.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


30 novembre 2012

RENZI DI NUOVO BOCCIATO DALLA CORTE DEI CONTI

La Corte dei Conti “richiama” il sindaco di Firenze Matteo Renzi. Da una parte una previsione di spesa del personale non conforme ai limiti previsti dalla legge. Dall’altra metodi “contabilmente” non corretti e non previsti dalle normative per arrivare al pareggio finanziario nel bilancio: una “reiterata irregolarità contabile – scrivono i magistrati contabili fiorentini – che oltre ad essere contraria ai principi di sana gestione, denota il permanere di una situazione di precarietà finanziaria che richiede l’adozione di particolari misure di adeguamento delle previsioni dell’entrata e della spesa”.

La bocciatura della Corte dei Conti è arrivata con una sentenza di due giorni fa. Per quanto riguarda la spesa del personale il Comune di Firenze ha previsto un totale per alcune tipologie contrattuali (cioè quelli a tempo determinato) che “risulta superiore al 50 per cento dell’importo totale della spesa sostenuta per le stesse finalità nell’anno 2009 (o triennio 2007/2009) (120,26%)”.

Una situazione che “risulta aggravata dalla previsione nell’anno 2012 di nuove assunzioni di personale, rinnovi, proroghe dei contratti a tempo determinato. Ciò costituisce una grave irregolarità contabile in quanto in contrasto con la normativa e con i principi generali ai fini del coordinamento della finanza pubblica” scrive il collegio di 4 magistrati.

Poi la parte del patto di stabilità interno che, dopo un precedente rilievo della magistratura contabile, sarà al vaglio dei revisori. “L’impostazione del bilancio pluriennale – scriveva la Corte dei Conti nella ‘grave irregolarità’ sottolineata in precedenza – per le annualità 2013 e 2014 non garantisce il rispetto del patto di stabilità e costituisce una grave irregolarità contabile per cui è necessaria l’assunzione immediata di idonei atti di correzione e l’eventuale rideterminazione delle previsioni di bilancio”. In più i giudici rilevano “il mancato rispetto del vincolo di destinazione” per i soldi incassati con le multe e con i servizi aggiuntivi di trasporto pubblico... [ da www.ilfattoquotidiano.it ]




31 ottobre 2007

EMERGENZA INCENERITORI

Il partito della diossina non si è sciolto anzi lavora al suo progetto di costruire 100 inceneritori in Italia, uno per provincia. La salute viene dopo gli affari e i guadagni. Questo era e resta uno dei punti programmatici principali del PDS e si nasconde dietro un ambientalismo di facciata.

L'attacco alla salute pubblica fatto il 4 ottobre da Bersani con la sua richiesta di sanzioni disciplinari contro l'Ordine regionale dei Medici dell'Emilia Romagna è una emergenza democratica e deve servire a far prendere coscienza dell'emergenza sanitaria che si legge nelle ricerche medico/scientifiche in materia che molti medici hanno reso pubblico.

Bersani rappresenta nel Governo Prodi il mantenimento dei finanziamenti truffaldini dei CIP-6. Anche noi ci uniamo, forse con un po' di ritardo alla denuncia dei veri difensori della salute degli italiani tra i quali spiccano Beppe grillo e il dottor Montanari. Ricordiamo che essi sognano di realizzare un inceneritore a Campi Bisenzio!

Associazione Futuro Ieri

 

Per vedere nel dettaglio la polemica e la vicenda clicca su:

http://digilander.libero.it/amici.futuroieri

quindi clicca sulla casella GREPPIA ITALIA



sfoglia     ottobre        dicembre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email