.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


17 luglio 2010

Note sulla pubblicità come potenza



De Reditu Suo - Terzo Libro

Note sulla pubblicità come potenza

 Il vecchio mondo umano aveva i suoi miti e suoi riti, oggi la grande potenza che indirizza e muta le passioni umane e svolge una funzione occultamente educativa è la pubblicità commerciale. La pubblicità commerciale è ovunque in casa con la televisione, in macchina con la radio, in ufficio con internet e con il portale dove si colloca la posta elettronica, nel tempo libero con i loghi delle grandi marche, nei centri commerciali, al cinema, per strada con i cartelloni e nella testa degli esseri umani. La pubblicità segue e anticipa ogni aspetto della banale esistenza umana; la pubblicità finisce con lo spalmarsi sui ricordi, i suoi brani musicali sono l’indesiderata colonna sonora di troppi momenti della vita privata e personale del singolo. La pubblicità commerciale è potenza e il fatto di essere parte del quotidiano la distingue dallo straordinario e drammatico della propaganda di guerra o politica nasconde la sua natura e la facilità con cui opera piccoli e grandi condizionamenti. Penso alle centinaia di spot che da bambino subivo dalle prime televisioni commerciali, mi ricordo distintamente di aver visto fra un cartone animato di robot giapponesi e un telefilm decine di pubblicità di detersivi, calze, arnesi tecnologici per pulire, giocattoli. Eppure oggi faccio fatica a ricordarmi i dettagli, poi ogni tanto per qualche motivo un motivetto, qualche immagine mi riporta per intero quelle cose che ho sospinto in un angolo della mia memoria e in quel momento mi accorgo della potenza del martellamento che ho subito. Ovviamente la pubblicità televisiva sulle reti private è senza dubbio un facile strumento di lettura, ma a pensarci bene è possibile moltiplicare questo per le radio private, per le riviste, i giornali. La pubblicità è oggi molto di più di un elemento fastidioso o di un sistema infedele di racconto della realtà essa manipola gli esseri umani e tendenzialmente li allinea psicologicamente e culturalmente attraverso la sua ossessiva ripetizione alle logiche dominanti e  al modello di produzione e consumo di beni e servizi. La potenza della pubblicità, anche quando si esprime in forme originali, tende per sua intima natura a giustificare l’ordine costituito e invita gli esseri umani a vivere dentro questo modello e non a cercar di uscir da esso. Del resto la merce che è presentata nella pubblicità è inserita quasi sempre nel modello di produzione e consumo dominante.

 

IANA per FuturoIeri



sfoglia     giugno        agosto
 







Blog letto 1137239 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email