.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


12 gennaio 2014

Sintesi: Immobilismo sociale e Belpaese

Una sintesi dei pensieri di questi giorni è necessaria. Il problema principale  e determinante del Belpaese sono le condizioni sociali e culturali nelle quali vive la stragrande maggioranza della popolazione. I ceti medio-bassi e bassi che formano la maggior parte delle popolazioni  della Penisola si sono sostanzialmente impoveriti  o vivono a diversi livelli e condizioni  situazioni di precarietà e disagio.  I fatti di cronaca criminale e  di cronaca politica di questi ultimi cinque anni se non fossero tragici sarebbero ridicoli, ma su questa materia c’è stata abbondanza di documentazione su quasi tutti i quotidiani del Belpaese e quindi non aggiungo altro.

Alle analisi e alle descrizioni lucide e chiare da parte di tanti che ragionano e cercano di capire questo presente e l’immediato futuro da molto tempo non corrispondono altrettanto lucide e chiare misure di correzione e di riforma. Il Belpaese gira su se stesso senza una direzione, in particolare quel che si può chiamare società italiana tende a riprodurre se stessa con le stesse gerarchie sociali, gli stessi ruoli e professioni che passano di padre in figlio. Questo è particolarmente vero per le professioni di maggior prestigio e guadagno. Il figlio del notaio che fa il notaio, il figlio del medico che fa il medico, il figlio del giornalista che fa il giornalista, il figlio dell'imprenditore che fa l'imprenditore, il figlio del proprietario terriero che fa il proprietario terriero, il figlio del cantante che fa il cantante sono figure ormai da barzelletta, da luogo comune. Tuttavia queste figure rappresentano una condizione reale ed esistente. Esiste, e non lo si vuol veder, un consenso trasversale a questo congelamento della mobilità sociale. Non ci sono solo le famiglie dei ceti medio-alti  direttamente interessate. A sostenere questo stato di cose  c'è una massa grigia di carattere elettorale, che pesa alle elezioni, che sa e approva. Per quel che mi riguarda è inutile cercare nelle rovine del passato e nei miti perduti  i segni di una resurrezione di non si sa bene qual regime politico, o peggio di qualche miracolo di natura riformistica. L’esistenza dell’essere umano nel qui e ora del proprio tempo  esige di pensare in questo tempo con i rapporti di forza reali e concreti in atto. Quello che manca è una forza politica, sociale, culturale realmente esistente  in grado di tradurre le troppe analisi impietose  in proposta, riforma, trasformazione. Al fondo della condizione presente c’è uno sprofondare che è una forza inconscia, una specie d’inerzia, di peso culturale che porta a ripetere gli stessi atti e a riprodurre le stesse condizioni di vita, le stesse concezioni del mondo e della vita sociale. Milioni d’italiani si sforzano di fingere che non sia cambiato nulla nel corso degli ultimi tre decenni, io vedo un gigantesco sforzo collettivo di sfuggire alla realtà  presente. Il grande sforzo di milioni di famiglie italiane è stato quello di adattarsi per quel che è possibile a qualche concetto pseudo-liberale e a due o tre parole inglesi alla moda che vengono ripetute in modo ossessivo da molti politici e dai mass-media. Questo sforzo si è però sfilacciato e disgregato: è un fatto che i partiti politici della Prima Repubblica si sono sciolti da decenni, nuovi partiti sono nati senza che la mentalità di fondo sia cambiata, spesso si tratta delle stesse persone con anni di carriera politica alle spalle. Grattando la crosta dei tanti liberali e riformisti del Belpaese di oggi a mio avviso riemerge di solito il democristiano, il conservatore, l’autoritario, l’opportunista e perfino il socialista e il comunista. Tutto cambia e tutto resta drammaticamente uguale, gelido, immobile; e tutto è drammaticamente inadeguato e senescente. Inadatto alla sfida  dei nuovi tempi del XXI secolo. Ancora una volta sono forzato alla descrizione di quel che osservo e noto, addirittura studio molti aspetti della realtà e di essi non scrivo quanto meditato e ragionato. In realtà mi sto autocensurando da tempo perché mi rendo conto che il disgusto che provo fa sbandare il mio pensiero e il mio scrivere e devo controllarmi per non offendere la sensibilità dei miei venticinque lettori.  

Alle analisi fondate, meditate, ragionate non corrisponde una risposta concreta, reale, efficace. Non corrisponde una visione del mondo, uno sforzo politico collettivo perché la realtà dei singoli italiani si è frantumata, spezzata in mille rivoli. Coalizioni politiche vigorose e leali e alleanze onorevoli  fra popolo e governanti sembrano fantasie; o peggio: roba da romanzi fantasy.  Molte soluzioni che vengono presentate in rete, e non solo, sono lucide utopie, illusioni collettive, desideri che prendono la forma di un programma politico, perfino pulsioni e passioni che prendono forme pseudo-ideologiche. Ma non trovo reali e concrete forze in grado di pensare un percorso per trasformare nel profondo la società italiana. Quello che osservo sia nei partiti politici più o meno tradizionali sia nelle proposte di quelli meno tradizionali è di fatto un necessario aggiustamento per salvare, per quel che è possibile, il presente così come è. Si tratta in fondo della continuazione e della conservazione di una società italiana a bassa se non nulla mobilità sociale verso le gerarchie che contano. I vertici del sistema, ovviamente, hanno a disposizione una capacità di acquisto di beni e servizi clamorosamente superiore alla massa che sta in fondo, quindi la questione della mobilità è un fatto sostanzialmente materiale e di calcolo economico. So che questo suona provocatorio. Ma si tratta di ciò che penso da anni. Io non vedo nell’Italia di oggi altro che calcoli di natura materiale e finanziaria, tutto si gioca qui e ora ed è concreto come la terra, l’acqua, l’aria, la casa, i figli, l’automobile, il carrello della spesa, e le scarpe nuove. Temo che la soluzione a questo immobilismo decadente non arriverà dalle forze interne del Belpaese ma da qualche disastro epocale, ossia  da qualche fatto drammatico di carattere planetario. Nei secoli passati è accaduto che eventi traumatici di dimensioni enormi hanno  forzato civiltà e popoli a rimettersi in discussione e a ricostruirsi.

