.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


19 gennaio 2011

PUTTITALIA ALL'EPILOGO

Qualche anno fa abbiamo inventato PuttItalia, la cronaca di potenti che si abbrutiscono nei modi più squallidi.
Oggi PuttItalia è all’epilogo finale, un Paese a puttane moralmente, economicamente e soprattutto politicamente! Si salvi chi può.
 
P.S.  Solo una cortesia, non chiamatele "Escort", "Ragazze immagine", "Veline", ecc., chiamatele col loro nome: prostitute.
 
 
Associazione FUTURO IERI - http://digilander.libero.it/amici.futuroieri
 




29 novembre 2010

SEGRETI INCOFFESSABILI E DEMOCRAZIA TRADITA

Riportiamo, tradotte in italiano (Google Traduttore), le parti finora pubblicate da WikiLeaks concernenti l'Italia. Senza alcun commento o responsabilità per quanto ivi espresso.


 
By: http://cablegate.wikileaks.org/index.html
 
 
SUBJECT: STAFFDEL KESSLER DISCUSSES IRAN WITH MFA, ENI, PD
 
Classified By: DCM Elizabeth Dibble for reasons 1.4 (b) and (d)
 
SUMMARY
-------
 
1. (C) Staff Director of the House Foreign Affairs
Committee (HCFA) Dr. Richard Kessler and HCFA staff members
probed senior MFA and energy and gas parastatal Eni officials
on Italy's intentions concerning Iran sanctions and prospects
for effective multilateral action to curb Iran's nuclear
program.  Opposition Democratic Party (PD) officials
discussed Iran, Italy's role in Afghanistan, the MEPP, Iraq,
and nonproliferation with the Staffdel.  End Summary.
 
IRAN DOMINATES MFA TALKS
------------------------
 
2. (C) A January 8 roundtable discussion with Dr. Kessler
and three HCFA staff members at the Ministry of Foreign
Affairs (MFA) included MFA Director General for Multilateral
Political Cooperation Stefano Ronca, Ronca's Deputy Filippo
Formica, and  Deputy DG for Economic Cooperation Claudio
Spinedi.  Office Directors Massimo Marotti
(Political-Military Security and NATO Affairs); Diego
Brasioli (G8 Issues and Global Challenges); and Giovanni
Pugliese (Arms Control and Nonproliferation) also
participated. After the roundtable the Staffdel had a meeting
with MFA Deputy SecGen and Political Director Sandro De
Bernardin.  Post was represented by the Charge, Pol-Mil
Counselor and Poloff (notetaker).
 
3. (C) Ronca believes the deteriorating situation in Iran
will soon come to a head and that the UNSC should convey to
Iran that delay tactics will not work and support this
position by readiness to adopt further pressure.  Ronca and
Spinedi told the Staffdel Italy is ready to explore, with its
EU colleagues, the possibility of further sanctions, which,
however, must conform to EU regulations, and not affect the
legal rights of European companies.  Ronca suggested that the
Iranian financial, oil and gas, and insurance sectors (but
not the Central Bank) could be targeted and that the list
sensitive products on the export ban list could be expanded.
 
4. (C)  Spinedi, who (with Formica) attended the October 7
Washington meeting of "Likeminded States on Iran," started by
briefly alluding to Italy's longstanding complaint of
exclusion from P5 1.  Spinedi pointed out we needed to
determine what kind of sanctions would be acceptable to China
and Russia, adding that even at the beginning of January,
China's UN ambassador said that China "needed more time,"
which, Spinedi noted, was not a total rejection of tougher
sanctions.  Spinedi advocated strengthening what already
exists and deciding where we are willing to exert additional
pressure (especially in the oil and gas sector).  It would be
important to determine which technologies others (e.g., China
and India) are willing to provide and embargo those which
they cannot.  Spinedi acknowledged that Italy had not yet
imposed legally binding sanctions, but that the GOI had
successfully used "moral suasion."
 
5. (C) Spinedi noted that sanctions proposed by the U.S. at
the October 7 Likeminded meeting included targeting the
Iranian Revolutionary Guard Command (IRGC), but did not
include an embargo of refined oil and gas products.  Spinedi
echoed Ronca in saying that in the coming months Italy will
need to see how the rest of the Europe will approach new
sanctions.
 
6. (C) MFA Deputy SecGen Sandro De Bernardin told the
Staffdel that Italy was well aware of the danger posed by
Iran and supported a "firm line."  De Bernardin noted Eni's
considerable investments in Iran and characterized Italy's
"moral suasion" efforts to wean Iran away from its nuclear
ambitions as a "significant success."  On sanctions, De
Bernardin stated that Italy was prepared to assume its "share
of responsibility," but that sanctions are a means of
pressure, not a goal; effective ones must be found. In De
Bernardin's view, U.S.domestic legislation should not
negatively affect other countries and the presidential waiver
has been useful in the past; he hoped it will still figure in
the future.
 
7. (C) Kessler encouraged Italy to continue and reinforce
 
ROME 00000087  002.2 OF 003
 
their past efforts.  De Bernardin agreed that if Iran gets
the bomb, then others will seek to acquire nuclear weapons
too and that the Iranian regime must realize there is a heavy
price to be paid for persisting in non-compliance. "  De
Bernardin reiterated Italy's support for openess to dialogue
in addition to pressure, or the dual-track approach, and that
"putting Iran in a corner" is not the same as "cutting it
off" and characterized Italy as a "crucial player," essential
to catalyzing consensus in Europe. He added that, given
Iran's critical domestic situation, the regime was not in a
position to decide anything.
 
KEY TO SUCCESS IN AFGHANISTAN
-----------------------------
 
8. (C) With regard to the critical situation in
Afghanistan, Ronca acknowledged that we must strengthen the
military aspect of the campaign, but that institution
building and engaging President Karzai on fighting corruption
must not be neglected. On the security side, Ronca said that
Italy will increase its force by 1000 men during the first
half of 2010 and that its Afghan National Police (ANP)
training program is a first priority.  As for civilian
engagement, Italy has committed 465 million euros in various
civilian sectors, including health, education, and justice.
Ronca and Marotti stressed the need for better coordination
of civilian and military activities as an issue that should
be on the agenda of the January 28 London NATO conference.
Ronca noted that reaching out to insurgents was a task that
should also be pursued. The Italians stressed the need for a
long-term development strategy based on Afghan priorities,
but which would also include private sector involvement and
the development of good governance.
 
CENTER LEFT PD AIRS FOREIGN POLICY POSITIONS
--------------------------------------------
 
9. (C) Head of the opposition Partito Democratico's (PD)
Foreign Policy Department Piero Fassino told the Staffdel the
PD supports President Obama's initiative  to dialogue and
build bridges with the Islamic world, but is very concerned
about the blocked MEPP and the "new wave of terror" in
Afghanistan.  As for Iran, the PD supports pursuing a
negotiated solution, but Fassino questioned whether the
current leadership is in a position to negotiate credibly.
He suggested it could be useful to change the order of
priorities in Iran; that is, be more flexible on the nuclear
issue, but harder on human rights.  According to Fassino, the
greatest risk with nuclear proliferation is that
irresponsible governments like the one in Iran could gain
access to nuclear arms, adding that the PD assessed that
there was little to fear with nations such as India, Britain,
and France having nuclear weapons.  He asked whether a
democratic government in Iran might not have a different
position on the nuclear program.
 
10. (C) Fassino said the PD supports the GOI's increased
(military) support for Afghanistan, but stressed that
strengthening civil and governmental institutions and
economic development are equally important.  On the MEPP,
Fassino characterized Netanyahu's proposed 10-month
settlement freeze "a little window of opportunity," but
questioned whether it was enough, given the Israelis' refusal
to discuss (the status of) Jerusalem.  As for Iraq, Fassino
said the stabilization process must be supported; there was
no alternative.
 
