.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


2 agosto 2015

Sintesi: Il Maestro - terzo atto - Dove parla della Madre-natura

Clara Agazzi: Su Adesso sta a Stefano Bocconi. Da tempo vuol parlare. Poi sta a me e  se vuole parlare anche Linneo abbiamo davvero  finito.

Gaetano Linneo: Certo ho qualcosa da dire pure io.

Franco:  Sono curioso. Di cosa parlerà il nostro mercante di provincia?

Stefano Bocconi: Sarò il culto della madre-terra, l’unico culto serio che merita di ritornare dal passato ancestrale.

Paolo Fantuzzi: Questo è uno scherzo idiota. Il mercante che fa il mistico.

Stefano Bocconi: Invece no. Caro mio di recente hanno scoperto forze il più antico tempio del mondo in Turchia a Göbekli Tepe, si parla di un santuario monumentale megalitico mai visto prima e forse è datato 12.000 anni fa prima dell’invenzione dell’agricoltura. Sì è così. Questa scoperta rovescia lo’antica credenza che prima i primitivi son diventati stanziali e poi hanno creato l’agricoltura, i villaggi e si son dati alla religione. Qui il tempio megalitico precede l’agricoltura, quindi prima sono nati riti e credenze, questa cultura primitiva è diventata un fatto religioso e la concezione religiosa ha favorito lo stanziamento e quindi l’agricoltura e l’addomesticamento.   La religione e la credenza in un mondo spirituale o comunque sia altro da questo sono le basi per portare famiglie di umani a diventare stanziali ed evitare  d’ammazzarsi e magari  perfino a non divorarsi fra di sé. A quel punto con umani che condividono sul piano culturale qualche parola e degli spazi comuni diventa possibile il commercio magari nella forma di baratto magari anche solo cedere qualcosa che ne so un pezzo di carne per un frutto fresco. Del resto come può l’essere umano elevarsi se non dà alle sue strutture sociali un senso che va oltre il qui e ora, l’immediato bisogno.

Paolo Fantuzzi: Il mercante che deve al sacro le basi della convivenza fra umani su cui impianta l’organizzazione per fare il lucro, sacro e profano direi proprio che si toccano.

Vincenzo Pisani: Chi può stupirsi di una cosa del genere, mi par ovvio che senza uno spazio condiviso e qualche regola è impossibile tener assieme una comunità umana, anche la più piccola. Ovvio che quando l’essere umano si è dato delle regole e dei riti e dei simboli per tener assieme gruppi di famiglie  e poi una tribù e poi unioni di tribù ha cercato qualcosa che fosse segno di continuità nello spazio e nel tempo, qualcosa che desse un senso al suo passaggio in questa vita e che consentisse di onorare i defunti, qualcosa che permettesse di distinguere le forze negative e le forze positive della natura.

Stefano Bocconi: Esatto. Dal momento che delle religioni inventate, scritte , rivelate di oggi non c’è da fidarsi perché son umane e fin troppo umane, ecco che da tempo medito che la miglior forma di rapporto con il sacro sia l’avvicinarsi alla natura pensandola non come corpo astratto e concetto ambiguo ma come potente forza spirituale. Tutto diventa santo se la natura è sacra. Ma l’umano ha bisogno di una storia sacra, di un feticcio, di un culto per capire il suo legame con la vita sul pianeta. Quindi ecco la necessità di un culto della madre terra, della vecchia divinità preistorica che in molte forme è passata all’antichità come incarnazione della vita e della natura.

Clara Agazzi: In effetti perfino Comte il fondatore del positivismo, una filosofia incentrata sulla razionalità e la scienza che voleva imporre alla civiltà industriale la tecnocrazia a un certo punto della sua vita cominciò a pensare a un culto laico, a una religione inventata di sana pianta. Se si pensa al presente immediato si può osservare come la religione in tante parti del mondo sia una forza politica prima ancora che culturale o morale. Comunque sia il culto della Dea Madre è un culto legato al matriarcato delle origini, prima che l’umanità diventasse stanziale, almeno a quel che se ne sa.

Vincenzo Pisani: Inoltre, scusa l’interruzione, dove non si manifesta una fede si manifesta il culto del Dio-denaro che è il Dio che sostituisce tutti i monoteismi. Lui è il Dio perché è l’unico potere dentro un mondo desacralizzato e privo di senso. Un mondo umano  che rifiuta il confronto con la vecchiaia la malattia  e la morte.

Stefano Bocconi: Qualcuno che mi ha capito. Quando qualcosa in natura cresce in modo illimitato e senza restrizioni prima o poi salta per aria. Senza dei limiti, delle regole, delle proibizioni anche il sistema del Dio-denaro rischia di fare uno schianto clamoroso. Quindi stimo, opino e credo che riprendere in mano una divinità arcaica che fa sacra la terra sia una cosa opportuna

Paolo Fantuzzi: Il mercante qui non è che ha idea di farsi sacerdote  spillar quattrini ai grulli e ai poveracci.