IANA




3 agosto 2012

Le Tavole delle colpe di Madduwatta Terzo Libro. Un cocomero ben tagliato

"Segreto svelato" di I. Nappini



Il terzo libro delle tavole

Viaggio nell’Italia del remoto futuro

Il Cocomero ben tagliato

 ( anticipazione da uno scritto ancora tutto da scrivere)

Il numero due degli Xenoi mi congedò ed io lo salutai come talvolta si salutano ossia con un leggero inchino della testa e mettendo la mano aperta sul petto. Ciò fatto andai verso il comandante, l’impressione di quel breve incontro era stata enorme. Il comandante mi sembrò sereno e con aria confidenziale mi disse:”Ein Stück der Wassermelone?”, sulle prime non compresi. Aveva usato il tedesco per chiedermi se volevo andare con lui, voleva offrirmi una fetta di cocomero. Che cosa curiosa. C’era una tradizione da quelle parti, in quella città; d’estate alcune bancarelle offrivano cocomero gelato per pochi spiccioli ai passanti. Precisò:” Fa caldo, perché non ci concediamo una fetta di cocomero bella gelata, so io un posto straordinario.” Accettai subito stupito dell’offerta. Fece un cenno e la macchina si avvicinò all’uscita. Disse all’autista:” Sulla passerella, quella prima del ponte rosso”, mostrò su un tablet la mappa e una foto del punto, il tipo al volante fece un cenno di aver capito e in pochi minuti eravamo già in strada diretti dalla parte opposta della città.  Lui mi parlò con tono amichevole:” adesso la porto nei pressi del principale parco della città,  troverà ben poco di monumentale ma è comunque un posto gradevole. Personalmente mi sono cari certi luoghi popolari, semplici.” Arrivammo in un quarto d’ora, non c’era traffico sulla strada, la macchina parcheggiò presso una piazzetta e ci avvicinammo al banco del rivenditore di fette di cocomero collocato  nelle vicinanze di un ponte pedonale sul fiume, il luogo era semplice e privo di decorazioni e di cose notevoli. Il caldo era forte e la polpa rossa fredda, dissetante e dolce proprio quello che ci voleva, con due soldi il comandante mi aveva dato una piccola lezione di gastronomia da strada locale. Lo ringraziai per il gustoso sollievo, l’emozione era stata grande e un piccolo momento di calma era prezioso, la tensione si allentava; fu allora che m’invitò a far due passi, dietro il chiosco si apriva un piccolo viale alberato. Fu l’occasione per fare due passi e parlare del più e del meno, ad un certo punto della conversazione il comandante volle mostrarmi un punto dal quale s’osservava il fiume dall’alto di un argine, una pescaia, le rive sassose e il parco alberato sullo sfondo. Il tutto aveva un fascino da cartolina, da acquerello comprato in qualche negozio di souvenir. Chiesi qualche notizia su quel posto, cose comuni, se c’erano delle storie al riguardo, se c’erano racconti di battaglie…

Lui mi parlò così indicando una pescaia semplicissima sul fiume:” Vede questo  luogo è un luogo semplice, è la periferia del fiume; la parte storica della città è dall’altra parte. Questo è un quartiere dove vive la gente comune, gente semplice. Il potere che abbiamo conquistato assieme agli Xenoi viene dal conoscere queste pietre, queste case, questo fiume, questi alberi e questi prati. Viene dalle cose piccole, dalla banalità, dalla semplicità. Sapere è potere e noi come certi guerrieri d’altri tempi ci siamo messi a conoscere noi stessi, il proprio luogo di vita, la propria storia, la natura. Ci ha aiutato ad avere una disciplina, ad aprire la mente, a prepararci ai disagi della guerra e della vita in clandestinità e della normalità nella gestione del potere.”.

A quel punto compresi al volo che dovevo approfittare di questa inaspettata confidenza:” Quindi una sorta di consapevolezza interiore, di spirito guerriero, di forza morale d’altri tempi era per voi fonte d’ispirazione, di coraggio?”

Lui fece una smorfia e disse: “ Perché tante e tante volte le genti di questa penisola hanno fallito nel corso delle loro rivolte, delle loro congiure, delle loro ribellioni? Perché andavano in ordine sparso, senza disciplina, senza logica, avendo in testa interessi personali, speranze private di ricchezza, desideri di vendetta, odio.  Per ciò che riguarda i capi le ambizioni personali, il doppiogioco, l’ indisciplina, le affinità con la delinquenza erano la regola e questa era la zavorra di tanti movimenti e gruppi politici del passato con ambizioni rivoluzionarie o sovversive. Sono miseramente affogati, la loro memoria si è perduta, le loro ambizioni dissolte, le loro speranze sparite. Noi non potevamo fallire in modo miserabile, in modo meschino come era già accaduto nel passato. Quindi ci siamo forzati alla disciplina e allo studio delle arti marziali. Troppi movimenti politici nel passato sembravano la cattiva copia della delinquenza comune, delle bande mafiose, della feccia di strada che vandalizza qualche quartiere popolare, che fa casino per svaligiare un supermercato o solo per far a botte con la polizia. Questo Belpaese  merita qualcosa di più , molto di più dell’ennesimo bivacco di ladri, teppisti e cialtroni travestiti da politici, da tribuni, da rivoluzionari. Poi c’è una cosa ancora. Erano spesso gente priva d’arte, di poesia, di filosofia , di retto e  corretto sapere. Con gente simile anche le migliori cause scadono nelle degenerazione e nel disastro“. Il comandante aveva le idee chiare e precise. Non potevo dargli torto, in fondo il vecchio ordine era pieno di cose corrotte e disastrate;  in quelle frasi vi fossero dosi forti di verità mischiate a risentimento e rabbia. Poi era anche vero che queste popolazioni erano state governate da potenze straniere, da despoti e tiranni domestici, da politici espressione della criminalità organizzata. Mi sembrava sicuro di sé. C’era un che di fastidioso nel suo fare.

Volevo smontarlo, almeno un po’; volevo approfittare della situazione venuta in essere con questo dialogo. Quindi chiesi in cosa davvero lui e i suoi amici e compagni d’arme ritenevano di essere migliore di tanti altri che avevano provato a far cose simili, a far rivolte, sommosse, rivoluzioni. In fondo con così tanti esempi cattivi del passato c’era da pensare che anche sua eccellenza potesse essere incluso nel numero dei candidati al fallimento.

La provocazione lo scosse solo un poco. Mi sorrise. Indicò il fiume, le due rive  e  la pescaia

Poi mi disse più o meno queste cose: “ Il pericolo del fallimento è forte, ma proprio per questo ci proponiamo una disciplina di partito e marziale. Si tratta di far molto di più e meglio di quanto da queste parti si è visto in passato. Vede non è che in passato mancassero buone idee o buoni ideali. Mancavano gli esseri umani in grado di realizzarli, di portarli a  buon fine. Anche il materiale umano conta. So che è una brutta espressione ma le cose stanno così. Se non liberiamo noi stessi dalla spazzatura che abbiamo in testa, dalle ambizioni sceme, dal cretinismo portato dall’egoismo falliremo di nuovo, come è successo tante volte. Ecco la necessità di fare un salto, di andare oltre grazie ai nostri alleati Xenoi. Non possiamo oggi scappare nel ricordo del passato come tante volte hanno cercato di fare i rivoluzionari, i ribelli, gli eversori. Inutile il cercare in cose morte, nei detriti di storie politiche e sociali finite da generazioni l’ispirazione per un riscatto collettivo, per una salvezza di tutti o di qualcuno. La salvezza può venire solo da una proiezione in avanti, da una rivoluzione sì; ma non come ritorno alle origini. Non c’è un paradiso perduto nel passato recente o remoto che sia, ciò che siamo e che potremo essere si decide qui e ora. Il passato serve forse a non perdersi, a capire da dove si è partiti, ma non può essere il suo ritorno la nostra causa. Vede il fiume, oggi è lento e pigro nel suo scorrere, in inverno è forte e impetuoso. Il fiume non è mai uguale e quella pescaia oggi è emersa, visibile. In altri momenti pare sparire sotto la forza delle acque. Il fiume non si ferma mai. Cercare l’acqua del fiume di venti o trent’anni fa è pazzia, ogni presente scrive da sé la sua storia. Anche il nostro presente scriverà la sua storia e costruirà da sé le sue regole. Quindi siamo forzati per così dire all’esercizio della virtù, alla disciplina, ad essere una forza che si muove tutta assieme con uno scopo collettivo; dobbiamo fare il nostro percorso, costruire un mondo materiale e umano e non rapinare i detriti di società umane rovinate e di realtà politiche scomparse. Rapinare i vinti, gli scemi e la gente ignorante è stata per secoli l’abitudine delle minoranze al potere da queste parti, ossia abitudini criminali e criminogene”.