ENI JUSTIFIES IRAN ACTIVITIES
-----------------------------
 
11. ( C ) Energy and gas parastatal Eni (Ente Nazionale
Idrocarburi) officials told the Congressional delegation that
it is cooperating to address USG concerns over the company,s
Iran activities, but insisted that it will continue to
fulfill its contractual obligations there. The company
officials said that Eni has understood the USG message to
reduce its presence in Iran, and as a result it has already
decreased its Iran activities to a minimum level. The Eni
officials provided the Staffdel with a copy of the November
16, 2009 CEO Scaroni letter to Ambassador Thorne that states
the company,s position (A copy of Eni's letter was provided
to EEB in November). Referencing this letter, the officials
pointed out that Eni will not undertake new activities in
Iran, including no new activities by its subsidiaries, Saipem
 
ROME 00000087  003.2 OF 003
 
and Polimeri Europa. They added that following Scaroni,s
September 16 meetings in Washington the company also gave up
plans for an MOU with Iran for development of the phase III
of the Darquain oil field. The officials stated that while EU
law prevents the Eni from responding to official requests for
information on its Iran operations, it has been transparent
in informing the USG on a voluntary basis.
 
12. ( C ) The Eni officials stated, however, that Eni
intends to carry out exploration and development activities
in Iran that fall under its contractual obligations there.
The officials acknowledged that this is a &gray area8 due
to the differences of opinion between the company and the USG
over what is &new8 activity and what is &old.8 The
company officials said that they hope to clarify this issue
with Washington during separate meetings in January with
senior officials from the State Department and Department of
Treasury. Pressed for details over the company,s existing
obligations, the officials said that it is under contract to
meet certain targets of (oil) production in order to
guarantee defined levels of production within a given time
frame. They added that Eni must keep a certain threshold of
production in order to recover its investments in Iran. They
also explained that Eni receives periodic (possibly
scheduled) payments by Iran in oil equivalent amounts that
correspond to the attained target levels of production.
 
13. ( C ) The Eni officials admitted the frustrating
difficulties of operating in Iran, but stated that Eni's
priority is to recover its investments there while meeting EU
laws. The officials estimated Eni's total Iran investments at
around $3 billion dollars, of which they said Eni has already
recovered already about 60 percent (or about $1.7 billion
according to one Eni representative). The company officials
said Eni still needs to recover about $1.4 billion from its
Iran operations. They added that &if all goes as planned8
Eni will recover this remainder of its investments by the end
of 2013 or early in 2014. They further explained that Eni's
Iran contracts provide the possibility of extensions if the
company is not able to recover its investments within the
stipulated time frame. The Eni officials cautioned that the
company may face EU sanctions if it withdraws from Iran due
to pressure from USG unilateral sanctions.
 
14. (U) Staffdel Kessler has not cleared this cable.
THORNE
 
 
SUBJECT: SECDEF MEETING WITH ITALIAN FOREIGN MINISTER
FRANCO FRATTINI, FEBRUARY 8, 2010
 
Classified By: Ambassador Alexander Vershbow for Reasons 1.4 (B) and (D)
 
1. (S/NF) SUMMARY: Secretary of Defense Robert Gates (SecDef)
met with Italian Minister of Foreign Affairs Franco Frattini
during an official visit to Rome on February 8.  On
Afghanistan, Frattini was eager to move beyond the London
Conference and work to produce practical results for the
Afghan people.  He proposed better civil-military
coordination at senior levels in NATO, and raised the
prospect of coordination on local projects across the
Afghanistan-Iran border.  SecDef thanked Frattini for Italy's
pledge of more troops for operations in Afghanistan and
explained where gaps in civil-military cooperation existed.
Frattini believed the international community was lining up
against Iran, and encouraged better coordination with
countries outside the P5-plus-1.  SecDef warned that a
nuclear Iran would lead to greater proliferation in the
Middle East, war, or both.  SecDef agreed with Frattini that
a United Nations conference highlighting security challenges
in the Horn of Africa was a good idea.  END SUMMARY.
 
------------
Afghanistan
------------
 
2. (S/NF) Frattini opened by telling SecDef that the U.S. can
count on Italy's full support on Afghanistan, Iran and
fighting terror.  He had recently talked with General Jones
and Secretary Clinton and relayed the same message.  He
expressed a desire to focus on the comprehensive approach in
such a way to improve the daily lives of Afghans.  He
asserted a need to press President Karzai on delivering
improved governance or risk losing support for the mission in
coalition Parliaments.  Frattini wanted to get beyond "just
talking" -- referencing the London conference -- and noted
concrete Italian projects to convert poppy cultivation to
olive oil production and to create a national high school for
public administration.
 
3. (S/NF) SecDef commended Rome's efforts to increase Italian
contributions, asking whether even more Carabinieri might be
available for training the Afghan security forces.  He
observed that General McChrystal's emphasis on protecting
Afghan civilians has changed attitudes among Allied publics.
SecDef said he is pushing the comprehensive approach, noting
a need for all stakeholders in Afghanistan to share
information effectively.  He said he hoped that NATO's new
Senior Civilian Representative, Ambassador Mark Sedwill,
could facilitate this.  SecDef recommended a focus on better
governance below the level of the national government --
which would take decades to turn into a modern government )
taking advantage of traditional institutions and competent
governors at the regional and sub-regional levels and
leveraging them into local success stories.  At the national
level, however, our priority should be to develop those
ministries most critical to our success, such as Defense,
Interior, Finance, Agriculture, and Health.  Noting Gen.
McChrystal's recent statement that the situation in
Afghanistan is no longer deteriorating, SecDef said that much
of the challenge is psychological -- convincing Afghans that
we can win and that we will not abandon them.
 
4. (S/NF) Frattini agreed that civilian-military integration
is the weakest part of the Afghan strategy.  He expressed
frustration that NATO foreign ministers only discuss issues
like agriculture and education while defense ministers only
discuss security.  The problem, Frattini suggested, is that
they don't talk to each other.  He proposed a joint meeting
of foreign and defense ministers, beginning with talks at the
expert level.  SecDef responded that Gen. McChrystal and
Ambassador Eikenberry do civilian-military collaboration at
the national level on the basis of a Joint Campaign Plan, as
do local ground commanders with leaders of PRTs.  What is
missing is the level in between -- the regional commands --
and SecDef expressed a desire for Sedwill to appoint
subordinates to address this in each RC, building on the
 
ROME 00000173  002.2 OF 003
 
example of the civ-mil cell in RC-South.  The effect would be
cascading civil-military coordination at the national,
regional, and local levels.  SecDef noted that similar
efforts by UNSRSG Kai Eide had been hamstrung by resourcing
and the UN's aversion to working with the military.  As a
NATO representative, Sedwill should not have these problems.
 
5. (S/NF) Frattini also asked about practical cooperation
across the Afghan-Iranian border.  Local incentives for
cooperation might undermine weapons and drug trafficking and
help co-opt reconcilable Taliban.  SecDef noted that Iran is
playing both sides of the street -- trying to be friendly
with the Afghanistan government while trying to undermine
ISAF efforts.  He noted that intelligence indicated there was
little lethal material crossing the Afghanistan-Iran border.
SecDef suggested that trade route protection from Afghanistan
into Eastern Iran, which is important for local economies on
both sides of the border, might be a place to start.  SecDef
noted that any effort will need to be coordinated with Kabul.
 Frattini agreed this would be a good starting point.
 
----
Iran
----
 
6. (S/NF) Frattini supported recent public statements by
SecDef raising the pressure on Iran.  He declared that
Ahmadinejad cannot be trusted, especially after contradicting
recent constructive statements by his own government.
Frattini, citing a recent conversation with Russian Foreign
Minister Lavrov, said he believed Russia would support the
sanctions track.  The challenge was to bring China on board;
China and India, in Frattini's view, were critical to the
adoption of measures that would affect the government without
hurting Iranian civil society.  He also specifically proposed
including Saudi Arabia, Turkey, Brazil, Venezuela and Egypt
in the conversation.  He expressed particular frustration
with Ankara's "double game" of outreach to both Europe and
Iran.  Frattini proposed an informal meeting of Middle East
countries, who were keen to be consulted on Iran, and noted
that Secretary Clinton was in agreement.
 
