.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


9 marzo 2010

La civiltà italiana come costruirla (III)

De Reditu Suo - Secondo Libro

La civiltà italiana come ricostruirla (III)

 Il mio guaio va avanti e s’ingrossa e si mostra per quel che è: un viaggio intorno al proprio passato e alle aspirazioni nascoste del singolo e forse del gruppo al quale appartiene. Ricostruire una civiltà vuol dire renderla esplicita, dichiarare gli elementi che mettono assieme quanti si riconoscono in essa e ne sono parte; vuol dir di conseguenza anche staccare la propria immagine da un confuso e pasticciato cosmopolitismo che non è altro nel Belpaese che una versione rozza e meschina di qualche concetto sullo stile di vita Statunitense e Britannico. Non si può vivere nella finzione di lodare il modello di vita civile Statunitense e Inglese senza far i conti con le logiche di  potenza di quella civiltà e togliendo ad essa la durezza sociale, il calvinismo e il protestantesimo, la tendenza sistematica ad attivare le varie forme di guerra per risolvere le controversie geo-politiche. Le logiche di potenza e la natura di quella civiltà, sedicente occidentale, esigono risorse umana e materiali che il Belpaese non ha e non ha avuto finora.  La civiltà da ricostruire non deve imitare questo modello forestiero oggi dominante perché non ne ha i mezzi e riprodurrebbe solo una deformità che imita banalmente e rozzamente gli Stati Uniti senza aver la potenza e la natura di quella confederazione di Stati. Quindi occorre pensare un modello diverso. Per prima cosa una ricostruita civiltà Italiana dovrebbe iniziare a pensare i limiti di questo sviluppo della civiltà industriale, associarsi alle nazioni d’Europa per attivare delle politiche di salvaguardia dell’ambiente, della salute dei propri cittadini e della dignità di chi si offre sul mercato del lavoro. Di fatto presumo che una civiltà italiana smentisca coi fatti quanto negli ultimi quindici anni è stato impostato dai diversi esecutivi del Belpaese, il motivo è banale: l’attuale impasto di cose strane e difformi non è una civiltà nostra ma l’amalgama inqualificabile di pezzi di civiltà altrui e di antichi vizi nostrani. Un ricostruita civiltà dovrebbe spostare lentamente ma inesorabilmente l’interesse della grande politica dalle richieste delle minoranze di specialisti e mediatori legati ai colossali interessi finanziari e commerciali alle esigenze di milioni di Italiani ed Europei anche quelli di recente immigrazione. L’Italia deve costruire un modello di cittadinanza e di vita che prenda le distanze dai peggiori aspetti della civiltà industriale. Questa costruenda civiltà deve una volta realizzata esser abbastanza forte e profonda da salvaguardare i suoi simpatizzanti e aderenti dalle troppe persuasioni occulte della pubblicità e della propaganda e offrire una dimensione di autentica libertà di pensiero Di per sé in condizioni normale l’eccellenza del nostro remoto passato dovrebbe aiutare, purtroppo oggi questo non basta più; ciò che siamo stati va di nuovo compreso e ridiscusso per poterlo ostentare a se stessi e agli altri  e a maggior ragione per poter trovare ispirazione in tempi stramorti e lontanissimi nella memoria. Quindi occorrono i denari per promuovere una sensibilità artistica e storica intorno al passato remoto che non sia una cosa antiquaria o peggio una fantasia commerciale ma al contrario un fatto critico e vitale, una riscoperta del passato per capire questo presente. Occorre che la civiltà italiana possibile non si collochi nel lontano futuro come una possibilità remota o come sforzo di pensiero di qualche mente ben dotata come nel nostro tragico Rinascimento, penso a Machiavelli,  ma sia già qui e ora come evidenza, come tendenza che assume lentamente ma costantemente una forma. Tutto questo ad oggi è ancora collocato oltre l’orizzonte.

IANA per FuturoIeri

 



sfoglia     febbraio        aprile
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email