.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


11 febbraio 2010

Dove sei Italia, antica terra gentile?

De Reditu Suo - Secondo Libro

 Dove sei Italia, antica terra gentile?

La mia persuasione da alcuni anni a questa parte è che le difformi genti del Belpaese siano in fuga dalla realtà e forse dalla propria libertà. Per libertà intendo libero esercizio di un pensiero critico intorno alla realtà del mondo umano.  Qualcosa è cambiato negli ultimi quindici anni, l’Italia degli italiani è diventata qualcosa di molto diverso, è un cantiere sempre aperto dove viene demolito il passato e sostituito con qualcosa di temporaneo e incerto. Ciò che prima era saldo come la  centralità della famiglia nell’educazione, i partiti politici, i principi alti e solenni, il valore della parola data ora è debole e incerto. Le popolazioni del Belpaese da un lato hanno demolito le antiche forme arcaiche e tradizionali del vivere con gli altri e nella continuità di una storia vissuta dai padri e dai nonni e dall’altro hanno inserito, più o  meno volontariamente elementi di cultura e civiltà consumistica statunitense nel loro quotidiano. L’Italia di oggi è un mostro orrendo, una cosa informe perché la somma di pezzi confusamente inseriti di macerie delle forme di vita nostrane e cose strane e nuove che vengono dalla civiltà Anglo-Americana. Non sarebbe stato male a livello di banale consapevolezza diffusa fra le genti d’Italia avere una comprensione ampia della civiltà statunitense e inglese che hanno delle cose importanti da insegnare alle popolazioni italiane e penso alla durezza dei rapporti fra cittadino e rappresentanza politica, all’amore per la guerra e le armi da fuoco, al senso alto della paternità, alla devota fede verso la Patria e la sua civiltà, alla volontà di potenza che struttura la politica interna ed estera. Penso, fra l’altro, alla determinazione con la quale il governo Blair ha portato il fu Impero Inglese nella guerra dell’Iraq e alla potenza militare e alla  disciplina delle forze armate di sua Maestà la Regina. La civiltà Anglo-Americana sa fare la guerra e sa portarla avanti perché è parte della sua intima natura e questo dona a quella civiltà tanta parte della sua gloria e della sua influenza nel mondo. L’Italia invece non so dove sia, da buon vaso di coccio fra vasi di ferro non è abbastanza bellicista e determinata da strappare con la forza bruta ciò che l’avidità del mondo nega ad essa e nello stesso tempo è troppo dispersa, infelice e  deforme per conquistare influenza e potere attraverso l’arte, la cultura, la diplomazia. L’Italia di oggi è un qualcosa che non è pieno di rancori, impedimenti, paure. Un mondo umano di vecchi italiani e italiane dominati dalla cattiveria che viene dalla senescenza e dalle paure dello scoprirsi deboli fisicamente e mentalmente guarda con crescente timori ai segni di decomposizione e morte che dominano il vissuto quotidiano e fa di tutto per tenersi strette pensioni e piccoli privilegi. Forse l’Italia gentile è morta da secoli e si è polverizzata e le sue ossa son concime per la nera terra ma si fa finta che sia viva e forse nascosta chissà dove. Io credo che ciò che è onorevolmente morto merita un funerale, una sepoltura  e una lapide.

Così, tanto per far chiarezza.

IANA per Futuroieri



sfoglia     gennaio        marzo
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email