7. (S/NF) SecDef emphasized that a UNSC resolution was
important because it would give the European Union and
nations a legal platform on which to impose even harsher
sanctions against Iran.  SecDef pointedly warned that urgent
action is required.  Without progress in the next few months,
we risk nuclear proliferation in the Middle East, war
prompted by an Israeli strike, or both.  SecDef predicted "a
different world" in 4-5 years if Iran developed nuclear
weapons.  SecDef stated that he recently delivered the same
warning to PM Erdogan, and he agreed with Frattini's
assessment on Saudi Arabia and China, noting that Saudi
Arabia is more important to both Beijing and Moscow than
Iran.
 
8.  (S/NF) SecDef urged Frattini to reconsider a planned
visit to Italy by a prominent Iranian Parliamentarian in the
wake of recent executions of students in opposition to the
government. At the same time, we needed to ensure we did not
discredit the opposition by creating the impression that they
are the tools of foreign partners.
 
--------------
Horn of Africa
--------------
 
9. (C) Frattini expressed concern about deteriorating
conditions in Somalia and Yemen.  He noted a recent
conversation with President Sharif of Somalia's Transitional
Federal Government (TFG), in which Sharif said that he would
be unable to pay his security forces by the end of February.
Frattini said that Italy was encouraging the EU Presidency to
focus on Somalia and Yemen, and had proposed a United Nations
conference addressing Horn of Africa security issues.  Italy
was providing funding to the TFG's national budget. SecDef
concurred that the region deserved more focus.

 

Traduzione: http://translate.google.it/

 

 

OGGETTO: KESSLER STAFFDEL DISCUTE DI IRAN CON MFA, ENI, PD
 
Classificato da: DCM Elizabeth Dibble, per motivi 1.4 (b) e (d)
 
SOMMARIO
-------
  
1. (C) Direttore del personale della Casa Affari Esteri
Committee (HCFA) Dr. Richard Kessler e membri dello staff HCFA
sondato AMF senior e dell'energia e del gas funzionari parastatali Eni
sulle intenzioni d'Italia in materia di sanzioni all'Iran e prospettive
per un'efficace azione multilaterale per frenare l'Iran nucleare
programma. L'opposizione del Partito Democratico (PD) i funzionari
discusso di Iran, il ruolo d'Italia in Afghanistan, il MEPP, Iraq,
e della non proliferazione con il Staffdel. Fine Riepilogo.
  
IRAN DOMINA I DIBATTITI DI MFA
------------------------
 
2. (C) A 8 gennaio tavola rotonda con il dottor Kessler
e tre membri dello staff HCFA presso il Ministero degli Esteri
Affari (MAE) ha incluso MAE Direttore Generale per la Cooperazione
Politiche di cooperazione Stefano Ronca, vice di Filippo Ronca's
Formica, e DG Vice Claudio cooperazione economica
Spinedi. Ufficio Amministrazione Massimo Marotti
(Affari sicurezza politico-militare e la NATO); Diego
Brasioli (G8 Problemi e sfide globali), e Giovanni
Pugliese (controllo degli armamenti e non proliferazione) anche
partecipato. Dopo la tavola rotonda il Staffdel avuto un incontro
con MFA Vice SecGen e direttore politico Sandro De
Bernardin. Post è stata rappresentata dalla carica, Pol-Mil
Counselor e Poloff (NoteTaker).
 
3. (C) Ronca ritiene che il deterioramento della situazione in Iran
arriverà presto ad una testa e che il Consiglio di sicurezza dell'ONU deve trasmettere ai
L'Iran che le tattiche di ritardo non funziona e sostenere questo
posizione di disponibilità ad adottare ulteriori pressioni. Ronca e
Spinedi ha detto il Staffdel Italia è pronta ad esplorare, con i suoi
colleghi della UE, la possibilità di ulteriori sanzioni, quali,
tuttavia, devono essere conformi alle normative UE, e non alterare il
diritti legittimi delle imprese europee. Ronca ha suggerito che il
settori finanziario iraniano, petrolio e gas, e assicurazione (ma
non la Banca Centrale) possono essere mirate e che l'elenco
prodotti sensibili sulla lista divieto di esportazione potrebbe essere ampliata.
 
4. (C) Spinedi, che (con Formica) hanno partecipato alla 7 ottobre
riunione di Washington: "Gli Stati pensano allo stesso modo in Iran", avviato da
brevemente alludendo alla denuncia di lunga data in Italia di
esclusione dal P5 1. Spinedi ha sottolineato che dovevamo
determinare che tipo di sanzioni sarebbero accettabili per la Cina
e la Russia, aggiungendo che anche all'inizio di gennaio,
ambasciatore delle Nazioni Unite della Cina ha detto che la Cina "ha avuto bisogno di più tempo"
che, Spinedi notato, non era un rifiuto totale delle più severe
sanzioni. Spinedi rafforzare quanto già sostenuto
esiste e decidere dove siamo disposti ad esercitare ulteriori
pressione (in particolare nel settore petrolifero e del gas). Sarebbe
importante determinare quali altre tecnologie (ad esempio, la Cina
e India) sono disposti a fornire e embargo quelle che
non possono. Spinedi ha riconosciuto che l'Italia non aveva ancora
imposto sanzioni giuridicamente vincolanti, ma che il governo indiano aveva
utilizzato con successo "moral suasion".
 
5. (C) Spinedi ha osservato che le sanzioni proposte dagli Stati Uniti a
del 7 ottobre incontro pensano allo stesso incluso il targeting
Comando della Guardia Rivoluzionaria iraniana (IRGC), ma non ha
includere un embargo di olio raffinato e di prodotti di gas. Spinedi
Ronca ha fatto eco affermando che nei prossimi mesi l'Italia
bisogno di vedere come il resto del Europa nuovo approccio
sanzioni.
 
6. (C) MAE Vice SecGen Sandro De Bernardin ha detto il
Staffdel che l'Italia era ben consapevole del pericolo rappresentato da
Iran e sostenuto una "linea dura". De Bernardin notato Eni
notevoli investimenti in Iran e caratterizzato in Italia
"Persuasione morale" gli sforzi per svezzare l'Iran di distanza dal suo nucleare
ambizioni come "un successo significativo." Sulle sanzioni, De
Bernardin ha dichiarato che l'Italia era disposta ad assumersi la propria "quota
di responsabilità ", ma che le sanzioni sono un mezzo di
pressione, non un obiettivo; quelli in vigore deve essere trovata. In De
Visualizza Bernardin, la legislazione non dovrebbe USdomestic
influire negativamente in altri paesi e la rinuncia alla presidenza
è stato utile in passato, sperava che ancora figura in
il futuro.
 
7. (C) Kessler incoraggiato l'Italia a proseguire e rafforzare
 
ROMA 00000087 002,2 di 003
 
i loro sforzi passati. De Bernardin ha convenuto che se l'Iran si
la bomba, poi gli altri cercheranno di acquisire armi nucleari
troppo e che il regime iraniano deve capire che c'è un pesante
prezzo da pagare per il persistere in non-conformità. "De
Bernardin ha ribadito il sostegno in Italia per apertura verso il dialogo
in aggiunta a pressione, o l'approccio a doppio binario, e che
"Mettere l'Iran in un angolo" non è lo stesso di "tagliarla
off "e caratterizzato l'Italia come" un giocatore fondamentale, "essenziale
di catalizzare il consenso in Europa. Egli ha aggiunto che, data
critica situazione interna dell'Iran, il regime non era in
grado di decidere nulla.
 
CHIAVE DEL SUCCESSO IN AFGHANISTAN
-----------------------------
 
8. (C) Per quanto riguarda la situazione critica in
Afghanistan, Ronca ha riconosciuto che dobbiamo rafforzare la
aspetto militare della campagna, ma tale istituzione
costruzione e coinvolgente il presidente Karzai sulla lotta alla corruzione
non deve essere trascurato. Sul versante sicurezza, Ronca ha detto che
L'Italia aumenta la sua forza di 1000 uomini nel corso dei primi
metà del 2010 e che la sua Afghan National Police (ANP)
programma di formazione è una priorità assoluta. Come per civili
impegno, l'Italia si è impegnata € 465.000.000 in vari
settori civile, compresa la salute, l'istruzione e la giustizia.
Ronca e Marotti ha sottolineato la necessità di un migliore coordinamento
delle attività civili e militari come una questione che dovrebbe
essere all'ordine del giorno del 28 gennaio conferenza di Londra NATO.
Ronca ha osservato che per raggiungere i ribelli era un compito che
dovrebbero essere perseguiti. Gli italiani hanno sottolineato la necessità di un
strategia di sviluppo a lungo termine basata su priorità afghano,
ma che prevedano anche la partecipazione del settore privato e
lo sviluppo del buon governo.
 