C’era molto di vero nelle sue parole e c’era anche il desiderio di giustificare se stesso, le proprie azioni, i ricordi. Sorrisi e dissi due o tre parole di circostanza mentre ammiravo il paesaggio.




5 luglio 2012

I primi appunti sul processo - note e scritti su un testo tutto da scrivere-

Assedio di I. Nappini




Il terzo libro delle tavole

Viaggio nell’Italia del remoto futuro

I primi appunti sul processo

( anticipazione da uno scritto ancora tutto da scrivere)

 

Ripetevo gli stessi gesti, in modo nervoso e un po’ seccato. La camera presa in affitto mi sembrava maledettamente piccola e la mia raccolta di vocabolari e di testi mi sembrava inadeguata.    Andavo dalla scrivania dove avevo collocato il computer  per scrivere i miei appunti e le mie note al materiale cartaceo. Non ne uscivo fuori, rimanevo incastrato in cattive immagini, mi perdevo in pensieri oziosi, in visioni deludenti, in letture parziali; in breve perdevo tempo. La mia curiosità e il mio interesse si disperdeva in mille cose diverse. Poi arrivai alla prima domanda seria. Perché loro?

Perché proprio degli esseri squallidi, dei guitti dell’informazione e dello spettacolo, dei personaggi vissuti di pubbliche relazioni, di pubblicità commerciale e propaganda travestita da notizie vere, di delazioni vergognose, degli squallidi pubblicisti al soldo di chi paga dovevano essere al centro di un processo esemplare. Perché proprio loro. Sulle prime pensai a un processo ridicolo, ai capri espiatori, a una sorta di sacrificio animale. Poi mi resi conto che la cosa  era più complicata. Volevano quelli lì e proprio quelli. Dovevano esser messi davanti ai loro delitti, alla loro miseria morale, al loro  vendersi per soldi o per qualche favore; dovevano essere l’esempio negativo. Il senso del processo era la messa in stato d’accusa di tutto il passato “occidentale” di queste popolazioni, ciò che era stato prima doveva prendere l’aroma della vergogna  e della truffa, dietro questo regime nuovo più o meno rivoluzionario non doveva restare nessun punto di ritorno, nessun tempo delle origini. Ma perché allora proprio delle cialtrone televisive, dei giornalisti venduti, dei pubblicisti usi alla menzogna. Poi compresi. Quelle categorie umane erano state per decenni l’immagine della cultura popolare della lega più bassa e vile, ma erano stati un pezzo del quotidiano e  del vissuto, i servi squallidi delle minoranze al potere e degli alieni nemici degli Xenoi e intrattenitori della popolazione di questo paese. Non le rovine degli antichi, i ruderi delle fortezze medioevali, le ville del Rinascimento o le meraviglie architettoniche dell’età Industriale,  ma al contrario i miserabili della televisione e della stampa e della rete erano il passato da stroncare, il passato pericoloso. Pericoloso perché molti non si ricordavano di coloro che avevano costruito la ferrovia, il mercato coperto, il castello, la villa reale, il rudere dei cavalieri crociati o la villa romana, le mura cittadine. No i molti si ricordavano del tale che si era presentato nel salotto televisivo con la cravatta color aragosta, della presentatrice bellicista con la minigonna e la magliettina, del demagogo sudato e  cialtronesco nel discorso con la canotta militare presa al mercatino etnico, della cicciona volgare della televisione che insultava a destra e a manca, del politico che si presentava alla tribuna politica con i colori della squadra della città o della nazionale di calcio. Il cretino televisivo e la scema di turno  da film amatoriale erano i campioni della civiltà da poco scomparsa e quelle dovevano essere le bestie da uccidere, il lupo al quale doveva esser fracassata la testa per far felici pecore e pastori. Era così evidente che mi son chiesto perché non avevo capito subito la cosa, ma questo poi mandava la mia persona a sbattere contro un diverso problema.  Una volta stroncato questo modello scellerato con cosa sarebbe stato poi sostituito? Cosa volevano fare di questi popoli? Come volevano integrare gli alieni Xenoi dentro la popolazione locale? Quel processo conteneva molte risposte. Una delle cose che gli eserciti fanno durante un conflitto è conquistare appoggi presso le popolazioni invase con la propaganda di guerra o manipolare con soldi, corruzione, ricatti, favori associazioni umanitarie, gruppi culturali, minoranze religiose per far passare come cosa buona e giusta la loro impresa militare e i loro propositi di conquista. In particolare nella guerra a bassa intensità è vitale per un esercito occupante costruire attorno alla sua presenza una rete di consenso. Qui era però diverso. Questa non era esigenza di guerra, e neanche un tentativo di stroncare qualche gruppo di dissidenti o di ribelli locali distruggendo la rete di complicità e la loro credibilità. Questa era volontà di mettere una sepoltura su un tempo finito e di criminalizzare l’immagine del passato. Ciò che era stato il precedente regime in blocco era quella cosa lì: l’ultimo esito e tragico esempio umano di decomposizione civile e morale. Questi i nomi: Michele Tito Stano, Giorgio Meschini, Gano Serrat, Pina Riccobaldo da Ferrara, Maurizia Pigalle, Maria Battista de Melis e infine Puddu Maligni. Quattro uomini e tre donne messe davanti al fallimento del loro regime e della loro esistenza. La sentenza di morte era già scritta, il problema era come ci sarebbero arrivati. So come ce li voleva portare il comandante Giosia: in ginocchio, anzi strisciando fino al patibolo.

Cominciai a vedere la cosa nel suo complesso; questo non era un caso minore, uno studio da tesi o da ricercatori di seconda fila, dietro questi fatti c’era il senso di un passaggio di stato. Era la mia occasione, poteva essere il mio biglietto per la carriera accademica se fossi riuscito a trovare il senso politico e propagandistico di questo processo. Inoltre la sfortuna aveva fatto sì che molti degni compari e complici di questi sette fossero dispersi, stati linciati, massacrati dalla folla, uccisi sul posto. Avevo trovato la ragione del mio lavoro, del mio studio e una forse carriera.




