sinistra? E la prova di una non scalfita forza comunista, la scesa in campo di una forza antagonista?", s' interrogava con enfasi l' Unita' , aprendo la cronaca della "manifestazione dei quattrocentomila". Una marcia, ribadiva il titolone, "per liberare l' Italia dai poteri occulti". [Corriere della Sera 03/12/1995]

 

Amici dell’Associazione Futuro Ieri – http://digilander.libero.it/amici.futuroieri/greppia.htm




14 novembre 2008

QUANDO LA CACCA CI AVRA’ SOMMERSO, NASCEREMO SENZA NASO (ALTAN)

Prima il “venerabile” Licio Gelli che si complimenta con la sua matricola 1816 Silvio Berlusconi e col Governo delle... Libertà (vedi la liberale sentenza di ieri su Genova 2001)... per la fedele realizzazione del Piano di Rinascita Nazionale, alias golpe della P2. Poi Marcello Dell’Utri che dichiara di considerare la Commissione Antimafia un costoso balocco, quindi la nomina d’imperio, da parte del Pdl, a presidente del sopradetto giocattolo di una new entry della casta: Beppe Pisanu, collega e sodale di Cossiga fin dagli anni ’60 e dopo forzitaliota.

Ieri la nomina a presidente della Commissione vigilanza Rai di tale Villari ignoto a chiunque, da non confondere con lo storico e intellettuale Rosario e col famoso studioso del Meridione Pasquale a cui sono intitolate alcune vie italiane.

La vicenda di questo Riccardo Villari è paradossale. I Berluscones scrutano la persona giusta, quella che - diciamo - faccia al caso loro, ci scambiano due parole, danno un’occhiata al curriculum, ok se po’ fa’. Basta? Ancora no, e allora una telefonata al sempre sull’attenti Baffino D’Alema per avere il via libera a silurare il dipietrista Orlando. Sì, sì. Così facciamo tutti un bel giochetto che dà una lezione allo scomodo Di Pietro e fa uno sgambetto a Veltroni tanto per ricordargli la necessità del... dialogo.

Tutto va bene Madama la Marchesa, come al solito nell’Italia di Pulcinella.

Siamo messi così male che la dilagante crisi economica da noi porta un’allegria come la festa del Palio di Siena!

 

Amici dell’ Associazione FUTURO IERI

http://digilander.libero.it/amici.futuroieri/vaini.htm




10 ottobre 2008

LODO ALFANO: COMINCIA LA RACCOLTA FIRME PER IL REFERENDUM

LODO ALFANO: PARTE REFERENDUM

IdV e sinistra insieme ma l'11 ottobre manifestazioni separate

 

(ANSA) - ROMA, 7 OTT - L'11 ottobre comincera' ufficialmente la raccolta delle firme contro il Lodo Alfano. Ad annunciarlo e' il leader dell'Idv Antonio Di Pietro. Alla conferenza stampa a Montecitorio c'erano anche Arturo Parisi del Pd ('ma non sono qui a nome del mio partito'), il segretario del Prc Paolo Ferrero, Carlo Leoni della Sinistra Democratica e Manuela Palermi del Pdci. Ma l'11 ottobre, giorno del via, ci saranno manifestazioni separate. A quella della sinistra dovrebbero aderire anche i Verdi.

 

 

Il Lodo-Alfano è una legge fatta per delinquere in libertà da parte dell'attuale premier e per non farsi processare. La libertà i cittadini la perdono in questa maniera, poco alla volta, concessione dopo concessione. Il governo ve lo sta già dimostrando, dopo il Lodo per le 4 cariche dello Stato passato nell'indifferenza di molti ora si avanzano nuove pretese arroganti che calpestano i principi della costituzione, della democrazia e della tua libertà. Arrivano richieste per il Lodo-Consolo per i ministri, arriva l'estensione del Lodo per Mills, chissà che non arrivi il Lodo anche per qualche criminale. Non lasciarti sfuggire di mano la tua libertà. Firma in una delle piazze per il referendum contro il Lodo Alfano. Hai il dovere di fermare la dittatura Berlusconi IV.

 

 

LE GIORNATE DELLA LEGALITA':

 

Roma - Sabato 11 ottobre 2008

 

In Piazza Navona dalle ore 10:00 alle ore 20:00 saranno raccolte le prime firme per il Referendum.

Durante la giornata si alterneranno artisti di strada, cantanti, gruppi musicali e personalità del mondo sociale, politico e culturale.

A partire dalle ore 15:00 inizieranno gli interventi e gli spettacoli con le performance di Andrea Rivera, Enrico Capuano, Tammurriata Rock, Enzo Avitabile e Simone Cristicchi.

