.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


6 maggio 2013

Diario Precario Dal 25/4 al 27/4/2013

Data. Dal 25/4/2013 al  27/4/2013

 

Note.

La primavera è manifesta, la natura pare rinnovata.

Ponte del 25 aprile, passato in silenzio.

Fatto un piccolo lavoro di modellismo statico per una mostra.

Parlato con gli amici, i tempi sono amari.

 

Considerazioni.

L’attività del docente si è interrotta per l’occasione del ponte del 25 aprile. Così ho dormito fino a metà mattina, mi son rilassato, ho ascoltato gli amici, ho pensato.

Il centro del problema, ciò che è dietro questi tempi amari è stato ben descritto da Latouche: Se si prende come indice del  <<peso>> ambientale del nostro modo di vita l’<<impronta >> ecologica in termini di superficie terrestre, o spazio bioriproduttivo necessario, si ottengono risultati insostenibili sia dal punto di vista dell’equità dei diritti di estrazione dalla natura sia dal punto di vista delle capacità di rigenerazione della biosfera. Lo spazio disponibile sul pianeta terra è limitato. E lo spazio bioriproduttivo, cioè utile per la nostra riproduzione, è solo una frazione del totale, 12 miliardi di ettari su 51…”.  (Serge Latouche, Limite, trad. It Fabrizio Grillenzoni, Bollati Boringhieri, Torino, 2012”).

 Questo è il centro dei problemi della contemporaneità: la civiltà industriale sta trovando i suoi limiti, il pianeta è finito e un sistema con margini grandi di spreco di risorse e creazione di consumi di tutti i tipi è impensabile che possa essere esteso agli oltre sette miliardi di umani che abitano oggi questo pianeta. L’Italia vaso di coccio fra vasi di ferro non sa strappare alla concorrenza dei suoi amici-nemici le risorse strategiche e i mercati di sbocco dei prodotti italiani. Questa rinnovata legge del più forte nei rapporti internazionali crea  nel Belpaese povertà e mancanza di denari e l’indebolimento sociale ed economico degli ex ceti medi. Povertà, rassegnazione, disoccupazione sono i frutti di un Belpaese che non sta reggendo la prova del XXI secolo, il secolo del disordine e del riarmo generalizzato, e quindi l’aggressività e la rabbia nei singoli aumenta e invece di trovare uno sfogo marcisce all’interno dell’individuo alimentando sentimenti negativi e un senso d’oppressione e impotenza. Sintetizzo cosa ho provato nel ponte fra il 25 aprile e il 27 aprile con la parola “umiliazione”. Mi sono guardato intorno e dentro di me e ho trovato questa parola per sintetizzare ciò che da anni vedo e osservo. Ciò che è stato oggi non è più, perfino le parole hanno perso senso e forza. I singoli vedono il loro mondo personale  sfaldarsi e vedono spappolarsi le credenze credute salde e certe.  L’incapacità di gestire i fatti o di prevederli crea quel senso di umiliazione che ho individuato. Ma la mia reazione è poca cosa, mi mancano i denari che servono, mi mancano le strutture di supporto, mi manca la politica quella di ogni giorno fatta sul territorio con idee chiare e distinte; porto avanti qualche attività culturale e sportiva, atti di vago volontariato e non molto di più. Come posso uscire da questa condizione infelice? In realtà non lo so. Le forze materiali le forze che spingono verso l’umiliazione e la decomposizione sono più forti di qualsiasi altra cosa possa concretamente concepire. 

 

Ricordare.

I poteri che pensano di comprare per due lire di carta interi paesi in virtù di crisi finanziarie pilotate con arte dovrebbero far mente locale che potrebbero essere i concorrenti a prendere per tre soldi di carta quel che loro vogliono acquisire per due. Potrebbe darsi che la crisi e la disoccupazione di massa nell’Europa del Sud finisca con il risolversi in una grande occasione per la finanza e la politica cinese e russa. In fondo non ci sono solo le banche statunitensi, francesi, svizzere, e inglesi sul pianeta in grado di comprarsi interi settori industriali e agricoli dei paesi in crisi nera ma anche quelle russe, indiane, giapponesi  e cinesi, e ovviamente  germaniche. Il denaro globalizzato delle superbanche d’affari non ha abolito le nazioni e i tanti imperialismi nazionali, li ha trasformati in forza metafisica, in potenza nascosta, in attori segreti dei conflitti per il dominio sul mondo umano e naturale.

In fondo sarebbe un bel contrappasso dantesco giusto e meritato, il “colonizzato” di ieri che colonizza a suon d’acquisizioni finanziarie  i suoi vecchi “colonizzatori” che hanno perso la lucidità e il senso della loro civiltà. Il denaro è diventato l’ultimo DIO in questo inizio di XXI secolo, un DIO per tutti e quindi un DIO di nessuno.



sfoglia     aprile        giugno
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email