CENTRO SINISTRA PD AIRS posizioni di politica estera
--------------------------------------------
 
9. (C), capo della opposizione Partito Democratico (PD)
Dipartimento Politica Estera Piero Fassino ha detto al Staffdel il
PD sostiene l'iniziativa del presidente Obama al dialogo e alla
costruire ponti con il mondo islamico, ma è molto preoccupato
circa il MEPP bloccato e la "nuova ondata di terrorismo"
Afghanistan. Quanto all'Iran, il PD sostiene che persegue una
soluzione negoziata, ma Fassino ha messo in dubbio che il
attuale dirigenza è in grado di negoziare in modo credibile.
Egli ha suggerito che potrebbe essere utile modificare l'ordine delle
priorità in Iran, cioè, essere più flessibili sul nucleare
problema, ma più duro sui diritti umani. Secondo Fassino, il
maggior rischio di proliferazione nucleare è che
governi irresponsabili come quella in Iran, può ottenere
l'accesso alle armi nucleari, aggiungendo che il PD ha valutato che
c'era ben poco da temere con nazioni come l'India, Gran Bretagna,
e Francia che hanno armi nucleari. Ha chiesto se un
governo democratico in Iran non potrebbe avere un diverso
posizione sul programma nucleare.
 
10. (C), Fassino ha detto che il PD sostiene il governo indiano è aumentato
(Militare) il sostegno per l'Afghanistan, ma ha sottolineato che
il rafforzamento delle istituzioni governative e civili e
sviluppo economico sono ugualmente importanti. Sul MEPP,
Fassino caratterizzato Netanyahu ha proposto di 10 mesi
insediamento congelare "una piccola finestra di opportunità", ma
chiesto se fosse stato sufficiente, dato che gli israeliani 'rifiuto
per discutere (lo stato di) Gerusalemme. Come per l'Iraq, Fassino
ha detto che il processo di stabilizzazione deve essere sostenuta, non c'era
non ha alternative.
 
ENI GIUSTIFICA attività iraniane
-----------------------------
 
11. (C) Energia e gas parastatali Eni (Ente Nazionale
Idrocarburi funzionari) ha dichiarato alla delegazione del Congresso che
si sta collaborando per affrontare le preoccupazioni USG sulla società, s
attività di Iran, ma ha insistito che continuerà a
adempiere ai propri obblighi contrattuali lì. La società
funzionari hanno detto che Eni ha capito il messaggio di USG
ridurre la sua presenza in Iran, e come risultato si è già
ridotto le sue attività l'Iran a un livello minimo. L'Eni
funzionari fornito alla Staffdel una copia del novembre
16, 2009 amministratore delegato Scaroni lettera all'ambasciatore Thorne che gli Stati
la società, la posizione s (una copia della lettera di Eni è stata fornita
a EEB in novembre). Riferimenti a questa lettera, i funzionari
ha sottolineato che Eni non intraprendere nuove attività in
Iran, tra cui nessuna nuova attività dalle sue controllate, Saipem
 
ROMA 00000087 003,2 di 003
 
e Polimeri Europa. Hanno aggiunto che in seguito Scaroni, s
16 settembre riunioni a Washington la società ha anche rinunciato
piani per un protocollo d'intesa con l'Iran per lo sviluppo della fase III
del giacimento Darquain. I funzionari dell'UE ha dichiarato che, mentre
legge impedisce l'Eni di rispondere alle richieste ufficiali di
informazioni sulle sue operazioni Iran, è stato trasparente
di informare il governo degli USA, su base volontaria.
 
12. (C) I funzionari Eni dichiarato, tuttavia, che l'Eni
intende svolgere attività di esplorazione e sviluppo
in Iran sotto la sua obblighi contrattuali lì.
I funzionari hanno riconosciuto che questo è un grigio e area8 dovuto
alle differenze di opinione tra l'azienda e il governo USA
su ciò che è e new8 attività e ciò che è e old.8 L'
funzionari della società ha detto che sperano di chiarire la questione
con Washington durante gli incontri separati a gennaio con
alti funzionari del Dipartimento di Stato e del Dipartimento della
Tesoro. Premuto per i dettagli sulla società, s esistenti
obblighi, i funzionari ha detto che è sotto contratto con la
raggiungere determinati obiettivi di (olio) della produzione, al fine di
garantire livelli di produzione definiti entro un determinato periodo
telaio. Hanno aggiunto che Eni deve tenere una certa soglia di
produzione al fine di recuperare i suoi investimenti in Iran. Esse
ha anche spiegato che Eni riceve periodica (possibilmente
voli di linea) i pagamenti da parte dell'Iran in quantità equivalenti di petrolio che
corrispondono ai livelli obiettivo raggiunto di produzione.
 
13. funzionari (C) L'Eni ha ammesso la frustrante
difficoltà di operare in Iran, ma ha dichiarato che Eni
prioritario è quello di recuperare i propri investimenti, mentre non vi riunione UE
le leggi. I funzionari di Eni stima totale degli investimenti in Iran
circa 3 miliardi di dollari, di cui Eni ha già detto
già recuperato circa il 60 per cento (pari a circa 1,7 miliardi dollari
secondo un rappresentante Eni). La società funzionari
Eni ha ancora bisogno di recuperare circa 1,4 miliardi dollari dal suo
Iran operazioni. Hanno aggiunto che e se tutto va come planned8
Eni recuperare questo resto dei suoi investimenti entro la fine
del 2013 o all'inizio del 2014. Essi hanno inoltre spiegato che Eni
Iran contratti prevedono la possibilità di proroghe se la
azienda non è in grado di recuperare i propri investimenti nel
stipulato lasso di tempo. I funzionari Eni ha ammonito che il
società può affrontare sanzioni UE se si ritira da Iran a causa
alla pressione delle sanzioni USG unilaterale.
 
14. (U) Staffdel Kessler non ha autorizzato questo cavo.
THORNE


OGGETTO: INCONTRO CON ITALIANI SECDEF MINISTRO DEGLI ESTERI
FRANCO FRATTINI, 8 feb 2010
 
Classificato da: Ambasciatore Alexander Vershbow per Ragioni 1.4 (B) e (D)
 
1. (S / NF) SOMMARIO: Segretario della Difesa Robert Gates (SecDef)
incontrato il ministro degli Esteri italiano Franco Frattini
durante una visita ufficiale a Roma l'8 febbraio. On
Afghanistan, Frattini era ansioso di andare al di là di Londra
Conferenza e lavoro per produrre risultati concreti per il
popolo afghano. Egli ha proposto una migliore civile-militare
il coordinamento a livelli alti nella NATO, e ha sollevato la
prospettiva di coordinamento su progetti locali di tutta la
Afghanistan-Iran confine. SecDef Frattini ha ringraziato per l'Italia di
pegno di ulteriori truppe per le operazioni in Afghanistan e
spiegato dove lacune nella cooperazione civile-militare esistito.
Frattini ritiene che la comunità internazionale è stata in fila
contro l'Iran, e ha incoraggiato un migliore coordinamento con
paesi al di fuori del P5-plus-1. SecDef avvertito che una
Iran nucleare potrebbe portare ad una maggiore proliferazione nel
Medio Oriente, la guerra, o entrambi. SecDef d'accordo con Frattini che
una conferenza delle Nazioni Unite per evidenziare le sfide alla sicurezza
nel Corno d'Africa è stata una buona idea. FINE RIASSUNTO.
 