27 giugno 2012

Appunti profetici e sparsi su uno scritto da fare




opera di I. Nappini




Il terzo libro delle tavole

Viaggio nell’Italia del remoto futuro

Una notte difficile

( anticipazione da uno scritto ancora tutto da scrivere)

Fra le cose notevoli che voglio presentare ai miei lettori una mi resta difficile da esprimere. Si trattò della notte prima dell’incontro con il numero due del regno Xenoi. Ero pieno di paura e di tensione, si trattava di una breve udienza, forse venti minuti; ma a parte alcuni leader politici e ministri degli esteri delle grandi potenze imperiali quasi nessuno aveva avuto occasione di rivolgere la parola a un capo politico e  militare Xenoi di rango così alto. Non riuscivo a dormire, mi giravo nel letto, dovevo essere lucido ma la tensione mi forzava a bere una o due bottiglie di birra locale, curiosamente era di ottima qualità. Cominciò a farmi male la pancia, sudavo, poi mi addormentai e sognai di essere una persona diversa, in un paese diverso, con un lavoro che non era il mio. Ero uno che viaggiava, parlava, incontrava gente, la cosa era piacevole, divertente. Poi mi svegliai. Era mattina tardi e un sole caldo e generoso inondava con i suoi raggi il letto, le lenzuola e la mia persona. La testa era pesante ma subito compresi cosa dovevo fare; prepararmi convenientemente per l’appuntamento. In frigo avevo lasciato la colazione una cosa semplice e leggera: caffè, latte, una mela, qualche fetta di pane, burro, la locale crema di cioccolato peraltro ottima. Volevo star leggero, senza digestioni complicate avrei avuto più lucidità. La primavera era ormai tarda e era necessario lavarsi bene per non sudare, profumarsi, prendere gli abiti migliori e indossarli. Il tutto andava fatto con semplicità e  senza ostentazione. Mi ritrovai vestito di bianco e color crema, a ripensarci c’era qualcosa di funereo in questo mio abbigliamento. Aspettai per una o due ore fino a quando due auto mi vennero a prendere, una era per la scorta e la seconda era per me, entrai. C’era il vecchio comandante nell’auto. Mi parlò brevemente dando alcune raccomandazioni generiche, il luogo dell’appuntamento era nella zona signorile della città, sul colle dove era posto il Belvedere; in un giardino ben curato, aperto al pubblico per alcuni giorni dell’anno, sua altissima eccellenza mi avrebbe ricevuto per pochi minuti. Ella era interessata alle rose che là erano coltivate e alle piante ornamentali, in un certo senso ella esprimeva così un sentimento gentile, quasi umano. O forse no, si trattava magari di una curiosità scientifica legata alle proprietà farmacologiche e alimentari delle piante ornamentali e da giardino locali. La strada salì per poche centinaia di metri fra ville immerse nel verde e alberi bellissimi, fiori, erba freschissima e odori molti forti, fra i quali quello di magnolia. Sul marciapiede  qua e là c’erano a gruppi di due o di tre dei soldati dei corpi speciali, gente a passeggio, qualche operaio, qualche giardiniere. Le vetture si fermarono sul piazzale del belvedere della città, subito una scorta comandata dallo stesso comandante mi condusse nel luogo dell’incontro. A quel punto la situazione cambiò, ad aprire i cancelli del giardino c’erano due Xenoi in alta uniforme. Mentre entravo uscivano degli umani con delle borse e dei comunicatori, forse miliardari in cerca di protezione, forse ambasciatori, o forse capi politici di qualche nazione umana. La scorta rimase a breve distanza, il comandante mi prese per un braccio con gentilezza, sapendo il misto d’imbarazzo e di paura che covava dentro di me, era un gesto carino; in un certo senso voleva aiutarmi e stava facendo di più del dovuto. O forse sapeva che quella del primo incontro con uno dei capi Xenoi era una cosa traumatica, una sorta d’iniziazione al futuro. Il comandate mi portò presso un pino in un angolo del giardino e disse: Eccellenza, ecco l’uomo di cui vi ho detto”. Allora mi accorsi di essere vicino a una creatura di quasi due metri, sembrava una divinità egizia, una sorta di Dea Iside tutta bianca, con una pelle lucida che pareva riflettere la luce solare, o forse l’assorbiva, non so. All’inizio non riuscivo a vedere il volto, era una sorta di creatura accecante, comunque doveva essersi ambientata piuttosto bene, non sembrava usare apparecchi sofisticati di supporto vitale. La sua tuta era molto semplice, elementare e sembrava spalmata sul corpo più che rivestirlo era di colore Rosso scarlatto, qualche fregio semplicissimo color oro, pantaloni bianchi, stivaletti neri, guanti neri. In effetti faceva paura e suscitava un senso d’inferiorità. Quella creatura lì era il numero due degli Xenoi la sua scorta visibile era di quattro unità, due evidentemente addette alla sua sicurezza con le armi del caso e due con della strumentazione, evidentemente erano delle segretarie o esperti di comunicazione o qualcosa del genere. Probabilmente c’erano altri Xenoi a dovuta distanza, tuttavia quella piccola folla mi rendeva inquieto, se fossi stato nudo e legato davanti a un campione di boxe mi sarei sentito molto più forte e sicuro. Quella creatura emise delle parole, non le compresi sul momento, il comandante mi disse: presentati e dopo ti lascerò solo per circa venti minuti. Poi verrò a riprenderti, mi metterò là vicino al roseto grande. Indicò un punto nel giardino. Così iniziò il colloquio con una presentazione impacciata che suonava più o meno così:” professor Ulmann, da Berlino; sono estremamente onorato di poter parlare con sua eccellenza illustrissima e la ringrazio dell’udienza in forma privata”. La creatura usava un traduttore sofisticato, riproduceva una voce che forse era la sua, c’era qualcosa di singolare, non era qualcosa di artificiale, l’essere aveva una padronanza di sé spirituale e mostrava una cultura e un talento geniale profondissimo, maturato in secoli e secoli di vita. Rispetto al grosso dell’umanità era un Dio, o qualcosa che assomigliava ad uno degli esseri immortali dei miti e delle leggende. Così mi rispose: ”Ho stabilito che questo luogo confortevole e bello per voi umani potesse metterla a suo agio. So che la primavera e i fiori e gli odori delle piante più belle hanno un positivo effetto sul vostro carattere. Questo è uno dei luoghi più confortevoli della città per fare della contemplazione della natura e dei suoi odori e dei suoi colori.” Mi aveva preso per il verso giusto, e disarmato intellettualmente, risposi subito:” Ringrazio sua eccellenza per la cortesia di parlarmi in uno dei luoghi più belli della città, segno della stima e del rispetto che voi Xenoi avete per gli umani. Del resto è noto che quanto avete conquistato sul pianeta Azzurro o sottomesso alla vostra volontà è stato da voi curato con attenzione e come dite spesso “migliorato”, anzi “redento”. Non capita spesso di trovare invasori così belli, forti, potenti e amanti del bello e  della natura. Mi permetta quindi…

L’essere parlò prima che potessi finire:  “ Professore devo chiederle io una cosa prima d’iniziare, a cosa o a chi va la sua fedeltà, ovvero l’essenza più intima e profonda del suo comportamento in questa vita.”

Non sapevo che dire ma risposi” A me stesso… voglio far carriera. Per quelli come me è importante.”

