.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


10 marzo 2011

Le Tavole delle colpe di Madduwatta - La Recita a Soggetto. Il conto

tanti-giornali


Le Tavole delle colpe di Madduwatta

La recita a soggetto

Anno 2010 estate, nel villino di periferia di Vincenzo Pisani si presentano di notte lo zio Francesco e lo Zio Marco Pisani preoccupati da uno strano annuncio.  I due dopo anni si parlano di persona.

Marco: Non so cosa pensare, i tuoi discorsi mi confondono. Mi disturbano, Con una frase condanni, con quella successiva ammetti che non si può cambiare, e alla fine ti assolvi come ad allargare le braccia in un gesto di sconforto e rassegnazione. Ci siamo venduti… E allora! E’ il sistema. Sono io il sistema, sei tu il sistema, siamo tutti il sistema o forse nessuno è il sistema. O forse il sistema del capitalismo trionfante è in noi perché è la forma stessa di questa esistenza globalizzata e  industrializzata. Se è tutti e nessuno allora, proprio per questo, ciò che ci capita è giustificato, puro, assoluto. Le numerose malattie dovute alla cattiva alimentazione piena di conservanti e di alimenti di dubbia qualità, le malattie polmonari dovute alle polveri del  traffico e delle industrie e alle sigarette, le turbe mentali e le paranoie scatenate da relazioni familiari logorate e da impieghi alienanti dove si pratica una concorrenza interna per scavalcare le posizioni interne all’azienda sono razionali e giustificate. Sono relazioni, atti meccanici, fisici come la caduta al suolo  di un sasso caduto da una torre.                 

Francesco: Se sono atti fisici, meccanici, puri…come mai siamo qui a parlarne da ore? Centinaia di parole e ancora non si ragiona neanche su quanto tempo restare qui ad aspettare il nostro caro nipotino casinista. Per anni mi hai evitato tranne qualche telefonata a Natale, irritante. Come tutto il tuo atteggiamento verso te stesso e quel che resta della famiglia. Ma ora, che strano. I due fratelli qui a ragionare. Come non avevano mai fatto. E un caso? No. Io dico di no.

Marco va verso il distributore, si fruga, estrae un borsello e mette le monete. Prende un caffè lungo, gira con lentezza la palettina di plastica, sorseggia lentamente e non smette di osservare il fratello ricambiato in modo penetrante e inquisitorio.

Marco: Chi ha detto che nella vita si deve viver felici, dico felici non in senso quotidiano o relativo ma in senso assoluto, perfetto. Da pace nel regno celeste, sempre che esista e non sia una fogna per anime malate. I profeti? Il profeta? Il Figlio di Dio?. Un sistema come il nostro deve produrre quella dose di odio, morte e infelicità che serve a dare stimoli, ad aggredire il mercato, a moltiplicare la merce. La merce è la nostra droga di umani della civiltà industriale e la droga stessa è merce. Per essere nel sistema deve avere la tua utilità, devi produrre, devi vendere, devi comprare altrimenti sei fuori e quindi non sei nel sistema, sei altro, sei diverso, sei pericoloso. Ma tu vuoi essere pericoloso? Non lo sei mai stato, neanche quando potevi, neppure quando dovevi. Il potere più elevato oggi è il sangue del sistema. E’ molto di più del pezzo di carta emesso dalle banche centrali formate da banche private in mano di pochissimi ricchissimi, è più di un simbolo, di un segno, di qualche numero con delle parole, più di una serie di numeri in un sistema informatico fra banche estere e finanziarie nei paradisi fiscali; è il senso di ogni vita. Il denaro è il punto più alto del potere, è un Dio fondato sulla quantità che muove e manipola gli esseri umani, li incanti, li deforma, li plasma, ne modella aspirazioni e sogni anche quelli pornografici.  E’ UNO e tutti, perché tutti da esso scaturiscono e fuori da lui si dissolvono i sogni, la vita, gli affetti, le speranze.

Marco: Basta! Il tuo concetto è pura idolatria. Questo è un qualcosa di empio, un demone possessore di menti e di vite.

Francesco: Sì, è così. Guarda questa casa. Era il simbolo incarnato della centralità di una famiglia, del suo esistere, del suo essere, del suo darsi. Oggi cosa è mai? Un posto dove stranieri vengono, occupano una stanza arredata per loro, dormono e ripartono. La motivazione: i costi. Costa una casa, e se c’è sopra l’ipoteca diventa un peso che uccide, che distrugge gli affetti, che annienta le famiglie. Ieri simbolo del passato di una piccola borghesia nazional-popolare di benpensanti timorati di Dio, oggi simbolo morto. Oggi è affare, merce, investimento. Dare e  avere e quindi tasse, denari  che alla fine dallo Stato e dai privati ritorneranno alle banche che li hanno emessi. Il bello è che il denaro non è più garantito dall’oro e quindi tutto si muove da un Dio-denaro che è potere sugli umani che sono convinti dal sistema  stesso ad attribuirgli potenza, vita e destino. Il sistema è il denaro e il denaro è il sistema. Il cerchio del destino si chiude su se stesso.

Marco: No, non così…Questo da parte tua è viltà. Il sistema è quel che è, ma non puoi esser più radicale e arrabbiato di me. Quel che dici offende i ricordi e mi umilia nello spirito.

Francesco: Sì, è giusto così. Lo dico senza cattiveria. Una casa ridotta a merce non è più una casa, è altro. E’ uno spazio spogliato del suo senso e degli affetti che conservava, e forse anche delle memorie, dei ricordi d’infanzia.  Ma questo è il tempo dei ricordi perduti, delle speranze tradite, della semplificazione della complessità umana, di un mondo umano  votato a inseguire i suoi sogni malati e la sua volontà dio potenza fondata sul denaro. Siamo colpevoli e vittime, ma non innocenti.



sfoglia     febbraio        aprile
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email