------------
Afghanistan
------------
 
2. (S / NF) Frattini ha aperto dicendo SecDef che gli Stati Uniti possono
contare sul pieno sostegno in Italia in Afghanistan, Iran e
combattere il terrorismo. Aveva parlato con il generale Jones
e il Segretario Clinton e trasmesso lo stesso messaggio. Egli
espresso il desiderio di concentrarsi sulle approccio globale in
modo tale da migliorare la vita quotidiana degli afgani. Egli
affermato la necessità di premere il presidente Karzai in consegna
una migliore governance, o rischiare di perdere il sostegno per la missione in
parlamenti della coalizione. Frattini ha voluto andare oltre ", proprio
"Parlare - fa riferimento alla conferenza di Londra - e ha preso atto
progetti concreti di italiano per convertire la coltivazione del papavero da
produzione di olio d'oliva e di creare una scuola nazionale di alta
pubblica amministrazione.
 
3. (S / NF) SecDef di Roma ha elogiato gli sforzi per aumentare italiano
contributi, chiedendo se ancor più Carabinieri potrebbe essere
disponibili per la formazione delle forze di sicurezza afgane. Egli
osservato che l'enfasi generale McChrystal sulla protezione
civili afgani ha cambiato l'atteggiamento delle opinioni pubbliche alleate.
SecDef ha detto che sta spingendo l'approccio globale, notando
la necessità di tutte le parti interessate in Afghanistan per condividere
informazioni in modo efficace. Egli spera che la NATO c'è di nuovo
Senior rappresentante civile, Mark Sedwill ambasciatore,
potrebbe facilitare questo. SecDef raccomandato in particolare a migliorare
governance di sotto del livello del governo nazionale -
che vorrebbero decenni per trasformare in un governo moderno)
approfittando delle istituzioni tradizionali e competente
governatori a livello regionale e sub-regionali e
sfruttando in loro storie di successo locali. A livello nazionale
livello, comunque, la nostra priorità dovrebbe essere quella di sviluppare quelle
ministeri più critico per il nostro successo, come la difesa,
Interni, Finanze, Agricoltura, e della Salute. Notando Gen.
la recente dichiarazione di McChrystal che la situazione in
Afghanistan non è più deteriorando, SecDef ha detto che molto
della sfida è psicologica - afghani convincente che
siamo in grado di vincere e che non li abbandonerà.
 
4. (S / NF) Frattini ha convenuto che l'integrazione civile-militare
è la parte più debole della strategia afghana. Egli ha espresso
frustrazione che i ministri degli esteri della NATO solo discutere di questioni
come l'agricoltura e l'istruzione, mentre i ministri della difesa solo
discutere di sicurezza. Il problema, ha suggerito Frattini, è che
non parlano l'un l'altro. Egli ha proposto una riunione congiunta
dei ministri degli esteri e della difesa, a cominciare colloqui alla
esperti di alto livello. SecDef risposto che il generale McChrystal e
Ambasciatore Eikenberry do la collaborazione civile-militare
livello nazionale sulla base di una campagna congiunta Piano, come
fare comandanti terra locale con i leader del PRT. Che cosa è
manca è il livello in mezzo - i comandi regionali -
e SecDef espresso il desiderio di Sedwill di nominare
sottoposti ad affrontare la questione in ogni RC, sulla base dei
 
ROMA 00000173 002,2 di 003

esempio della cellula civile-militare ai RC-Sud. L'effetto sarebbe
cascata coordinamento civile-militare a livello nazionale,
livello regionale e locale. SecDef ha osservato che simili
sforzi da parte UNSRSG Kai Eide era stato ostacolato da resourcing
e l'avversione delle Nazioni Unite di lavorare con i militari. In qualità di
rappresentante della NATO, Sedwill non dovrebbe avere questi problemi.
 
5. (S / NF) Frattini ha anche chiesto una cooperazione pratica
attraverso il confine afgano-iraniano. incentivi locali per
collaborazione potrebbe minare le armi e traffico di droga e
contribuire a cooptare conciliabili talebani. SecDef ha osservato che l'Iran è
giocando entrambi i lati della strada - cercando di essere amichevole
con il governo in Afghanistan durante il tentativo di minare
ISAF sforzi. Egli ha osservato che l'intelligenza non vi era indicato
poco materiale letale che attraversano la frontiera tra Afghanistan e Iran.
SecDef suggerito che la protezione via commerciale Afghanistan
in Iran orientale, che è importante per le economie locali
entrambi i lati del confine, potrebbe essere un punto di partenza. SecDef
preso atto che ogni sforzo dovrà essere coordinata con Kabul.
 Frattini ha convenuto questo sarebbe un buon punto di partenza.
 
----
Iran
----
 
6. (S / NF), Frattini ha sostenuto recenti dichiarazioni pubbliche
SecDef aumentando la pressione sull'Iran. Egli ha dichiarato che
Ahmadinejad non si può fidare, soprattutto dopo contraddicendo
recenti dichiarazioni costruttive dal suo stesso governo.
Frattini, citando una recente conversazione con degli Esteri russo
Il Ministro Lavrov, ha detto che la Russia avrebbe sostenuto l'
sanzioni traccia. La sfida era quella di portare la Cina a bordo;
Cina e India, secondo Frattini, sono stati essenziali per il
adozione di misure che potrebbero influenzare il governo senza
danneggiando la società civile iraniana. Egli ha anche specificamente proposti
tra cui l'Arabia Saudita, Turchia, Brasile, Venezuela ed Egitto
nella conversazione. Egli ha espresso frustrazione particolare
con Ankara "doppio gioco" di outreach sia all'Europa che al
Iran. Frattini ha proposto una riunione informale del Medio Oriente
paesi, che erano desiderosi di essere consultato su Iran, e ha preso atto
che il Segretario Clinton era d'accordo.
 
7. (S / NF) SecDef sottolineato che una risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell'ONU è stata
importante perché darebbe l'Unione europea e
nazioni di una piattaforma giuridica per imporre ancora più crudele
le sanzioni contro l'Iran. SecDef acutamente avvertito che urgente
è necessario intervenire. Senza progressi nei prossimi mesi,
si corre il rischio di proliferazione nucleare in Medio Oriente, la guerra
richiesto da un attacco israeliano, o entrambi. SecDef predetto: "una
mondo diverso "in 4-5 anni se l'Iran ha sviluppato nucleare
armi. SecDef ha dichiarato recentemente rilasciato la stessa
avviso al PM Erdogan, ed era d'accordo con Frattini
valutazione su Arabia Saudita e Cina, osservando che l'Arabia
Saudita è il più importante, sia per Pechino e Mosca che
Iran.
 
8. (S / NF) SecDef Frattini ha esortato a riconsiderare un pianificato
visita in Italia da un prominente parlamentare iraniana nel
scia delle recenti esecuzioni di studenti in opposizione al
governo. Allo stesso tempo, avevamo bisogno di assicurare che non abbiamo
screditare l'opposizione, creando l'impressione che si
sono gli strumenti di partner stranieri.
 
--------------
Corno d'Africa
--------------
 
9. (C), Frattini ha espresso preoccupazione per il deterioramento
condizioni in Somalia e Yemen. Ha notato un recente
conversazione con il Presidente Sharif di transizione della Somalia
Federal Government (TFG), nella quale Sharif ha detto che avrebbe
essere in grado di pagare le sue forze di sicurezza entro la fine di febbraio.
Frattini ha detto che l'Italia è stata incoraggiante la Presidenza dell'UE a
concentrarsi sulla Somalia e lo Yemen, e aveva proposto una Nazioni Unite
conferenza di affrontare questioni di sicurezza Corno d'Africa. Italia
forniva finanziamenti a bilancio nazionale del GFT. SecDef
d'accordo che la regione meritato maggiore attenzione.