Lei:” Al mio sovrano, che è il mio Dio Vivente e il mio popolo, e la mia anima, e l’anima di tutti gli Xenoi che si fanno uno in esso. Noi siamo unità, molti e uno nello stesso tempo. La volontà del sovrano è coincidente con quella delle sue genti e dei suoi schiavi e delle forme di vita inferiore che voi definite animali o beni di consumo, abbiamo le nostre forme di rappresentanza, perfino di scelta dei capi  e dei processi elettorali.  La nostra autocoscienza e natura spirituale  e sacra si fa uno con il Dio Vivente  che assomiglia a uno dei Cesari dell’antichità, a una sorta di re-sacerdote delle epoche umane più oscure. Il nostro sovrano è il garante di una forma d’identità collettiva che è anima e autocoscienza viva . Questa guerra contro i nostri nemici locali ci ha rivelato degli alleati imprevisti e utilissimi, senza i quali l’impresa non sarebbe riuscita così bene.  Queste genti di queste terre hanno conosciuto per secoli e per generazioni diarchie tragiche, rovine di regni, distruzione di Stati, scomparse di grandi imperi perché i poteri si spaccavano in due, tre, quattro parti, la religione di Stato cercava di strappare privilegi allo Stato, lo stato cercava di sequestrare i beni dei religiosi, i ricchi opprimevano i poveri e i poveri si rivoltavano contro di loro o li tradivano in mille modi, troppi rubavano o erano meschini e dissoluti  e intanto  popoli stranieri invadevano, rapinavano, violentavano, rubavano. Noi come Xenoi  possiamo con la nostra civiltà porre dei limiti a tutto questo, loro possono aiutarci a mettere solide basi qui e a stabilirci in via permanente. Ecco la fondazione di questo matrimonio di civiltà che là nelle vostre terre temete, noi meno alieni e loro un po’ meno umani. La speranza nello scorrere dei millenni è fondare una sola civiltà e un tipo di umano del tutto nuovo, una sorta di popolo nuovo in grado di vivere qui e di esser il meglio di entrambe le specie umanoidi. ”

Un bel colpo, accidenti! Tutto era chiaro e senza giri di parole. Il problema è che essi con questa fusione creavano una potenza imperiale nuova, certo volevano pagare il biglietto per così dire ai popoli umani, ma le loro intenzioni erano di restare e di fare qui il loro regno. Mi apparve in tutta la gravità il problema del Belpaese e delle sue genti. Lo sdoppiamento dei poteri, la doppia, tripla, quadrupla morale per sopravvivere e arrangiarsi in mezzo  potenze dispotiche e straniere o a mafie domestiche. Certo che questa era una soluzione rapida e decisiva. Un solo potere al posto di poliarchie di ladri,  di partiti politici al soldo delle banche e  dei miliardari popolati di farabutti e mascalzoni, di oligarchie criminali, di diarchie istituzionali inutili, dissolute e farneticanti. Un progetto ambizioso. La cosa grave è che si tratta di un patto compreso dalle genti del Belpaese, loro non riuscivano ad uscire dai loro limiti storici, morali, civili e questi Xenoi non potevano non stare qui, altrimenti i loro nemici alieni ne avrebbero tratto vantaggio.  Un patto, uno scambio, una fusione. Avevo capito. Altro che invasione! Questa era politica e che politica!

Rimasi due minuti in silenzio e dissi:” Eccellenza…Voi avete una grande visione politica, ma comprenderete che nell’Europa del Nord i vostri progetti suscitano sorpresa, timore e stupore. Inoltre come metterete assieme gli umani con esseri come voi la cui natura è per noi di difficile comprensione. Ad esempio perché tanta pressione politica e poliziesca contro le fedi diverse da quella di Stato, perché una forte presenza numerica, come mai una fusione di forze di origine umana e di forze armate vostre in uniche organizzazioni o unità militari  miste… ”

Rispose: “ Avete trovato da voi la risposta, ma la confermerò. Per restare qui. Restarci per secoli, per millenni, di più se possibile. Restarci non in piccoli gruppi, o in strutture scientifiche o di ricerca  ma con comunità numerose e operose. Per questo è per noi indispensabile finita la fase militare e di distruzione trovare accordi politici e di convivenza con esseri già abituati all’ambiente, capire come si vive qui ogni giorno. Inoltre ai fini generali dell’evoluzione del sistema biologico e di autocoscienza nostro è importantissimo creare delle città e dei centri di produzione di beni e di consumo. Dobbiamo misurarci con il difficile Pianeta Azzurro. So che avete compreso”




18 giugno 2012

Le Tavole delle colpe di Madduwatta Terzo Libro Appunti sparsi sulla punta della piramide sociale

