.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


20 febbraio 2015

Sintesi: Il Maestro - terzo atto - il secondo ragionamento di Gaetano Linneo

Franco: E allora, ammettiamo che sia così. Per il piacere di parlare acconsento di sostenere l’idea che l’essere umano sia soggetto a miglioramento, a elevazione spirituale e fisica. Perché non dovrebbe esser così. Al giorno d’oggi sono viventi sul pianeta circa sette miliardi di umani, e in aumento costante. Fosse solo per una questione di statistica dovrà venir fuori qualcosa di buono.

Clara Agazzi: Questo è vero e proprio ottimismo, ma caro Franco devi spiegare perché.

Paolo Fantuzzi: Giusto perché esser in sette miliardi non dovrebbe piuttosto risolversi in un disastro tremendo; in una vera e propria apo0calisse per le risorse, in un conflitto globale di civiltà per l’egemonia e i potere nel senso più gretto e rozzo del termine.

Stefano Bocconi: Son stato a giro in pochi paesi, ma per quello che posso capire non c’è da esser ottimisti.

Franco: Dunque. Il problema è perché posso esser ottimista. Per prima cosa non confondetemi per qualcun altro. Il mio pensiero non è un facile sorriso da cartellone pubblicitario o il ragliare dell’ebete. Prendiamo in esame le tre esse  di cui si è detto prima e fra esse scegliamone una: i Soldi. Cosa muove il desiderio di far soldi se non l’avidità e  la competizione fra umani. La televisione fa vedere uomini ricchi ma vecchi ma con miliardi, ville, barche grandi, servitù e donne bellissime come amanti e l’uomo della strada preso da emulazione e invidia vorrebbe competere con questi signori del denaro. Con cinque minuti di spot sulla vita di uno di questi signori si possono spingere milioni di umani sulla strada dell’invidia, dell’emulazione e della competizione anche sleale. Eppure esiste il contrario di questa condizione che per forza di cose e porta al conflitto e a una società incattivita e competitiva. Si tratta della collaborazione. Ma qui arriva una diversa immagine, ormai rara. Uomini e donne che vivono serenamente e  si dividono le difficoltà e sopportano in gruppo il male di vivere, tendenzialmente un mondo di eguali o con uguali diritti o con compiti divisi equamente. Allora l’opposto di una società competitiva e aggressiva esiste, è concepito. Quindi questo contrario certamente troverà una sua dimensione pratica di vita quando il modello presente sarà fallito, quei sette miliardi oggi in conflitto per le risorse e  divisi dall’appartenenza a diverse e ostili civiltà potrebbero collaborare, condividere saperi, trovare soluzioni a gravi problemi di salute, sviluppo, ricerca, distribuzione delle risorse. Poi c’è il fattore non ponderabile. Esiste la possibilità se non di un miracolo di un qualche evento imprevisto che fa svoltare, che cambia la storia. Magari in modo traumatico. Potrebbero esser rese disponibili risorse materiali e di conoscenza da migliorare la condizione di vita, la salvaguardia della vita sul pianeta  e la salute. Intanto vedo quel che posso fare a io nel mio piccolo con il mio blog, nella mia zona, nel quartiere, nel Comune, faccio la mia parte per rendere meno marcio e sporco questo mondo.

Stefano Bocconi: Veramente buoni propositi. Ma sull’umanità non punterei un soldo. Perché i popoli, le civiltà, come le chiami tu, non dovrebbero regredire a una forma di conflitto permanente, perché gli umani non dovrebbero uccidersi per un fiume, una valle, una miniera di rame?

Paolo Fantuzzi: In effetti aspettando miracoli nel mondo dalla fine della Seconda Guerra Mondiale si son combattute decine e decine di guerre. La violenza razionale e tecnologica tende a sostituire la collaborazione, il dialogo, la ragionevole distribuzione delle risorse e delle ricompense per il lavoro svolto.

Gaetano Linneo: Precisamente, questo è il punto. Tuttavia volevo far osservare che la rete non è poi così gratuita. Essa è il sesto continente del commercio e forse il settimo per la pubblicità e le informazioni utili a creare il profilo di gruppi di consumatori e non solo. Il fatto che gente che scrive di cose serie, di scienza, di cultura, di materie umanistiche usi la rete e i social network o altro non vuol dire che si ha il possesso di qualcosa. Per mandare avanti il sistema ci vogliono delle strutture molto concrete, interi capannoni di macchinari complessi e computer di grande potenza. Gli Hard Disk di questo mondo immateriale della rete sono di metallo e silicio, questo virtuale è molto più concreto di quanto sembra. E per mandare avanti l’industria elettronica dio consumo e tutto quello che ci gira intorno ci sono grandi multinazionali che macinano enormi profitti, milioni di utenti e consumatori felici di divertirsi e consumare e gente povera che è in fondo alla stiva a remare. Ovvero quelli che materialmente e per pochi soldi e spesso in una paese povero o autoritario lavorano per costruire quelle merci che servono per comunicare, leggere telefonare nel mondo della terza rivoluzione industriale. Inoltre c’è il problema dei dati personali che girano sulla rete i quali sono utili per creare profili. Profili di tutti i tipi: alla polizia interesserà il delinquente, alla società di pubbliche relazioni il profilo di un potenziale consumatore e così via. No la rete è qualcosa che la gente seria che vuole un miracolo di purificazione per l’umanità non controlla.  La gente solidale, buona, seria, moralmente e culturalmente filantropica di solito non ha le strutture che gestiscono i miliardi d’informazioni o data center, non ha potere sui servizi segreti, non sa quasi nulla di cosa siano davvero le macchine che usa per comunicare. La gente seria di cui si ragiona è isolata come gli altri o immessa in recinti virtuali dove parla con i suoi simili e affini. Magari in questi recinti di uguali e di amici usa magari bene e con grande capacità strumenti di comunicazione su cui non ha potere materiale. Questi recinti di gente che pensa cose belle e buone non si espandono più di tanto e il sistema nel suo complesso è e rimane incentrato sul capitalismo. Sul potere finanziario tanto per capirsi, sui grandi signori del denaro che acconsentono a una sorta d’opposizione parcellizzata e divisa che spesso si rivolge anche contro i loro nemici del momento per il semplice motivo che non temono da quella parte lì. Ci vorrebbe una massa mai vista prima  di umani che convergono su una piattaforma di rivendicazioni sindacali, ecologiche, pacifiste, considerazioni di puro buonsenso tali da colpire in profondità  il presente Dio-denaro.

Franco: Le tue considerazioni d’opposizione sono brillanti ma non nuove. E’ vero c’è quest’ambiguità di fondo. Eppure io penso che si possa lo stesso fare il salto, intendo un salto nella speranza, nella credenza che si possa dare da sé un perfezionamento dell’essere umano che sia fisico e mentale di salvezza.  Se gli umani hanno costruito un sistema di comunicazione di questa complessità perché esso non potrebbe fra le pieghe delle sue contraddizioni favorire quello che auspico, ossia il tendere alla perfezione.



sfoglia     gennaio        marzo
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email