 

 Approfondimenti sul portale di FUTURO IERI : http://digilander.libero.it/amici.futuroieri




31 marzo 2010

La civiltà italiana come ricostruirla (XIII)


De Reditu Suo - Fine Secondo Libro

La civiltà italiana come ricostruirla (XIII)

 Il Belpaese è passato da poco dalla tornata elettorale regionale e l’evidenza dei fatti dimostra che una possibile ricostruzione della civiltà italiana si allontana e si spinge sempre più in là proprio il successo della Lega Nord induce a pensare che si dovrà aspettare per generazioni il risorgere di qualcosa che associ i diversi modi di vivere e d’appartenere al Belpaese. Anche la mobilitazione civile che ha portato alcuni soggetti ai margini della vita politica, e mi riferisco in particolare alle liste che fanno riferimento a Beppe Grillo, al successo elettorale e di visibilità  non sembrano oggi in grado di mutare in tempi ragionevoli una situazione italiana così pessima sotto troppi profili. Il modo di pensare la politica e l’impegno civile sta cambiando e per una volta cambia dal basso da un moto spontaneo e necessario di una parte ancora piccola della popolazione italiana essa passa da internet, da soggetti diversi che si mettono in rete e agiscono per un fine comune, da problemi concreti, dal manifestarsi di forze sociali presenti sul territorio ma fin troppo piccole per avere un ruolo politico, da soggetti solitamente riconducibili a comitati locali o associazioni presenti sul territorio che hanno trovato una via per agire e per esser parte della competizione elettorale attraverso le liste a Cinque Stelle. Un passo avanti e due indietro quindi perché la grande politica guarda ancora a questa novità con fastidio bollando la cosa come la nuova bizzarria del Grillo e perché ancora una volta la “grande politica” si chiude nelle sue stanze e nella sicurezza dei suoi salotti televisivi e dei telegiornali regalando  se stessa l’immagine che più gli piace e la lusinga e negando l’evidenza di questa novità. Credere e far credere che il comico di Genova abbia sconvolto le menti di centinaia di migliaia di pazzi che votano è cosa da politicanti irresponsabili che pensano di aver davanti elettori idioti e semi-analfabeti. Grillo che ha dato il via alle “sue” liste ha solo attivato un malcontento e delle forze già presenti nel Belpaese, ha attivato il risentimento di una parte dell’elettorato giovanile e di ceti sociali che si percepiscono come truffati e derubati e che non si sentono rappresentati dai partiti politici della Seconda Repubblica. Queste forze tendono ad usare più delle altre la rete internet e a proiettarsi nel nostro presente avendo una particolare attenzione ai temi della giustizia, della decrescita, delle dimensioni criminali e pericolose del modello di produzione e consumo. Si tratta cioè di un possibile inizio di qualcosa su cui potrebbe fondarsi una forza tesa a ridefinire la civiltà italiana, si noti che distinguo gli elettori delle liste vicine a  Grillo dalla sua persona e dal ruolo nuovo che costui si è ritagliato nella vita politica italiana. Questa distinzione è necessaria perché aldilà del grottesco della vicenda nella quale un comico punito dal sistema per le sue prediche contro le multinazionali e la cattiva politica l’esito finale è che costui  mobilita una parte consistente della pubblica opinione e condiziona il risultato elettorale. Quindi in Italia esiste una forza dispersa, di culturalmente al livello della media europea, e in grado di usare le nuove tecnologie per comunicare, fare politica e creare aggregazione e consenso; Grillo ha capito per primo che poteva entrare nella storia nazionale attraverso la mobilitazione di queste forze disperse aggregandole intorno alle liste da lui promosse che si sono presentate in questa scadenza elettorale. Un comico si è rivelato capace di capire il disagio profondo di una parte dei ceti medi del Belpaese e di creare consenso e aggregazione. Il passo in avanti è proprio questo le forze disperse del Belpaese culturalmente e socialmente ai livelli dei paesi del Nord-Europa possono essere aggregate e darsi un programma, più o meno credibile la cosa adesso non la giudico,  e partecipare alle elezioni condizionandole. Quindi quel che manca non è la “società civile” in Italia ma la possibilità di aggregarla e di portarla fuori dal labirinto delle invenzioni e delle finzioni della politica-spettacolo per darle forma e forza.

IANA per FuturoIeri





31 marzo 2010

La civiltà italiana come ricostruirla (XIII)


De Reditu Suo - Fine Secondo Libro

La civiltà italiana come ricostruirla (XII)

 Il Belpaese è passato da poco dalla tornata elettorale regionale e l’evidenza dei fatti dimostra che una possibile ricostruzione della civiltà italiana si allontana e si spinge sempre più in là proprio il successo della Lega Nord induce a pensare che si dovrà aspettare per generazioni il risorgere di qualcosa che associ i diversi modi di vivere e d’appartenere al Belpaese. Anche la mobilitazione civile che ha portato alcuni soggetti ai margini della vita politica, e mi riferisco in particolare alle liste che fanno riferimento a Beppe Grillo, al successo elettorale e di visibilità  non sembrano oggi in grado di mutare in tempi ragionevoli una situazione italiana così pessima sotto troppi profili. Il modo di pensare la politica e l’impegno civile sta cambiando e per una volta cambia dal basso da un moto spontaneo e necessario di una parte ancora piccola della popolazione italiana essa passa da internet, da soggetti diversi che si mettono in rete e agiscono per un fine comune, da problemi concreti, dal manifestarsi di forze sociali presenti sul territorio ma fin troppo piccole per avere un ruolo politico, da soggetti solitamente riconducibili a comitati locali o associazioni presenti sul territorio che hanno trovato una via per agire e per esser parte della competizione elettorale attraverso le liste a Cinque Stelle. Un passo avanti e due indietro quindi perché la grande politica guarda ancora a questa novità con fastidio bollando la cosa come la nuova bizzarria del Grillo e perché ancora una volta la “grande politica” si chiude nelle sue stanze e nella sicurezza dei suoi salotti televisivi e dei telegiornali regalando  se stessa l’immagine che più gli piace e la lusinga e negando l’evidenza di questa novità. Credere e far credere che il comico di Genova abbia sconvolto le menti di centinaia di migliaia di pazzi che votano è cosa da politicanti irresponsabili che pensano di aver davanti elettori idioti e semi-analfabeti. Grillo che ha dato il via alle “sue” liste ha solo attivato un malcontento e delle forze già presenti nel Belpaese, ha attivato il risentimento di una parte dell’elettorato giovanile e di ceti sociali che si percepiscono come truffati e derubati e che non si sentono rappresentati dai partiti politici della Seconda Repubblica. Queste forze tendono ad usare più delle altre la rete internet e a proiettarsi nel nostro presente avendo una particolare attenzione ai temi della giustizia, della decrescita, delle dimensioni criminali e pericolose del modello di produzione e consumo. Si tratta cioè di un possibile inizio di qualcosa su cui potrebbe fondarsi una forza tesa a ridefinire la civiltà italiana, si noti che distinguo gli elettori delle liste vicine a  Grillo dalla sua persona e dal ruolo nuovo che costui si è ritagliato nella vita politica italiana. Questa distinzione è necessaria perché aldilà del grottesco della vicenda nella quale un comico punito dal sistema per le sue prediche contro le multinazionali e la cattiva politica l’esito finale è che costui  mobilita una parte consistente della pubblica opinione e condiziona il risultato elettorale. Quindi in Italia esiste una forza dispersa, di culturalmente al livello della media europea, e in grado di usare le nuove tecnologie per comunicare, fare politica e creare aggregazione e consenso; Grillo ha capito per primo che poteva entrare nella storia nazionale attraverso la mobilitazione di queste forze disperse aggregandole intorno alle liste da lui promosse che si sono presentate in questa scadenza elettorale. Un comico si è rivelato capace di capire il disagio profondo di una parte dei ceti medi del Belpaese e di creare consenso e aggregazione. Il passo in avanti è proprio questo le forze disperse del Belpaese culturalmente e socialmente ai livelli dei paesi del Nord-Europa possono essere aggregate e darsi un programma, più o meno credibile la cosa adesso non la giudico,  e partecipare alle elezioni condizionandole. Quindi quel che manca non è la “società civile” in Italia ma la possibilità di aggregarla e di portarla fuori dal labirinto delle invenzioni e delle finzioni della politica-spettacolo per darle forma e forza.