Antonio Di Pietro, Beppe Grillo, Marco Travaglio, Massimo Fini interverranno verso le ore 17:00.

Inoltre: sempre Sabato 11 ottobre tutti coloro che hanno a cuore le sorti della democrazia del nostro Paese manifestano a Roma, in Piazza della Repubblica dalle ore 14, uniti (si spera) contro le politiche di questo Governo e più specificatamente contro le scelte razziste, gli attacchi all'indipendenza della magistratura, al ruolo contrattuale del sindacato ed alle conquiste del mondo del lavoro, alla democrazia ed ai valori dell'antifascismo ed al ruolo istituzionale ed alla scuola pubblica ed alla sua funzione sociale.

 

Cagliari - 16/10/2008

Trento Bolzano - 18/10/2008

Napoli - 19/10/2008

Roma - Piazza San Giovanni 25/10/2008

Milano - 26/10/2008

LAquila - 1/11/2008

Genova - 7/11/2008

Torino - 8/11/2008

Potenza - 21/11/2008

Bari - 22/11/2008

Campobasso - 23/11/2008

Pescara - 28/11/2008

Ancona - 29/11/2008

Udine - 5/12/2008

Bologna - 6/12/2008

Venezia - 7/12/2008

Perugia - 12/12/2008

Firenze - 13/12/2008

Cosenza - 14/12/2008
 
Amici di FUTURO IERI  ( http://digilander.libero.it/amici.futuroieri )




9 luglio 2008

PIAZZA NAVONA E LA LINFA PER NON PIEGARE LA SCHIENA

Manifestazione eccezionale, quella di ieri pomeriggio a Piazza Navona organizzata dalla rivista Micromega contro le leggi-vergogna del quarto Governo Berlusconi.
Verosimilmente c’erano circa 80.000 persone, ben oltre quante può contenerne la bellissima Piazza romana, straripante anche nelle vie adducenti, le altrettanto belle vie degli artigiani. A qualche centinaio di metri, nei Palazzi del Potere, orecchi sordi e occhi ciechi continuavano il valzer ipocrita degli abboccamenti e dei tentativi di “dialogo”, o “pizzo” come l’ha ben definito Marco Travaglio.
Se Tonino Di Pietro ha saputo, devo dire con garbo e creanza, gettare il manto sulla folla è solo e soltanto perché, ad oggi, rappresenta l’unica vera ed efficace opposizione parlamentare e popolare a Berlusconi. Personalmente spero anche in un risveglio dei sindacati, confederali, di base o autonomi, affinché a loro volta sappiano fare la propria parte, evidenziando una (responsabile ma tosta) opposizione sociale al tentativo in atto di scardinare pian piano tutti i servizi pubblici. Troppo chiedere?
Stamani, di levata, al giornale radio - forse assonnato - ho ascoltato incredulo i resoconti del “No Cav. Day”. Sarà stato il sonno, per una dormita notturna un po' ridotta, ma mi sono domandato quale manifestazione avessi visto. Dubbio mattutino: sono io dissociato, o sono questi giornalai che vogliono prendermi per i fondelli? Mi stropiccio gli occhi, bevo un buon caffellatte e ripenso a quanto ascoltato, ovvero che Beppe Grillo avrebbe insultato il Quirinale - lesa maestà moderna -. Ma quale insulti, Beppe ha soltanto detto, fra gli applausi scroscianti dei presenti, «Ve lo immaginate Pertini avallare una legge che lo pone al di sopra di tutti gli altri cittadini, in contraddizione col fondamentale principio che i padri costituenti vollero all’Art. 3 della Carta costituzionale? Ma neppure Scalfaro o Ciampi l’avrebbero mai fatto!». Ecco, tutto qua. Eppure a sentire i commenti di oggi, pare una piazza eversiva. Quando di eversivo c’è invece quello che si sta architettando a Palazzo Grazioli/Chigi. Mondo capovolto. Si capisce concretamente perché è urgente battersi per un’informazione autonoma e indipendente.
Può darsi che la simpatica Sabina Guzzanti si sia lasciata prendere un po’ la mano, ma su quel palco non c’erano canovacci già scritti o paletti imposti. E sappiamo, oggi, quanto la libertà di pensiero sia un lusso, quasi sovversivo e infatti considerato da qualcuno sedizioso.
Questa una giornata di aria pura, senza scorie né tossine. Sarà stato il ponentino che provenendo dai colli voleva a suo modo depurarli???!!!


Amici di Futuro Ieri 
http://digilander.libero.it/amici.futuroieri/nove.htm



sfoglia     novembre        gennaio
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email