Stefano Bocconi: Ora sta a me. Silenzio prego. Io sono il culto della Grande Dea Madre personificazione del pianeta terra. Dal paleolitico delle statuette di divinità femminili grasse arrivo. Sono il culto dell’umanità vincolata a questo pianeta e ai suoi cicli naturali e alla forza degli elementi. Sono le fasi della luna e il passare delle stagioni e prima di ogni cosa il seme che si spegne per diventare frutto e rivelare così una nuova vita. Sono il culto della vera morte e della vera rinascita, quella del qui e ora, quella del secco e dell’umido , quella concretissima di ogni giorno. Nel volgere dei millenni sono stato il culto di divinità particolari con un mito e un nome, ma sempre qualcosa dell’origine oscura e profonda si è sempre salvato, perché il culto dell’aspetto materno e femminile del divino. Sono stato fra le tante parte del il rito e del mito di Ishtar, di   Astarte , di  Afrodite, di   Venere, di Lada, di Ecate , di Artemide ,di Diana, di Demetra, di   Cerere,  Persefone, Proserpina, Mater Matuta e Bona Dea e tante altre divinità di cui ora non so dire il nome e la provenienza. Per millenni  le sacerdotesse  sono state la guida dei popoli più antichi prima dell’affermazione dei primi regni e dei primi imperi che hanno portato a un mondo divino tutto patriarcale, il quale si è congiunto con il monoteismo e i suoi miti staccando l’essere umano dal suo destino incentrato sull’essere frutto e seme della terra. La religione è diventata così strumento di potere in  due direzioni: potere dell’uomo sull’uomo e potere dell’uomo sulla natura; l’intenzione di fondo di questo potere fu schiavistica e le forme in cui si manifestò furono  tendenzialmente dispotiche e violente. Io sono il culto più antico, ho più di 30.000 anni e sono in assoluto la fede che finora è durata di più nel tempo. Sotto traccia, nel silenzio, proprio  oggi in tempi disgraziatissimi cerco di risorgere. La civiltà industriale ha rotto il sacro e lo spirituale,  la natura è diventata un problema di chimica  e questa rivoluzione dello spirito si è alimentata con l’idea monoteistica di un umano collocato da in condizione di dominio aldilà e oltre i cicli naturali. Ora che la civiltà industriale sta occupando tutto il pianeta emergono i limiti di questo modello di sviluppo che procedendo in modo sostenuto e accelerato rischia di soffocare ogni cosa e di creare nuovi e più gravi conflitti.  La Dea Madre intesa come forza pacificatrice e di rispetto di un pianeta azzurro notoriamente instabile deve esser di nuovo onorata e io suo culto devo trovare le forme con le quali qui e ora e per il prossimo futuro  possa esprimermi. Non mi serviranno capibanda e politici in doppiopetto in prima fila alle cerimonie e nemmeno inaugurazioni solenni di cementificazioni e complessi industriali con turiboli e libroni  aperti e benedizioni solenni con cori osannanti per lodar imprenditori, ministri, faccendieri, mediatori e così via. Siano il mare, la foresta, la roccia, la montagna, la nuda terra, sia il mio tempio; il ciclo delle stagioni e le fasi della luna le mie preghiere. Io sono tutte le fonti pure, tutte le foreste che ricrescono con la flora e la fauna dove la civiltà industriale si ritira, io sono i cieli nel loro mutare, sono la tempesta e sono la quiete, sono tutto ciò che è cielo e terra.  L’essere umano che mi onorerà  lo farà per la sua vita, per mantenerla nella semplicità, nella purezza, nella salute e non per la gloria mondana o per la speranza di diventar ricco e potente. Per salvare l’umanità ammalata di pazzia occorre prima purificarla ma quanti intendono mettersi in discussione e ritrovare l’istinto di sopravvivenza. Per curare chi si è avvelenato occorre prima togliere il veleno dalle sue mani prima di passare all’antidoto e alle cure, ma quanti sono disposti a ridurre i consumi, a vivere in armonia con le risorse grandi ma limitate del pianeta. Così è quest’umanità che non controlla più la sua civiltà industriale che ormai procede per un suo destino extraumano o postumano, essa ha bisogno di me per curarsi ma non mi cerca, e se mi cerca non mi trova perché non riesce a pensare una vita diversa da questa. Un giorno quando tutto questo sarà collassato perché impuro e insostenibile presso i pochi che diventeranno molti risorgerò come il seme nella terra arida che per un tempo grande deve conservarsi per aver una speranza di germogliare nel futuro. Io sono stato, io sono e io sarò ancora; perché ciò che è imperituro può sprofondare nelle tenebre , ma poi è destinato a risorgere dall’oscurità dopo che son cessate le forze che lo hanno aggredito. Risorgerò in una nuova forma  e con nuovi miti e nuove sacerdotesse, ma sarò sempre io il culto che lega l’essere umano al pianeta, sono il grande rito della Dea-madre.

Franco:  Bravo. Davvero un bella prova. Proprio non credevo che in te ci fosse il mestiere dell’affabulatore, del retore. Devi aver imparato a furia di ragionar coi clienti.




28 marzo 2014

Sintesi: Il Maesto - Introduzione primo atto

Il Maestro

Scritto teatrale in tre atti.

Composto per il teatro di tutti e di nessuno.

Sette personaggi.

Tre atti.

Primo atto

 

Oliveto di Franco Fusaro contadino, saggio, mago.