IANA per FuturoIeri





24 marzo 2010

RAI PER UNA NOTTE, CONTRO IL BAVAGLIO DELLA CENSURA BERLUSCONIANA

FNSI e USIGRAI presentano
raiperunanotte
Giovedì 25 marzo ore 21.00
dal Paladozza di Bologna
Piazza Azzarita 3

 
Cari amici,
per realizzare la nostra manifestazione - trasmissione, giornalisti, cameraman, elettricisti e operai lavoreranno gratis.
Il volontariato, tuttavia, non basterà a coprire i costi necessari alla realizzazione dell’evento.
Vi chiedo perciò di contribuire donando 2 euro e 50 ciascuno e mi auguro che siate più di cinquantamila ad aiutarci a realizzare la nostra iniziativa.
Raggiungere questo obiettivo sarà la prima importante risposta alla censura. Fate dunque girare questo appello tra i vostri amici e ringraziateli da parte mia per il loro aiuto. Vi aspetto giovedì
Michele Santoro
 
Carta di credito o PayPal - https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_s-xclick&hosted_button_id=MY6JRBB6CZQML
 
Bonifico - Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Corso Vittorio Emanuele II, 349 - 00100 Roma
IBAN: IT 50 O 03002 05214 000003925090
Se inviate un bonifico dall'estero aggiungete il codice BIC/SWIFT
BROMITR1715
presso l'Unicredit - Banca di Roma con causale "RAIPERUNANOTTE"
 
Emittenti che trasmetteranno in diretta l’iniziativa (più altre locali):
> Rai News 24
> Europa 7
> Gruppo Tele Lombardia Antenna 3
> Repubblica TV
> Libera sat
> Sky Tg24

> Radio Popolare network
> Radio Città Futura network
> EcoRadio
> Radio Nostalgia
> Radio Bruno
 
Streaming:
> www.raiperunanotte.it 
> www.ilfattoquotidiano.it 
 




7 marzo 2010

UN PRESIDENTE AL BIVIO: SCIABOLA O SCIABOLETTA?

Egregio Presidente Napolitano, Le scrivo a nome di mio figlio Giacomo di un anno e poco più.
In questi giorni non c'è in ballo l'esito delle elezioni regionali ma l'essenza stessa - anzi la sopravvivenza - della Democrazia nel nostro Paese.
Dopo che un uomo ha piegato un intero Parlamento alle sue esigenze personali, scippando quel che restava della legalità, adesso si vuole scippare persino la Democrazia faticosamente conquistata dai miei nonni.
Non voglio che Giacomo, dopo altro sague e sofferenze, abbia a dover studiare che Vittorio Emanuele III prima e Giorgio Napolitano poi non seppero difendere la democrazia dalla sopraffazione e dalla prepotenza.
Se qualcuno Le stesse facendo indebite pressioni, o veri e propri ricatti (non mi interessa sapere se Lei in passato ha fatto errori), La prego ci dia modo di capirlo, non pieghi la schiena.
Glielo chiedo quindi non per me, che a 39 anni ho conosciuto una democrazia fragile, imperfetta ma preziosa, ma per mio figlio che negli occhi ha il futuro e nel Dna la libertà.
Contrasti il Decreto "Soppressione della Democrazia", ritiri la Sua firma e lo ostacoli con tutte le Sue forze e i Suoi poteri!
Se vorrà ascoltare il suo popolo, La ringrazio di cuore.
 
A.




23 gennaio 2010

PUTTANIERI SI DIVENTA

In principio fu un ultrasettantenne accusato dalla consorte di andare a minorenni e di essere seriamente ammalato di sessuomania.

Quindi venne un ex giornalista, fustigatore dei costumi e delle truffe del Belpaese, pizzicato con travestiti e polvere bianca di corredo.

Infine è stato un Docente universitario grigio e cattolico, accusato dalla ex amante di portarla a spasso per il mondo sotto le mentite spoglie di missioni di lavoro, con annesso shopping di comfort.

I nomi sono noti a tutti e quindi farli non viola alcun segreto istruttorio dei Magistrati.

Il primo caso è quello del Presidente del Consiglio in carica, Silvio Berlusconi, che dopo aver sfasciato due famiglie viene fotografato prima al diciottesimo compleanno di una ragazzetta napoletana che potrebbe tranquillamente essere sua nipote, poi nella gigantesca villa sarda con uno stuolo di prostitute e in compagnia di altri governanti europei con le pudenda all’aria.

Viene solo il dubbio se, in assenza di miliardi e potere, la sua altezza di un metro e sessanta e la sua calvizie mitigata da un toupé di nutria potevano attrarre cotante veline oppure lo avrebbero indotto con tanto di occhiali scuri e bavero alzato ad approssimarsi con fare circospetto verso il primo cinema pornografico!

Si da il caso che anche il secondo avesse, all’atto della discoperta, incarichi politici. Piero Marrazzo, Presidente della Regione Lazio, che, come l’ultimo dei venditori di pacchi, prima nega platealmente di essere lui nei filmini realizzati in una topaia romana coi pantaloni abbassati insieme ad un procace brasiliano/a ed un rinforzino di cocaina. Poi, di fronte all’evidenza e di fronte ad altri filmini o testimonianze, la butta sul pieticoloso.

Infine è la volta di Flavio Delbono, casualmente anche lui importante amministratore pubblico: Sindaco di Bologna. Prima si attiva per portare nella sua segreteria, allepoca dei fatti Vice Presidente della Regione Emilia Romagna, la propria amante. Solita biondona appariscente, solita storia di potere, soldi pubblici, sesso, donne di facili costumi e politici di facile etica. Viaggi, resort, bancomat a spese della Regione, poi la bufera e - pare - un tenero tentativo di comprare il silenzio.

Queste vicende, oltre allo squallore hanno un altro denominatore comune, la piccata indignazione dei protagonisti una volta sgamati al cospetto della gente. Insomma un complotto per non lasciarli lavorare in pace. Eppure nessuno ha imposto loro di ricoprire cariche elettive e pertanto di essere uomini pubblici, ma nel momento in cui decidono di diventarlo devono accettare l’onore e l’onere che comporta avere quel ruolo. Se no, troppo facile. Si invoca spesso - e talvolta fuori luogo - l’America, sarebbe forse il caso di tenerla a modello anche nei suoi aspetti più rigorosi, per cui tradire la moglie e i figli è l’anticamera del probabile tradimento del popolo.

Chi sarà il prossimo ad essere pizzicato? Sotto a chi tocca...

 

Per leggere altre notizie ed editoriali: http://digilander.libero.it/amici.futuroieri




15 dicembre 2009

Come si trasformerà questo presente

De Reditu Suo

Come si trasformerà questo presente

Il Belpaese è senescente, squallido, deforme, malvissuto; la sua gente ha assorbito la prepotenza e la corruzione delle sue sedicenti classi dirigenti e se ne fa ancor oggi una ragione di vita, comunemente, e anche inconsapevolmente, il signor Mario Rossi ha due o tre morali a seconda delle circostanze. Per questo non è facile nel Belpaese comprendere l’enormità di certi processi auto-distruttivi in corso, capire quanto le disgrazie presenti siano il frutto di politiche neo-liberali belliciste e scellerate, di anni di cedimenti del potere politico nei confronti della grande finanza e delle grandi banche, di sviluppo industriale inquinante e antisindacale, di ideologie imperiali di potenza che hanno scaricato sui popoli più poveri e disperati del pianeta azzurro le loro folli avventure militari.  Questo presente è destinato a presentare alle disperse genti del Belpaese delle prove difficili, eppure il nostro piccolo mondo umano è debole e disperso al punto che perfino il gesto di uno squilibrato in un comizio milanese può mandare in tilt il sistema politico e il Presidente del Consiglio all’ospedale. Poche volte il sistema politico e sociale del Belpaese è stato così vulnerabile, e questo accade in un momento nel quale stanno arrivando le diverse crisi: quella democrazie rappresentative vessate da poteri finanziari che si comprano i partiti e i politici, quella ecologica con la degradazione dell’ambiente e lo spostamento di milioni di esseri umani, quella alimentare che vede certi paesi ricchi dell’Asia e del Medio-Oriente accaparrarsi centinaia di migliaia di ettari di terra coltivabile in Africa un continente che soffre la fame da quando è stato colonizzato e civilizzato. Questo presente se non arrivano miracoli tecnologici e politici sarà sempre più violento, disgregato e malvagio fin al punto che le crisi convergeranno in un punto che darà origine a qualche gravissima disgrazia militare o economica.  Questa non è una profezia ma il frutto di una mia personale riflessione alla luce di quanto ho studiato e cercato di capire nel corso di anni. Ora il mio dispiacere politico e morale è dato dal fatto che le disperse genti del Belpaese son ripiegate su se stesse, la loro politica tratta del Cavaliere Nero come se fosse un re di Antico Regime al centro della vita quotidiana del suo Regno; la realtà concreta di questi anni è sparita o si è persa in vuoti atti di retorica, questo presente si è inabissato in un mare di barzellette e di farneticazioni.