http://www.empolitica.com/wp-content/dati/Tempesta-di-fuoco.jpg








Le Tavole delle colpe di Madduwatta

Terzo Libro

Appunti sparsi sulla punta della piramide sociale


Devo ammettere di aver solo immagini distorte e approssimative di coloro che esercitano il potere reale e concreto oggi in questo inizio di XXI secolo. I super miliardari, gli oligarchi, i superburocrati  che indirizzano la grande politica e le grandi speculazioni finanziarie e pianificano le nuove guerre. Non hanno un nome e un volto, posso solo far lo sforzo d’immaginare le facce, le sagome, i segni tipici della posizione sociale e della ricchezza di queste piccolissime minoranze al potere; vedo gli effetti di quel che fanno, gli esiti dei loro piani ma non riesco a mettere a fuoco una visione d’insieme, le loro forme, i loro volti. I livelli inferiori del loro potere sono visibilissimi e riconoscibili e mi riferisco ai livelli votati all’intrattenimento delle masse, allo spettacolo televisivo e politico, ai capi politici finanziati massicciamente da campagne di raccolta di fondi elettorali o da fondazioni o da miliardari, ai generali al comando di eserciti di coalizione e ai portavoce delle forze armate.  Ma chi tira le fila pare invisibile o almeno sfumato, quando qualcuno di questi potentissimi prende forma c’è sempre da sospettare che dietro vi sia un potere altro, un livello ulteriore, segreto. Questo sistema democratico alla maniera Anglo-Americana assomiglia a un a serie di scatole cinesi, di società che sono contenute da altre società, il sistema reale di potere nel sedicente “Occidente” rivela dei meccanismi misteriosi, oscuri dove si muovono improvvisamente campagne politiche, colossali speculazioni, guerre insidiose  e pericolose e l’opinione pubblica è forzata a credere questo o quello pressata dal martello di una informazione che è principalmente spettacolo e intrattenimento e dell’incudine del silenzio colpevole e interessato di chi potrebbe almeno spiegare qualcosa di questi processi ma si nasconde o si rinchiude in un cattivo silenzio. Così fatti terribili e funesti avvengono e a milioni di cittadini d’Europa vengono offerte solo fantasie, storie di comodo, inganni, narrazioni della propaganda di guerra, il grande potere che è dietro il potere si nasconde e nasconde le sue reali intenzioni. Quel potere nel potere è il livello ultimo e più alto della piramide sociale. I suoi effetti sono però reali, concreti, clamorosi e per alcuni popoli, travolti da guerre economiche o finanziarie o militari o terroristiche, terribili. Le vittime sanno bene quanto sia forte il potere distruttivo delle nuove oligarchie al potere. Ma quel che manca è i volti, i nomi, i luoghi reali di vita, le università e i centri di formazione, di vita quotidiana, di lavoro dove queste minoranze piccolissime al potere vivono,  acquisiscono sapere e competenze specifiche. Non è noto il loro quotidiano, o se è noto è noto solo a esperti e a singoli con competenze specifiche. Per i molti i VIP sono i calciatori di serie A, e le loro mogli o fidanzate, personaggi televisivi, presentatori e presentatrici, qualche onorevole, qualche attrice o cantante dalle forme graziose, qualche donna dell’alta società. Ma il resto? Dove sono i pianificatori delle grandi strategie bancarie globali? Dove sono gli strateghi a tavolino delle guerre? I capi dei servizi segreti? I boss del commercio internazionale di armi leggere? Dove sono i super-generali e i grandi ammiragli delle potenze imperiali globali? Non ci sono. Non ci sono articoli, cronache fotografiche, esclusive o speciali sulle riviste destinate alle masse popolari su coloro che sono davvero il grande potere nel mondo umano. Non ci sono speciali televisivi a meno che non si tratti di qualche testa coronata d'Europa e solo in occasione di celebrazioni, grandi feste, matrimoni. Ci sono i politici che arrivano a mettere la firma sulle grandi decisioni  dopo che la macchina del potere dietro il potere si è mossa e ha offerto loro delle possibili opzioni, delle vie d’uscita dai problemi, delle strategie economiche e militari. Al tempo dei Cesari era più facile farsi una vaga idea di chi fosse il potere, le statue del Cesare al potere in quel momento  arrivavano fino nelle provincie remote dell’Impero. Il Cesare era il vertice sia del potere politico sia di quello militare. Ma oggi manca il volto del potere, del vero potere. Così chi si oppone a questi poteri dietro il potere formale  finisce con l’indicare dei fantasmi, dei poteri invisibili, degli spettri; manca la capacità di dare al pubblico ordinario  il mostro di fine livello dei videogiochi. Ma ancor di più pare quasi impossibile fra capire il meccanismo di ragionamento con il quale si muove questo potere. Come si muove? Pare, e sottolineo pare, muoversi secondo uno spirito capitalista collegato a forme esasperate di darwinismo sociale, finanziario e militare. Ma ad oggi non saprei cogliere tutte le sue sfumature. Forse non ho neanche tutti gli strumenti culturali per capire i tanti colori e aspetti di questo potere oligarchico. Infatti quel che par di capire è che questi poteri si muovono secondo logiche di carattere tecnico ossia  secondo procedure bancarie, finanziarie, militari, spionistiche. E’ il regno di logiche precise ma lontane dalla vita quotidiana; ma i loro effetti possono devastare la vita di milioni di umani e dare la via  e il segno agli esecutivi e ai parlamenti dei principali paesi del mondo. La punta della piramide sociale è ignota, è come se una grande luce al vertice impedisse la visione, accecasse la vista e ciò che è visibile lo è per deduzione, per fantasia. Questo è un limite perché alle volte un volto, un luogo, un centro di formazione può dare il senso di queste minoranze al potere, ma se essi sono nascosti c’è un motivo: hanno interesse a restare dietro la facciata del potere con cui si relazionano e attraverso il quale operano. Questo è un grave problema, comprendere il proprio tempo diventa molto difficile, descriverlo qualcosa di complicato. Occorre intuire le proprie risposte per  scarsità di verità e di autentico sapere.




4 marzo 2010

Bananìa e la Terza Rivoluzione Industriale



 

  De Reditu Suo - Secondo Libro

                            Bananìa e la Terza Rivoluzione Industriale

Alla fine era giunto, era una cosa prevedibile e scontata che lo scorrere del tempo portasse fatalmente un nuovo millennio, eppure la cosa arrivò quasi inaspettata assieme a una nuova fase della terza rivoluzione industriale.   Il Belpaese di Bananìa quando arrivò la Terza rivoluzione Industriale non era ancora riuscito  capire fino in fondo la Prima e ad adeguare le mentalità assurde, nepotistiche e feudali delle sedicenti classi dirigenti alla logica delle imprese. Purtroppo alle sfortunate genti di Bananìa erano toccate delle classi dirigenti di profonda ignoranza anche nelle arti e nelle scienze occulte; per esse la divinazione e la conoscenza del misterioso si limitavano a monologhi da fattucchiera e agli amuleti rozzamente composti da ciarlatani di provincia e tipi bizzarri che si dilettavano di magia. La terza rivoluzione industriale era molto di più  era un tempo di passaggio fra l’uomo e la civiltà di prima e quella di dopo, in quei decenni a cavallo fra un millennio e l’altro si sarebbe deciso il futuro, l’umanità sarebbe entrata nella fase d’integrazione del corpo animale con la macchina, l’umano doveva diventare altro da sé e dalle sue origini. Si apriva con il nuovo millennio la prospettiva di un umano potenziato e di una civiltà  umana dominante che forte del primato tecnologico aprisse la via a soluzioni straordinarie e alla trasformazione della vita sul pianeta. Ma tutto questo agli inizi del nuovo millennio era ancora una visione di pochi e di chi osava proiettarsi con l’immaginazione e la previsione oltre il proprio tempo.  Bananìa era  preda di classi dirigenti di  scellerati, truffatori e ladri i quali distraevano il popolo con la televisione-spazzatura quindi la stragrande maggioranza degli abitanti della penisola  non capì  la gravità dei tempi e le trasformazioni in atto. A quelle genti disperse e  malconsigliate la realtà appariva come un gigantesco spettacolo di cattiva qualità interrotto ogni tanto dagli arresti ordinati dai giudici e da qualche follia dei sedicenti VIP. In quel tempo Bananìa era la fogna della peggior gente del vecchio Mondo, in pochi la consideravano come una realtà seria e men che mai come uno Stato meritevole di qualche ascolto o anche solo di una riflessione. Quando arrivò la Terza Rivoluzione industriale con i suoi milioni di licenziati, con i nuovi apparecchi che connettevano gli esseri umani singoli alla rete universale, con le nuove armi tecnologiche e spaziali fu evidente che la maggior parte dei bananiani resi rozzi e rincretiniti dalla cattiva politica e dalla pessima televisione sarebbero stati travolti mentalmente e psicologicamente dalle  novità.  Ma la fortuna sorrise alle tapine genti quando i grandi imperi del pianeta azzurro si massacrarono con le armi di distruzione di massa al tempo della Terza Grande Spartizione del Mondo. Così le genti sfortunate ebbero  modo di colmare il proprio ritardo  approfittando della ricostruzione del mondo umano e liquidarono la Repubblica dei ladri e dei delinquenti sostituendola con qualcosa di più accettabile. L’umano integrato con la macchina arrivò male, armato fino ai denti e incluso nel  pacchetto tecnologico-affaristico del supersoldato del futuro e fu pregio e merito delle genti di Bananìa aver  restituito quella tecnologia alle esigenze della vita indicando e in segnando di nuovo alle disperse popolazioni umane del pianeta azzurro le vie della civiltà, del viver bene e dell’arte.  Quest’impresa di restituire l’antica dignità alle arti e alle scienze dando la memoria del passato e un senso di continuità alle diverse nuove civiltà e forme d’umanità comparse di nuovo sul pianeta azzurro  fu propriamente la lodevole impresa dei bananiani.