Franco sente il rumore di un veicolo, lascia gli strumenti  agricoli su un piccolo cesto, prende una sedia, un tavolo. Si siede, tira fuori da una scatola di latta un piatto, un bicchiere, un coltello, pane, vino, sale, olio. Calmissimo aspetta. Tre personaggi arrivano.

Franco: Benvenuti nella mia piccola proprietà, qui sul poggio che sovrasta il comune di Cemento Pigi, non aspettavo nessuno e meno che mai in inverno. Ma credo di sapere perché siete qui . Qualcosa che avete visto o sentito vi ha turbato e volete un mio consiglio, una mia interpretazione.

Paolo Fantuzzi: Franco, è così. Tu sai che uno che fa e ha fatto e sicuramente farà diversi mestieri.  Un tempo uno come me l’avrebbero chiamato operaio., oggi sono un precario come tanti. Voglio esser diretto: tutti e tre ci siamo trovati al Bar della stazione di Empoli e per caso ci siamo raccontati fra noi tre esperienze più ch e spiacevoli. Di solito finisce con un Vaffa al mondo e al resto, ma ora non è così. Abbiamo bisogno che tu ci ascolti.

Clara Agazzi: Sì è così.

Stefano Bocconi: Franco, vorrei parlar per primo.

Franco: Avvicinatevi. Scusate se non mi alzo ma sono un po’ stanco. Stavo per farmi un paio di fette di pane  e un bicchier di vino.

Stefano Bocconi: Franco, come tu sai sono un commerciante; ho in città un locale dove vendo fumetti, gadget, giochi. Avevo due commessi ma nell’ultimo anno ho dovuto licenziarne uno e l’altro non potendo tenerlo perché gli affari vanno male ha pensato bene di far da sé e d’andarsene per qualche tempo in Australia. Emigrante. Ma una settimana fa, prima che partisse è successo che in negozio è arrivato un vecchio cliente, una persona gradevolissima famoso a livello locale perché giocatore in tornei regionali di non so bene che cosa. Il mio commesso si è avvicinato a lui e lo ha abbracciato commosso. Per lui quel cliente era il passato, era il tempo dei tornei e del gioco, era una raffigurazione di tempi felici. Oggi  tempi passati e finiti. Egli ha capito e ha ricambiato con affetto il gesto d’intimità.  Sul momento non ci ho dato peso ma da una settimana quest’immagine mi tormenta. Ho bisogno di sentire cosa ne pensi.

Clara Agazzi: Il  mio caso è recente, è di due giorni fa. Capitò questo. Di solito mi barcameno fra diversi mestieri. Mi hanno assunto come precaria all’archivio comunale, nella biblioteca comunale, e di recente ho messo a frutto i miei studi e ho avuto qualche supplenza nelle scuole elementari.  Ma un colloquio con una vicepreside in un mio ultimo incarico mi ha disturbato. Si trattava del solito discorso su cosa c’è da fare; ma c’era una novità. I vocaboli. Parlava di Offerta Formativa, di consumatori di formazione, del preside che doveva esser chiamato dirigente perché ormai si tratta di un manager, di performance, di input/output, di soddisfazione dell’utenza, e cose simili… Mi sembrava il discorso sentito tante volte, ma stavolta erano così tanti i vocaboli tratti dalla materia economica e dall’inglese pseudo- economico che sono rimasta basita. Mi son detta: ma cosa ne è del sano mestiere dell’insegnare. Cosa è accaduto in questo Belpaese negli ultimi anni?

Franco: Paolo, tu non hai parlato.

Paolo Fantuzzi: Franco, il mio caso è molto semplice e molto meno filosofico. Mi capitava proprio oggi di passare dal capoluogo di provincia per sentire di un lavoro nuovo, questo di mattina presto. Per strada un mendicante e venditore di cianfrusaglie mi ha chiesto l’elemosina con grande insistenza. Mi ha afferrato per lo zainetto e insisteva quasi fino a piangere. Sono riuscito a staccarmene, ma la cosa mi ha turbato. Mi pareva che vi fosse qualcosa di tragico, di fatale. Quel gesto mi ha dato l’impressione di aver davanti un mondo integralmente fragilissimo. Solo che è il mio mondo, il mio territorio, la mia storia personale, anche il mio lavoro. La città stessa mi è apparsa in un solo istante degradata e turbata nel profondo.

Franco: Ho capito. Come negli effetti di certi sogni premonitori questi episodi vi hanno scosso. Vi hanno costretto a ripensare la vostra vita. Vi siete trovati davanti alle vostre paure, a paure nascoste, rimosse. Forse anche a qualcosa di più. Dunque iniziamo.  Ora ditemi da questo poggio cosa vedete.

Stefano Bocconi: Una cittadina di provincia, delle strade

Paolo Fantuzzi: Franco,vedo una cittadina, dei campi, olivi, strade

Clara Agazzi: Case, chiese, il cimitero, il Comune, strade… non so. La scuola anche.

Franco si alza. Con un gesto ampio della mano indica il paesaggio. Poi lentamente va verso gli ospiti.

