.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


5 febbraio 2009

A proposito di legge elettorale: parla come mangi

 

Ma quando fu solo, Zarathustra parlò così al suo cuore “E’ mai possibile! Questo santo vecchio nel suo bosco non ha ancora sentito dire che dio è morto!” .( Friedrich Nietzsche, Così parlo Zarathustra )

La Morte di Dio. Patria e Famiglia

A proposito di legge elettorale: parla come mangi

Alla fine, in questo piovoso inizio di febbraio, dalla triste commediaccia rozza e mal recitata è uscito fuori il proposito politico del PD-PDL: farla finita con i partiti minori e governare le cose della politica italiana con circa il 70% degli elettori. Liste civiche, partitini minori di destra e di sinistra non sono una banda di casinisti ma una parte della popolazione italiana che esprime in quei termini politici la sua lettura della realtà e le sue speranze. Certamente si possono trovare molte magagne e cose strane in queste piccole realtà politiche ma l’obbiettivo della nuovissima legge elettorale è farle fuori togliendo loro visibilità, potere politico, finanziamenti. E’ davvero una cosa ai limiti estremi della democrazia pensare di cambiare una legge elettorale in questo senso nell’imminenza delle prossime elezioni europee; anzi più che una ripetizione dell’inciucio è una vera e propria imboscata, è una legge contro dei soggetti politici deboli fatta da soggeti politici forti. Quanto può reggere una democrazia se i soggetti politici forti lavorarono per far queste imboscate parlamentari ai soggetti politici deboli. Patrono e regista dell’operazione è Veltroni in accordo con Berlusconi, cosa auspicare per lui se non un bel contrappasso dantesco e di ritrovarsi un bel giorno nelle stesse condizioni delle sue vittime di oggi. Sarebbe anche ora che almeno quella parte d’Italia che sta per essere deufraudata della rappresentanza politica aprisse gli occhi su cosa è diventato oggi il Belpaese e su quanto esso sia ormai  logorato e sconvolto fino all’inverosimile. Basta un Beppe Grillo qualunque per mettere in allarme il sistema della politica e del giornalismo, da questa semplice constatazione è evidente che questa legge non è frutto della forza ma della debolezza di quel che resta dei partiti e delle istituzioni nel Belpaese. Post-fascisti e post-comunisti dovrebbero seppellire per un poco l’ascia di guerra e far conto di dover affrontare le vere forze totalitarie di questo inizio di nuovo millennio che sono l’irresponsabilità del potere e il dominio dell’economia su tutti gli aspetti della vita umana. A questo punto di fronte alla certissima sparizione o trasformazione delle vecchie identità politiche che cosa augurarsi se non di andare fino in fondo. Il tempo delle mediazioni è finito, il progetto politico in Italia è certissimo e ben delineato: creare due grandi partiti alla maniera democristiana che governano in alternanza il potere. Proprio il concetto della presa del potere politico è centrale per rendere stabili questi grandi contenitori di singoli personaggi e di gruppi che rivendicano i loro particolari interessi. E’ ora che i molti che fanno politica abbandonino per onestà e chiarezza il solito, logoro, disgustoso, indegno linguaggio politico retorico, roboante e falso.

Parlino lorsignori come mangiano: Siamo qui per il potere.

Le anime belle e gli spiriti puri s’arrangino!

IANA per FuturoIeri



sfoglia     gennaio        marzo
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email