 IANA  per FuturoIeri




7 dicembre 2009

Lontani dagli Dei e dagli Eroi


De Reditu Suo

Lontani dagli Dei e dagli Eroi

La mattina presto quando sono sul bus andare al lavoro mi chiedo alle volte, ovviamente da solo e in silenzio, quali possono esser gli strumenti per intervenire sulla realtà che mi circonda. Purtroppo mi rendo conto che sono pochi, deboli, spesso inefficaci. Queste  democrazie europee del nuovo millennio vedono partiti politici deboli in preda a leader e  dirigenti rissosi e bisognosi del sostegno economico altrui, mentre i grandi gruppi finanziari si son fatti attribuire poteri di condizionamento e indirizzo prima di competenza del solo potere politico. Questo avviene dentro le logiche di processi economici e industriali che in Europa e nel Nord-America impoveriscono la piccola borghesia, i ceti operai e contadini già messi in ginocchio da leggi e cavilli che depotenziano il loro ruolo sociale e la loro capacità di pesare nelle scelte politiche ed economiche, la televisione e la carta stampata sono perlopiù dipendenti dalle imposizioni di chi raccoglie la raccolta pubblicitaria o finanzia il mezzo di comunicazione di massa.  Il singolo ha ben pochi strumenti per intervenire in una realtà come questa che sia da solo o come associato  a un gruppo più ampio, il sistema è solido e si tiene sul consenso di milioni di consumatori che anche se frodati e gabbati preferiscono il certo all’incerto, il poco e subito a qualcosa in più da strappare con sacrifico e rischio. La logica del prendere qualcosa qui e ora premia il politico e il finanziere che puntano solo al presente e che hanno messo in conto di lasciare ai posteri una terribile eredità. Personalmente auspico che il sistema riveli la sua natura fallimentare e criminogena prima che arrivi a un collasso di dimensioni pericolose e potenzialmente eversivo dell’ordine costituito. Un piccolo disastro da correggere subito potrebbe, forse, evitare di dover metter mano ad una catastrofe incontrollabile e ingestibile domani quando i processi degenerativi nella società umana e nello sfruttamento delle risorse planetarie avranno creato le condizioni per aprire ogni sorta di conflitto, anche armato, fra le nuove potenze globali emergenti e le vecchie in decadenza. Forse questa è una stupida illusione, o forse è una soluzione peggiore del male; il disastro finale sarà forse la conclusione lineare, logica, oggettiva, giusta. Ecco che in questa visione millenaristica e purificatrice dei mali del mondo umano leggo la distanza da me e da altri come me dagli Dei e dagli Eroi, ossia da quel sovrappiù di potenza e dominio sulla realtà materiale che permette al singolo di cambiare le cose o di trasformare il reale a sua immagine e somiglianza. Nel mondo antico, e in quello delle leggende e della finzione teatrale, era questo qualcosa in più che fondava le città, creava i popoli e i regni, imponeva a un mondo umano disperso delle regole e delle prospettive, dava un senso alle forme di vita associata. Ciò che era oltre l’umano o subito sopra di esso era l’esempio e talvolta il senso del proprio piccolo mondo. Adesso c’è la nudità di poteri economici e finanziari che devono mascherarsi dietro milioni d’immagini pubblicitarie, di suoni, di canzoncine; i sacerdoti del Dio-denaro non riescono a trovare la loro legittimità, il loro potere sugli umani puzza di truffa e di dispotismo. La miglior soluzione che hanno trovato è di comprarsi i sistemi politici, di corromperli di condizionarli finanziando le campagne elettorali o i mezzi di comunicazione di massa.   I limiti dell’umano sono i limiti di una condizione fisica e mentale limitata nel tempo e nelle possibilità. Di fronte ai colossi finanziari e corporativi che sovrastano il singolo e manipolano ciò che è reale e ciò che è virtuale diventa molto difficile operare e vivere per l’uomo libero in uno spazio materiale e psicologico proprio. La prima libertà diventa quella di poter pensare che due più due fa quattro, basta poco per iniziare a sottrarsi al mondo delle illusioni maligne e delle allucinazioni pubblicitarie.

 

IANA per FuturoIeri




20 ottobre 2009

La reggenza d'Italia e il finale alla Capitan Harlock

La valigia dei sogni e delle illusioni

La reggenza d’Italia e il finale alla Capitan Harlock

 

Capita di ripensare alla 42° puntata della serie classica di Capitan Harlock e alla battuta che chiude tutta la vicenda bellica e umana intorno alla quale ruota il conflitto spaziale del cartone animato. Si tratta d una serie della fine degli anni settanta quindi con gli alieni invasori e l’eroe con la sua corrazzata spaziale che li sconfigge; tuttavia la complessità psicologica dei personaggi e la complessità della storia ne fa una serie di quarantadue puntate che è riuscita a far il salto oltre l’ombra e a trasformare qualcosa di commerciale in una creazione artistica. In quello che è l’ultimo atto della seria la regina Raflesia al comando degli invasori alieni attende nella sua “stanza dei bottoni” l’ennesimo rapporto, il suo esercito è stato sconfitto, le sue forze d’invasione sono in fuga, ma ha ancora delle speranze legate a delle forze combattenti presenti sul pianeta azzurro. Ad un certo punto mentre è seduta sul suo trono un messaggero porta la notizia che il loro centro di comando e controllo è stato distrutto. Sua maestà chiede che cosa significa e le viene risposto:” Maestà, tutto è perduto”. In questa quarantaduesima puntata tutto si dissolve in un momento e comincia una storia diversa dove si contano i vincitori e i vinti, si fa l’elenco di ciò che resta e di quel che è andato distrutto e perduto per sempre.

Io so che arriverà questo momento per la Reggenza che di fatto sta governando l’Italia, questa condizione politica e sociale è instabile e prima o poi cesserà. Probabilmente questo fatto sarà strettamente legato alle fortune dell’Impero Statunitense e delle sue alleanze, alla disfatta economica in corso, alla crisi delle fonti energetiche e delle materie prime.

Oggi le sedicenti classi dirigenti d’Italia vivono in uno strano limbo, in una stasi dove possono ignorare le rapidissime trasformazioni del mondo esterno, possono dilettarsi con gli scandali a sfondo sessuale o con i giudici perseguitati dalle telecamere. Si tratta del solito teatrino, di storielle da spettacolo di burattini, di parole al vento che devono bastare ai militanti e ai tesserati, più o meno fantasma, mentre tutto intorno al Belpaese cambia, e le stesse genti difformi della Penisola non sono più le stesse da almeno due decenni.

Il finale, non so quando e non so come, sarà spettacolare perché tutto verrà giù in solo momento. Sarà dato da un punto sottile nello spazio e nel tempo nel quale ciò che era prima cesserà d’essere e ciò che sarà prenderà forma. Il momento esatto dove il cambiamento sarà irreversibile e ritengo che avrà lo spazio temporale della durata della quarantaduesima puntata. Circa mezz’ora.

Un bel finale rapido e tagliente per la storia di una reggenza  italiana indecorosa, sgangherata, malfatta e nel complesso triste.