Franco: Adesso, io vi mostrerò il non visto. Occorre molto sapere e molto cercare per conoscere la genealogia del territorio e della città. Occorre pazienza. Lì vicino alla strada, presso la casa del pastore oggi abbandonata c’era un luogo santificato dagli etruschi. Un fulmine aveva  colpito quel posto e i sacerdoti di 25 secoli fa avevano stabilito di collocare un segno di pietra. Per gli antichi cosmo e microcosmo dovevano aver una qualche forma d’equilibrio, dovevano raccontarsi l’uno con l’altro e quindi potevano esser interpretati dai saggi  e dai sacerdoti sapienti.  Il fulmine non cadeva mai per caso. Questo fu il primo segno, il primo atto della civiltà umana in queste terre. Ora seguite il dito, lì vicino alla fabbrica di vetro abbandonata lasciata allo sfascio hanno trovato i resti di una villa romana, la forma di produzione e di dominio del patriziato dei Cesari, sia di quelli pagani sia di quelli cristianizzati. Una società di schiavi e di padroni che ha però messo le basi per il diritto e per la cultura della nostra civiltà. Poi sono arrivati i barbari, cristiani o pagani, schiavi o padroni sono stati distrutti. Goti, vandali, Ostrogoti, e poi i Longobardi; è nata gente con i capelli rossi o biondi ed  e è arrivato il Medioevo. I signori barbarici son diventati cavalieri cristiani, hanno fatto costruire torri e castelli e hanno preso possesso della terra e delle disperse genti. Poi venne costruita la Chiesa con il campanile che sta al centro del paese e questo avvenne, più o meno, un migliaio di anni fa. Una volta creata la chiesa  si  venne a formare il borgo e poi la cittadina con le mura e il comune. Chiesa, torre, castello, mura, comune erano le forme materiali di un modo d’essere e d’esistere. Il tutto coerente con le stagioni, con la distinzione fra il bene il male, con la logica del tempo che va e che viene, dell’abbondanza e della carestia e dei limiti della vita. Nello scorrere dei secoli un padrone straniero arrivava e uno partiva. Intanto nel Rinascimento il principe faceva costruire non lontano da qui una sua villa di campagna, il denaro alla fine del medioevo era già una potenza che comprava eserciti e regni da almeno due secoli. Ma i nobili signori spesso l’usavano per esser magnifici, per inseguire un sogno estetico, per ricostruire l’incanto di mondi sognati dai loro artisti e dai loro poeti.   Seguite ancora quello che indico, e osservate. Quello è il Comune costruito nell’Ottocento  in stile eclettico con la targa per Garibaldi e la piazza con il monumento ai caduti della Grande Guerra. Qui siamo all’entrata del nostro tempo: la civiltà industriale, la civiltà dell’elettricità, del capitale, del tempo degli orologi, del calcolo economico, delle masse di operai e di soldati, della scienza e della tecnica al servizio della morte, dei milioni di morti in Europa. Da quel punto cronologico e fisico il vecchio mondo inizia il lento congedo dalle nostre vite.  Il mondo antico dei re, della civiltà contadina, delle regole arcaiche, del tempo della natura  è stato travolto da due guerre mondiali e dal finto ed effimero benessere che è seguito. Quella massa di fabbricati brutti e senza forma e quei capannoni rugginosi e marci che circondano come una cintura grigiastra i nuclei medioevali, rinascimentali, risorgimentali della cittadina sono il segno senza forma dello sviluppo del secondo dopoguerra. Un mondo umano nuovo è nato. Esso è senza forma, senza equilibrio, privo di studio veritiero, privo di pensiero, estraneo a quel che è  autenticamente religioso. Non si può nemmeno porre il problema di Dio in questo tempo di terza rivoluzione industriale, perché tanta parte della presente umanità è incapace di pensarlo. Questo tempo nuovo ha rivelato una vasta umanità che vuole vivere senza più eredità morali, senza più autentiche regole, che ha fede nella potenza del denaro e ha fatto di esso il nuovo Dio che promette ricchezze e piaceri senza limiti. Ora guardate di nuovo la città. La strada. La chiesa. La piazza. Cominciate ora a vedere il vostro passato?

Paolo Fantuzzi: Franco,è vero. Ora che ci penso. Quella è la chiesa medioevale, vedo la città vecchia, un pezzo delle mura.

Clara Agazzi: Quella è la parte del Settecento e dell’Ottocento, si riconosce bene il Comune fatto sotto Re Umberto.

Stefano Bocconi: Ora la vedo la periferia, le case nuove. Solo ora vedo la differenza fra la forma delle cose costruite nel passato e il prefabbricato di oggi, è come se fossi stato cieco. Per anni ho visto e non ho capito.

