.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


6 agosto 2010

Prime note di sopravvivenza

Il Fatto Quotidiano


De Reditu Suo - Terzo Libro

Prime note di sopravvivenza

Ora devo scrivere qualcosa di costruttivo intorno a questa realtà, parlare di come sopravvivere al male di vivere e alla follia di questi tempi scelleratissimi e dissoluti. Per prima cosa è bene saper coltivare qualche sano sentimento passando anche dal vedere come è piccolo il Belpaese se messo a confronto con le grandi civiltà del pianeta e le loro politiche imperiali.  Come secondo avviso è bene considerare che nel mondo umano e in generale sul pianeta azzurro nulla rimane uguale a se stesso. Una terza considerazione ovvia è che  le genti del Belpaese che vivono la loro  libertà democratica  con lo stesso spirito e disposizione d’animo dei padri dei loro bis-nonni che vivevano sotto regimi dispotici stranieri o domestici possono ancora sperare. Finirà questo finto “Occidente” e questa sottomissione della penisola e delle sue genti alle ragioni geopolitiche ed economiche degli stranieri; la cosa è palese se si pensa alla vicenda di un Euro che pare fatto e disfatto a seconda delle esigenze francesi, inglesi, germaniche, statunitensi ma non certo di quelle italiane. Non dico che la moneta unica è male, però sostengo che l’Italia che ha sessanta milioni di umani e un debito pubblico enorme conta troppo poco in Europa come nel mondo. I legittimi interessi delle nostre genti alla felicità e al benessere si piegano davanti alle scelte di chi ha il potere economico, politico, diplomatico. Per questo le genti nostre si sentono sotto un perenne regime non loro, si comportano come se fosse rimasto in Italia qualcosa degli eserciti stranieri che nel corso dei secoli hanno occupato la Penisola, come se l’esecutivo al potere fosse sempre quello dei vicerè spagnoli o dei governatori francesi o dei generali austriaci. Questo sentimento poggia su qualcosa di vero perché la NATO è costituita da tanta parte di quelle genti che nel corso dei secoli hanno fatto e disfatto il Belpaese; gli ultimi in ordine di tempo sono stati gli statunitensi. Occorre però fare un distinzione fra gli statunitensi e gli altri invasori in quanto occorre precisare che la loro venuta è dovuta alla dichiarazione di guerra che il Regno d’Italia il 9 dicembre 1941 per bocca di Mussolini ha presentato al governo USA. L’Italia di allora ha dichiarato guerra agli Stati Uniti e giustamente gli offesi dopo aver conquistato metro per metro la penisola hanno cercato di far costruire alle genti nostre  un Belpaese non più ostile al loro modello di vita e di dominio globale.      Quindi per cominciare a respirare spiritualmente e comprendere la possibilità della rigenerazione di una civiltà italiana consiglio uno studio della storia personale, intimo e privato fondato su una ricerca  personale su più testi e autori, si tratta di capire da sé qualcosa del passato per intravedere un pezzettino di futuro. Perché il  futuro possibile è di tutti e di ognuno, oppure sarà nulla.

IANA per FuturoIeri



sfoglia     luglio        settembre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email