 

 IANA per FuturoIeri




8 settembre 2009

Note libere sulla prima puntata della serie classica di Capitan Harlock

La valigia dei sogni e delle illusioni

Note libere sulle prime tre puntate della serie classica di Capitan Harlock

 Nel lontano 9 aprile 1979 alle 19.15 Capitan Harlock faceva la sua comparsa nel piccolo schermo della penisola. Scanso equivoci preciso che si tratta della serie animata di 42 puntate nella quale per la prima volta viene presentata al pubblico la storia del pirata spaziale del 30° secolo. 

La descrizione della società umana che fa da sfondo alle imprese dell’eroe presenta alcuni elementi inquietanti perché rimandano alla contemporaneità. Mi riferisco alla descrizione tragicomica di una democrazia autoritaria, estranea allo stato di diritto, imbelle e dissoluta; un sistema politico caricaturale minato nell’efficienza dalla corruzione e da una burocrazia scellerata e pigra e dalla viltà di militari, politici e funzionari. Questo regime scellerato governa una popolazione rincretinita dalla televisione e tenuta sotto controllo con forme ipnotiche di controllo, un consorzio umano incapace di pensare liberamente e di difendersi da chiunque. L’eroe come al solito salverà la Terra dagli invasori alieni, i quali, sia detto per inciso, sono le terribili guerriere mazoniane e fanno una bellissima figura se contrapposte all’umanità scellerata e moralmente decomposta. In effetti la serie classica di Harlock prende a schiaffi i luoghi comuni dello spettatore che si trova catapultato in una finzione nella quale non sa bene se simpatizzare per il delinquenziale Harlock o per i suoi nemici alieni; è certamente esclusa la possibilità di star dalla parte della maggior parte degli umani. Nessuno vorrebbe esser parte di un consorzio umano in stato confusionale che sta lì per farsi macellare dal primo che passa.

Una riflessione che si ricava da questa prima evidenza, aldilà della finzione,  è che i regimi troppo deboli o sconclusionati devono per forza di cose affidarsi a poteri esterni per regolare le loro vicende, e questo dato di fatto emerge con forza nelle situazioni straordinarie e in casi drammatici. Nella finzione di questa serie animata è l’eroe con le sue dotazioni militari e le sue  virtù e i suoi seguaci a fare l’impossibile, a salvare la situazione e a donare ai sopravvissuti il suo esempio per costruire un mondo migliore. Questa serie ha avuto un ruolo speciale nella mia vita perché mi ha colpito moltissimo nell’infanzia, mi ha costretto a delle riflessioni nella tarda adolescenza, e adesso nella maturità la ritrovo davanti sempre nuova e non ancora meditata a dovere. Come se nuovi segreti dovessero essere ancor oggi rivelati o meditati alla luce di questa finzione sfacciatamente nipponica e nello stesso tempo nicciano-wagneriana. Credo che questa sia un caso rarissimo di cartone animato che è riuscito a saltare oltre la sua ombra e a fare la difficile trasformazione in un classico. Si tratta di una serie di 42 puntate che va oltre all’intrattenimento, tipico dei prodotti commerciali dell’industria dell’intrattenimento televisivo, descrive una condizione umana e affida un ruolo pedagogico all’eroe protagonista.

Il mio pensiero va al Belpaese, una penisola popolata da genti diversissime che ormai si sono lasciate andare allo sconforto e al culto del Dio-denaro nelle forme più rozze e infantili, una penisola nella quale non ritrovo più le ragioni e le forme di vita di un tempo che fu. L’incapacità di difendersi dal male estremo e grande da parte di popolazioni che si lasciano andare, che perdono ogni dignità è un dato di fatto. Nella finzione artistica come un Deus ex Machina arriva l’eroe invincibile che mette a posto le cose, ma nella realtà delle vicende umane non è detto che arrivi qualcuno con il suo seguito per sistemare le cose andate storte. Ma cosa accade nella realtà concreta quando l’eroe non si materializza e non prende forma. Vedo un Belpaese condannato da una viltà evidentissima e punito a causa dell’assenza di eroismi che non vengono alla luce e non possono prendere forma. Forse nel Belpaese nessuno sa più cosa sia un eroe.

IANA per FuturoIeri





7 luglio 2009

Il Belpaese che non vede, non sa, non capisce

Belpaese: quarantanove passi nel delirio

Il Belpaese che non vede, non sa, non capisce…

Credo sia un dato di fatto che la crisi è in essere ed è mondiale.

Credo sia un dato di fatto che Cina ed India stanno emergendo come potenze mondiali.

Credo sia un dato di fatto che le guerre dell’alleato, ma davvero il Belpaese ha alleati?, Statunitense in Afganistan e Iraq stanno andando male.

Eppure nel Belpaese si vive e si fa politica come se tutto questo fosse il racconto stravagante che arriva dalla Luna o da qualche remotissima isola sperduta in mezzo all’oceano. Di fatto il mondo esterno sembra sparire nella dimensione ufficiale dei nostri, nelle dichiarazioni pre-congressuali, nei proclami di principio, nei discorsi ufficiali, nella polemiche perlopiù su scandali e fatti privati, e perfino sulle questioni del premier e delle sue vicende matrimoniali e scandalistiche. In realtà per le nostre sedicenti classi dirigenti da tempo non dirigono e non pensano, il loro è un mestiere ereditato dai padri o dai nonni o il frutto di qualche privilegio, di eredità o rendita o la conseguenza della benevolenza di un protettore quale che sia. Il merito non conta, conta la fedeltà, la parentela, la ricchezza propria o ereditata, la rete di relazioni. E’ chiaro che in simili condizioni è spiacevole per i nostri giornalisti ragionare, far inchieste, contribuire a creare l’indirizzo generale di un pensiero critico o di qualche aspirazione legittima della società civile. Il Belpaese vive in una condizione stranissima, in un tempo di sogno dove va in scena la finzione, l’irrealtà, lo scherzo;  tutto questo accade mentre tanti giovani non fanno famiglia e non possono accedere al bene-casa, molti anziani sono in difficoltà per il costo della vita e milioni di lavoratori onesti hanno perso potere d’acquisto con il passaggio dalla lira all’Euro. Chi è ricco e felice oggi? Chi ha speculato, chi ha alzato i prezzi nel suo negozio, chi può praticare le libere professioni e scaricare i costi sulla parcella che rimette ai clienti, chi vive di piccole truffe, il delinquente che sa che uscirà con l’indulto, il costruttore d’assalto che ha fatto i soldi con i piani regolatori e le zone agricole diventate dalla mattina alla sera edificabili, chi lavora per gli stranieri, i propagandisti di quello o di quell’altro partito, i banchieri e i promotori finanziari che vendevano prodotti finanziari truffaldini, come al solito perlopiù impuniti, anche davanti allo scatenamento della loro perfetta malvagità.     Se le genti diverse e disperse del Belpaese non inizieranno a tirarsi fuori da loro da questo tempo di sogno saranno gli altri e con le loro manine corrazzate a risvegliare a forza questo stivale dormiglione e allucinato. Non è così difficile svegliarsi, basta alzarsi una mattina, guardare fuor di finestra e capire che lì fuori c’è un mondo altro, altri umani diversi da te, un tempo nuovo e pericoloso.

Non è difficile, provare per credere.

IANA per FuturoIeri



sfoglia     dicembre        marzo
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email