Franco: Non è magia questa. Chi vive con la terra sa che ci sono le stagioni. Che esiste il tempo della potatura, della semina, dl raccolto, della fatica, della festa, della vendita, e così via… Perfino gli alberi plurisecolari hanno le loro vicissitudini e tuttavia crescono, danno frutti, esistono e aumentano in altezza, profondità, spessore. Lentamente accade questo. Se si pensa la città di Cemento Pigi come un corpo, se si sa come questo corpo si è dato nello scorrere dello spazio e del tempo allora le parti di quel corpo possono esser lette, scoperte, rivelate. Oggi voi mi chiedete di scoprire qualcosa che  il senso profondo di qualcosa che è iscritto nella parte ultima della città ossia la gabbia di edifici prefabbricati e malfatti che la circonda. Ma di per sé non sono malvagi gli edifici, è il loro senso simbolico che li rende odiosi perché sono i manufatti di un mondo umano che ha perso la forma etica e non la vuole avere nemmeno oggi. Il denaro e il suo culto si sono sostituiti al sacro diritto dei re e dei principi e dei vescovi che sono vissuti secoli fa. Il vostro microcosmo è stato turbato dalle conseguenze del macrocosmo e dalle forme con cui si domina oggi la stragrande massa della popolazione. Ossia con un miscuglio di mezzi diversi: divertimenti, spettacoli, intrattenimenti, politica-spettacolo, paura, precariato, burocrazia, predominio del potere finanziario sul potere politico e religioso, distruzione o mistificazione di ogni valore etico o morale tradizionale; e se non basta per i popoli ribelli e i loro signori esistono meccanismi internazionali per l’attivazione di opzioni militari o di polizia. Cinque sono le superpotenze oggi dominanti, hanno gli arsenali più grandi, hanno un grande potere finanziario, hanno il diritto di veto alle Nazioni Unite  e i più potenti e sofisticati complessi militar-industriali. Il potere del denaro in quanto denaro e dei suoi sacerdoti e dei suoi adulatori  si lega ai centri di comando e controllo delle cinque grandi potenze planetarie. Ma per quel riguarda noi qui è opportuno esser sinceri. Siamo la periferia della periferia di questi domini a carattere imperiale. Da questo la sensazione, amara ma comune a tanti ,di esser vittime di forze invisibili, di strumenti oscuri, di forme diabolico del dominio. Adesso che questa premessa del non visto è stata detta possiamo iniziare a ragionare del non detto nei vostri tre racconti.




1 settembre 2010

Le Tavole delle colpe di Madduwatta

Le Tavole delle colpe di Madduwatta

Presentazione

Dalla Geo-politica degli Hittiti con furore

Questa mia nuova raccolta di scritti ha un titolo insolito che richiama la Tarda Età del Bronzo in Medio-Oriente. Si tratta di un ricordo personale di carattere universitario e di una curiosità di carattere erudito. Fra gli esami obbligatori avevo un esame di storia antica e a differenza di quel che fanno comunemente gli studenti non scelsi, credo per motivi d’incastro d ‘orari, storia romana ma quella del vicino Oriente. Ossia la storia degli Hittiti, degli Assiri, degli Egizi. Un mondo umano interessantissimo a quel che gli storici han potuto ricostruire con re che si credevano di stirpe divina o Dei (più o meno come i presidentissimi dei nostri giorni e i consigli d’amministrazione delle multinazionali), con sacerdoti di divinità mostruose che esigevano sacrifici e riti e oscuri profeti di sciagure (gli economisti e i lobbisti di allora, solo che allora erano molto più umili e utili in quanto cercavano davvero di mettere assieme il piano del volere divino con la realtà materiale), pieno di guerre volte a far rapine per rubare beni edibili e metalli preziosi e ad acquisire manodopera servile (come oggi, nulla cambia), e da masse di sudditi che per una battaglia andata storta o per un trattato iniquo potevano ritrovarsi schiavi o oppressi da tiranni forestieri o domestici ( niente di nuovo).  L’aspetto sorprendente di questi studi fu la mia constatazione della spaventosa fragilità del sistema palatino, ossia dei saperi e dei poteri legati a una città o al palazzo di un sovrano-dio. La distruzione del centro di comando e controllo, per usare i termini del 2010, poteva corrispondere alla distruzione di tutta la cultura che si concentrava nelle mani e nelle menti di poche centinaia di sacerdoti, di artisti e di scribi. Questo problema della vulnerabilità dei saperi che si concentrano in ristrette minoranze al potere dovrebbe a mio avviso esser meditato perché lo trovo straordinariamente attuale. Si consideri le difficoltà che hanno avuto gli archeologi e gli esperti  ottocenteschi e novecenteschi  in merito alla traduzione dei testi che sono stati ritrovati. Essi hanno dovuto ricostruire il senso di quelle scritture, il vocabolario e la grammatica, la distruzione delle antiche civiltà aveva disgregato anche le culture palatine i cui saperi erano accentrati in un limitato numero di scribi, funzionari, esperti, sacerdoti. La distruzione della capitale e della dinastia poteva comportare l’annientamento culturale e intellettuale di un popolo e una carestia  esser fonte di fatti terribili e di spedizioni militari annuali costituite per scopi di rapina e di estorsione di tributi. Non andò bene l’esame, fu faticoso con una parte seminariale nella quale mi ritrovai a cimentarmi con la traduzione di uno scritto di uno studioso tedesco che ragionava sull’interpretazione di una tavoletta hittita. Nel complesso fu una delle esperienze più strane della mia carriera di studente. Ottenni alla fine di tanta fatica uno dei voti più bassi del mio libretto un venticinque. Nel mio ricordo l’esame che comprendeva diversi aspetti fu legato alla parte seminariale sugli Hittiti e anche al documento  che trattava di un principe di una città sulla costa tal  Madduwatta che aveva tradito la fiducia del Re di Hatti. Il tapino era un sovrano locale costretto a barcamenarsi fra i nemici degli Hittiti e gli Hittiti stessi e una volta deluse così tanto il re di Hatti che il sovrano anatolico fece scrivere contro di lui un lungo elenco di mancanze e fellonie che avrebbe perpetrato. Da tenersi nell’archivio reale, ovviamente. Quindi per me quello fu l’esame sulle “Tavole delle colpe di Madduwatta”. Propongo questa mia vicenda universitaria come titolo per una serie di scritti che si concentreranno su alcuni temi: i  miei scritti letterari o presunti tali, la scuola italiana come problema, le paure degli italiani, la guerra come ordinario elemento della vicenda umana, i miei viaggi. Questo non toglie che il sottoscritto presenti nella sua opera delle divagazioni o delle osservazioni assolutamente diverse da queste appena elencate: non amo vincoli troppo stretti.

