.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


21 aprile 2013

Diario Precario Dal 9/4 al 14/4/2013

Data. Dal 9/4/2013 al 14/4/2013

 

Note.

A Scuola si sente la primavera. Gli allievi sentono la stagione.

Visita mostra-mercato ad Agliana.

Consigli di classe, anzi ultimi dell’anno.

Mancano poche settimane, il programma va concluso.

 

 

Considerazioni.

L’attenzione mia si è spostata sul fatto che l’ultimo consiglio di classe prima dello scrutinio segna la chiusura dell’attività scolastica. Questo passaggio comporta  quasi sempre un bilancio di natura collegiale fra i docenti, ad esso segue il confronto-incontro con i rappresentanti degli studenti e dei genitori. C’è il singolo e c’è la classe, il caso privato viene ricomposto con l’insieme della classe.

Si tratta di un bilancio quindi. Più volte nel corso dei miei anni di lavoro ho avuto modo di osservare anche posizioni polemiche o aperte critiche rivolte ai docenti da parte dei rappresentanti dei genitori e degli allievi. Da anni si è rotto il rapporto fiduciario fra famiglie  e docenti. L’Italia arcaica, ordinata dalle distinzioni di ceto e di ruolo, a suo modo limpidamente feudale in certi comportamenti è finita molti decenni fa. In un mondo umano senza più valori metafisici e regole di comportamento condivise dalle varie parti della popolazione si verifica l’ovvia  evoluzione del docente messo  sotto esame per così dire dall’utenza. Le diverse popolazioni del Belpaese hanno subito per intero nell’arco del ventennio 1993-2013 una radicale trasformazione. Le forme del successo personale sono divenute quantificabili in quattrini sonanti e nel possesso di beni di varia natura, il dato materiale e l’interesse privato di carattere egoistico sono diventati la sola bussola del pensare e del leggere la realtà. Questo materialismo di carattere numerico e contabile è diventato dominante attraverso  il crollo di forme divenute arcaiche di rispetto sociale e della disgregazione della logora struttura partitocratica che gestiva il rapporto di mediazione fra potere e masse elettorali. Al posto di grandi narrazioni pseudo-storiche e pseudo-scientifiche sulla società italiana si è sostituita l’amara razionalità del calcolo economico e della visione del rapporto fra costi e benefici. Ovvio che la scuola è stata colpita da questa trasmutazione delle genti del Belpaese che alla fine hanno trovato se stesse nella loro intima natura egoistica e materialistica. Ritengo inoltre che grattando bene la patina di perbenismo e moralismo politico del vecchio democristiano, del socialista, del comunista, del laico o del liberale dei passati decenni della Repubblica sarebbe uscito fuori la vecchia ruggine dell’italiano delle maschere del teatro dei burattini e del suo vivere quotidiano in mezzo a mille piccoli problemi e a padroni perlopiù cattivi, lontani, forestieri, dispotici. La dismissione dei vecchi fondali ideologici e dei trucchi di scena della politica di professione ha lasciato ogni umano italiano alle prese con il dare e l’avere, con la dichiarazione dei redditi, con le bollette e le multe, con i debiti,  con la vendita degli ori di famiglia, con le cento difficoltà del momento. Chi cerca di sfuggire all’aggressione del presente capita che fugga verso dimensioni immaginarie, finte apocalissi politiche di destra e sinistra, visioni del mondo misticheggianti o allucinate. Le genti del Belpaese risultano così scisse fra una rude brutalità del dato di fatto economico e la fantasia di mondi immaginari politicamente assurdi ma sul piano psicologico lusinghieri. Questa scissione la trovo proprio anche sul lavoro dove esiste la rottura fra la dimensione ideale e profetica dell’insegnamento, che ha una sua maturazione pensata nel futuro di chi riceve l’insegnamento, e il concreto e brutale dato materiale di tagli continui e ripetuti al settore della scuola di Stato. A questo va aggiunto che e la considerazione sociale del docente è proporzionale al suo stipendio.



sfoglia     marzo        maggio
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email