.
Annunci online

  noglobalizzazione [ Forum di critica alla modernita' e a questo nocivo sviluppo ]
         


25 marzo 2008

SCUSATE MA... IL TIBET ?

Dov’è il Tibet viene da chiedersi a questo punto, dopo che da settimane gli utenti televisivi, e non solo, sono tempestati di litanie rozze e sgraziate sul fatto che per ovvie ragioni di cassa non si può dar addosso al regime comunista cinese e occorre buttar giù il rospo di vedere i giochi olimpici trasformati nell’idolatria della Repubblica Popolare Cinese.  Non è bene prendersi in giro,  a meno di un miracolo questo sarà il finale di partita: qualche anima bella protesterà per le repressioni brutali e l’assenza di diritti umani, i governi sedicenti “occidentali” passeranno all’incasso per l’appoggio politico dato al regime comunista, una parte cospicua della loro opinione  pubblica masticherà amaro e guarderà basita l’emergere della potenza asiatica, gli atleti guadagneranno o perderanno medaglie, la Cina ormai impero globale se avrà fortuna con i giochi  avrà forse la forza di giocare la sfida finale per Taiwan e per il dominio su questo nuovo secolo, sponsor e affaristi troveranno i loro tornaconti con buona pace dello spirito Olimpico e dei diritti umani.  Ormai con la dichiarazione dei “Diritti dell’Uomo e del Cittadino” ci si può incartare il pesce ai mercati generali, perché continuare ad infastidire quelle lontane genti dell’Asia con cose che non stanno più né in cielo, né in terra?.  C’è chi dice che il governo cinese ha mostrato il suo volto idiota e ottuso, che ha ripetuto errori del passato, che non conosce altro sistema che la violenza, la calunnia verso i nemici, e che un giorno sarà sconfessato dal progresso economico e scientifico e dal suo stesso popolo.  Io che non credo al progresso come lavacro dei mali dell’umanità, esso è frutto semmai di passioni ed egoismi e anche di genio e volontà prometeica ma non certo di misticismo esoterico, mi permetto di dubitare di tutto questo.  Il regime è solido e proprio la debolezza dei suoi nemici e le grandi possibilità di sviluppo del fu Celeste Impero lo rendono la Nazione-continente che si proietta come la nazione leader della razza umana in questo secolo, i cinesi queste cose le sanno benissimo e uniscono alla volontà di potenza un nazionalismo elementare e genuino che in Europa si è perduto da diversi decenni.  Queste cose del resto sono note a chiunque si sia interessato della crescita della Cina e della sua proiezione di potenza economica politica e diplomatica in tutti e cinque i continenti.  Ripeto in questo pezzo  non solo dei luoghi comuni ma anche delle analisi degne di fede.

C’è da chiedersi semmai, e qui la cosa si fa interessante, cosa diavolo sia questo “Occidente” che la mattina fa le pulci a Russi, Cinesi, Serbi e la sera fa il suo in Iraq e in altri tristi luoghi della terra.   Sarebbe poi ora di farla finita con l’includere nel sedicente “Occidente” l’Europa continentale, l’Occidente è atlantico, ossia  è USA più UK, è solo ed esclusivamente la proiezione della volontà imperiale dei popoli di cultura Aglo-Americana e di alcune elites internazionali favorevoli ai loro disegni egemonici.  Chi ha vera fede negli Stati Uniti è occidentale, chi non li ama non lo è.  Questo va detto con forza, a scanso di equivoci. Semmai c’è per l’Europa Continentale la necessità di costruire un suo concetto di essere Occidente, questo sì consacrato dalla storia e non dai pubblicitari  pagati un tanto al chilo, che sia altro rispetto al mondo Anglo-Americano il quale è diverso da ciò che in tempi recenti loro stessi hanno chiamato la Vecchia Europa. Prima di queste cavolate sui diritti umani a go-go e dello scontro di civiltà non c’era bisogno di tirar fuori la favola dell’occidente.  Bastava dire NATO&Capitalismo e tutti capivano di cosa si trattava.   In questa triste vicenda delle olimpiadi cinesi c’è almeno un lato positivo, la maschera è stata tolta e il regime comunista ha voluto vedere il volto dell’Occidente Democratico, Progressivo, Buono, Leale, Statunitense, forse Cristiano, e più di ogni altra cosa Umanitario. 

Non c’era un volto, perché non esiste l’occidente.

IANA per FuturoIeri  http://digilander.libero.it/amici.futuroieri



sfoglia     febbraio        aprile
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

ISCRIVITI: "no-globalizzazione" direttamente nella tua casella email