Il legame fra l’età del bronzo e questi anni è una sottile analogia perché anche allora poteri palatini composti di minoranze ristrettissime e ricchissime che si credevano divinità o comunque chiamate a ricoprire quei ruoli sociali e amministrativi dagli Dei  portarono gli imperi e i regni della mezzaluna fertile verso  l’auto-distruzione e verso trasformazioni radicali che comportarono il loro annientamento e di conseguenza anche quello della loro civiltà. Si salvò in parte l’Egitto per via di certe caratteristiche geografiche e politiche ma gli altri vennero  perlopiù travolti. Oggi il rischio esiste perché il modello di produzione  e consumo di beni non tiene conto del problema delle risorse grandi ma pur sempre limitate del pianeta terra, i sovrani oggi sono presidenti più o meno eletti e democratici ma in fin dei conti si affidano ai consigli di minoranze ristrettissime di esperti, finanzieri, direttori delle banche centrali, generali; talvolta questi consigli non sono consigli ma vere e proprie indicazioni politiche. Se i re-dei e i re-sacerdoti della tarda età del bronzo dovevano far attenzione all’ira del cielo e alle vendette di Dei maligni e forestieri e ai re-sacerdoti rivali, qui in questa terza rivoluzione industriale il furore che sgomina e fa precipitare nel discredito i presidentissimi e il loro seguito sono le catastrofi ecologiche, i crolli di borsa, le grandi speculazioni finanziarie, le nuove guerre, il caos morale e sociale.  La  civiltà industriale deve divorare se stessa per rinnovarsi e dotarsi di nuove tecnologie, di nuovi poteri politici e di un rinnovato materiale umano.  Si tratta di qualcosa di più di un sistema sociale, io ci leggo anche l’aspirazione alla conquista di poteri sovrumani sul mondo umano e sulla realtà materiale, dietro c’è l’aspirazione dei pochi a giocare a fare Dio, proprio come certi re della Tarda età del Bronzo.

IANA per FuturoIeri




27 marzo 2010

Il Belpaese perso nel suo labirinto di finzioni

 


 


                          Il Belpaese perso nel suo labirinto di finzioni

Le disperse genti del Belpaese amano illudersi, in tanti cercano di apparire diversi da come sono, credono ai cialtroni e ai ciarlatani della politica, sperano di ricevere miracoli o di vincere a qualche miracolosa lotteria che pare esista solo per loro. La maggior parte delle genti del Belpaese è persa in un tremendo quanto immateriale labirinto, i problemi aspri e concretissimi delle famiglie italiane sono lasciati ai disgraziati che li subiscono. Elencherò ora alcune vivissime preoccupazioni che avvelenano la vita delle genti del Belpaese: la casa con i suoi costi irragionevoli è un problema grave che ritarda i matrimoni e spezza la serenità familiare, la disoccupazione unita alla precarietà e ai bassi salari rallenta l’uscita dei giovani dalle famiglie, la povertà si è diffusa e i ceti piccolo-borghesi e medi temono per il proprio tenore di vita, il benessere, i denari e la vita allegra dei VIP spezzano inoltre l’autostima di milioni di italiani e italiane che osservandoli sulle riviste e nei programmi televisivi si sentono dei falliti.  Milioni d’italiani si sono infilati in un labirinto di memorie spezzate e di rimpianti, di paure, di palese incapacità a trovare nelle disgrazie delle vita un conforto morale, spirituale, o delle regole credibili. I partiti politici non riescono a lavorare intellettualmente e positivamente su questo tragico aspetto della crisi, la dimensione intima non appartiene alla proposta politica, ancora una volta contano gli interessi costituiti, le organizzazioni, i gruppi politicamente  attivi, i grandi finanziatori dei partiti e dei leader di vario livello. La FAMIGLIA ITALIANA con i suoi dolori, le sue aspirazioni rovinate, le sue disgrazie si è trasformata ancora una volta in una parola delle orazioni para-religiose fin e in un lemma della retorica politica, la famiglia concreta con la casa  per il  figlio che non c’è, con la figlia sempre disoccupata, con il padre pensionato che ha bisogno di cure, e con i mille guai che capitano è estranea a ogni rappresentazione della politica. L’unica famiglia che vedo da anni rappresentata nella propaganda politica  è quella felice o speranzosa tipica della pubblicità commerciale. Questa è l’entrata nel labirinto delle illusioni, delle troppe finzioni, dei troppi discorsi e la realtà dura e concreta viene nascosta da una parte, anzi ordinariamente oscurata. Essa può esser di nuovo visibile solo presso certi siti come quello di Beppe Grillo o in alcune trasmissioni televisive talvolta oggetto di dure polemiche e censure. Il labirinto  delle false immagini e delle illusioni ha una seconda pesante conseguenza: non permette di capire la differenza fra il vero e il falso e di conseguenza non offre soluzioni ai grandi problemi di natura collettiva, l’incapacità di distinguere diventa incapacità di pensarsi e di capire questa realtà per ciò che è e non per ciò che finge d’essere. Vengono così ricercate nel labirinto mentale delle illusioni e delle memorie distorte quelle cose che rassicurano il singolo, che danno un qualche sollievo o aiutano a ridurre la complessità del presente a poche formule elementari o a tre o quattro stereotipi vecchi di trenta o quarant’anni. Occorre coltivare l’abitudine a far strage delle illusioni, a leggere la realtà nel suo quotidiano formarsi e disfarsi senza coltivare comode interpretazioni che forse rassicurano ma non aiutano. La cura per uscire dal labirinto è quindi amara ma necessaria e forse più semplice del previsto; in fin dei conti quando ciò che rassicura e che dà una visione del mondo umano e naturale si rivela cosa fallace e fonte di errori e cattive interpretazioni non c’è nulla di male a lasciarsela dietro le spalle.

