.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


17 luglio 2017

Ricetta precaria n. 25: panino al paradosso di capitan Harlock

 Ricetta precaria

25.

Il paradosso di Capitan Harlock e un panino da pic-nic

Il paradosso è questo e va colto insieme a un panino realizzato se possibile con del pane integrale. Il nero e il bianco devono essere dati dalla seguente combinazione due fette di pane nero su cui spalmerete del banale formaggino tipo infanzia, che con l’argomento è la morte sua, e il combinato mascarpone più gorgonzola per dare un tono ugualmente bianco ma venato di serietà. Una sorta di nero con tre sfumature di bianco.

Il paradosso è questo e mi si è rivelato dopo molti pensieri, un tantino ossessivi, intorno alla serie classica di capitan Harlock. Perchè in effetti a certi telespettatori della serie, ossia anche allo scrivente queste righe, una volta che la serie è  finita  viene il sospetto che in fondo gli alieni invasori, di sesso femminile in questo caso più unico che raro nella storia dell’animazione,  non fossero poi tanto male rispetto allo squallore dei governanti della terra. Almeno quelle aliene ostentano per 42 puntate una loro tetra ma affascinate dignità marziale e spirito di sacrificio.

 Rimando i lettori  che non sanno nulla intorno al  ponderoso, quanto antiquario e polveroso,  tema alla pagina di wikipedia:https://it.wikipedia.org/wiki/Capitan_Harlock

Il paradosso è questo:  l’ottimo eroe combatte e vince per la causa giusta ma finisce con il favorire la feccia.

Combattere con sofferenza e sacrificio per una nobile causa e alti ideali può portare a un’affermazione personale breve a cui poi segue un vantaggio quando non addirittura la presa del potere da parte di gente ignobile, imbelle, cretina e dissoluta. Quante volte ho visto in piccolissimo, ovvero nel quotidiano, militanze politiche o attività di carattere sociale finire nel nulla, o addirittura trasformarsi in fenomeni di conferma del pessimo ordine delle cose di tutti i giorni. Molto spesso, troppo spesso. Il bene grande e donato con altruismo da gente generosa si piega e scompare e riemerge tracotante e dilagante lo squallore quotidiano e il male di vivere in cui la feccia umana galleggia. Epiche lotte per elevare l’umanità o una piccola parte di essa  hanno spesso lasciato il passo al ritorno alla banale corruzione di tutti i giorni. Ogni umano che capisce  questo paradosso può trovare i suoi riferimenti e associare il fatto storico o l’esperienza di vita che, a suo avviso, meglio s’adatta al paradosso in questione. Nel Belpaese si sprecano le possibilità in questo senso. Tornando all’inizio del ragionamento panino è il classico ripiego da crisi di spuntino di mezzanotte o per colazione al sacco fatta con quello che si trova. Se la farcitura è davvero bianca e il pane nero rispetterete, con qualche concessione cromatica, i colori della bandiera pirata.

Indovinate di chi!

 




25 maggio 2010

Ancora Capitan Harlock




De Reditu Suo - Terzo Libro

Ancora Capitan Harlock

Da qualche anno i miei venticinque lettori vengono annoiati con le mie considerazioni sulla serie classica di Capitan Harlock. Devo chiedere scusa ma credo che l’argomento merita ancora qualche fastidiosa ripetizione. Questo personaggio  è di natura nicciano-wagneriana,  infatti la serie del 1999 dal titolo “Harlock e l’Anello dei Nibelunghi” rivela quanto sia forte il legame con il concetto di superuomo che passa però perlopiù attraverso Wagner e la letteratura popolare e i fumetti che non attraverso il filosofo armato di martello. Credo di poter dire che risulta essere un fatto che questo eroe è attualissimo, si scrive su di lui e recentemente in Italia perfino un saggio, vengono rieditati i DVD che raccontano le sue imprese, è parte di un progetto della TOEI di dimensioni notevoli previsto per il 2012. Quindi l’eroe parte di quella schiera di Dei ed Eroi dotati di una forza personale in grado di lottare e vincere contro il nemico interno umano e quello esterno alieno ancor oggi qui nel Belpaese come altrove piace, vende, è apprezzato.  In verità si tratta di una coppia di eroi perché le sue imprese sono svolte d’intesa con Tochiro l’inseparabile scienziato giapponese che fa da spalla tecnologica al capitano pirata di origini germaniche. Proprio l’amico giapponese si trasforma dopo la sua morte altruistica ed eroica nell’intelligenza artificiale del computer dell’Astronave da Guerra Arcadia. C’è a mio avviso l’evidenza di questa storia e di questo personaggio  un essere classico del mondo dell’animazione giapponese e mi spiego le pretese di una certa destra estrema nostrana di assorbire l’invincibile capitano con l’abilità che ha questa parte politica di capire al volo l’importanza di un mito di carattere commerciale che può essere strumentalizzato in chiave politica. La verità che nasconde questo Capitan Harlock è che degli Dei e degli Eroi rimane vera e viva solo l’ombra che gli uomini fabbricano per non sentirsi soli in questo mondo umano che tende alla degenerazione, all’iniquità e alla dissoluzione. L’ombra irreale e virtuale dell’Arcadia, del capitano con il Jolly Roger stampato sulla divisa, la colonna sonora che accompagna le sue imprese sono l’elemento che manca nel mondo reale: quella capacità di trovare il profeta o il condottiero che rovescia una situazione disperata, il messia di turno che redime l’umanità e fa miracoli. Una cosa relativamente piccola come questo personaggio e la sua  storia tutta fantascientifica e inventata rivela un globale bisogno di miracoli e forse l’esigenza di una spinta in avanti verso un futuro lontanissimo per abbandonare un presente meschino, inquinato, moralmente disgregato e senza eroi.

                                                                     IANA per FuturoIeri



sfoglia     novembre        settembre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email