Il Belpaese di fatto non sta costruendo la sua  civiltà e non sta dando un contributo suo ad una ragionevole soluzione dei gravi problemi che affliggono l’umanità e il suo eco-sistema planetario. Le genti del Belpaese stanno mancando il loro appuntamento con la storia e con la vita. A questo punto mi va bene tutto anche un grande disastro forestiero che spinge le diverse genti d’Italia ad aprire gli occhi e a capire l’enormità delle loro omissioni.

Che dolore!

IANA per FuturoIeri




28 aprile 2009

Immobilismo politico e un paese in fuga

 Il Belpaese: quarantanove passi nel delirio

La grande follia: immobilismo politico e un Belpaese in fuga

Da tempo la politica italiana, il suo giornalismo, i suoi riti retorici e istituzionali si sono allontanati dalla vita quotidiana, dalla realtà del divenire di ogni giorno, dalle vicende del Mario Rossi di turno. La politica consuma i suoi riti e i suoi giochi di potere, sono troppo stanco e dolente per sforzarmi di capire che cosa c’è dietro il Berlusconi che apre al venticinque aprile. Temo che dietro questa  novità  ci sia qualcosa che riguarda il suo futuro politico. Quindi tutti gli italiani. Ma adesso non riesco a capire, forse è troppo banale, forse è troppo difficile. Intanto osservo che la grande politica e il grande giornalismo si rassicurano fra sé. Il potere politico  è in fuga, atterrito e affascinato dalle novità della crisi, sconvolto da un mondo umano diventato nel volgere di pochi anni multipolare e con le potenze emergenti che cercano di strappare al gigante americano pezzi del suo potere finanziario e politico. In un mondo umano in fuga dal suo passato e le genti d’Italia sono trascinate in questa rincorsa forsennata verso assetti politici post-Seconda Guerra Mondiale. Ma qui e ora nella grande politica della Nazione Italiana tutto sembra fermo, L’Italia della Seconda Repubblica è la copia logora della precedente, le classi dirigenti si adattano al cambiamento cercando di preservare le forme arcaiche con cui s’esprimeva il loro potere. L’Italia è immobile non perché si commemora questo e quello, ma perché c’è poca mobilità sociale, perché il figlio del notaio farà il notaio e il figlio del medico il medico, perché le licenze dei taxi sono investimenti e non un modo per regolare un servizio necessario, perché una causa per l’importo di 190 euro può trascinarsi in tribunale per cinque anni. Inoltre nessuno ha ancora pensato un vero modello d’accoglienza e integrazione per le nuove generazioni d’Italiani che nascono e che sono figli di gente di recente immigrazione; nelle scuole siamo alla seconda generazione. I figli degli immigrati nati qui ragionevolmente s’aspettano qualcosa dal Belpaese. Ma la grande politica dove è finita? Si deve forse aspettare uno scoppio di rabbia come in Francia, si deve lasciare a una società italiana frammentata e diversissima la soluzione caso per caso di questioni di questo tipo?

 Il Belpaese deve abbandonare la retorica, il diluvio di parole insensate e scomposte, qui un mondo umano è in sofferenza. Ma forse io sbaglio, mi son di nuovo confuso. Le genti diversissime del Belpaese hanno da tempo abbandonato tutto questo parlarsi addosso, recitano con disinvoltura la grande farsa in maschera che  piace al potere ma da tempo hanno capito i limiti e il senso di fine che circonda questa messa in scena collettiva. Forse il mio problema è personale. Non so recitare nel teatro della vita. Questioni di punti di vista, per me la vita è importante e trasformare l’aspetto della finzione e dell’illusione nella sua unica e assoluta dimensione è fare un grave torto a se stessi. Prima di tutto.

IANA per FuturoIeri




13 febbraio 2009

Il Mondo Morto

 

Ma quando fu solo, Zarathustra parlò così al suo cuore “E’ mai possibile! Questo santo vecchio nel suo bosco non ha ancora sentito dire che dio è morto!” .( Friedrich Nietzsche, Così parlo Zarathustra )

La Morte di Dio. Patria e Famiglia

Il Mondo Morto

Alle volte mi chiedo cosa le genti del Belpaese temano oltre la perdita del patrimonio privato del singolo individuo? Forse nulla, perché per il Mario Rossi di turno la perdita dei soldi e del patrimonio è più di una morte civile, è la fine di tutto il proprio mondo e quindi di tutto il mondo. L’uomo e la donna nel Belpaese sono ciò che hanno, se non hanno semplicemente non sono. Del resto per la maggior parte degli italiani il mondo e la vita iniziano con il possesso di un patrimonio e con il suo uso. Entrambe le cose terminano nei neri misteri della morte nel momento in cui il trapasso impedisce il godimento dei beni e delle ricchezze acquistate o conquistate in vita. Alla luce di questo banale dato antropologico si capisce come Berlusconi, e ciò che rappresenta, sia molto di più di un fenomeno politico, per quanto vistoso e rumoroso, esso è la biografia morale e civile di tanta parte del nostro popolo. Chi scrive queste cose segue Travaglio e Grillo e li trova ottimi e buoni. Il mio non è quindi uno scritto in lode dell’attuale presidente del Consiglio, semmai è l’esternazione di questo dubbio: cosa ci vuole perché le diverse genti d’Italia comprendano che il loro modo di vivere è suicida, distruttivo delle ragioni della civiltà ereditata e cosa strana e pazza anche alla luce delle trasformazioni del presente. Nel 1527 gli eccessi del nostro Rinascimento furono mitigati dalla calata dei Lanzichenecchi, che ricordarono ai discordi signori d’Italia e al Papa Medici quanto duro fosse il prezzo che alla fine pagano le civiltà che si sviluppano senza la capacità di difendersi da se stesse e dagli altri. Questi crociati luterani, calati dalla Germania, con l’inganno e con la forza bruta delle armi riuscirono ad attraversare la penisola e presero Roma, la città era il grande centro della civiltà del Rinascimento. La Città Santa fu conquistata e sottoposta a un durissimo sacco. Dopo trenta giorni di violenze inaudite seguirono altre violenze di parte e la peste. Alla fine di quel 1527 a Roma era rimasto in vita un abitante su cinque. Ci vuole forse oggi l’ennesima calata dei Lanzi per capire che non si può vivere ognun per sé e Dio contro tutti, senza alcuna prospettiva di futuro, rimettendo le cose nostre a capi faziosi e interessati alle loro questioni private, eliminando dal proprio orizzonte mentale ogni realtà che non sia la propria. Forse questo è il segreto, in fondo questo è il cupo desiderio anche di coloro che stanno bene: arrivare alla fine, crepare dopo aver preso e goduto, incontrare il grande mistero della morte un minuto prima che inizi la grande danza macabra che svelerà a noi e al mondo di che lega sia fatta questa piccola patria. Forse il mondo di Berlusconi, e dei milioni di italiani che lo amano perché vorrebbero essere come lui, in segreto e senza dir nulla è già morto. Il mondo è morto. Tutto ciò che era stato prima è messo in discussione dalla crisi, dalle nuove guerre, dai processi tecnologici, dalla nuova moneta che abbatte la sovranità monetaria dei singoli stati. Forse tutto quel che era il Belpaese nel passato è già morto e per questo i molti in Italia sono fobici verso il futuro. Perché non c’è futuro, se va bene ci sarà solo la rinascita dopo la danza macabra.

IANA per FuturoIeri

Sito http://digilander.libero.it/amici.futuroieri



sfoglia     dicembre        febbraio
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email