IANA per FuturoIeri




22 settembre 2009

Mondo antico e oggi nel tempo di qui e ora

La valigia dei sogni e delle illusioni

Mondo Antico e oggi nel tempo del qui e ora

Alle volte esser parte di una lunga storia legata ad una penisola nel mezzo di un mare che mette in contatto di tre continenti, precisamente Europa, Asia (attraverso il Medio - Oriente), Africa, impedisce di lasciarsi andare completamente alla follia e al divertimento forzoso del sistema della comunicazione – spettacolo e della pubblicità. Proprio il tempo remoto e morto afferra il tempo vivo di questi ultimi due anni, con la sua nera ombra semina dubbi sulle reiterate e ossessive pretese di questo sistema di produzione-commercio e consumo d’essere potente e indistruttibile. Le macerie di cose vecchie e morte lasciate da re e imperatori antichi, che affermavano di esser tali per diritto divino o addirittura divinità, ammoniscono le persone assennate a considerar criticamente l’analoghe affermazioni dei nostri leader finanziari e politici e dei loro esperti di essere infallibili. Questa pretesa è presente ancor oggi, anche adesso che tutto sembra dimostrare l’iniquità e la disonestà del sistema economico e finanziario mondiale. A differenza del mondo antico su di essi è caduta una fortuna non da poco: la stragrande maggioranza degli esseri umani oggi vive per il qui e ora, quindi non può porsi il problema di quanto possa durare questo sistema e se quanto da loro operato nel corso della vita avrà un qualche possibile futuro. Non sto parlando d’artisti o letterati persi in sogni di gloria accademica o economica, parlo dei progetti minimi di tanti uomini e donne che hanno a che vedere con il fare una famiglia, del vivere in coppia, del costruirsi un proprio lavoro o una professione.

Quando fra molto tempo tutto questo presente osceno sarà storia e sarà una cosa morta solo allora si potrà tirare una pietosa linea che reca sotto di essa il dare e l’avere. Credo che alla fine di tutto le genti diverse del Belpaese, alla cui sopravivenza nonostante tutto credo fermamente, saranno severissime nel giudicare negativamente queste due Repubbliche; l’unico merito che potrà avere questo sistema sarà quello di non poter più esser modello per nessuna cosa nel futuro. Anzi ad esser sincero credo proprio che le popolazioni della penisola attueranno una vera e propria abiura del proprio passato, ben più decisa e pesante di quella già fatta a suo tempo rispetto al fascismo e alla monarchia. Alla fine, fra chissà quanto tempo il qui e ora diventerà ricordo, memorie sbiadite, polvere di cose morte da tempo, ciò che qui è sarà tutto assieme a ciò che è finito; sarà una massa informe di cose nate male e trasformate in disgrazie su cui cadrà un triste oblio intessuto d’astio.

Il mondo antico con le sue miserie, le sue ingiustizie, le sue paurose follie comunque  riuscito a ritagliarsi un piccolo margine di dignità, il suo ricordo non appare sempre negativo o evocatore di cose scellerate, le sue macerie anzi fanno sembrare quei secoli remotissimi ben più gloriosi e nobili della loro antica realtà, almeno per quel che è dato sapere.

Molto probabilmente questi decenni lasceranno ai posteri quale testimonianza del genio che ha animato la Repubblica gli stadi di calcio, a quel punto auspico che siano stati destinati ad altra utilità. Oggi, del resto, senza i divertimenti di massa da tempo il consenso a denti stretti ostentato dai molti verso questo sistema politico ed economico si sarebbe dissolto aprendo la strada ad ogni genere di vibrate proteste e contestazioni. Chi ha il potere non ama esser disturbato dalle moltitudini bisognose, quindi è utile per i detentori del potere riempire gli stadi, spendere nelle squadre del cuore, fare televisione mostrando donnine dalle belle gambe e dalle scollature generose, commuovere il pubblico con bandiere, riti solenni, adunanze patriottiche.  Poi tutto questo finirà…

IANA per FuturoIeri




11 marzo 2008

ITALIA PER MOLTI, MA NON PER TUTTI

Qualcuno dei nostri lettori proverà fastidio in quanto chi scrive non intende ritornare su due piaghe del nostro Belpaese la solitudine e la cocaina. Del resto droga e disperazione devastano la nostra società peggio della disoccupazione e della precarietà, e anche chi scrive si è un po’ stancato di ostentare le piaghe nazionali quasi che fossero medaglie o ferite di guerra. Oggi lunedì 13/03/2008 fra le notizie delle elezioni spagnole e le sfortune del leader francese compare la notizia, per comodità farò riferimento al quotidiano gratuito City, che il rincaro del petrolio avrà come effetto di far spendere in media 340 euro in più nei prossimi 12 mesi alle famiglie italiane. Quale Italia esce dalla rappresentazione del vissuto quotidiano se non un paese miserabile, dove molti hanno difficoltà crescenti, dove molte famiglie vedono diminuire la loro capacità di spesa, dove è difficile anche per chi lavora ogni giorno creare delle prospettive minime: figli, casa, moglie, mutuo. Nell’indifferenza delle sedicenti classi dirigenti si consuma una scissione silenziosa, quella dell’Italia dei sommersi dall’onda lunga dei rincari e della precarietà, e la piccola minoranza che è diventata molto ricca ed è indifferente alla sorte di questo paese e delle sue sfortunate genti. Evidentemente questa minoranza di ricchi considera se stessa apolide e il potere del denaro il miglior passaporto per vivere ovunque nel mondo. Del resto è centrale nel nostro paese la questione delle famiglie e dei loro problemi economici al punto che il “Sole 24 Ore” del 10/03/2008 in prima pagina evidenzia le differenze fra le misure previste per le famiglie nei programmi del PD e del PDL. Per come è fatta questa società il denaro è la chiave che apre le speranze e le prospettive di una vita migliore, c’è poco da scherzare in merito, il potere d’acquisto è centrale nella vita di tutti. La società umana è per la stessa natura dei suoi componenti una questione di organizzazione, di politica, di relazioni e di momenti di vita assieme agli altri umani; del resto come già avevano affermato gli antichi coloro che possono far da soli fin dalla nascita o sono Dei o sono bestie.  Solo che la centralità del denaro ha creato una prospettiva mistificante nei più. Quello che importa non è più la capacità di esprimere il proprio potere con opere e atti volti ad esaltare il valore, il genio artistico, il coraggio, la forza, la disciplina, la capacità di organizzare e di fare assieme agli altri; quello che conta è l’adesione a modelli di consumo e di piacere indotti dalla pubblicità e dal mondo dell’intrattenimento che è diventato così vasto e multiforme da spaziare dai cartoni animati ai film, e ad essere cattivi in tutto questo un ruolo è giocato anche anche dalla vasta produzione di prodotti di carattere erotico e dei video pornografici. Si presenta così in forme nuove quella condizione di separazione fra i molti e i pochi, diove i molti come al tempo degli antichi fanno la parte di una modernissima plebe che a differenza di quella antica è invitata ad osservare i piaceri dei pochi privilegiati attraverso diversi specchi deformanti dati dall'intrattenimento e dall'informazione, quest'ultima spesso pubblicitaria.   Nei tempi antichi poteva almeno esserci la soddisfazione di esser testimoni e non semplici osservatori di terza o quarta mano, poteva capitare che alla fine un plebeo riuscisse, magari in scomoda posizione, ad infilarsi in un banchetto di qualche potente o arricchito, si pensi alla celebre rappresentazione del banchetto di Trimalcione.  Era quindi possibile osservare da vicino l'ostentazione del potere e della ricchezza acquisita, oggi con l'esibizione mediatica perlopiù i molti sono coloro che osservano dal televisore o da uno schermo, spettatori di vicende altrui a cui è tolta la soddisfazione della visione diretta e del giudizio immediato&personale sulle cose viste.   Il potere esibito diventa quindi luogo comune, immaginario collettivo, si sottrae alla sua dimensione umana per diventare racconto, finzione, invenzione pubblicitaria; diventa più importante che una cosa sia creduta che non la sua concreta e materialissima e umanissima realtà.  Per ritrovare se stessi in questi tempi difficili occorre accettare di dover esercitare un diritto di critica che parte dalla dolorosa necessità di affrontare le molte cose spiacevoli di questo consorzio umano per quello che sono e non per come ci vien detto di vederle, o peggio per come si vorrebbe che fossero.  La ragione deve incontrare la forza della volontà e la spinta dell'orgoglio per reagire ai molti inganni della vita quotidiana. 


IANA per FuturoIeri  http://digilander.libero.it/amici.futuroieri

_______________________________________________________________

IL VOTO UTILE? QUELLO CHE NON DIAMO A VELTR-USCONI !



sfoglia     luglio        settembre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email